Archivi tag: Gramellini

Inciampati su un virus

proAnna Lombroso per il Simplicissimus

“Quelo xe una merda montada in scagno”. Cacca salita su uno sgabello, è la icastica formula veneziana per definire chi pontifica sentendosi superiore per qualità e meriti dalla marmaglia miserabile che si affaccenda intorno ai piedini del trespolo.

Ogni giorno una e più di loro ci somministra le  operette morali di reclusi dinamici, di obbedienti poliedrici, impegnati a criminalizzare i trasgressori già presi di mira da sanzioni fino a 3000 euro, che non hanno capito che immunità e impunità sono riservate in regime di esclusiva ad altre merde altolocate, manager, banchieri e bancari, imprenditori, imprenditori/editori.

Consiglio a chi si volesse adirare come me,  la pedagogica lettura giornaliera della mail per gli abbonati Il Punto del Corriere che ogni giorno ci eroga un caffè di Gramellini più velenoso di quello di Sindona, oggi prendendosela con “una robusta minoranza di irresponsabili” e osservando che   “si inaspriscono le norme per i molti che già le rispettavano, allo scopo di inseguire chi se ne infischiava delle vecchie e cercherà di fare lo stesso con le nuove.  Di dritti che si riempiono la bocca solo di diritti”. E ancora: “con il loro menefreghismo giustificano o comunque propiziano misure di sorveglianza sempre più totali, che godono di un certo consenso in un Paese dove parte dell’opinione pubblica considera la libertà un lusso per gente in salute e con la pancia piena”.

Eh si, viene da dargli ragione:  regna una certa confusione tra pubblico e privato, se da sempre si socializzano le predite anche di vite umane, e si privatizzano i profitti.

Così è sempre più “privata” l’opinione corrente gestita, manovrata, condizionata da una cricca di decisori e informatori proprio come lui, che da che mondo è mondo (perfino Omero racconta le gesta dei re e dei padroni) ritiene di meritarsi la libertà, i beni, le risorse, la cultura e i suoi prodotti, le ragioni, e pure la ragione, diventata un orpello sacrificabile all’obbedienza suggerita da stati di necessità, e di essere abilitata a goderne illimitatamente. E che questo status privilegiato debba essere difeso, anche con leggi marziali, sanzioni severe e gogna ancora più feroce,  droni che controllano le passeggiate con cane e le corsette, da chi si sottrae all’obbligo di garantirlo, come sono doverosamente tenuti a fare i milioni di lavoratori diventati da pusillanimi parassiti, martiri celebrati.

E infatti il Gramellini che interviene tra un consiglio per gli acquisti di Cottarelli a fare più debito e la preghiera inviata a Draghi di sacrificarsi in qualità di divinità della salute generale, generosamente, proprio come fosse uno qualunque e a scopo pedagogico,  “la accetta”  questa ulteriore perdita di libertà. “Ma non intendo farci l’abitudine, dice.  Per farmela piacere, provo a immaginarla come un gioco di gruppo, dove se a isolarmi fossi soltanto io, sarei un asociale che fa qualcosa per conto suo. Mentre se ci isoliamo tutti, diventiamo una comunità che sta facendo la stessa cosa insieme. Ho detto tutti? Bè, tutti quelli che già ci stavano fino a ieri. E che continueranno a starci anche oggi, tra i bofonchi. Dai, giochiamo”.

Da giochiamo, e chissà che compiaciute le cassiere della Conad, i magazzinieri e i pony di Amazon, diventato ente benefattore, gli operai lombardi, quelli all’opera nella fabbrica che produce gli indispensabili F35. E chissà come saranno gratificati di sostituire la ludopatia dei gratta e vinci proibiti o Farm Ville con questo passatempo a alto contenuto identitario e relazionale, quelli che sanno già che una volta finito l’allarme, inevasa la fattura del telefono, esaurite le vettovaglie,  si troveranno senza posto, senza salario precario, probabilmente senza reddito di cittadinanza,  perché si dovrà far fronte ai costi della pandemia.

Giulivi, dai loro scranni, sono impegnati in due attività. Alimentare la paura, anche grazie ai pareri e alle opinioni della scienza, ormai riluttante e esprimere una qualsiasi certezza che denuncerebbe impotenza, inadeguatezza e forse ignoranza e che  vocifera, profetizza, sussurra e minaccia, in modo da favorire il ricorso alle maniere forti che da sempre hanno più autorevolezza ed efficacia del buonsenso e della ragionevolezza. E criminalizzare qualsiasi forma di pensiero indipendente e dunque di insubordinazione, fisica, tramite jogging, morale, se qualcuno è così audace da chiedersi se questo impegno collettivo a uniformarsi a comandi così rigidi sia motivato, recherà degli effetti positivi più fruttosi di quelli negativi del lungo periodo, se aver intrapreso la strada del Terrore intimidatorio non abbia in sé il pericolo che nessuno poi abbia il coraggio di dichiarare finita l’emergenza, nel timore di perdere potere e consenso al primo sternuto.

E infatti sono guai per quelli che non hanno uno sgabello, se si interrogano su cosa potrà succedere se arriva il Covid20, se altri virus generati dalla distruzione dell’ambiente ad opera del Progresso, e continueremo a non essere dotati di terapie intensive, se dovremo elemosinare i dispositivi e le attrezzature prodotti altrove grazie alla fine delle produzioni, alla svendita delle nostre imprese e alla cessione di nostri know how, se il personale medico oggi promosso a esercito di eroi sarà ridiventato la solita banda di fannulloni da punire rivolgendosi a clinici d’oro. Perché la spirale del silenzio funziona meglio in circostanze estreme, quando la paura dell’isolamento morale è incrementata dall’isolamento fisico, e la salvezza dall’anatema si paga con il conformismo e l’autocensura per non dover incorrere in misure punitive di carattere sociale.

Oggi è ancora più vero tutto questo perché non solo sarebbe inappropriato parlare al manovratore e del manovratore, come succede coi morti su Facebook, alle cui generalità va sempre aggiunto il “povero” e il Rip, come raccomanderebbe il bon ton delle sardine.

Ma anche perché si commetterebbe il reato di lesa maestà del Progresso, che anche quello funziona per chi ha gli sgabelli, mentre agli altri mostra la faccia cattiva, quella che si rivela quando il mito dell’onnipotenza che ci ha permesso di andare nello spazio, di guardarsi e ascoltarsi da migliaia di chilometri di distanza, che ci ha illuso di poter consumare il mondo senza limiti e confini, che ha giustificato guerre e saccheggi, sfruttamento e speculazione in modo che da essi scaturisse un po’ di benessere per tutti, che ci ha persuasi che scienza e tecnologia fossero invincibili motori di civiltà e ricchezza e strumenti per risparmiarci e dalla sofferenza, oggi è sfatato, il suo totem crolla rumorosamente e ci rivela insignificanti,   inadeguati, insensati.

Adesso facciamo i conti con la nostra onnipotenza astratta, che ci convince di poter volare, dire tutto quello che vogliamo, sapere ogni cosa, e che invece si scontra con la nostra impotenza concreta rispetto ai processi anonimi e indecifrabili a occhio nudo della globalizzazione, dell’impoverimento e della precarietà di massa,  della distruzione del pianeta, e su quelli informativi, culturali e antropologici messi in atto per ridurci allo stesso livello dei robot che dovrebbero risparmiarci dalla fatica, ma con qualcosa in meno: soggetti come siamo a ricatto, intimidazione,  paura.

 


Anti suffragetti

FILONOV2Il popolo per le classi di comando della democrazia di modello neo capitalista è una specie di amante: invocata e lusingata quando se ne sente il bisogno, ma nascosta e rinnegata quando fa i capricci e insiste per essere sposata. Ed è per questo che quando il popolo si mostra meno incline al gioco al massacro e diventa persino populista, termine ambiguo col quale si designa in sostanza la renitenza e al principio di autorità, lo si minaccia di abbandono e persino di rappresaglie. Tali intimidazioni consistono nel mettere in forse l’ essenza stessa della democrazia che consiste appunto nel suffragio universale, ossia nella possibilità da parte di tutti cittadini, siano essi uomini o donne, poveri o ricchi di potersi esprimere sul loro futuro e sui loro interessi. Non è una storia nuova perché anche durante la rivoluzione francese il popolo cominciò ad andare stretto quando non non dava ragione a qualche fazione in auge ed anzi proprio per evitare di metterlo alla base della nuova concezione del potere nata dalla dissoluzione della monarchia assoluta la Dichiarazione dei diritti dell’uomo mise  al centro della sovranità la Nazione e non il popolo. Paradossale che gli anti populisti sembrino invece credere che popolo e Nazione siano la stessa cosa, in modo da disprezzare l’uno e l’altro senza conoscere né l’uno né l’altro e tanto meno la storia delle idee: ma si tratta della palese dimostrazione della strumentalità e della pochezza di tic comunicativi dietro i quali c’è il niente o meglio solo gli interessi attuali delle oligarchie e delle classi di sostegno indignate dal fatto che i cittadini nel loro complesso non siano appagati  della mera ritualità elettorale.

Così comincia ad emergere una tendenza che mette in discussione il suffragio universale con argomenti affini alla tendenza tecnocratica ed epistocratica che domina la governance europea, rinunciando però ai sofisticati argomenti sociologici tipo Crozier o Brennan con cui in passato si era occhieggiato a questo tema,ma rifugiandosi in tematiche triviali e grossolane, ancorché di carattere elitario quali l’ignoranza del popolo come il povero Gramellini, una Liala priva di stile, che di ignoranza, frasi fatte, chincaglierie pacchiane  e conoscenze un tanto al chilo deve essere un insuperabile esperto o argomenti vagamente estetizzanti quali l’ignoranza del bene comune, della bellezza, del gusto come il disgraziato Luca Sofrì, il cui ingrato mestiere è quello di essere figlio e di dover sembrare intelligente, una condizione che non si augura al peggior nemico. Il problema che sta anche alla base dell’economia capitalista è che nessuno è onnisciente e tanto meno in possesso della verità, dunque non sarebbe titolato ad essere elettore quando anche fosse espertissimo in qualche singolo campo, mentre tutti conoscono benissimo le loro condizioni, hanno una visione del mondo per semplice che sia che sia e hanno il diritto fondamentale di esprimere e di difendere i propri bisogni: la democrazia in senso moderno è questo, se poi vogliamo prendere ad esempio le società schiaviste o quelle divise in caste è un altro conto. Ma quanto meno sarebbe onesto ammetterlo.  E poi anche facendo l’impossibile equazione fra la politica che implica la direzione da prendere, sulla quale tutti sono titolati dire la loro e la tecnica che consiste nel trovare i mezzi di attuazione quale sistema ci sarebbe per scegliere gli eletti a cui è concesso mettere la scheda nell’urna? Il censo, il titolo di studio (che però potrebbe riguardare materie lontanissime dal governo delle cose), quale grado di conoscenze  si deve avere? Evidentemente non esistono criteri oggettivi, ma criteri ideologici questa scelta: dunque saremmo di fronte non una democrazia, ma a una tautologia politica, nella quel il sistema sceglie chi è d’accordo con il sistema. Se ci  si lamentasse solo di uno scarso livello di conoscenza istituzionale, il rimedio è a portata di mano: ripristinare i corsi della vecchia educazione civica e renderli materia centrale nelle scuole.

Ma non è questo che vogliono i neo ipocriti reazionari contrari al suffragio universale, il livello di conoscenza non c’entra proprio nulla in questi discorsi da bar e da salotto grazie ai quali lucrano grassi stipendi: ciò che essi intendono affermare, senza nemmeno averne coscienza,  è invece l’identità fra mezzi e fini. In una società in cui è impossibile immaginare cambiamenti di fondo, nella quale si predica la fine della storia in quanto evoluzione sociale, non ci possono essere altri fini che i mezzi stessi, esattamente come al tempo dell’ancien regime: l’oligarchia non può non essere tecnocratica, anzi non può nemmeno andare oltre essa e dunque non può non avere paura delle libere scelte.

 

 


Buon Anno cattivo

passato-presente-futuro Anna Lombroso per il Simplicissimus

Non per fare sempre il bastian contrario, ma oggi vorrei farvi gli auguri di un anno cattivo, dispettoso, sospettoso, di sorridere come Franti, di attaccare il barattolo alla coda dei gattini virtuali di quella comunità social che si intenerisce e sottoscrive entusiaste petizioni per qualsiasi causa purché lontana, meglio se morta, meglio se non prevede nemmeno un misero sms da 1 euro.

Ci sono ricette infallibili per non diventare come il piccolo Enrico, il piccolo borghese anticipatore dell’ideologia politicamente corretta: quella di oggi che vi consiglio, è la lettura del Corriere con le omelie agli italiani in concorrenza con benedizioni papali e discorso di fine anno a reti unificate dal Quirinale.

Vedrete che come per incanto vi troverete seduti  dalla parte giusta, che purtroppo è scomoda ma non fa vergognare, perché dalla parte opposta ci sono i sacerdoti della nuova triade Dio, Patria e Famiglia, nella quale Dio è ovviamente il mercato, la Patria consiste in quell’armamentario retorico del Bel Paese pieno di Buoni Sentimenti, di italiani brava gente, di patrimoni dell’Unesco, già incartati per essere svenduti in blocco, arte, cultura, storia, santi, navigatori, poeti e lavoratori. E la Famiglia, quando non è quella dei boss, è preferibile che sia quella liquida di Bauman, quella combinatoria del Censis,  insomma un nucleo difensivo e offensivo che deve corrispondere ai bisogni del dio di cui sopra, consumando, pagando fondi pensionistici e  assicurazioni sanitarie, ripristinando i ruoli patriarcali in sostituzione di stato sociale, pari opportunità e uguale espressione di vocazioni e talenti.

Potreste cominciare con la letterina di Buon Anno di Cazzullo, nostalgica dei bei tempi andati quando la Balena Bianca provvedeva per noi: allora, scrive il Moccia della sociologia un tanto al metro, era possibile fare l’Autostrada del Sole e i ponti non crollavano. Certo, ammette, l’architettura era quello che era, ma dipendeva non certo dalla corruzione, dall’urbanistica negoziata nella quale vincono sempre i privati, dalle mani sulla città delle cupole immobiliari e del cemento alleate con la politica. Macché, allora tutti erano concordi e coesi intorno all’intento condiviso di ricostruire, fare presto, agire, mentre ora, si direbbe, ha la meglio la sfiducia e il disfattismo che ostacola lo sviluppo, la competitività del sistema Italia, il lavoro, la libera iniziativa, e il loro monumento in Val di Susa,  che pregiudicano il futuro con la propaganda arcaica della decrescita, perfino di una malintesa e egoistica “ecologia”, quando ci sarebbe bisogno di bei palazzoni in dignitose periferie per i senzatetto, così non occuperebbero il centro storico delle città, bene esclusivo  di un cerchia che se lo merita anche come ricompensa per l’erogazione di sfrontati pistolotti natalizi E quando occorrerebbero altre infrastrutture  irrinunciabili come la Brebemi per appagare  gli appetiti dei signori dei pedaggi e dove far correre su reti beatamente  deserte gli obbligatori Suv, e quando necessitiamo di vettori velocissimi per le consegne Amazon e Ebay che tanto i rampolli del delfinario imperiale mica vanno a fare l’Erasmus in treno dove rischierebbero di mescolarsi con i molesti pendolari.

Ecco direte voi, un altro che rimpiange i bei tempi andati per mettercelo in quel posto con la nostalgia.  No, avete sottovalutato il Corriere, sempre attento a garantire pluralismo delle idee: gli risponde infatti  il Gramellini, con un inno al progresso, al presente che  ci fa dimenticare riscaldamenti razionati, auto inquinanti, classi numerose, telefoni duplex e perfino la corsa in edicola per comprare il quotidiano e dedicarsi alla preghiera laica del mattino.

Pensare che se c’è una cosa per la quale ringrazio il passato è per avermi insegnato a non correre giù col cappotto sopra il pigiama per comprarmi Repubblica o il Corriere, così mi risparmio la lettura infame di Gramellini appunto o di Serra & simili. Mentre non gli perdono di aver permesso che ci sia chi si trastulla ancora con le magnifiche sorti e progressive, rimuovendo i suoi effetti collaterali, la mancanza non di termosifoni ma di tetti sulla testa, le scuole meno affollate dove si predica rifiuto e emarginazioni dei poveri esterni o interni al nostro benessere, l’apocalisse climatica. In attesa di un caffè sospeso che gli dovremmo per le sue paternali, Gramellini nel citare il “suo mito”,   Montanelli che raccontava di avere scritto di guerre e rivoluzioni senza mai uscire dall’albergo, vuol ricordarci che, evviva il villaggio globale, se adesso esiste la rete che deforma ma anche informa e smentisce. Mai abbastanza sembrerebbe, se lui per primo si colloca negli intoccabili, fa consumo e spaccia fake intollerante a ogni critica e obiezione e ci parla del mondo dalla sua poltrona.  Da dove ci raccomanda anche lui fiducia. Fiducia, perché il passato deve servire come esempio, ma solo per farci capire quanto è bello esplorare e vivere il presente.

Fiducia, con gente così, con una informazione di questo genere, è difficile coltivare questa virtù, giustamente obsoleta perché di hanno abituato a convertirla in delega, in cambiale in bianco, in procedura governativa per limitare partecipazione democratica.

Non a caso raccomandano questa professione di fede cieca, che sconfina nell’ubbidienza beota, quelli che si dicono entusiasti del passato o del presente in modo da eludere il futuro, che predicano un uso politico della storia per stabilire la necessità della benefica menzogna, e un uso morale del presente come migliore di mondi possibili del quale è doveroso accettare le limitazioni imposte a critica, bisogni, desideri e diritti e la rinuncia al domani, ormai ipotecato dalla paura dell’ignoto. Vedi mai che invece decidiamo di riprendercelo o peggio, di farcelo come lo vorremmo.


Italia gramellina

tramUna delle numerose leggende che circondano un momento saliente della chimica, racconta che August Kekulé von Stradonitz intuì la struttura ciclica del benzene durante un breve assopimento su un tram a cavalli. La cosa non deve stupire, anzi i colpi di genio sembrano essere comuni sui mezzi pubblici: giorni fa una ragazza in un tram affollato di Torino vedendo che un passeggero non riusciva ad obliterare il biglietto viene colta da una brillantissima intuizione, quella di farlo passare di mano in mano fino a raggiungere la macchinetta timbratrice.

Scena assolutamente normale per chi usa i mezzi pubblici, nondimeno la ragazza fiera di questa stupefacente folgorazione non resiste a raccontarla in uno status su Facebook passandolo come “esperimento antropologico”. E fin qui niente di male. I guai cominciano quando il padre, colmo di orgoglio per la sua Levi – Strauss in viaggio sui tristi tram, narra la scena in una lettera inviata alla Stampa e precisamente alla rubrica Lo specchio tempi, forse per sollecitare l’arrivo di un Pulitzer o forse per fornire un esempio di “pensiero selvaggio” di chi va in giro in auto e detesta i mezzi pubblici, notoriamente usati da incivili tutti da studiare per scoprire che in fondo sono buoni.

Magari non pensava che la lettera sarebbe caduta in mano a quell’infallibile ricercatore di banalità che risponde al nome di Massimo Gramellini: come un rabdomante ha scovato la lettera e l’ha ripresa pari pari nella sua rubrica come fosse una sua esperienza personale, arricchendola solo di una nota finale, di quelle che fanno tremare vene e polsi: “Chi vi ha raccontato la storia è tentato di appiccicarvi una morale che rovinerebbe l’effetto, ma per fortuna rinsavisce proprio all’ultima riga. Ogni tanto succede.” Certo fare pure la moralina dopo aver copiato senza vergogna e senza nemmeno citare sarebbe stato un po’ troppo persino per il curatore dello spazio culturale di “Casa Fazio”.

Mi piacerebbe sapere qual è l’ultima volta che Gramellini ha preso il tram, ammesso che qualche volta sia avvenuto, ma anche quando l’ha preso un tal Dario Salvelli che commentando su L’espresso l’ultima gramellinata invece di scovare il ridicolo di tutto questo, fa il fico e si slancia a rammentarci che l’episodio potrebbe essere stato a sua volta copiato da un dramma di Jean Tardieu, Les amants du metro. Illuminato da tanto sapere, ma sì, faccio anche io il fico e dirò che tutto questo rassomiglia a una commedia di Anonimo del Seicento dal titolo La merda che si rivolta nel badile.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: