Le palizzate del cattivo selvaggio

gentilini--330x185Anna Lombroso per il Simplicissimus

Treviso: “…dove Sile e Cagnan s’accompagna”, è una città piena di grazia, in angoli appartati i salici si chinano delicatamente sull’acqua all’incrocio dei due fiumi, accade a volte che si compia il prodigio di Hemingway, vedere passare una vela tra gli alberi. È una città teatro anche letterario e cinematografico dell’opulenza godereccia, dove il cibo e succulento e il vino, anche nei calici dell’osteria, è buono e va giù che è un piacere.
Sonetto dello schivarsi e dell’inchinarsi, è una poesia di Zanzotto, un titolo che si presta a descrivere certe province che combinano riservatezza e conformismo con certe esuberanze pazze dissipate, ubbidienza e ribellione a capoluoghi e capitali ingombranti e arroganti.

Chissà a cosa possiamo ascrivere la disgraziata decisione del vicesindaco leghista di Treviso il tristo e tristemente noto Gentilini, un nome che è un ossimoro, che ha proclamato l’urgenza indilazionabile di far erigere delle palizzate in legno altre tre metri per chiudere il portico e il parcheggio dell’ex sede della Provincia, rifugio per i tanti clochard che popolano il centro storico trevigiano e meta abituale di incontro di un collettivo di giovani. Non è bella una palizzata in pieno centro storico, ma protervo e ben allineato all’ideologia di regime il Gentili obietta: “Della bellezza non me ne frega niente, prima viene la sicurezza dei miei cittadini”. E minaccia di cingere di mura anche altri edifici storici, oggetto possibile di insediamenti a rischio, a suo dire: “Lì c’é gente equivoca, non posso tollerare che diventino luogo di raccolta di sfaccendati, drogati o spacciatori”.

Ogni volta che si denunciano gli osceni provvedimenti dei sindaci sceriffi, salta su qualcuno che, dopo aver anticipato che non è xenofobo, che non è razzista, che non è fascista, ma i drogati attaccano le malattie, i rom rubano, insorge contro le anime belle, gli snob, gente privilegiata che non sa cosa vuol dire vivere vicino a un accampamento, camminare rasente a marciapiedi dove stanno stravaccate varie tipologie antropologiche e sociologiche di trasgressori, tossici, barboni, extracomunitari e che puzzano e che disturbano e che fanno male al turismo e che danneggiano il decoro.
Eh si, il decoro è seriamente minacciato di questi tempi. Il vicesindaco Gentilini avrà il suo bel da fare di qui in avanti per cingere di mura l’enclave fortificata dei suoi elettori, nei quali alimenta la paura del diverso, la nausea per il suo odore e la sua lingua e la sua tristezza infinita, la diffidenza, il rancore anticipato nel timore che succeda qualcosa che li riduce come il clochard steso a terra: la perdita di beni, ruolo sociale, sicurezze. Ne avrà di muri da tirar su, che la Grecia, indicata con apotropaica tenacia come pericolo a portata di mano se non si acconsente al diktat del rigore, è vicina. Ne avrà di palizzate da alzare per proteggere i pingui sopravvissuti sempre più spaventati, le loro case, le loro banche, i loro supermercati, le loro università, i loro ristoranti sempre pieni. Ne avrà di baluardi da costruire per difenderli da quella “gente equivoca”, gente che vuole riprendersi la città, le sue strade, gente che vuole riprendersi il pane anche quello del giorno prima, gente che non sente la vergogna della povertà come una colpa da nascondere agli occhi pudibondi di chi il pane ce l’ha e anche il companatico, gente che vuole riprendersi il diritto di avere diritti.

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

3 responses to “Le palizzate del cattivo selvaggio

  • Anonimo

    Ma in nome del decoro e della sicurezza, perchè non alziamo staccionate e mura intorno alle sedi della Lega? Possibilmente dopo che i leghisti sono entrati. Le città del Nord, in un sol colpo, diventerebbero più belle e decorose, private dell’osceno spettacolo di idioti sbavanti con orride camicie verdi e cappelli pleonasticamente cornuti; e sicurezza in più per i cittadini, quando i sostenitori del partito più schifoso d’Italia, quello che ha favorito la ‘ndrangheta al Nord, che ha succhiato per decenni il denaro dello Stato per foraggiare le lauree albanesi del Trota, gli appartamenti a Lodi dei capi e le regalie della fallitissima banca padana, vengono messi in condizione di non nuocere.
    Io non sono razzista, ma bisogna pur ammettere che i leghisti non sono normali, non ragionano come le persone normali, e non avete idea di cosa significhi avere un leghista sul pianerottolo.

    "Mi piace"

  • mariaserena peterlin

    quando crescono questi recinti la ragione dorme un sonno colpevole, e la storia degli uomini si benda gli occhi per non vedere l’orrore.
    E’ importante denunciare ogni discriminazione, ogni separazione, ogni segregazione: anche quando sono gli opulenti che credono di salvarsi autoseparandosi, illusi.

    "Mi piace"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: