Archivi tag: super inflazione

Contrordine in giallo nero

Francia, proteste a ParigiDa un decennio più o meno dall’inizio della crisi endemica,  una serie infinita di personaggi portatori di Icc, ovvero ignoranza caprina contemporanea e di Mpi, malafede patologica idiopatica, compresi tra questi il governatore di Bankitalia, hanno fatto circolare la tesi che la causa del nazismo in Germania fosse  stata la superinflazione. Erano i tempi in cui tra spread e zanzare bisognava convincere la gente che l’austerità imposta da Bruxelles era cosa buona e giusta per evitare l’inflazione senza controllo e dunque l’insorgere del fascismo. Una tesi quanto meno grottesca e utile alle sinistre di etichetta che già erano passate dall’altra parte, ma che permetteva di evocare lo spettro del fascismo tutto ciò che si opponeva al massacro sociale e al declino della della democrazia sostanziale.

Naturalmente e come quasi sempre ormai, si trattava di una balla colossale o di un errore autoindotto dall’ideologia: la super inflazione in Germania si produsse dopo il primo conflitto mondiale a causa dei danni di guerra e della devastazione territoriale ed ebbe come risultato la fondazione della Repubblica di Weimar e Hitler in galera. Al contrario fu la crisi economica partita dal crollo di Wall Street a determinare, dieci anni dopo, l’avvento del nazismo: essa infatti fu affrontata dai socialdemocratici con gli stessi criteri dell’austerità di europea di oggi, affidando la cancelleria all’economista Heinrich Brüning (quasi una fotocopia di Monti) che secondo scienza e incoscienza pensò di risolvere la situazione attraverso provvedimenti deflattivi, ovvero tagli drastici alla spesa pubblica in modo da avere le risorse per salvare le banche , riduzione dei salari, sostanziale soppressione dei sussidi di disoccupazione, ma aumento dei sussidi e degli aiuti alle imprese che di fatto se ne facevano poco nel momento in cui si restringeva in maniera drammatica la domanda . In un Paese umiliato per la sconfitta e tradito dalla sinistra sociale i ceti popolari si raccolsero attorno a Hitler, visto che i loro referenti naturali erano i principali responsabili della situazione e si erano allineati al capitalismo americano.

Ora per quale ragione mi occupo di questo? Perché la stravagante tesi che fosse stata l’inflazione a favorire la vittoria del nazismo, propalata per motivi politici, viene finalmente smentita proprio da quelle fonti che l’accreditavano o che comunque tacevano su certe ricostruzioni storiche acchiappacitrulli: proprio in questi giorni l’economista nobelato Robert Kuttner ha finalmente infranto questo muro di sciocchezze affermando che “non è stata l’iperinflazione tedesca a portare Hitler al potere. E’ stato Brüning con la deflazione”. E vabbè chi se ne frega, se per una volta qualcuno corregge il tiro? E sarebbe così se l’articolo in cui lo dice non fosse stato pubblicato quasi in contemporanea su Economist, New York times, Gardian, Indipendent e un ‘altra ridda di pubblicazioni tra le quali molte francesi. Troppo per non sospettare che sia una una messa a punto strategica dopo l’inaspettata jacquerie dei gilet gialli, quasi un suggerimento che le politiche di austerità volute da Berlino e attuate dalla Ue, possono avere esiti imprevisti. Si suggerisce insomma all’ubriacone di Bruxelles, al suo factotum che è uomo della Merkel e ai cazzi buffi di varia origine che lo circondano, Moscovici compreso, di non essere troppo fiscali o vendicativi e anzi di abbandonare la prospettiva austeritaria.

Kuttner, insieme a migliaia, direi milioni di altri ipocriti, fa finta di non sapere che tale prospettiva è consustanziale alle regole dell’euro e dunque non può essere cambiata se non attraverso un totale ripensamento dell’Europa neoliberista: qualcosa di impossibile  allo stato attuale delle cose e di impensabile senza prima una dissoluzione anche solo parziale.  Ma l’economista nobelato non è che si faccia troppi scrupoli per il fascismo nelle sue forme palesi, perché in ultima analisi il fascismo non è altro che una reazione illusoria alla subordinazione e deformazione dei bisogni al mercato, ovvero ai padroni che lo fanno, come pensavano tra gli altri Poliany e la Arendt. E anzi in qualche caso può venire utile per opporsi alle forze sociali quando queste rischiano di vincere e come strumento distrattivo di massa dalla disuguaglinaza, Ciò che importa veramente a Kuttner, il nucleo del messaggio lanciato a media unificati, è che le politiche austeritarie finiscono “per colpire tutte le classi”, comprese quelle il cui appoggio è necessario al disegno del capitalismo totale. La rivolta dei gilet gialli in Francia, così come la ribellione elettorale in Italia  ne sono una dimostrazione. Quindi attenti a non esagerare.

Un appello che non sarà raccolto perché è del tutto impossibile farlo sotto il martello degli interessi economico finanziari che hanno creato lo status quo che viviamo e sopra l’incudine della tentazioni egemoniche che hanno lucrato proprio su questo. E troppa gente mette la testa sotto la sabbia delle esecrazioni per evitare di capire. La nave rischia di incagliarsi e di naufragare anche se per caso in sala comando si invertissero i motori e si tentasse di virare.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: