Archivi tag: anziani

Venduti & Comprati

Anna Lombroso per il Simplicissimus

C’è una nuova divinità al cui culto sono chiamati a dedicarsi i ceti subalterni della società.

E’ quello della responsabilità e come per certe madonnine di campagna che piangono lacrime di sangue e certi  beati sconosciuti effigiati nei santini della Prima Comunione è l’oracolo dei disperati, disposti a qualsiasi sacrificio e rinuncia per guadagnarsi la salvezza in paradiso più ancora che in terra, che quella, si sa, se la compra  chi se la può comprare, come si compra cure miracolose, privilegi, spostamenti autorizzati, quelli insomma che possono una settimana prima di Natale ricoverarsi con altri affini in una bella villa riparata e romita, per sfuggire al grande male e festeggiare in buona compagnia. E in fondo è già stato fatto con profitto per la letteratura mondiale.

Non avendola in carico personale, sono questi che la responsabilità la pretendono invece da chi sta sotto, in modo da suffragare il principio alla base del loro potere immeritato: rivendicare quello che va bene come un successo e un merito, attribuire le colpe di quello che va male agli “inferiori”, per colpevolizzarli e far dimenticare il proprio passato e presente, connivenze, incapacità, impotenza usata come virtù del politico e come alibi per crimini e misfatti.

In questi giorni sono riusciti in una nuova impresa. La demenziale gestione del mini lockdown, con il creativo trascolorare del cromatismo regioni, le limitazione a chilometro zero come i pistacchi di Bronte e il lardo di Colonnata, che impedisce il transito da due Rio Bo con differenti amministrazioni distanti 500 m.  ma lo consente all’interno delle aree metropolitane di Roma o Milano o Palermo, le empie concessioni alle pretese confindustriali, il dubbio se a quasi un anno dal manifestarsi della pestilenza sarà permesso il godimento del diritto all’istruzione, gli ospedali, dove non si cura che il Covid, intasati dai “positivi” perché non si è fatto nulla per rafforzare la medicina di base  e territoriali, i mezzi di trasporto pieni più ancora dei centri commerciali il venerdì pomeriggio, ecco tutto questo viene omesso, rimosso, coperto dal coro sconnesso di deplorazione alimentato dalla stampa ma pure dai social per i nuovi reati da penalizzare con gogna mediatica e sanzioni, quelli, si dice, commessi dagli sciatori frustrati, dai forzati del cenone, del veglione e del trenino parappappappa.

Ancora una volta si allestiscono tribunali speciali per la condanna immediata e senza sconti di pena di giovani scriteriati che vorrebbero andare a ballare, di vecchi dissipati che si recano al supermercato a comprarsi il latte invece di farsi una bella spesa online con Glovo, di nonni  sventati che vorrebbero stare coi nipoti prima della doverosa dipartita precoce meritata per via della loro improduttività, insieme a frequentatori di rave party,  scambisti irriducibili, habitué di orge e ammucchiate.

L’intento è quello, e serve un’incursione nella sindrome di Tourette, di salvarsi il culo con l’aiuto di culialcaldo o di quelli cui arrivano degli spifferi, ma che fanno finta di non accorgersene per continuare a sentirsi parte di ceti che rivendicano e professano una superiorità sociale, economica, culturale e dunque morale.

Non è certo la prima volta che si invocano misure eccezionali per proteggerci da noi stessi, in passato si sono chiamate Monti, governi di salute pubblica, leggi speciali di Reale, Cossiga, Pisanu, vincolo esterno, sono servite di oscurare il dissenso in nome del contrasto al terrorismo, per imporre l’austerità come contrappasso per abitudini dissipate, per ripristinare l’ordine pubblico e il decoro danneggiati da NoTav e NoTriv, oltre che da molesti poveracci che rovinano la reputazione.

A quasi tutti i non residenti dei Parioli, Capalbio, Montenapoleone è capitato di sentirsi incolpare di abitudini e comportamenti  antisociali e irresponsabili, grazie ai quali diventa possibile praticare misure che fino a poco tempo prima erano inammissibili, anche grazie all’abilità di far incancrenire fattori di crisi in modo che diventino emergenze da risolvere con stati di eccezione, commissari straordinari, provvedimenti speciali secondo il principio della dura lex che è dura solo per noi.

Mai come adesso è palpabile la dimensione del grande recinto nel quale siamo rinchiusi, da  quando cinque o sei dinastie controllano l’informazione, cosiddetta indipendente  per tutelare i rapporti di proprietà e di produzione, da quando i “principi” e i valori dell’ideologia neoliberista vengono veicolati nella cultura di massa, nei social, dall’altra stampa “libera” ormai giocondamente allineata col governo, dal Fatto Quotidiano al Manifesto,  e diventano buonsenso, ragionevolezza e senso di responsabilità, gli unici autorizzati dentro i confini disegnati nel dibattito pubblico dai quali non si può uscire pena   la derisione, la marginalizzazione, l’ostracismo.

In questi giorni abbiamo subito proprio per questo l’ennesima vergogna, l’invettiva nemmeno tanto beneducata, lanciata contro la masse disordinate, la marmaglia che ha affollato i centri commerciali, additata con il disprezzo di chi si è conquistato l’appartenenza a élite “superiori” grazie al successo del divide et impera che sancisce la vittoria di chi sta sopra rispetto al formicolare di bisognosi e reietti, messi gli uni contro gli altri,  “Nord” e “Sud”, tecnologie e produttività arcaiche,  lavori manuali e professioni intellettuali e creative, materiali ed immateriali, forme contrattuali e informali,  produttivi e ‘improduttivi’, autonomi e diversamente garantiti, fino alle attività essenziali, delle quali abbiamo appena appreso non fanno parte i dettaglianti che vendono festoni, palloncini e alberi di Natale, comodamente reperibili su Amazon.

Così quelli che non stanno affogando si sono tolti il gusto di criminalizzare la socialità di gregge dei post-edonisti. che sono andati a comprare le lucette di Natale al centro commerciale, o a farci un giro senza acquistare niente, dimenticando che le piazze, i luoghi di incontro, chiese comprese, grazie alla teocrazia di mercato della quale sono adoratori, sono stati sostituiti dalle cattedrali dello shopping, rimuovendo la complicità di pensatori, informatori, intellettuali alla mangiatoia di Mondadori o di Mediaset, nel processo aberrante di trasformazione da cittadini e elettori, in utenti, telespettatori, clienti e consumatori, quando l’unico diritto concesso, e oggi sempre più ridotto, era quello di acquistare merci, status symbol rassicuranti, leader.

Nauseati dalla materializzazione dello spregevole populismo  in pellegrinaggio alla Romanina o a Milanofiori, li abbiamo visti discettare contro l’evidente anarcoide e auto dissolutrice irresponsabilità, che costringerà il Governo, per il nostro bene,  a facilitare con Tso la prossima sottomissione al vaccino salvifico e a tutte le opportunità del Welfare padronale sul quale investire tredicesime a salari.

Ma che plebaglia, pensano gli idolatri progressisti del Mercato, purchè venda a faccia comprare i loro instant book, le loro raccolte di pensierini, le loro sceneggiature, gli stessi che affidano la soluzione dei problemi a chi li ha creati, lotta al cambiamento climatico con il commercio di licenze di inquinare, medicine e medicina  nelle mani di chi ha creato patologie per metterle e reddito.

Ma che straccioni ignoranti e pusillanimi, che, invece di stare a casa a sfogliare qualche libro profetico, che ne so L’uomo senza qualità o, più consoni al momento La Peste o I Promessi Sposi, mentre il Decamerone è monopolio di chi sta già pensando di ritirarsi in anticipo sulle restrizioni, nella terza casa insieme a una selezione di amici, si sono riversati (cito dal Fatto Quotidiano) “negli spazi urbani   non dello svago culturale, ma del consumo”. Sicchè, abbiamo letto, “il momento della libera uscita è stato riservato in modo così massivo dalla corsa agli acquisti, tanto da indurre questure e prefetture a disporre l’invio di “pattuglie interforze” per limitare gli assembramenti”.

Già avevamo dovuto subire le prediche dal pulpito di Palazzo Chigi del prevosto infervorato nel ricordare che il Natale deve essere di riflessione solitaria e di raccoglimento spirituale. Ci si sono messi anche i culialcaldo, che giustamente non devono aspettare la tredicesima per le scarpe dei ragazzini, i fedeli sostenitori di Amazon, dove cercano i prodotti equi e sostenibili un tempo scovati negli incantevoli mercatini, tra una sciata e l’altra, a guardare con la lente dell’entomologo gli insetti, gli schiavi, i posseduti del “Se non compriamo non siamo” .

Manca solo il corollario di rito, alla stregua del Cavaliere quando ghignava a proposito di aerei e ristoranti pieni: ma non erano tutti senza soldi? L’odio di classe sarà una brutta cosa, ma visto che si muove contro di noi, almeno facciamo che sia reciproco.


Governo, le renne di Babbo Natale

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Il passaggio dalle prediche edificanti all’omelia urbi et orbi, dallo status di ruspante pretonzolo col santino di Padre Pio infilato tra i codici, le pandette e i sermoni,  a quello di moralista à la Montaigne, è stato brusco.

Ormai il Presidente del Consiglio rivela la sua vera indole pedagogica e maieutica raccomandando (ma quella ormai è una mania) agli italiani le buone pratiche per convertire in opportunità etiche gli effetti della pandemia, come quelli che si beano delle restrizioni avendo scoperto l’arcadia e la decrescita felice nelle città deserte con le serrande tirate giù e gli esercizi falliti.

“Il Natale, evangelizza dal pulpito che ha condiviso in questo frangente con il segretario della Cgil Landini in veste di chierichetto,  non lo dobbiamo identificare solo con lo shopping, fare regali e dare un impulso all’economia. Natale, a prescindere dalla fede religiosa, è senz’altro anche un momento di raccoglimento spirituale. Il raccoglimento spirituale, farlo con tante persone non viene bene“.

Per parte nostra dovremmo raccomandare di far pace col cervello: per anni l’unico diritto rimasto inalterato e inviolabile era quello a consumare secondo rituali officiati principalmente nell’arco di tempo da Natale alla Befana. Poi è diventato un dovere in modo da contribuire al bilancio e allo sviluppo del Sistema  Paese. Adesso viene retrocesso a pratica criticabile, anche perché dà vita a pericolosi assembramenti che minano il distanziamento sociale, tanto che viene consigliato dopo la Dad e lo smartworking, l’acquisto agile online con carta di credito e possibile bonus risarcitorio.

Lo stesso vale per i nonni, un tempo lodati in quanto custodi, come i sacri Lari, dei fondamenti sani dell’Italia, di quei risparmi che costituivano il tesoretto nazionale, e che fornivano ancora la “sussistenza” a figli e nipoti, pagavano master, mezzi di trasporto, Erasmus, mutui, concedevano la casetta al paesello da trasformare il B&B, accudivano bambini, ammaestravano adolescenti riottosi, facevano da autisti e accompagnatori in palestra, a flauto, a arrampicata, si ritiravano generosamente nella cameretta in fondo della casa comprata con antica e oculata parsimonia, per rendere meno faticosa la convivenza.

Adesso come insegnano Toti, Lagarde, Fornero devono aggiungere il sacrificio di diventare invisibili in modo da esonerare degli obblighi della coscienza, possibilmente conferendosi in strutture idonee che collaborano a rafforzare le rendite e i patrimoni laici o ecclesiastici, comunque privati, diventando provvidenziali focolai che ne affrettino la dolorosa ma socialmente utile dipartita precoce.   

Intanto comincino a starsene al chiuso, soli, isolati, per il loro bene eh, si industrino per trasformarsi in nativi digitali ordinando su Glovo e Amazon, saldando le fatture su PayPal e provvedendo a regalie natalizie con doviziosi bonifici online in modo che giovani congiunti finalmente liberi dalle responsabilità figliali e dinastiche possano festeggiare in numero di 6 e pure dedicarsi a attività contemplative e spirituali con la panza piena grazie a loro.

E infatti qualcuno del Pd in vena di rinnovo della rottamazioni si aggiunge all’invito al solitario romitaggio presidenziale: “Cenone di Natale solo tra i familiari di primo grado” e un virologo, tal Fabrizio Pregliasco sulla Stampa lancia un monito: “Gli italiani devono rassegnarsi a un Natale in famiglia, ma nel senso più stretto del termine, senza nemmeno poter avere i nonni a tavola”.  

E dire che in tanto ve l’avevamo detto che il Covid non sarà frutto avvelenato di un complotto ma ha assunto la forma di una macchinazione tossica per produrre quelle divisioni che aiutano gli imperi, per spezzare antichi patti affettivi, sociali, generazionali, per creare disuguaglianze ancora più profonde tra superiori economicamente e moralmente e inferiori immeritevoli di cure e prerogative che erano state conquistate dal tutti e per tutti. E che la continua proposta della solitudine, dell’isolamento, del distanziamento dagli altri è opinabile che rappresenti la salvezza dal contagio, ma è certo che crei danni insanabili, oltre a quello “civile” di creare diffidenza, sfiducia negli altri e di consolidare l’indole punitiva di poteri che declinano le loro responsabilità addossandole a una cittadinanza puerile, sconsiderata e scioperata.

Lo hanno ripetuto esperti del settore inascoltati forse perché si esprimono da studi, ambulatori, corsie e non dagli studi televisivi a cominciare da 700 psicologi e psichiatri che già nella primavera scorsa denunciavano gli effetti collaterali di una “ospedalizzazione domestica” imposta a una popolazione sana, riferendo del  sostanziale aumento delle violenze dentro le mura di casa,  l’aumento delle nuove dipendenze e dell’uso di sostanze, con conseguente crescita della criminalità connessa,  dell’impossibilità  di regolare l’ansia in bambini e adolescenti, obbligati a modalità di didattica a distanza e così privati del contatto con amici e docenti,  e in soggetti con preesistenti problematiche mentali.

Lanciavano già dai primi mesi l’allarme per l’inevitabile aumento nella popolazione di “stati affettivi negativi”, di ansia generalizzata, di incertezza per il futuro per via della perdita di sicurezze e garanzie, oltre che di una progettualità  lavorativa, fattori, evidenziavano “che contribuiscono ad un preoccupante aumento del rischio di suicidio”.

Associazioni di medici francesi (di quelli italiani ho parlato ieri qui: https://ilsimplicissimus2.com/2020/11/14/medico-cura-te-stesso/ ) hanno presentato ricorsi al tribunale di Strasburgo contro i loro Ordini professionali colpevoli di inadempienze rispetto alla missione e alla deontologia per non aver vigilato e informato sui danni dell’isolamento, sulle cifre e i dati provenienti dai registri di Stato, sulle ricadute ambientali, sui risvolti piscologici e psicosomatici dell’allarme generato e della condizione di paura alimentata in questi mesi.

Voci isolate rispetto ai denunciatori delle movide che hanno spinto come branchi di lupi feroci i giovinastri dalle periferie ai Navigli monopolio di creativi, art director, giovani manager, dei convogli di malaccorti meridionali che tornavano a casa, di dissipati lavoratori che si assiepano sui mezzi invece di ricorrere a provvidi monopattini per raggiungere fabbriche e posti di lavoro uscendo dai loro squallidi e meritati appartamentini di remoti hinterland.

Che non hanno giustamente voce o ascolto per via di una scriteriata incoscienza e di un istinto a fare “massa” informe, rozza e primordiale che va penalizzata, anzi criminalizzata perché potrebbe sfociare in ribellismo insurrezionale.

Eh si, è risaputo che il piacere della solitudine coltivata tra pochi eletti per stirpe o selezione di affinità e interessi riguarda una scrematura della società, quella acculturata, quella che ha ricevuto o si è comprata l’accesso e l’uso di piaceri esclusivi in case comode e calde o opportunamente refrigerate, tanto spaziose da assicurare la necessaria privacy proibita al popolino che deve essere scrutato, controllato, vigilato e sanzionato anche nei comportamenti più personali, nelle inclinazioni, negli affetti.

E si sa che la discriminazione nell’accesso ai servizi e ai diritti,  all’assistenza, all’istruzione funziona con maggiore efficacia se quelli che non li meritano sono isolati, per coercizione o per sfiducia, diffidenza e sospetto, se lo sfruttamento non viene percepito perché il padrone o il manager è una entità immateriale che ti concede di sceglierti il tragitto in moto per recare la pizza a domicilio, se diventa una opportunità per le donne che grazie a un nuovo cottimo possono alternare lavoro e lavori domestici non riconosciuti come tale.

Ormai non solo gli anziani sono un peso, larghi strati di popolazione sono diventati improduttivi, perché non rendono e non consumano, perdendo così il diritto a esistere, a volersi bene, a guardarsi negli occhi, a baciarsi e fare l’amore, ormai attività a rischio anche quella. Non hanno lasciato loro nemmeno la letterina a Babbo Natale, che di regalini ne hanno avuti fin troppi, gli ingrati.       


Vecchiaia proibita

Anna Lombroso per il Simplicissimus

 Stamattina, garrulo e mattiniero come il canto del gallo, un tweet del presidente della Regione Liguria è rimbalzato di profilo in profilo, molto ripreso, con pochi distinguo per il tono, ma molto consenso per via di quel buonsenso praticone che caratterizza il neoliberismo  nella sua vulgata popolare.  

Giovanni Toti, testè rieletto, da sempre contro a lockdown generalizzati, ha scritto che prima di imporre nuove limitazioni, è necessario « tenere conto di questo dato: solo ieri tra i 25 decessi della Liguria, 22 erano pazienti molto anziani», ha precisato,  «persone cioè per lo più in pensione, non indispensabili allo sforzo produttivo del Paese che però (bontà sua, n.d.r) vanno tutelate».

Come è prassi lui ha creduto bene di ritrattare prendendosela con i social, che invece hanno visto  registrare l’approvazione di molti sociologi della tastiera che sia pure in età non giovanissima, da giorni per via della proclamata riviviscenza della peste, raccomandano, termine mutuato dal gergo della giurisprudenza contiana, agli anziani di assoggettarsi di buon grado a una volontaria reclusione per il proprio bene e per quello del sistema nazionale per il quale rappresentano un peso.

Deve essere successo qualcosa di tremendo che ha subito una accelerazione da quando ci viene spiegato che il diritto alle sopravvivenza è superiore a ogni altro, che rende meritevoli e necessarie le rinunce e legittime le divisioni e le disuguaglianze.

Quando la signora Lagarde si fece uscire da quella bocca a culo di gallina (il copyright è di un suo autorevole pari)  in qualità di presidente del Fondo Monetario gli stessi concetti, con una sfrontatezza maggiore e un superiore cinismo dovuti al suo ruolo, quando la professoressa Fornero le corse dietro con le stesse rivendicazioni di assennatezza padronale, dimenticando di riferirsi agli stessi soggetti che voleva pimpanti al lavoro, se non al tornio, allo sportello e pure al tavolo operatorio, purché di ospedale pubblico, ci fu una alzata di scudi.

Oggi invece, rincuorati,  si sono espressi così quelli che ormai quotidianamente monitorano le uscite invereconde della vicina attempata che va a fare la spesa, radiografano il sacchetto e lo pesano virtualmente per criticare il quantitativo poco lodevole che fa supporre un’indole e appetiti voraci e indisciplinati, sottoponendola a pubblica gogna per essersi mossa di casa “” (cito da una opinionista su Fb).

Devono proprio essersi spezzati antichi patti generazionali, rimasti ancora intoccati finché i nonni hanno contribuito con la pensione a pagare master, viaggi di studio, motorini, findi pensionistici della dinastia, finchè hanno rinunciato alla casetta al paesello perché intraprendenti  Qui Quo Qua  diventassero manager dell’accoglienza adibendola a B&B, finche non è diventato un reclamo generalizzato quello rivolto da trentenni e più su a genitori colpevoli di averli viziati lasciandoli impreparati alle sfide crudeli della modernità, e allo stesso tempo di aver troppo avuto e goduto come cicale lasciandoli a secco.

Così i vecchi diventano accettabili se dimostrano di essere immortali, uscendo vivi e vegeti da malattie, rovesci di fortuna, complotti di palazzo, pene alternative. Meglio ancora però poi se sono morti, cui si guarda come a venerabili maestri rimpianti mettendo le immaginette e le massime su Facebook, ricordando la ricetta della sfoglia che li ha fatti diventare chef, o la frema tenacia con cui hanno iniziato giovani atleti alla competizione.   

Macché, se sono sfigati come noi, meglio che si levino di torna, senza una soluzione finale vera e propria, ma grazie a una invisibilità che non susciti sensi di colpa in figli e nipoti ingrati che riesumano i pensieri di Pertini, Veronesi, Bonatti, papi buoni (non quel papi, per quanto però poco ci manca) rimuovendo invece la saggezza popolare: “quello che una mamma ha fatto per sette figli, sette figli non fanno per una mamma”, o “bue vecchio, solco diritto”,   o “quello che tu sei io ero, quello che io sono tu sarai”.

E vagli a dire che uno degli effetti collaterali della vecchiaia è la solitudine, che guardandosi in casa dovrebbero sapere che non esiste un sistema sociale che provvede a riempire il frigo, a andare alla posta, a pagare le bollette, se viene meno il welfare domestico, ormai dedicato prioritariamente a altri destinatari, figli in didattica distanza ad esempio, o condiviso con i tempi del part time indicato come appagante soluzione in quota rosa. E che la digitalizzazione e l’informatizzazione alla quale faticosamente e con dispendio di soldi si stanno adeguando lavoratori, insegnanti e studenti, esclude a priori interi segmenti di popolazione condannandoli a non avere accesso a servizi, Inps ad esempio, irraggiungibile anche per i nativi digitali più scafati.

E vagli a dire che per molti l’isolamento è impossibile se la crisi in tutte le sue declinazioni, degli alloggi, delle coppie, della disoccupazione e pure del monoreddito, ha reso la casa una comune non proprio gradita, se il lockdown ha messo alla prova affetti cementati da anni in bilocali angusti dove si consuma la fatica della convivenza coatta come in galera e dello scontro tra generazioni.  

E vagli a dire che da anni prima dei recenti fasti del Trivulzio tornato alla cronaca, delle case di riposo convertite in lazzaretti, succedeva già quello che è stato deplorato in Svizzera se non a norma di legge, condannando gli anziani a farsi una ragione su una morte precoce per via di una minore aspettativa di vita, che magari potrebbe contribuire a rendere invece moralmente migliore quella dei giovani.

È una fortuna che i partigiani ricordati una volta l’anno in piazze elettorali siano ormai morti, pensate oggi come rimpiangerebbero i rischi corsi, le sfide affrontate, il coraggio mostrato per noi e in nostro nome.


Le Compagnie della Cattiva Morte

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Ieri a proposito del mio post (qui: https://ilsimplicissimus2.com/2020/10/23/un-papa-radical-chic/ ) nel quale mi meravigliavo ancora una volta del credito che gli orfani della sinistra riservano all’attuale pontefice, che ai loro occhi rappresenta non solo una moderna incarnazione della dottrina sociale della chiesa, ma anche una testimonianza in favore dei sommersi, dei derelitti, delle vittime di consumismo e totalitarismo finanziario.

Lo spunto era offerto dalla dichiarazione di Francesco riportata in un film, di apertura al rinascimento giuridico delle coppie omosessuali, già smentita da altri esponenti del “vertice” vaticano. “Le unioni civili, secondo il cardinale Muller, violano i diritti umani,  e il Papa che non è al di sopra di Dio, dovrebbe stare più attento”.

Non ho l’ingenuità di stupirmi ancora per le incursioni temporali dei sacerdoti della religione dell’amore: nello stesso contesto il pontefice aveva affermato anche che  si deve “creare una legge di convivenza civile” in modo che le coppie gay siano coperte legalmente. Tanto da essersi battuto personalmente per quello.

Icastica manifestazione questa, della sua volontà, o meglio della sua legittimazione celeste, a intervenire sulle questioni e sulle norme che regolano la vita “civile” non solo dei fedeli ma di tutti i cittadini. Attività che già svolge con grande tenacia se taccia di “carnefici” i medici che applicano una legge dello Stato italiano che legalizza l’interruzione di gravidanza, prima soggetta a criminose pratiche clandestine.

E se agisce come i predecessori compreso l’emerito vivente, delegittimando il tribunale in terra nel caso di pedofilia, per consegnare il giudizio a quello supremo. O se, in plastico contrasto con la riflessione contenuta nell’ultima enciclica sul “possesso”, che avrebbe ragion d’essere se prevede una funzione sociale di “indennizzo” dei poveri della terra, non si ipotizza l’obbligo di “cittadinanza” che spetta a chi possiede delle proprietà in Italia, chiamato a contribuire con le tasse ai servizi offerti dallo Stato e dei quali gode.

 Si sa che sono tempi bui nei quali un diritto, quello alla salute, è stato collocato in cima alla gerarchia che comprende quelli fondamentali e primari, che in troppi a torto credevano inalienabili, e quelli denominati “civili”, elargiti a piccole dosi in modo che non compromettano lo status quo.

Ci stanno persuadendo – ceto politico, scienza mai sfiorata dal dubbio, informatori, compresi quelli che hanno scoperto il giornalismo investigativo rivelandosi “positivi” in modo da offrirci dolenti e edificanti cronachette dalle corsie – che è doverosa la rinuncia alle conquiste di garanzie e prerogative nel lavoro, nell’istruzione, nella libertà di circolazione fino a otto mesi fa decantata come il trionfo del moderno cosmopolitismo, rappresentato dai voli low cost e dall’Erasmus.

E figuriamoci se è il caso, proprio di questi tempi, di parlare del diritto a porre fine alla propria esistenza quando i suoi ritmi e le sue aspettative sono sovrastate dal dolore, dall’umiliazione, dalla sconfitta della dignità battuta dalla sofferenza fisica e morale.

E infatti mentre il papa si esprimeva in favore dell’amore coniugale,  passava inosservata la pubblicazione, da parte della Congregazione della Dottrina della Fede, di un lungo documento sull’eutanasia e il fine vita, intitolato Samaratinus Bonus, nel quale non sono presenti quegli elementi di compassionevole misericordia che la religione dell’amore dovrebbe riservare a chi patisce una sofferenza che minaccia di farlo regredire a una condizione animale di puro patimento senza speranza.

Si tratta di una condanna che fa un bizzarro contrasto con un pensiero comune concentrato da mesi unicamente a combattere una malattia, accettando qualsiasi imposizione più o meno efficace, autorevole, ragionevole, dando per buone misure che sconfinano nella superstizione e che obbligano all’abdicazione dal diritto a un lavoro dignitosamente remunerato, all’istruzione e alla cura di patologie che non siano la peste in atto.  

Eppure da otto mesi chi malgrado, la colonna sonora di dati contraddittorie, statistiche raffazzonate e manipolate, ha saputo ascoltare e vedere,   ha avuto la rivelazione che è stata attuata da anni e ultimamente applicata in forma diffusa una eugenetica ispirata a salvaguardare la specie – quella dei nuovi schiavi – eliminando i pesi morti, quelle frange parassitarie che pesano sul bilancio pubblico.

Perfino  chi ha devastato l’assistenza pubblica, tagliato prevenzione e cure per i malati cronici, perfino chi ha adottato disposizioni che hanno impedito di effettuare tre milioni di esami e accertamenti per patologie – cancro, patologie respiratorie, cardiache, ematologiche-  si è vergognato di chiamare “eutanasia” ( e vedi mai,  significa buona morte) l’ecatombe di anziani morti per ipotetico concorso del Covid in aggiunta a malattie trascurate, effetto collaterale e non solo di condizioni di abbandono, della difficoltà di accesso all’assistenza, del costo di farmaci e terapie, della solitudine.

Come una apocalisse sorprendente e inattesa abbattutasi su zone inquinate che hanno incrementato la vulnerabilità dei soggetti più esposti, l’epidemia ha invece rivelato il già noto, qualcosa che avremmo dovuto conoscere e prevedere: che gli ospedali mal gestiti ammalano perché diventano focolai di infezioni, perché i vecchi non meritano attenzioni da un personale sfruttato e impreparato, perché quando riconquistano autonomia possono essere conferiti in strutture apposite dell’ordinaria manutenzione che ogni anno diventano focolai influenzali.

Il compianto per i vecchi morti da soli, senza esequie compassionevoli, senza elaborazione del lutto è diventato il sudario sotto il quale si è composta l’ipocrisia di chi ha contribuito con la benedizione delle influenti personalità mondiali a condannare gli anziani all’invisibilità, alla morte virtuale che sarebbe opportuno si concretizzasse per lasciar liberi posti e più fruttuose le risorse da investire nelle nuove geografie del profitto, quelle digitali e automatizzate cui non devono avere accesso e che più che risparmiare la fatica devono incentivare la servitù atomizzata degli individui davanti a un pc, pronti anche a dirigere con un clic i bombardieri senza pilota.

Partorirai con dolore, hanno prescritto, vivrai con dolore e morirai nel dolore, hanno “promesso”, per percorrere la strada della redenzione e della salvezza, per attraversare la cruna dell’ago, passaggio arduo, ma che, si sa, è risparmiato a chi se lo può permettere, esentato dal male, che viene ridotto con ogni mezzo diventato lecito, se si  patisce tra sete, broccati e porpore, così come escursionisti della genitorialità possono approfittare delle offerte a disposizione in altre latitudini, così come, avendo i mezzi, si riconquista la propria dignità con una morte serena e volontaria oltre confine.

E infatti vecchioni anche spregevoli ma ben equipaggiati dello sterco del diavolo si evitano l’inferno in terra, guariscono rapidamente e senza effetti dalla provvidenziale peste, occupano un piano dei nosocomi cui hanno offerto nel tempo doviziose elemosine e gli ospizi li frequentano quei pochi giorni necessari all’applicazione di pene alternative.

Il fatto è che quando la libertà è negata, quando dietro ai dogmi si nasconde un profitto, quando la malattia fa affiorare le tremende disuguaglianze, quando la nascita, le inclinazioni, gli affetti, sono soggetti a una morale di parte al servizio di regole di mercato diventate leggi naturali incontrovertibili, allora nemmeno la morte è una livella.    


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: