Archivi tag: Bin Laden

Hollande Killer

 Anna Lombroso per il Simplicissimus

Va a capire se fanno più paura i sospetti di indole criminale e propositi sanguinari condannati a morte senza processo da Hollande anche fuori dal suolo patrio o la sua intelligence, che in assenza della necessaria perizia investigativa, è stata autorizzata in questi giorni a fare giustizia sommaria di almeno 40 soggetti a alto rischio nel corso di missioni speciali da svolgere in nome della legittima difesa collettiva.

L’ometto dell’Eliseo, come spesso succede a individui affetti da un fisico poco atletico  e da una personalità ancor meno eminente e carismatico, ha scoperto il bello dell’autoritarismo più cupo in sostituzione di ragionevole autorevolezza: a lui si deve la svolta forte dello stato di eccezione “necessario” e stabile ben oltre l’emergenza che legittima come inevitabili restrizioni di libertà e diritti in nome dell’ordine e della sicurezza. E ora in prossimità della detronizzazione e a due anni da Charlie Hebdo realizza il suo incubo muscolare e  mette una pezza sulla credibilità perduta dei suoi servizi dopo innumerevoli fallimenti, tra operazioni mirate, non abbastanza se era sbagliato luogo e tempo della missione, sconcertante trascuratezza nei controlli e nella vigilanza su espliciti simpatizzanti della Jihad dediti al turismo in aree calde,  una tendenza estrema al grilletto tanto facile  da rendere impossibile l’accesso a informazioni cruciali.

Così si viene a sapere che ha autorizzato esecuzioni extra giudiziarie di supposti aderenti all’ideologia del Califfato fuori dai confini, per neutralizzare bersagli eccellenti, stanziali o di passaggio in territori un tempo appartenenti alle geografie coloniali francesi e oggi obiettivo di imprescindibili missioni di rafforzamento istituzionale, export di democrazia, aiuto umanitario secondo le regole Nato. E non c’è poi da stupirsi se intorno a certe misure eccezionali e a certi interventi contro svariati nemici Numero 1 si sbizzarrisce il fronte dietrologico tirato a cimento da disorientanti ritrovamenti sui luoghi degli attentati di copiose documentazioni attestanti identità, curricula criminali e frequentazioni di commissariati  e galere dei poco misteriosi killer, la non ardua rintracciabilità dei loro arditi spostamenti secondo una mobilità resa possibile da una stupefacente latitanza di vigilanza e accertamenti, e così via.

Il fatto è che laddove tutto è confuso, quando il “cattivo” trae la sua forza dal fatto di essere elusivo, sfuggente, capace di incarnazioni le più diverse. quando è sempre più impervio legittimare i costi umani, economici e sociali di guerre di aggressione contro Afghanistan, Iraq, Libia, strategia di destabilizzazione come in Siria, tracotanti presenze militari e appoggio a despoti sanguinari. Quando, tra l’altro, il Nemico Pubblico è stato e sarà magari un comodo alleato, finanziato proprio dai governi delle sue vittime transnazionali, sostenuto da alcuni dei migliori amici dell’Occidente ivi incluso un paese membro della Nato e aspirante all’ingresso nell’Ue, è difficile dimostrare che quella che si sta conducendo è una guerra giusta, rispettosa di imperativi morali e giuridici, in quanto difensiva della civiltà.. e che civiltà, quella che usa menzogna e trasformismo come sistema di governo, sicché Bin Laden era un fratello se combatteva i sovietici in Afghanistan e il terrorista più efferato se ispira gli attentatori delle Torri Gemelle e gli islamisti che compivano stragi a Damasco erano benevolmente definisti “ribelli anti Assad” dalle generose cancellerie per essere retrocessi a macellai feroci se usano lo stesso trattamento a civili di Bruxelles o Parigi.

Non è una novità e dovremmo preoccuparci, perché certe esecuzioni in giro per il mondo e non solo in America Latina hanno rivelato che agli occhi e al giudizio dell’impero il tremendo e aberrante flagello del terrorismo  poteva assumere le fattezze di sindacalisti e oppositori, se la “sicurezza” della scuola americana ha forgiato le élite più repressive e ferine del Guatemala, del Salvador, del Cile, dell’Argentina,  dell’Honduras, dove la formazione dell’esercito, delle polizie, dei servizi, ma soprattutto degli squadroni della morte,  era a cura della Cia che insegnava i modi e gli usi della giustizia sommaria, delle necessarie condanne a morte senza processo.

Non c’è nulla di buonista nel reclamare il rispetto delle leggi. E nemmeno nel dire che se il terrorismo è l’assassinio di persone innocenti per conseguire fini politici, come dovremmo chiamare guerre condotte per scopi economici, sopraffazione e sfruttamento in cui ancora più numerosi e altrettanto innocenti individui, regrediti a effetti collaterali, vengono ammazzate? E che nome dare a altre forme non meno cruente di conflitto, la riduzione di servitù dei lavoratori, il ricatto come strumento di potere, l’intimidazione come mezzo di persuasione, la limitazione di prerogative e diritti, la cancellazione di assistenza e cura, la dilapidazione e la svendita di beni comuni? E non è affine alla sovversione più cruenta corrompere le leggi per la difesa di interessi particolari, promuovere emergenze e nutrire minacce e paure per autorizzare regimi e misure speciali e illegittimi, irridere valori e principi etici per imporre il comando del più forte? Attenti a dirlo però, potrebbe esserci un ometto che digrigna i denti e comanda di farvi star zitti in qualsiasi modo.

 

 


La Siria dei dottor Stranamore

dr stranamore“Gli Stati Uniti dovrebbero minacciare la Russia di rappresaglia se non cessa di attaccare le risorse statunitensi in Siria”. Lo ha scritto Zbigniew Brzezinski, sul Financial Times un settimana fa, facendo cadere apertamente ogni ipocrisia riguardo alla guerra civile: per “risorse statunitensi” egli intende infatti i terroristi importati, armati, addestrati e finanziati dagli Usa. Del resto se non lo dice lui che è noto soprattutto per l’idea, nata ai tempi dell’Afganistan sovietico, di sfruttare l’integralismo religioso contro l’Urss che è stato persino il creatore di Al Quaeda e di Osama Bin Laden… ma ciò che è davvero singolare è che un quasi novantenne sia di fatto l’eminenza grigia della strategia statunitense. E si tratta di uno vissuto per i suoi primi 25 anni  prima nella Polonia dei colonnelli e dell’avventura militare in Ucraina, poi in quella dell’occupazione tedesca, emigrando negli Stati Uniti solo dopo la vittoria del partito comunista a Varsavia, portandosi dietro la sua dote di odio atavico verso la Russia e uno al quadrato per la Russia comunista.

Facendo caso a tutta la sua vita non è certo strano che sia stato il commentatore entusiasta, se non il suggeritore, del colpo di stato a Kiev e che sia il grande vecchio dietro le missioni di McCain in Siria, accapigliandosì con l’altro vegliardo di Washington, Kissinger, che non solo è di origine tedesca, ma perfino ebreo, due qualità che a naso parrebbero non piacere troppo all’antico nazionalista polacco. C’è da chiedersi come mai a Washington questi due, che emergono dal più lontano e più inquieto XX° secolo, che ancora si esprimono con un forte accento dei Paesi di origine (Kissinger è stato il calco per il Dottor Stranamore) , siano tutt’ora venerati e ascoltati consigliori delle amministrazioni americane. Dovrebbero essere dei pesci fuor d’acqua e invece pare che siano gli altri ad esserlo e a non sapersi  più orientare e ad aver bisogno della follia di due vecchi che appare come saggezza.

Il fatto è che essi esprimono in maniera lucida e senza più essere vincolati né direttamente, né indirettamente dal consenso, senza necessità di mentire, gli interessi del capitalismo finanziario e della globalizzazione. Inoltre non sono abbastanza americani da sovrapporre completamente gli Usa e le pulsioni imperiali con questi ultimi. Brzezinski in particolare in un summit tipo Bilderberg tenutosi in Polonia nel novembre del 2012 e al quale partecipavano non solo gruppi multinazionali, ma anche famigerate ong che ormai sono l’acronimo perfetto di organizzazioni governative nascoste,  ha esposto il suo pensiero secondo cui viviamo in un mondo “post egemonico” nel quale gli Usa dovranno accettare l’idea di spartire  l’influenza globale con gli attori emergenti come la Cina o la stessa Russia, accontentandosi di tenere per sé solo parti periferiche come il Giappone o altre ormai annesse come l’Europa. E’ stato il lancio semi pubblico (formalmente gli interventi erano segreti) di un’idea già lanciata e maturata a Washington che  appunto in questa prospettiva ha accelerato sia il cammino degli accordi commerciali capestro, come il Tttip, sia il tentativo di acquisizione di aree marginali ma strategiche come Siria e Ucraina. Tuttavia il grande vecchio ha lanciato l’allarme sulla situazione che si è creata passando dal mondo della geopolitica a quella della comunicazione, ovvero sull’  “esplosione mondiale dell’attivismo populista (permesso dalla diffusione di mezzi come internet  ndr) che si sta rivelando ostile al dominio esterno così come era prevalso nell’epoca del colonialismo e dell’imperialismo. La resistenza populista persistente e fortemente motivata dalla coscienza politica di popoli storicamente risentiti dal controllo esterno”.

Insomma proprio la comunicazione a livello così diffuso potrebbe costituire una sorta di mezzo vischioso in cui il nuovo ordine mondiale, economico, sociale e politico potrebbe impantanarsi. E’ una constatazione, ma anche un suggerimento per  prendere al più presto il controllo su ogni forma di comunicazione, cosa che si sta puntualmente verificando anche nella vecchia Europa che ricorre persino alla censura pur di non far sapere qualcosa di vero su ciò che accade a Kiev e nel Donbass. Il vecchio Brzezinski straccia gli slogan dei repubblicani che vaneggiano di un nuovo secolo americano, ma suggerisce le strategie  giuste ai loro veri padroni e le riferisce ai sottoposti della politica. E rivela anche il vero significato strumentale di populismo, agitato a più non posso da personaggi di potere che ne sono invece il ritratto più grossolano.

Ecco perché alla fine il destino della Siria si deciderà a Ginevra, evitando un conflitto aperto che gli Usa non sono in grado di vincere senza il ricorso ad armi nucleari e dal quale invece potrebbero uscirne con le ossa rotte: sono altri i problemi per i quali i padroni della politica chiedono una soluzione finale.


Bombe sui terroristi di “casa America”: i bari scoprono le carte

terrorismo-na-siriaPer anni si è sorriso di quelli che ipotizzavano un’altra verità sull’11 settembre e l’abbattimento delle torri, degli irriducibili complottisti che gridavano all’attentato compiuto dallo stesso potere americano per avere mano libera in Medio Oriente e Asia Centrale oltre che per ridurre la libertà interna. Adesso dobbiamo dare loro una parte di ragione, nel senso che hanno colto comunque una verità di fondo, ossia la creazione di uno scenario tutto strumentale per il terrorismo. Adesso hanno moralmente ragione visto che gli Usa hanno vivacemente e grottescamente protestato contro i raid russi diretti contro le le postazioni di Al Quaeda oltre che dell’Isis a ridosso della base di Tartus, ossia di quella organizzazione terrorista accusata di aver organizzato l’attentato alle twin tower. Dov’è finita la guerra infinita e la caccia all’uomo nei confronti di Bin Laden dal cui scalpo è nata la rielezione di Obama?

Le povere vittime dell’attentato si rivolteranno nella tomba e nelle oscurità del ground zero ora che sono state vendute a nuovi e diversi disegni imperiali in cui i terroristi presumibilmente autori della strage sono divenuti alleati, pagati e armati nemmeno sottobanco, ma con una specifica delibera del Congresso. mccain-isisOra che il senatore McCain protesta contro l’attacco ai ” CIA-trained rebels.”, che i “White Helmets” di Geroge Soros, operanti in Siria si sono dedicati  a produrre “prove” dei presunti guai provocati dall’attacco russo in contrasto con la professionalità francese che ha fatto partire i caccia per colpire l’Isis e invece ha casualmente attaccato le truppe di Assad. Purtroppo gli elmetti bianchi lo hanno fatto usando foto precedenti l’attacco, finendo per essere smascherati quasi in tempo reale. La conclamata ambivalenza di alleanze e guerre, di amici e nemici, in un caos che è scopo a stesso rendono superflui i dubbi sull’attentato che è nato in questa immoralità geopolitica al di là di chi siano stati gli esecutori materiali.

Certo la finta guerra contro i tagliatori di teste dell’Isis in stretta alleanza con i tagliatori di teste sauditi, la pervicacia con cui viene combattuto Assad, per derubare la Siria delle sue risorse energetiche grazie ai terroristi “buoni ” e a una campagna mediatica tra le più fasulle e vergognose mai viste in occidente, hanno ricevuto un formidabile colpo di maglio dall’entrata in scena attiva della Russia. Gli Usa e i loro servili alleati sono sotto choc e reagiscono scompostamente non accorgendosi nemmeno di mettere a nudo il loro gioco: è stato un trauma scoprire che sta venendo meno la possibilità di imporre tutto ciò che vogliono senza avere alcun avversario a contenere i loro piani e ancor più spiacevole è la constatazione che a questo punto la conservazione di un’egemonia simile a quella instauratasi negli anni ’80 non può prescindere dalla guerra. L’intervento potente e deciso dell’aviazione russa contro i terroristi di casa America significa proprio questo: che la commedia dell’Isis combattuta a parole e rifornita di fatto, tutto il gioco della Turchia neo ottomana e dell’Arabia saudita, tutto il caos statunitense volto a tenere in scacco il medio oriente e le sue risorse, devono fare i conti con nuovi limiti, con una “frontiera” che non può essere valicata se non con un conflitto globale dall’esito letale oppure facendo ciò che gli Usa non sono abituati a fare, ossia un lungo passo indietro.

Che dovrà essere fatto se non si vuole dare prima o poi la parola alle armi globali, quanto meno lasciando allo stato siriano ( ed è ciò che sostanzialmente interessa a Mosca)  le regioni costiere, ovvero quelle interessate dai ricchi giacimenti di gas, smettendola di fingere una guerra civile pagata a cottimo. Tutto dipende a mio giudizio da chi comanda davvero a Washington, se l’amministrazione regolarmente in carica o le varie lobby e gruppi di pressione che oltre a tenere in pugno il congresso, sono in prima fila nel creare le condizioni del caos e a gestirlo nella sua espressione mediatica. A questi ultimi, espressione del capitalismo finanziario in crisi e tentato dalla guerra come uscita da una strada senza sbocchi, gliene importa pochissimo di tutto ciò che non riguarda il loro potere. Loro possono e vogliono sfruttare anche i morti. Sono loro i veri e unici terroristi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: