Annunci

Eurodrammi, eurofarse

farsaCi sarebbe da ridere se non ci fosse da piangere: dopo un decennio passato a obbedire alla Germania e all’austerità per tenere in piedi il feticcio europeo,  per favorire da una parte il progetto oligarchico di elites atlantiste e  per appagare dall’altro, in modo improprio, antichi riflessi pavloviani di internazionalismo, adesso la stessa Germania si appresta a gettare alle ortiche l’involucro istituzionale divenuto inutile tenendosi però l’euro come spada di Brenno per le economie mediterranee. Ci sarà un’altra in Europa in effetti, ma sarà l’esatto contrario di quella che con questa espressione, con questa illusione,  ha finito per favorire politiche fra le più reazionarie immaginabili.

Ci sarebbe da piangere se non venisse da ridere di fronte a un panorama che mai come oggi rende evidente che le caste di comando della Ue, a cominciare da Berlino, non hanno mai effettivamente creduto nell’Europa, ma bensì in qualcosa che creasse strumenti per il neo dominio finanziario e all’interno di questo disegno, come sotto progetto, favorisse la deindustrializzazione dei concorrenti della Germania.  I problemi che affliggono la Merkel e tutto l’edificio della Ue sarebbero stati facilmente affrontabili e lo sarebbero ancora  se solo lo si volesse, se ci fosse una visione politica che andasse oltre le lobby politico -economiche e l’influenza dei supericchi: basterebbe che il nucleo forte svincolasse la dinamica salariale interna per ottenere nel giro di pochissimo un inizio di riequilibrio del sistema che, certo. con la moneta unica continuerebbe a zoppicare, ma che almeno eviterebbe le crisi umanitarie come quelle cui è stata costretta la Grecia e di cui si intravedono i segnali anche da noi. Ma con tutta evidenza non è questo che si vuole: si vuole l’euro, non l’Europa, si impone la moneta unica per consentire al nucleo forte del continente di vendere a man bassa e fare surplus commerciale, ma la si vuole anche perché essa sia il motore della caduta dei diritti, dei salari e dello stato sociale dovunque. Temi profondamente intrecciati, ma magistralmente gestiti grazie ai media postveritieri che per esempio in Germania fanno credere alla sempre più vasta platea di impoveriti che la necessità di stringere la cinghia derivi dall’aiuto ai Piigs: così il massimo di profitto speculativo sulla moneta unica da parte dei ceti dirigenti si tramuta nel massimo e fasullo pretesto di degrado sociale.

C’è da piangere e da ridere insieme quando si comincia a parlare di cifre e tangenti per uscire dall’euro, ricatti da spread che vengono quantificati in 340 miliardi persino da Draghi il quale si sta rimangiando la famosa irreversibilità dell’euro, ma mano che si susseguono i disastri, non ultimo quella della Grecia che ovviamente non è in grado di pagare i debiti, visto che la sua economia è stata affossata. La verità è che siamo in mano a gentaglia opaca come Juncker, lo speculatore premier e lo stesso Draghi, l’uomo che sul Britannia svendette a Goldman Sachs l’enorme patrimonio immobiliare dell’Eni per un quarto del valore effettivo, per non parlare dei loro omologhi, ovvero di chi li ha insediati sulle loro poltrone. Eppure esplorando la storia recente ci si rende conto con il senno di poi che il progetto euro era un assurdo da tutti i punti di vista se calato su un continente dove le diversità erano fortissime, che il riequilibrio avrebbe dovuto essere il presupposto della moneta unica e che mai avrebbe potuto esserne l’effetto. In ogni caso, l’euro, anche nei rari casi di buona fede, era già morto ancora prima prima di finire effettivamente nelle tasche dei cittadini europei, quando i deliri della guerra infinita, resero evidente che gli Usa non avrebbero mai consentito il pagamento delle materie prime in altra valuta che non fosse il dollaro: la carriera di moneta internazionale era già finita prima di cominciare.

Viene solo da piangere sapendo bene che le vittime di tutto questo pur non potendone più e magari cominciando ad avvertire che il loro personale declino e quello dei loro figli è irreversibile in questo contesto, rimangono come ipnotizzati e spaventati dall’ipotesi di un tramonto dell’euro: non sono soltanto i catastrofismi, talvolta ridicoli dell’ informazione -regime, è la paura dell’ignoto che paralizza e che cancella ogni progetto, ogni ipotesi, ogni speranza di azione per un recupero di tutto ciò che si è perso, ovvero un’idea di civiltà. Questa è in fondo la radice del  suicidio di un trentenne friulano che ha lasciato una lettera, circolata dovunque in questi giorni: un epitaffio non per lui, ma per tutto questo atono e maleodorante presente. La lettera dice quello che non si riesce facilmente ad esprimere, ciò che non si conosce e in cui tuttavia ci si riconosce: qualcosa che ci dice forte che non basta più semplicemente resistere, che occorre ripagare gli autori dello scasso con la stessa moneta.

“Ho vissuto (male) per trent’anni, qualcuno dirà che è troppo poco. Quel qualcuno non è in grado di stabilire quali sono i limiti di sopportazione, perché sono soggettivi, non oggettivi.
Ho cercato di essere una brava persona, ho commessi molti errori, ho fatto molti tentativi, ho cercato di darmi un senso e uno scopo usando le mie risorse, di fare del malessere un’arte.
Ma le domande non finiscono mai, e io di sentirne sono stufo. E sono stufo anche di pormene. Sono stufo di fare sforzi senza ottenere risultati, stufo di critiche, stufo di colloqui di lavoro come grafico inutili, stufo di sprecare sentimenti e desideri per l’altro genere (che evidentemente non ha bisogno di me), stufo di invidiare, stufo di chiedermi cosa si prova a vincere, di dover giustificare la mia esistenza senza averla determinata, stufo di dover rispondere alle aspettative di tutti senza aver mai visto soddisfatte le mie, stufo di fare buon viso a pessima sorte, di fingere interesse, di illudermi, di essere preso in giro, di essere messo da parte e di sentirmi dire che la sensibilità è una grande qualità.

Tutte balle. Se la sensibilità fosse davvero una grande qualità, sarebbe oggetto di ricerca. Non lo è mai stata e mai lo sarà, perché questa è la realtà sbagliata, è una dimensione dove conta la praticità che non premia i talenti, le alternative, sbeffeggia le ambizioni, insulta i sogni e qualunque cosa non si possa inquadrare nella cosiddetta normalità. Non la posso riconoscere come mia.

Da questa realtà non si può pretendere niente. Non si può pretendere un lavoro, non si può pretendere di essere amati, non si possono pretendere riconoscimenti, non si può pretendere di pretendere la sicurezza, non si può pretendere un ambiente stabile.

A quest’ultimo proposito, le cose per voi si metteranno talmente male che tra un po’ non potrete pretendere nemmeno cibo, elettricità o acqua corrente, ma ovviamente non è più un mio problema. Il futuro sarà un disastro a cui non voglio assistere, e nemmeno partecipare. Buona fortuna a chi se la sente di affrontarlo.
Non è assolutamente questo il mondo che mi doveva essere consegnato, e nessuno mi può costringere a continuare a farne parte. È un incubo di problemi, privo di identità, privo di garanzie, privo di punti di riferimento, e privo ormai anche di prospettive.

Non ci sono le condizioni per impormi, e io non ho i poteri o i mezzi per crearle. Non sono rappresentato da niente di ciò che vedo e non gli attribuisco nessun senso: io non c’entro nulla con tutto questo. Non posso passare la vita a combattere solo per sopravvivere, per avere lo spazio che sarebbe dovuto, o quello che spetta di diritto, cercando di cavare il meglio dal peggio che si sia mai visto per avere il minimo possibile. Io non me ne faccio niente del minimo, volevo il massimo, ma il massimo non è a mia disposizione.

Di no come risposta non si vive, di no si muore, e non c’è mai stato posto qui per ciò che volevo, quindi in realtà, non sono mai esistito. Io non ho tradito, io mi sento tradito, da un’epoca che si permette di accantonarmi, invece di accogliermi come sarebbe suo dovere fare.

Lo stato generale delle cose per me è inaccettabile, non intendo più farmene carico e penso che sia giusto che ogni tanto qualcuno ricordi a tutti che siamo liberi, che esiste l’alternativa al soffrire: smettere. Se vivere non può essere un piacere, allora non può nemmeno diventare un obbligo, e io l’ho dimostrato. Mi rendo conto di fare del male e di darvi un enorme dolore, ma la mia rabbia ormai è tale che se non faccio questo, finirà ancora peggio, e di altro odio non c’è davvero bisogno.

Sono entrato in questo mondo da persona libera, e da persona libera ne sono uscito, perché non mi piaceva nemmeno un po’. Basta con le ipocrisie.
Non mi faccio ricattare dal fatto che è l’unico possibile, il modello unico non funziona. Siete voi che fate i conti con me, non io con voi. Io sono un anticonformista, da sempre, e ho il diritto di dire ciò che penso, di fare la mia scelta, a qualsiasi costo. Non esiste niente che non si possa separare, la morte è solo lo strumento. Il libero arbitrio obbedisce all’individuo, non ai comodi degli altri.

Io lo so che questa cosa vi sembra una follia, ma non lo è. È solo delusione. Mi è passata la voglia: non qui e non ora. Non posso imporre la mia essenza, ma la mia assenza sì, e il nulla assoluto è sempre meglio di un tutto dove non puoi essere felice facendo il tuo destino.

Perdonatemi, mamma e papà, se potete, ma ora sono di nuovo a casa. Sto bene.
Dentro di me non c’era caos. Dentro di me c’era ordine. Questa generazione si vendica di un furto, il furto della felicità. Chiedo scusa a tutti i miei amici. Non odiatemi. Grazie per i bei momenti insieme, siete tutti migliori di me. Questo non è un insulto alle mie origini, ma un’accusa di alto tradimento.

P.S. Complimenti al ministro Poletti. Lui sì che ci valorizza a noi stronzi.
Ho resistito finché ho potuto.”

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

3 responses to “Eurodrammi, eurofarse

  • jorge

    Xu Lizhi, un giovane operaio cinese, si e recentemente suicidato. Questo tipo di suicidi sono molto frequenti in Cina
    Il responsabile , come nel caso di Michele, e lo sfruttamento capitalistico

    Xu Lizhi
    ha lasxciato questa sorta di testamento, che mi pareva il caso di affiancare allo scritto di Michele

    Il tempo scorre, la testa perdute nella nebbia
    lo sfruttamento invecchia
    il dolore fa gli straordinari giorno e notte
    Sul letto di morte voglio guardare per l’ultima volta l’oceano,
    immergermi nelle infinite lacrime di in una vita spezzata
    Voglio scalare un’altra montagna,
    provare a riprendermi l’anima che ho perduto
    Voglio toccare il cielo, sentire quel blu così luminoso
    Ma niente di tutto questo mi è concesso, quindi lascio
    questo mondo
    Chiunque abbia sentito parlare di me
    non si sorprenda del mio abbandono
    tanto meno sospiri o soffra
    Come in punta di piedi sono arrivato così me ne andrò.

    Mi piace

    • Roberto Casiraghi

      Ciao Jorge, la poesia di Xu Lizhi è bella ma io non credo più a ciò che i media diffondono per commuoverci o indignarci. In linea di massima, se hai queste doti di poeta (e sempre che non si tratti di una poesia copiata da versi preesistenti in un corpus letterario immenso, quale quello cinese, che di solito non ci è dato conoscere) non ti suicidi. Occorrerebbe poi controllare anche il testo cinese originale perché con questa lingua estremamente ellittica chi traduce, per renderla leggibile, deve fare delle ampie integrazioni e metterci parecchio della farina del suo sacco. Non è cinismo da parte mia, è solo che in un momento storico dove al giornalista si chiede di inventare la realtà e non più solo di riportare i fatti come sono, qualunque articolo di giornale o sito che cerchi visibilmente di avere un effetto psicologico sul lettore (come ti senti dopo aver letto questa notizia, sei triste, indignato, contento?) va scartato a priori proprio per evitare di essere contagiati da eventuali falsità e, viralmente, diffondere ulteriormente il contagio. Non abbiamo bisogno di ulteriori iniezioni forzate di sentimento, le nostre convinzioni morali e intellettuali credo bastino e avanzino per farci condannare le aberrazioni dell’attuale panorama esistenziale.

      Mi piace

  • learco

    “Nell’ultimo decennio la Germania ha goduto di un surplus dalle esportazioni pari a circa il 6% del proprio PIL che, come detto, ha quasi interamente tesaurizzato. A questo punto i “maghi” della Bundesbank e banche sostanzialmente pubbliche collegate (n.b. va osservato che il sistema bancario tedesco è in grandissima parte pubblico in virtù della diffusione di banche degli Stati federali che, in violazione “sfacciata” delle regole comunitarie, sostengono pesantemente i notevoli debiti pubblici locali!) ha intrapreso una vastissima campagna di investimenti esteri ma, e qui emerge ancora il dato della “miopia” economica della cultura tedesca, non in beni, infrastrutture, siti produttivi o comunque capitali di società produttive e/o patrimoniali estere, bensì in titoli di credito: liquido per (potenziale) liquido, secondo la logica del massimo profitto, cioè a più alto rendimento”.

    http://www.piazzadelgrano.org/gli-idioti-di-dusserldorf-bundesbank-una-banca-piena-di-titoli-tossici-e-crediti-inesigibili-di-sandro-ridolfi/

    A quanto sembra i tedeschi, cioè il famoso 1%, perchè il resto della popolazione sembra che viva con bassi salari, avrebbero saccheggiato gli altri Stati dell’UE con il bel risultato di trasferire il denaro, attraverso i titoli tossici, ai soliti centri finanziari di Wall Street e della City.
    Questo dimostra che la Germania è stata usata come grimaldello per forzare la cassaforte europea, ma il bottino è poi stato consegnato nelle avide mani dell’elite bancaria internazionale.
    La finanza globale non ha permesso alla Merkel di utilizzare i soldi della rapina europea per investimenti interni, ma ha usato l’economia tedesca come pompa aspirante delle risorse europee, come stazione di transito delle ricchezze.

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: