Cristo è rimasto sulla banchina, nonostante le invocazioni

Sua eminenza Mauro Moretti, aministratore del’opera pia Trenitalia ha fatto sapere che le disastrate ferrovie italiane metteranno a disposizione 50 convogli straordinari totalmente gratuiti per permettere ai fedeli di seguire la visita dell’ amministratore delegato di Chiesa Spa, Ratzinger, ad Ancona domenica 11 settembre.

Nella capitale marchigiana si svolge infatti il XXV Congresso Eucaristico Nazionale, mica pizza e fichi e dunque Trenitalia ha pensato di fare uno sforzo straordinario, “così da consentire la più ampia partecipazione popolare all’appuntamento”, come recita l’apposito comunicato (qui), tenuto però abbastanza nascosto. Naturalmente per impedire che ci salgano tutti la gita a spese nostre sarà gestito dalle organizzazioni cattoliche: che non s’intrufoli nessun altro.

Così mentre si assiste all’accanimento terapeutico della manovra sui ceti popolari, “monsignor” Moretti, si permette di spendere e spandere per la più ampia partecipazione popolare al congresso Eucaristico. Non sia mai che Ratzinger si trovi a corto di fedeli, senza ali di folla ad accompagnare il suo passo. Tanto pagano gli italiani, pagano i pendolari che devono pagare lacrime e sangue per andare al lavoro, pagano i viaggiatori costretti a transumanze senza toilette funzionanti, aria condizionata, informazioni. Pagano tutti per il congresso eucaristico e il conto si aggiunge alle cifre gigantesche che questo Paese paga per il Vaticano.

Mi chiedo se sia possibile sopportare questa mattanza di soldi pubblici. La cosa meriterebbe che il Papa venisse accolto da cartelli che lo invitino a meditare sulla sua opera di devastazione dell’erario italiano, in compagnia di monsignor Moretti che dovrebbe essere indagato per distrazione di fondi pubblici. Se non fosse che questo è tutta una pia distrazione.