Archivi tag: spie

Spioni e bari

Crypto-AG-1024x538Mike Pompeo, ex capo della CIA e attuale segretario del Dipartimento di Stato, è da oltre un anno ossessivamente alle prese con i potenziali pericoli spionistici derivanti dall’uso delle tecnologie Huawei 5G, sebbene più test sul campo abbiano già dimostrato tutta l’inconsistenza di queste preoccupazioni, false quanto all’oggetto specifico, ma invece reali a livello più generale visto che l’azienda cinese ha preso il comando della tecnologia wireless di quinta generazione e si è lasciata  gli Stati Uniti alle spalle a mangiare la polvere. La situazione crea un problema insormontabile per gli Usa che vogliono preservare il loro ruolo di superpotenza globale e questo non sarà possibile se la Cina domina la tecnologia delle comunicazioni e continua a essere il leader del settore nelle infrastrutture mobili di prossima generazione. La cosa in realtà meriterebbe una domanda che nessuno si fa: come è stato possibile che un Paese comunista o comunque ad economia pianificata, ampiamente arretrato fino agli anni ’70 , sia riuscito in cinquant’anni ad insidiare il cuore della potenza neoliberista che nel 1989 aveva dichiarato la sua completa vittoria planetaria e la fine della storia? 

Capisco che più ovvie sono le domande meno hanno probabilità di essere poste e individuate, ma ad ogni modo esiste anche una motivazione più specifica perché l’elite americana sia presa dal panico di fronte alla possibilità di essere controllata: il fatto di aver basato buona parte del suo gioco di dominio proprio sullo spionaggio. Per decenni, anzi per mezzo secolo i governi e i gruppi industriali di tutto il mondo cosiddetto libero si sono basati per la sicurezza delle proprie comunicazioni suoi prodotti di una azienda svizzera, la Crypto Ag, la quale vendeva sistemi criptaggio tipo macchina enigma un po’ a tutti, all’Iran come alle giunte sudamericane,  al Pakistan e contemporaneamente all’India, ai governi europei (compresa l’Italia, ça va sans dire) e persino al Vaticano arrivando in seguito  in seguito alle società di telefonia e alle banche. Il segreto più segreto, nascosto persino ai massimi dirigenti dell’azienda  era però che quella società apparteneva fin dal 1970 alla Cia con anche una partecipazione dei servizi tedeschi  (di qui lo scandalo che nasce quando si scopre qualche spiata americana in Germania). Naturalmente venivano vendute molte macchine truccate che consentivano all’intelligence americana di decrittare facilmente e in tempo reale i messaggi che venivano scambiati. Il rapporto tra la Crypto e la Cia risale però a molto prima: nel 1955, il fondatore dell’azienda  Boris Hagelin e William Friedman il capo crittografo dell’Nsa stipularono un accordo sottobanco  relativo alle macchine di crittografia C-52 che compromettevano la sicurezza  degli acquirenti.

Negli anni ’90 del secolo scorso, cominciò il declino del sodalizio quando il rappresentante della Crypto a Teheran venne arresto con l’accusa di aver venduto macchine truccate: la foglia cominciò ad essere mangiata da tutti nonostante le smentite ufficiali e le inchieste assolutorie del governo svizzero ed in effetti il trucco è stato poi confermato dai documenti declassificati della Cia. Intanto all’orizzonte si erano affacciati altri sistemi di spionaggio, come ad esempio Echelon e man mano la Crypto è decaduta fino alla sua definitiva liquidazione nel 2018. Si tratta di una storia conosciuta, nemmeno più segreta, che semmai viene rispolverata nelle guerre di interessi  fra corporation, ma che illustra il retroterra psicologico nel quale è nato l’affare Huawei: la paura tutta freudiana che altri possano fare ciò che si è fatto, ma soprattutto l’angoscia di essere passati in secondo piano, di non essere più alla testa della tecnologia. Il fatto è che la paura può essere facilmente fronteggiata con opportune contromisure, ma l’angoscia di essere scavalcati nel campo per tanti anni ha garantito l’egemonia geopolitica è difficile da contenere e porta a passi falsi: ci vorrebbe ben poco all’amministrazione americana per generare  un flusso di finanziamenti capace di favorire innovazioni che tengano le aziende statunitensi al passo dei tempi, ma si è scelta la strada bassa delle sanzioni unilaterali e delle molestie ai clienti del colosso cinese. E’ una dimostrazione di prepotenza, ma non di forza, che sembra nascere dall’inconscia convinzione di non potercela fare se non truccando il gioco. Sono lontani i tempi in cui l’ elite statunitense pensava di essere un buon giocatore, sia pure con qualche aiutino: adesso si sente così insicura che è costretta a barare.


Ecco a voi Googlespy

Matrix-World-MapNel giugno del 2009 Ahmadinejad, il grande nemico della Casa Bianca, fu riconfermato alla presidenza dell’Iran con una schiacciante maggioranza di voti popolari e Washington fu costretta a raccogliere tutti i suoi uomini e tutte le sue forze per tentare di contestare il risultato delle urne e creare uno stabile movimento di protesta. In quell’inizio di estate Twitter che compiva tre anni, aveva programmato numerosi aggiornamenti che avrebbero potuto compromettere per qualche settimana la funzionalità e l’immediata fruibilità del sistema, ma al portone di Jack Dorsey, capo del social network, si presentò un corriere con una missiva proveniente  dal Dipartimento di stato che imponeva lo slittamento della manutenzione per permettere la comunicazione fra i gruppi che tentavano di arrivare a un sollevamento popolare che in realtà abortì quasi subito riuscendo a radunare solo qualche decina di migliaia di persone a Teheran. Ma la cosa interessante in questa storia oltre all’utilizzo geopolitico di un social network è che la missiva a Dorsey era firmata da Jared Cohen l’unico membro del dipartimento di Stato ad essere sopravvissuto al passaggio da Condooliza Rice a Hillary Clinton e soprattutto l’uomo che alla fine di quello stesso anno passerà dallo staff governativo di Washington a capo della più importante struttura di Google, ovvero Google Ideas, il cuore pensante del colosso di Mountain View.

Ma c’è di più questo nuovo incarico fu in certo modo suggellato da un articolo scritto a quattro mani con Eric Schimdt, presidente di Google, in cui veniva vantato il grande potenziale  delle tecnologie informatiche  come strumento della politica estera americana: “gli stati democratici che hanno messo insieme coalizioni militari possono fare la stessa cosa con le loro tecnologie di connessione”. Quindi non dobbiamo affatto stupirci né della vastità delle menzogne che sono state diffuse sull’Ucraina, sulla Siria e oggi sul Venezuela conoscendo questi retroscena, peraltro mai rivelati dal mainstream che fa parte dello stesso sistema. Del resto Eric Schmidt ci riguarda molto più da vicino di quanto non si creda perché ha passato molta parte della sua infanzia in Italia a seguito del padre ( l’ho incontrato diverse volte in una altra vita perché abitava nel mio stesso palazzo) a lungo docente presso la Johns Hopkins University di Bologna. Erano gli anni in cui il Pci governava così saldamente la città da costituire una sorta di unicum in occcidente: ha così avuto modo di studiare i metodi con cui operava sia il meccanismo di consenso che di dissenso in una società non ancora atomizzata come quella americana. Del  resto Eric stesso ha più volte sostenuto che questa permanenza italiana ha cambiato il suo modo di vedere.

Ad ogni modo tale ruolo anomalo dei social e più in generale della rete trova assoluto quanto trascurato riscontro in molte delle 30.322 mail e allegati di Hillary Clinton e del dipartimento di Stato, incautamente passati attraverso un server privato, rese note da Wikileaks e di fatto mai rivelate da quei giornali come il Guardian o L’Espresso che in un primo momento avevano sgomitato per essere i fini dicitori di tutta questa enorme massa di documenti, ma che poi hanno riposto tutto nei cassetti. Nelle mail interne di una società privata di “informazione”, leggi spionaggio, come Stratfor si legge una lettera del vicepresidente  Fred Burton in cui si dice, per esempio che “Google riceve supporto dalla Casa Bianca e dal Ministero degli Interni, fa ciò che la Cia non può fare…” E in effetti troviamo sia Jared Cohen che Eric Schmidt in varie parti calde del mondo come se facessero parte di una diplomazia parallela: il primo lo troviamo con funzioni più direttamente operative in Afganistan nel 2009 per convincere le quattro principali società di telefonia mobile del Paese a trasferire le loro antenne su basi militari degli Stati Uniti o in Egitto durante la rivoluzione primaverile o ancora in Libano intento alla creazione del rivale intellettuale e religioso di Hezbollah, ovvero l’Higher Shia League che poi avrà un ruolo non secondario in Siria dove le attenzioni di Cohen si sono particolarmente concentrate.  Infatti è già dal 2006 che un cablo dell’ambasciatore degli Stati Uniti in Siria, William Roebuck, parla  delle “potenziali vulnerabilità” dell’amministrazione di Assad e dei “possibili mezzi per sfruttarle” nel quadro evidentemente di progetti geopolitici già varati. Qui Cohen entra in scena nel momento in cui bisogna concretizzare i piani e cerare attraverso la tecnocrazia della Silicon Valley una guerra civile sulla base dei malumori che nascevano dalla crisi agricola nella quale si trovava il Paese: nel 2010 è a Damasco assieme a un uomo del dipartimento di stato, Alec Ross (altro studente dell’Alma Mater studiorum bononiensis) e questi scrive alla Clinton: “Quando Jared e io siamo andati in Siria, è perché sapevamo che la società siriana stava diventando sempre più giovane (la popolazione raddoppierà in 17 anni) e il digitale avrebbe creato delle rotture nella società che avremmo potuto sfruttare per i nostri scopi”.

Schmidt dal canto suo opera in maniera più rarefatta, basta vedere l’elenco degli inviti alle riunioni annuali di Google Ideas (oggi Jigsaw che forse rende meglio l’idea): funzionari degli Stati Uniti, magnati delle telecomunicazioni, consulenti di intelligence, capitalisti finanziari, avvoltoi della politica estera,  produttori di armi e i loro clienti abituali, nonché i responsabili delle operazioni militari statunitensi. Tutte cose che in apparenza non c’entrano nulla con Google, ma affido a Julian Assange  che oltre ad aver buttato il sasso nello stagno con Wikileaks ha anche incontrato e parlato a lungo con i personaggi di cui abbiamo parlato: “Questo mondo sembra essere una successione di eventi simili: interminabili serate di fertilizzazione incrociata tra le élite e i loro vassalli, sotto la pia rubrica della “società civile”. La saggezza preconcetta nelle società capitalistiche avanzate è che esiste sempre un “settore della società civile” organico in cui le istituzioni si formano in modo autonomo e si uniscono per manifestare gli interessi e la volontà dei cittadini. Secondo questa favola, l’autonomia di tale settore è rispettata dagli attori del governo e dal “settore privato”, che consente alle ONG e alle organizzazioni senza scopo di lucro di difendere i diritti della persona, la libertà di espressione e controllare i governi. Sembra una buona idea. Ma se fosse vero un giorno, non è vero per decenni. Almeno dagli anni ’70, attori autentici come i sindacati  si sono ritirati sotto l’assalto violento del libero mercato, trasformando la “società civile” nel mercato di un compratore per fazioni politiche e interessi corporativi.” La rete gestita in questo modo e da questi poteri e per giunta in modo occulto si è trasformata nella principale arma del potere, il quale come suprema beffa nei confronti delle persone fa finta di demonizzarla come fonte di complottismo, fake news e mezzo di collegamento per rivoltosi come nel ciance del sultanino Macron. Al massimo si potrebbe dire che chi la fa l’aspetti. 


La guardia e il ladro

Macron-e-Benalla-nel-maggio-2017-quando-il-sig_-Benalla-era-a-capo-della-sicurezza-del-candidato_0Dopo tanto attivismo militare e mediatico destinato a deviare in qualche modo il malcontento sociale suscitato dalla loi travail e dalle sue applicazioni, Macron è scivolato su una buccia di banana così insidiosa da coinvolgere la presidenza in tutte le sue dimensioni, compresa quella personale. Lo scandalo Benalla sta facendo calare in modo impressionante la già scarsa popolarità di Macron che a stento già prima superava il 30% e che contrasta in modo stridente con le lodi sperticate dell’oligarchia europea che ne esalta i tagli ai servizi e alle pensioni, la rigidità imposta agli orari di lavoro e lo scasso dei diritti. Ma chi è Alexandre Benalla? E’ la guardia del corpo tunisina che Macron si porta sempre dietro e che ha tentato in tutti i modi di confermare nelle sue funzioni anche dopo il corteo del primo maggio, quando il gorilla presidenziale è stato filmato mentre,”travestito” da poliziotto si accaniva col manganello sulla testa di due manifestanti stesi sull’asfalto.

Il fatto che Macron non abbia ritenuto opportuno allontanare subito questo personaggio nonostante lo scalpore e l’indignazione suscitati dall’episodio, anzi la sua ferma volontà di tenerlo a tutti i costi, è stata la prima di linea di frattura politica, allargata dal fatto che Benalla era destinato a  diventare il capo di un nuovo dispositivo di sicurezza dell’Eliseo, dal silenzio totale del presidente sull’episodio incriminato, dalla stratosferica paga del personaggio che supera i 10 mila euro al mese su specifica disposizione macroniana, dalla lussuosa berlina con autista concessagli, dall’appartamento prestigioso messogli a disposizione, dalle tessere per entrare nelle aule parlamentari e dalle password per accedere a documentazioni riservate. Tutto questo per un personaggio conosciuto per la sua violenza al ministero dell’Interno.

Al quadro già pesante per il quale si preparano accese sedute in Parlamento, si è sommato  negli ultimi giorni un inquietante livello istituzionale quando sono giunte le notizie provenienti dall’Algeria, anzi dall’organo ufficioso del governo algerino, il quotidiano Algerie Patriotique, secondo le quali la guardia del corpo apparterebbe ai servizi segreti marocchini che sarebbero riusciti ad infiltrarsi ai più alti livelli del potere francese grazie a questo aitante giovanotto. Solo dopo tale ulteriore batosta e dopo il definitivo riconoscimento di Benalla nei video del pestaggio, Macron si è mosso e a quasi tre mesi di distanza dai fatti ha detto che l’episodio “è inaccettabile”. Nel frattempo però si è saputo che Benalla, abita nell’appartamento riservato ai bei tempi all’amante di Mitterrand, una circostanza quanto mai strana che ha definitivamente aggiunto un terzo livello e una nuova dimensione personale alla vicenda.

Naturalmente  quello che fa o non fa Macron nell’intimità sono fatti suoi, ciò che impressiona semmai è il complicato e barocco meccanismo messo in piedi per nascondere ciò che a un perbenismo feroce e cinico sembra sconveniente. Tanto più che non si tratta di un architettura episodica o solo a scopo elettorale, ma dura fin dall’adolescenza: se Freud fosse vivo il presidente francese sarebbe una pepita d’oro per la sua teoria psicanalitica estesa peraltro a una società che fa dell’apparenza la sua sostanza. In ogni modo e al di fuori di qualsiasi sfumatura di grigio, c’è da chiedersi con quale criterio Macron scelga le sue guardie del corpo, visto che il precedente favorito che lo ha accompagnato in ogni minuto della campagna elettorale, un gigante congolese alto più di due metri, soprannominato Makao, è stato beccato in un video nel quale lo si vede accompagnarsi a Jawad Bendaoud, mentore dei terroristi della strage di Parigi del novembre 2015. Ce n’è in abbondanza per il più aggrovigliato e forse anche divertente romanzo di fantapolitica o di politica tout court, ma ce n’è anche per suggellare il definitivo tramonto di questo golden boy delle oligarchie finanziarie che è riuscito in poco più di un anno a coniugare la protesta sociale susciatata dalle sue riforme con le dense ombre che si allungano sulla sua personalità. Poco male si troverà qualcun altro per reinterpretare il peggio.


La May sull’orlo di una crisi di nervino

930926530-k27-U43450785704330YdC-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443Cosa succede se la russofobia rischia di esaurirsi dopo che il Russiagate si è rivelato una bufala colossale e rischia di rendere le sanzioni contro Mosca solo un gratuito atto di ostilità? Succede che la ex gabelliera Theresa May, che ora svolge lo stesso mestiere dalla dependace di Dowing street, si inventa un nuovo e straordinario caso  Litvinenko per tenere vivo nella gente l’odio contro Mosca: un ex agente Kgb di Mosca, tale Sergei Skripal, un traditore degli anni ’80 finito poi in galera per parecchio tempo e infine scambiato nel 2010 con altri agenti russi catturati in occidente viene quasi ucciso con il gas  Sarin a Salisbury non lontano dalla sua lussuosa residenza da 340 mila sterline, graziosamente elargite da sua Maestà.

E’ difficile immaginare qualcosa di più assurdo e grottesco di questa storia che non sta in piedi da nessuna parte: abbiamo un ex traditore del Kgb ormai completamente bruciato e dunque impossibile da utilizzare sia da parte occidentale che russa, un personaggio scoperto, processato e messo in galera per una dozzina di anni a Mosca, poi liberato in funzione di uno scambio. Bene otto anni dopo la sua scarcerazione ed emigrazione in Gran Bretagna  i russi tentano maldestramente di farlo fuori mentre è seduto su una panchina utilizzando il gas Sarin inconsapevolmente contenuto in un pacchetto regalo portato dalla figlia di Skripal, appena arrivata dalla Russia. Insomma un modo totalmente assurdo per fa fuori qualcuno senza destare sospetti, tanto più che questo gas nervino dovrebbe essere stato distrutto da tempo visto che Mosca nel ’92 aderì alla Convenzione di Proibizione per lo sviluppo, produzione, conservazione ed uso delle armi chimiche. Insomma qualcosa che va oltre il masochismo e l’idiozia, ma ormai non è più necessario che una storia sia credibile per essere creduta, basta sparala attraverso i media e l’opinione pubblica se la beve liscia, senza nemmeno bisogno di un po’ di soda.

Fatto sta che essa ricorda molto da vicino la celebre storia di, Litvinenko prima agente segreto del Kgb, poi dissidente in ritardo, mitomane di professione che grazie a Berlusconi è riuscito ad avere qualche credito in Italia: i servizi russi avrebbero deciso di farlo fuori a Londra nel 2006, non in un modo normale per non destare particolari sospetti, bensì inventando un arzigogolato sistema di avvelenamento attraverso il Polonio 210, come a voler mettere una firma. Balle in libertà: dieci anni dopo Paul Barril,  fondatore dell’Antiterrorismo di Parigi fornì a un giornale svizzero una versione qianto meno molto più credibile: Litvinenko sarebbe stato eliminato per  aver tradito l’oligarca a servizio del quale lavorava, Boris Abramovic Berezovski (per la cronaca uno dei finanziatori storici di Navalny a dimostrazione che tutto si tiene) mentre a somministrargli il polonio sarebbe stato un italiano. I modi e i tempi dell’attenato furono comunque scelti e utilizzati dai servizi anglo americani per gettare discredito su Putin, grande nemico di Berezovski, nell’ambito di una un’operazione  denominata Beluga.

Comunque sia questa volta la cosa è ancora più sporca e merita molta attenzione: stavolta i russi. in un terribile attacco di stupidità e di ingenuità,  si sarebbero addirittura serviti in maniera totalmente impropria di un gas che non dovrebbero più avere e per giunta implicato nella propaganda occidentale sulla Siria, tanto da permettere alla magliara inglese un surplus di giusta indignazione, immediatamente condivisa dai cugini – padroni di oltre atlantico. Ma qui viene il bello: gli Usa ufficialmente (dalla  Gran Bretagna non pervengono notizie) sono gli unici ad aver firmato la Convenzione per la distruzione degli arsenali chimici in vigore dal 1997,  ma che non l’hanno mai attuata e da una quindicina di anni chiedono continuamente delle proroghe per poter mantenere gli arsenali pieni di gas nervino, addirittura simulandone l’uso durante le manovre Nato: secondi i calcoli degli esperti di cose militari gli States hanno sei volte la quantità di gas nervino che il resto del mondo, ovvero i Paesi come Israele ed Egitto, tanto per fare un esempio. che a suo tempo non hanno firmato la convenzione. Questa è davvero una vicenda straordinaria perché gli Usa hanno eliminato meno del 6% del loro arsenale chimico, ma hanno finanziato per il 36% del totale lo smantellamento di quelli altrui, compreso quello russo.

Quindi se vi serve del Sarin sapete dove andare a prenderlo.

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: