Annunci

Erasmizzatevi e partite

1503057854_819526_1503058670_noticia_fotogramaSe fossimo uomini e non caporali, più che ostentare uno sciocco compiacimento ci saremmo sentiti offesi dall’uscita di Massimo Giannini, ennesimo uomo qualunque inferto al Paese come se quel nome fosse un marchio di fabbrica, che in sostanza riduce la nostra civiltà al fard e al rossetto che vanno eroicamente mostrati al nemico terrorista quando si va all’Erasmus. La normalità più modesta e ordinaria è dunque la bandiera dei nostri supremi valori che garrisce al vento. Tutte cose dette molto meglio nel post di Anna Lombroso (qui). Purtroppo al contrario del continuo mensongement del giornale di cui cura le pagine economiche e di Ballarò, si sentiva che il pistolotto d’occasione soffriva di una narcisistica sincerità di fondo, essendo espressione dell’insostenibile leggerezza dell’essere raggiunta in Occidente per cui anche l’oggettistica più comune, il consumismo più ovvio acquista un significato simbolico, è un’arma da guerra di civiltà. Erasmizzatevi atevi e partite, siate cosmopoliti da discoteca o da innominabile turismo intelligente, più potreste fare orrore ai padri del pensiero, più sarete orgogliosi e in qualche modo tracotanti assertori della miseria del pensiero unico.

 

Del resto in questo stessi giorni abbiamo assistito all’eccentrica e insensata  teoria delle fioriere nella quale si è esercitato il meglio della stupidità reperibile nei cachet televisivi: se sulle ramblas ci fossero state barriere di vasi da fiori l’attentato non ci sarebbe stato. Ma forse anche cospargendo i viali di fard o magari stordendo i fanatici con lo chanel numero cinque a cui non sono abituati. A chiunque abbia conservato una qualche facoltà di pensiero è del tutto evidente che un attentato si fa dove si può e con i mezzi adatti: se sulle ramblas di Barcellona ci fossero state le fioriere l’attacco sarebbe stato fatto in altre strade o utilizzando diversi sistemi. Ma sapete tutti questi discorsi degli improvvisati strateghi fiorai sono vaniloqui ingannevoli: la lotta al terrorismo non viene davvero combattuta con i mezzi che davvero occorrerebbero ovvero una reale sorveglianza dei soggetti ritenuti a rischio e reparti speciali addestrati a intervenire e di certo non facilmente identificabili. Non servirebbe a molto perché è il terrorista che sceglie il campo, il tempo e gli strumenti, ma almeno avrebbe una qualche probabilità di dissuasione, specie se i soggetti, come quelli di Barcellona, non paiono volersi immolare in ogni caso. Le difese fisse e  l’ostentata presenza di schieramenti in forza, servono a ben poco contro il terrorismo, ma hanno invece un altro scopo: da una parte quello di rendere più palpabile la paura, dall’altra quella di asseverare la volontà del potere di garantire la sicurezza e l’incauto affidamento ad esso anche quando ci priva di libertà e di diritti. Del resto se davvero si volessero difendere i cittadini bisognerebbe in primo luogo evitare il carnaio medio orientale e africano dove invece i governi occidentali hanno mani e piedi in pasta e in seconda istanza fare di tutto per catturare vivi i terroristi, per capire meglio intenzioni, moventi, reti, conplicità provenienze, centrali di comando: al contrario i terroristi vengono uccisi anche senza alcuna necessità, come è accaduto platealmente a Barcellona.

Ora non voglio pensare che questo sia dovuto al fatto che si voglia proprio evitare che questi parlino e sollevino un verminaio su verità inconfessabili, sugli arcana imperii, metttiamo da parte per un momento questa spada di Damocle che pesa sulle narrazioni ufficiali e diciamo che una simile strategia di azione risponde invece al desiderio che così come gli inutili spiegamenti di forza, anche la disumanizzazione del terrorista che rimane sempre una sorta di maligna astrazione, il mostro colpito nel videogioco, abbia maggiore efficacia simbolica e rimanga privo di riferimenti reali. Anche questa insomma è immagine è l’insostenibile leggerezza del terrorista che assolutamente non può rivelarsi più consistente del nulla consumistico al quale siamo inchiodati e che d’altronde è il cotè antropologico del neo liberismo.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

One response to “Erasmizzatevi e partite

  • dani2005dani

    Spero che càpiti qualcosa che ci risvegli tutti dal torpore consumistico e dal buio della ragione in cui siamo immersi. Andiamo avanti con ignoranza e cecità, il meglio del meglio per i neosiocon con i loro siomedia (quel famoso 1% ma con un nome più preciso).

    Segue una piccola notazione che spiega che il risveglio potrebbe essere brutale, tipo un crollo USA, per nulla divertente, a seguito di un coup contro Trump e l’insediamento di Pence, amico dei neosiocon.

    In Italia abbiamo 23 basi NATO più altre 90 installazioni militari, tutte mantenute dalle nostre tasse. Siamo occupati militarmente e abbiamo le mani legatissime, i nostri governi possono solo essere “amici” degli USA e fare ciò che loro ci dicono di fare. Nel mondo le Basi NATO sono oltre 800, in 135 Paesi. Senza contare le installazioni militari, solo le basi.

    Se salta Trump (non certo un Messia ma la Clinton, ricordo, è un anticristo) avremo maggiori difficoltà, di tutti i tipi, primo fra tutti la nostra libertà (la UE è un meccanismo USA) e poi il nostro stile di vita (un costo dell’energia che si alza potrebbe essere un primo segnale).

    Tuttavia Trump è continuamente all’indice, e in Italia i “giornalisti” seguono solo le veline dei siomedia (CNN, WaPo e NYT per cominciare) e loro derive italiche, senza sforzi, senza approfondimenti, senza dubbi che potrebbero sorgere se andassero a recuperare informazioni da altre fonti, tipo per esempio Paul Craig Roberts. Ma ce ne sono molti, altri, e tutto in inglese, e l’inglese è fastidioso.

    Tutti a dargli del nazista (ultima versione di Trump dopo Russiagate e la sua presunta bancarotta) perchè i) non conoscono la storia degli USA (e non sanno nulla di Generali Lee e schiavismo, e guerre economiche tra Nord e Sud USA) e ii) non ascoltano i video dell’episodio di Charlottesville che youtube ancora offre sebbene con una certa ritrosia (switch da “russagate” a “nazista”).

    Le analisi sono monocordi e monocolore, come quelle sui terroristi e sulle risposte democratiche e pacifiche dell’Unione europea…

    Il coro canta sempre la stessa litania, ma usa gessetti colorati.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: