Archivi tag: Zaia

Lasciate ogni Speranza

Cattura3Carcere o manicomio per i positivi che non vogliono farsi curare o entrare in quarantena sulla scorta del solo tampone: forse qualcuno pensava che fossero battute di Zaia, dal quale ci si può aspettare di tutto, ma adesso le  stesse cose vengono riprese dal ministro Speranza dal quale al contrario non ci si può aspettare nulla vista la totale inesistenza del personaggio, ma dal quale almeno ci si poteva aspettare di non vedere l’imitazione del folklore più squallido e la presa in giro della Costituzione. Invece è accaduto Non voglio nemmeno perdere tempo a commentare sui “nuovi focolai in Veneto” ( 5 contagiati, al di sotto della probabilità statistica) o sugli indici di diffusione la cui entità è tanto più grande quanto minori sono i casi, ormai  non è nemmeno più il caso di far fronte alle menzogne numeriche che siamo costretti a sentire, né le idiozie sui tamponi e insomma su una epidemia a la carte che può essere modulata come si vuole, ma la banda del virus deve in qualche modo simulare la seconda ondata prevista che non c’è affatto stata e in prospettiva deve mantenere alti i livelli di allarme semplicemente perché non può arrivare all’autunno e al redde rationem disarmato del Covid: a parte gli affari sui vaccini che ormai sono conclusi e sui quali non si può più tornate indietro, si devono preparare ad affrontare una tempesta economica senza precedenti che essi stessi hanno provocato e non possono nemmeno pensare farlo senza questo alleato, con le sirene di allarme disinnescate. In questo modo si crea una sorta di circolo vizioso: più si preme l’acceleratore sulla paura, più si amplia il panorama del disastro economico e più si ha bisogno di mantenere l’allarme.

Ci vogliono in  manicomio o in carcere come se fossimo in una sorta di incubo, ma sono loro ad essere come topolini dentro un labirinto che ormai  non fornisce più scelte e vie di fuga: sono come il giocatore rovinato che non ha altra possibilità che continuare a giocare nella speranza di invertire il corso della fortuna, ma che comunque rimane al tavolo per rinviare il momento in cui dovrà affrontare il peso definitivo della sua rovina. Se a questo si aggiunge che hanno anche anche barato il quadro è completo. Se non fossero ormai prigionieri del gioco pandemico si accorgerebbero che mantenere alto l’allarme in mancanza di  fatti concreti ha molte probabilità di provocare una reazione di rigetto e di far aumentare l’area di scetticismo che è ampiamente diffuso, ancorché non sia rappresentato nell’informazione, anzi sia demonizzato. Ma non c’è via di scampo e lo si vede chiaramente dalla povertà delle misure di rilancio dell’economia che sono nient’altro che quattro soldi distribuiti a pioggia, speso con meccanismi assurdi e sempre con l’occhio di riguardo verso i ceti più abbienti del Paese. Tutto nell’attesa dell’impiccagione dell’Italia al Mes che è il futuro grande obiettivo dell’Europa dell’euro, ma che è anche l’obiettivo finale di questo ceto politico senza scampo.

Così si riducono a vivere di morti che come sempre continuano a morire per le più diverse malattie, anzi muoiono anche di più visto che l’assistenza sanitaria è stata praticamente abolita nonostante non vi sia più alcuna emergenza e persino i medici di base si sono fatti di burro. Naturalmente sperano di trovare un modo per non pagare ciò che hanno perso alla roulette della pandemia, ma alla fine, quando non serviranno più a nessuno avranno il loro Tso.

 


Condannati alla menzogna

7b093155caab301d46221d7b25bf402bMi piacerebbe dire come Pasolini “io so”, io so in nomi dei responsabili  di quella che viene chiamata pandemia, io so i nomi dei vertici che l’hanno manovrata e che l’hanno utilizzata  come golpe sanitario a protezione del potere. E tuttavia non posso portare le prove e nemmeno sono Pasolini, ma ugualmente so: è scritto là nelle cifre che nessuno vuole vedere come se fossero l’incubo della cattiva coscienza, è scritto nel tentativo di trasformare il denaro in scienza e la scienza in denaro, è scritta nei visi dei farabutti che ci stanno rapinando “per il nostro bene”,  risuona nelle parole imbarazzate dei chierici che devono tenere in piedi un gioco che sta distruggendo il Paese. Ma si intuisce anche che la tentazione della verità fa capolino anche tra i peggiori affaristi delle mascherine e dei vaccini obbligatori, ma essa non può essere più pronunciata perché è troppo compromettente e farebbe saltare tutto il meccanismo per cui è stata messa in piedi che  nello specifico italiano è indurre un suicidio alla greca, attraverso una crisi economica senza precedenti e soldi a prestito attraverso il Mes. Dai retroscena dell’Europa, mai messi in luce così tanta chiarezza  escono questi personaggi che negano qualunque forma di solidarietà persino formale e dicono come Mark Rutte che l’Italia  non può ricevere aiuti ma solo prestiti da rimborsare. Se lo dice il rappresentante di un Paese che vive di fumo, funghetti magici e campa di differenziale fiscale, allora dobbiamo proprio crederci, perché Mark Rutte è un uomo d’onore.

Così nonostante il virus ormai sia debolissimo da debole che è sempre stato, facendosi forte solo degli errori sanitari compiuti,  ci ritroviamo con uscieri da discoteca come Zaia,  cui dare della capra sarebbe un complimento visto che nemmeno fa il latte, il quale infierisce sul futuro degli ingenui che l’hanno votato ribadendo le misure e anzi inasprendole così come fanno i  bugiardi quando le loro balle non trovano più un saldo appoggio, basandosi su dati senza alcuna credibilità o coerenza, tamponi straparlando di positività e di altre amene cose che egli tratta come si si trattasse di invitare una qualche starlette del grande fratello in un  locale. Anche se non ci credete più dovete ubbidire, altrimenti sarete trattati come pazzi, subirete il Tso, una roba che davvero meriterebbe il manicomio e comunque  l’immediata destituzione dalla carica per evidente per attentato alla Costituzione. Ma visto che chi dovrebbe prendere in mano la situazione è altrettanto inadeguato, può dire e fare ciò che vuole. Del resto la posta è alta: se invece di attivare meccanismi di auto finanziamento si ricorre  ai prestiti il milieu politico con i suoi comitati di affari  si troverà con un Paese distrutto, ma con il denaro per operazioni clientelari che garantiranno loro la rielezione.  Ed è per questo che si procede persino alla riabilitazione dei vecchi bugiardi, ormai nuovi complici.

Dunque siamo condannati alla menzogna del Covid e dell’influenza trasformata allegoricamente in peste, nessuno verrà a strappare il sipario e a mostrare l’allestimento mediatico e i deus ex machina pronti a entrare in scena per confondere e proporre soluzioni sempre diverse che lascino nello sconcerto e nella confusione:  siamo noi che dobbiamo curare la verità e sollevarla dal letto di dolore in cui è caduta e non da ora, ma progressivamente, prima prostrata da disturbi temporanei, poi sempre più debilitata dalla guerre e dalle sanzioni, dalle varie fobie a cui ci ha portato la dipendenza dall’egemonia neoliberista che va in groppa alla subcultura americana delle sciocchezze, della violenza e della stupidità omologata. Certo se da oltre trent’anni viviamo di illusioni infantili e di rosari mediatici, mai intaccati da un barlume di intelligenza e di consapevolezza, sarà difficile strappare il velo che abbiamo sugli occhi piuttosto che sulla bocca. Non esiste più come al tempo di Pasolini un Paese pulito dentro un Paese sporco,  e se anche esistesse, se fosse sopravvissuto, esso è completamente impotente, senza rappresentanza, senza potere perché quello che può acquisire si trasforma  immediatamente nel potere degli inganni. Come abbiamo visto ormai infinite volte e come facciamo finta di non sapere.


Qatar. Non siamo più la loro Mecca

qat Anna Lombroso per il Simplicissimus

Non so se è successo anche a voi. Ma a me durante l’occupazione manu religiosa dei pellegrini stanziali durante il regno di Wojtyla, è accaduto di essere perseguitata dalla richiesta pressante di un accattone polacco  armato di un crocifisso con il quale mi percosse con ferocia, scontento del mio obolo insoddisfacente.

Succede, quando la carità non corrisponde alle aspettative del questuante, che rivendica la sua miseria, ostenta le sue infermità non sempre autentiche, stringe d’assedio il benefattore a volte aiutato da una torma di altri mendicanti in temporanea associazione di impresa, per costringerlo alla resa.

I nostri connazionali che hanno goduto delle opportunità offerte dal turismo cosmopolita in tempi migliori, se ne sono spesso lamentati, pensando all’aggressione degli straccioni a New Dehli, dei barboni che saltano su dai giacigli di cartone perfino a Manhattan, dei clochard pittoreschi come comparse di Nostre Dame al Quartiere Latino, dei mendichi torvi nei paesi arabi che esigono bashish, bashish.

Ma la storia anche prima della globalizzazione dimostra che a vecchi imperi se ne sostituiscono di nuovi, che predoni del passato possono diventare oggetto di razzie, e che qualche ladrone incauto venga derubato, anche se questa circostanza si presenta più raramente e viene trattata con lo sconcerto che accompagna la notizia del padrone che morde il cane.

Così, ormai addestrati a ricoprire il ruolo di pitocchi in Europa, costretti a ringraziare che le cancellerie ci onorino dandoci in prestito i nostri stessi quattrini da rendere maggiorati, ammessi generosamente a spendere festosamente del nostro per raccattare i prodotti riusciti male dalla superpotenza amica, e a insistere per offrigli anche i nostri paesaggi agresti come teatro per le esercitazioni di tiro al bersaglio, gratificati dall’opportunità di cedere i nostri tesori in modo che altri più abili e efficienti li conservino e li facciano fruttare, ci ritroviamo a chiedere bashish, bashish con l’insistenza proterva e molesta di chi non merita rispetto, perché ha dilapidato il patrimonio, si è fatto fregare come un imbecille, non riesce neppure a vendere la Fontana di Trevi come Totò.

Deve essere per quello che dopo l’ossequio tributato in patria e in trasferta dalle autorità, dopo i patti stretti a suggellare i vincoli di amicizia con trattati ufficiali, è di questi giorni la ratifica dell’accordo di cooperazione in materia di istruzione, università e ricerca scientifica, serpeggia nella corte dei miracoli degli autorevoli straccioni, il disappunto perché l’augusto interlocutore, il Qatar, dopo tante promesse, sembra voler stringere i cordoni della borsa.

Ma come? Se perfino Salvini deponendo  antichi pregiudizi, (il Center on Sanctions & Illicit Finance individua in Doha la regione con la maggior concentrazione di donazioni private, con l’avallo della famiglia reale e del governo, ai gruppi terroristici islamisti) si è presentato col cappello in mano a Doha, immortalato mentre festeggia il sodalizio con i petroemiri – fino alla mattina prima accusati di essere finanziatori e   mandanti del terrorismo, di voler infiltrare lo stivale con le moschee (per la loro edificazione quelli della Qatar Charity Foundation   versano ogni anno oltre 6 milioni di euro, seguiti dai turchi e dai sauditi),  fucine di radicalizzazione – immortalato con il mitra imbracciato come in una gita di commilitoni virilisti e bulli.

E la ministra Pinotti, per due volte alla Difesa, ne ha effettuate tre di visite ufficiali in Qatar nel 2016, 2017 e 2018, per perfezionare la vendita all’emirato di sette navi militari per un valore di 3,8 miliardi e altri pacchetti omaggio aggiuntivi.

Ma come? Se ci abbiamo tenuto a darvi a prezzi stracciati, a concedervi in comodato terreni, coste, immobili in qualità di graditi investitori dei quali è doveroso dimenticare origini e credo religioso, considerati allarmante controindicazione all’atto di affittare una casa o un locale  a un immigrato meno prestigioso, che come direbbe Cassius Clay ci si accorge di essere guariti dall’essere negri – o musulmani –  quando si diventa ricchi.

Ma come? Se siamo stati onorati dell’attenzione che la Qatar Investment Authority, il fondo sovrano del Paese, e la Mayhoola for Investment, la holding che fa direttamente capo all’emiro Al-Thani, ci hanno riservato facendo man bassa degli hotel di lusso, nel settore della moda, (nel 2012 l’emiro ha speso 700 milioni per acquisire il Valentino Fashion Group), occupando militarmente la  Sardegna (alberghi, golf, il cantiere di Porto Cervo per almeno 600 milioni, più i successivi lavori), rilevando a prezzi ridicoli il progetto di “rivitalizzazione” del quartiere Porta Nuova a Milano

Ma come? Gli avevamo confezionato   una legge urbanistica regionale confezionata su  misura dei loro  interessi immobiliari  in Costa Smeralda, il crac del San Raffaele ha propiziato l’acquisizione del cantiere fallimentare del nuovo ospedale di Olbia in modo che potesse trasformarsi in una health clinic a uso e cura esclusiva del loro flusso turistico esclusivo.

Ma come?  Ci siamo rimangiati tutte le denunce della minaccia dormiente del terrorismo, tutti gli alati elzeviri e i pensosi editoriali sulla incompatibilità delle religioni-stato con le democrazie, tutte le preoccupazioni sul rischio-meticciato, che perfino Salvini pur di distogliere l’attenzione dalla portata dell’accordo bilaterale con Doha, ha spostato i riflettori su altri timori, Cina in testa, abbiamo dovuto perfino tirar fuori dalla naftalina Casini che ribadisse la irrinunciabile linea  italiana di sempre: Europa, scelta atlantica e multilateralismo, simboleggiato dal sodalizio con il Qatar “per promuovere la pace e la concordia tra popoli, di cui la cultura e la conoscenza reciproca sono i semi più promettenti per il futuro”.

E come non ricordare che  Federica Mogherini, alto rappresentante Ue per la Politica Estera e di Sicurezza , quando l’Arabia Saudita nel 2017 insieme con altri Paesi, decretò l’embargo contro il Qatar, ricordò i buoni rapporti della Regione con  l’Emirato proprio come fanno gli Usa che accreditano l’ipotesi di una redenzione con il taglio dei finanziamenti a cellule terroristiche, smentendo quello che sosteneva Hillary Clinton, prima da segretario di Stato Usa e poi da candidata alla presidenza nelle sue famose mail rivelate da Wikileaks. E lei di finanziamenti occulti a nemici diventati amici a intermittenza se ne intendeva.

Ma come? Pensiamo all’emirato con la simpatia che lega due paesi per i quali il calcio è una fede, più della Chiesa e del profeta, con l’ammirazione che si riserva a chi lo ama talmente il gioco da comprarsi l’eccellenza delle squadre europee e pure i voti necessari, a suon di forniture di gas, a aggiudicarsi i Mondiali del 2022.

E guardiamo a lui con riconoscenza che si deve al cliente meritevole di ogni riguardo: secondo i dati del Ministero degli Esteri  il Qatar  ha superato la soglia di un miliardo di euro di forniture militari acquistate dall’Italia, tra elicotteri e navi da guerra, sino ai caccia di parziale fabbricazione italiana.

E adesso che avremmo  più bisogno di caritatevole pietà, di clemente assistenza, fanno vedere la loro vera faccia, crudeli come il re di  Sherazade che non vuol più stare a sentire favole e esige la libbra di carne che si è comprato sia pure a prezzo stracciato, come i mercanti di Tangeri, che gli schiavi li volgiono in buona salute.

Abbiamo appreso malinconicamente che la loro fuga dal Mater Olbia Hospital, d’altra parte realizzato dichiaratamente per invogliare la Regione a adattare le sue leggi paesaggistiche e urbanistiche ai loro voleri, e che comunque sarebbe stato adibito a pronto soccorso extra lusso al servizio dei connazionali in gita, ha dissuaso anche la Fondazione Universitaria Agostino Gemelli, che controlla pure la clinica “Columbus” di Roma dal confermare interesse per una struttura che ha perso la sua attrattività commerciale.

Ma non basta, si è appreso che l’ospedale di Schiavonia, provincia di Padova, donato dal munifico Stato arabo alla Regione Veneto, che secondo il direttore della lovale Usl avrebbe «spaventato» il Covid-19 «un po’ come fanno gli spaventapasseri con gli uccelli sui campi», non ha letti, macchinari, arredi e nemmeno il pavimento, come la casa molto carina della canzone o il nosocomio in Fiera, manco gli emiri fossero dei Bertolaso qualsiasi. Appena un po’ meno vergognoso del fratello meneghino solo perché lì sono stati spesi 21 milioni di euro (per 25 pazienti), mentre qui si tratterebbe di un regalo a costo zero per le casse regionali, anche se restano aperti gli interrogativi: montare e smontare una simile struttura comporta costi ingenti, per portarlo in Italia ci sono voluti cinque Boeing C-17, quelli che di solito trasportano carri armati.

Insomma Zaia è fiducioso, finchè c’è virus c’è speranza e magari, bontà loro, del Qatar e del Covid19, potrebbe servire per la seconda ondata.

Ma c’è da domandarsi, davanti a questa carità pelosa, vuoi vedere che non siamo più la loro Mecca?


Freud, la peste e i topi

0LEKD1IR-190x130In termini razionali è impossibile giustificare la paura della pestilenza in assenza della stessa: anche se il meccanismo mediatico ce la mette tutta per amplificare gli eventi e creare l’angoscia per quella che è una sindrome influenzale, alla fine non si giustifica l’accaparramento dei generi alimentari e la desertificazione dei luoghi pubblici accompagnata anche da una certa arietta di repressione come ad esempio l’abolizione di manifestazioni e scioperi come potenziali diffusori del morbo. Qui vediamo qualcosa di più e precisamente il riversarsi di una rimozione sociale freudiana su un evento che non ha nulla a che vedere con esso che enfatizza l’angoscia e ne nasconde le ragioni. E’ la sottrazione di futuro, la rimozione dei diritti, l’incertezza della vita o del lavoro, il ricatto continuo di paga contro sfruttamento e asservimento che si riversano in questa eterogenesi della paura. Non esiste più un pensiero coerente e forte da contrapporre a quello unico, non c’è possibilità di difesa e di riscatto visto che è riuscita alla perfezione l’operazione di introiettare le categorie di egosimo e individualismo sociale, di mercato come giudice supremo e di considerare la ribellione a tutto questo come una debolezza da perdenti che non adorano la concorrenza e il merito. Senza una teoria forte non c’è mascherina che tenga di fronte alle patologie neo liberiste e ci si arrende ai condizionamenti .

Per questo la paura irrazionale esplode altrove, quando c’è un minima possibilità di farlo e non avendo un contenuto effettivo, trascina con se, come un fiume in piena tutti detriti marcescenti che la corrente può trasportare e in particolare quello della paura dell’altro che il globalismo non ha cancellato visto che si è limitato in maniera grossolana ad eliminare l’alterità nel limbo mercatile. Così il governatore  veneto, Zaia un tipico rappresentante di infima cultura strapaesana abbinata a un disturbo narcisistico della personalità, ha tirato fuori il suo casso nella manica lanciando l’accusa finale: lo abbiamo visto tutti che i cinesi mangiano i topi vivi ed è per questo che si prendono e diffondo i virus. Ora la cucina cinese è nota proprio perché è l’unica nell’universo mondo nella quale nessun cibo sia esso di origine animale o vegetale, viene mangiato crudo e forse Zaia si confonde con la cucina giapponese che mangia spesso il crudo, ma che non essendo comunista va benissimo, sempre ammettendo che Zaia sia in grado di fare queste distinzioni non appena si allontana dalla sua provincia. Ma il testo dell’intervista va letto tutto perché esprime un complesso di ignoranza stratosferica unito a una ridicola forma di suprematismo veneto che stato suscitando ilarità dovunque:  ”  Sa perché noi dopo una settimana abbiamo 116 positivi di cui 63 non hanno sintomi, stanno bene, e ne abbiamo solo 28 in ospedale, sa perché? Perché l’igiene che ha il nostro popolo, i Veneti, i cittadini italiani, la formazione culturale che abbiamo che è quella di farsi la doccia, di lavarsi, di lavarsi spesso le mani, di un regime di pulizia personale che è particolare, anche l’alimentazione, la pulizia, le norme igieniche, il frigorifero, le scadenza degli alimenti. Lei dice “Ma cosa c’entra?” C’entra perché è un fatto culturale. Io penso che la Cina abbia pagato un grande conto di questa epidemia che ha avuto, perché comunque li abbiamo visti tutti mangiare topi vivi o altre robe del genere. Sa, è anche un fatto di corredo , perché il virus non deve trovare un ambiente che diventa un substrato , il virus deve trovare pulizia, quasi un ospedale. E noi siamo un po’ maniaci per questo, infatti i bambini ormai non mangiano più le cose che cascano per terra.”

Dunque questo Cartesio dei virus ha visto i cinesi che mangiano topi vivi e capisco che per uno come Zaia dev’essere anche un fatto di timore personale, ma il poveretto non ha minimamente pensato che 80 mila positivi su un miliardo e mezzo nell’epicentro dell’epidemia sono molto meno di 116 su nemmeno 5 milioni a 4000 chilometri  di distanza dove nemmeno avrebbe dovuto comparire il virus: in realtà stando a questi dati si vede bene come la diffusione del Covid 19 sia stata molto più veloce in Veneto che in Cina., ma bisognerebbe conoscere l’aritmetica elementare. Del resto cosa c’è da aspettarsi da uno nell’emergenza epidemia ha prima voluto fare il primo della classe bloccando tutto come se si fosse all’ apocalisse, poi si è lamentato di come i soli veneti, venissero trattati all’estero, infine ha chiesto di riaprire tutto come se niente fosse avvenuto: sembra proprio il topolino smarrito nel labirinto degli esperimenti. Di certo Zaia è l’ennesimo equivoco che scambia la grossolana astuzia di politicante di terz’ordine con l’intelligenza, ma si sa che in Italia i topi li votiamo vivi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: