Francia, dare ai ricchi togliendo ai poveri

lp_1076456010Qualche giorno fa in un post titolato Francia in rivolta, Italia rivoltante   ho messo l’accento sulla differenza tra la reazione delle massi popolari francesi di fronte alle nuovo sistema pensionistico messo a punto da Macron e l’acquiescenza italiana dove tutto è passato senza alcuna protesta generale o al massimo  lamentazioni corporative e dove addirittura si è investiti da sempre nuove incarnazioni, l’ultima quella ittica, della “marcia dei quarantamila” a favore del padronato e delle sue logiche. Ma questo fornisce l’occasione di parlare più approfonditamente della riforma delle pensioni francesi che sta provocando una jacquerie generalizzata perché essa mostra in maniera semplice e lampante quale sia la direzione del sistema neoliberista che ha parassitato l’Europa, rendendo sempre più ricca la parte di popolazione benestante e impoverendo tutti gli altri. L’elemento centrale di questa riforma è l’apertura totale al sistema privatistico che a causa dei suoi costi è accessibile solo a partire dai livelli alti di retribuzione per i quali del resto la contribuzione alternativa diventa obbligatoria se si vuole percepire una pensione che ha qualche relazione, sia pure lontana con i guadagni percepiti durante la vita lavorativa.

La differenza che abbiamo in partenza si accentua ancora di più se si pensa che chi già guadagna molto potrà detrarre l’ammontare dei contributi dalle tasse e inoltre la sua futura pensione sarà per il 70% esentasse, creando una netta differenza di trattamento colpendo meno i più ricchi e tartassando i più poveri. Ma non basta perché sui contributi obbligatori al servizio pensionistico nazionale ci sarà uno sconto sempre più forte e che dai 120 mila euro lordi in su arriva al 30 per cento, diviso nella proporzione del 40 e del 60 per cento tra il dirigente e l’azienda per la quale lavora. Sebbene anche in Francia l’evasione fiscale sia uno sport nazionale, non c’è paragone con l’Italia quindi i redditi alti sono molti di più che da noi con la conseguenza che il servizio previdenziale nazionale perderà circa 7 miliardi l’anno  di contributi ( di questi 4,2 miliardi entreranno direttamente nelle tasche degli azionisti sotto forma di maggiori utili esentasse ) che naturalmente dovranno pagare i poveracci che non possono permettersi la previdenza privata. Si tratta di una cifra enorme che si tradurrà o in aumento dei contributi per i bassi redditi cosa praticamente automatica nel sistema francese o in diminuzione delle pensioni pubbliche oppure indirettamente in tagli del welfare a causa dell’allarme deficit. A questo va aggiunta l’eliminazione di un altro tipo si contribuzione, ovvero quella che sostiene la solidarietà sociale riguardo alla maternità e alla disoccupazione facendo mancare altri 3 miliardi. Insomma si tratta di una riforma che toglie ai poveri per dare ai ricchi, in una maniera così scoperta da essere persino rivoltante.

Tuttavia il governo e l’informazione, ormai tutta in mano a un pugno di miliardari dicono che far defilare i dirigenti dal sistema nazionale è una misura di “giustizia sociale”, pensando di prendere per il naso i cittadini, mentre la cifra che viene a mancare nelle casse pubbliche è di molte volte superiore a quella eventualmente risparmiata, Si tratta di un perfetto esempio di manipolazione informativa con cui il sistema cerca di confondere la gente. Come si vede dalle manifestazioni in Francia non ci sono granché riusciti  tanto più che si è arrivati alle dimissioni del commissario alla riforma delle pensioni (nonché suo ideatore) Jean-Paul Delevoye in parte a causa dei suoi conflitti di interesse e di evasione fiscale  visto che si è “dimenticato” di ben 13 incarichi di consulenza presso  quelle stesse assicurazioni che dovrebbero fornire le pensioni private. Si tratta dell’esempio personificato dell’inganno insito nella sua riforma, la spia della mentalità che ad essa sottende e anche dell’ottusità onnivora da cui nasce. Secondo alcuni della sua stessa parte politica Delevoye non avrebbe capito la sua stessa riforma che evidentemente gli è stata dettata dai suoi datori di lavoro alternativi. Anzi questa è una certezza avendo egli rinunciato ai suoi emolumenti parlamentari ( in Francia c’è l’incompatibilità con incarichi esterni)  in favore del ben più alto compenso fornitogli dall’ Istituto Parallaxe, creatura del mondo assicurativo e dalle sue tentacolari consulenze. La riforma nasce insomma ad immagine e somiglianza di un mondo che predica etica e merito solo per gli sfruttati.

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

One response to “Francia, dare ai ricchi togliendo ai poveri

  • jorge

    @-Anonimo

    per iniziare la cura ricostituente può andare bene l’euterococco :

    L’euterococco è un rimedio naturale tonico e adattogeno. Contribuisce al mantenimento della memoria e delle funzioni cognitive. E’ un Integratore alimentare naturale che favorisce le naturali difese dell’organismo.

    "Mi piace"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: