Archivi tag: Quote rosa

I buoni sentimenti

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Ieri e l’altro ieri l’elaborazione del lutto per l’uscita di scena dell’avvocato Conte si è concretizzata nell’ostensione sui social e in rete della cerimonia degli addii officiata del personale plaudente che si sporge dalle finestre del Palazzo. E poi lui, tornato semplice uomo della strada, che anticipa San Valentino allontanandosi per mano con la sua fidanzatina proprio come in un disegno di Peynet o nel finale di Tempi moderni.

È strana la nostra modernità intenta a riscoprire tutta la paccottiglia retorica delle sardine benpensanti restituendole  un valore morale, politico e civile, che poi a ben guardare è quello dell’ipocrisia che permette comodamente di credere a tutto, di rimuovere tutto, grazie alla costruzione di una falsa coscienza. La stessa  che ha attribuito a un presidente del Consiglio il ruolo di baluardo contro il fascismo reincarnato in quello che era stato suo influentissimo alleato, e del quale aveva firmato i provvedimenti infami. O grazie alla fiducia sempre rinnovata nella più alta carica che promette solennemente agli italiani un governo finalmente libero  dalle influenze e dalle pressioni partitiche e poi mette il suo sigillo alla  squallida formazione in campo di attrezzi  estratti dall’incubo berlusconiano.

Così nessuno nel teatrino dei buoni sentimenti ha ritenuto che fosse prima di tutto criticabile il tableau vivant del “compianto”  animato dalle  risorse umane di Palazzo Chigi, peraltro beneficate da alcuni provvidenziali arrotondamenti e aumenti a firma di Conte, dalle quali sarebbe legittimo aspettarsi un comportamento più consono agli usi istituzionali che ai riti della società dello spettacolo che aveva fatto irruzione nelle aule grigie grazie al dinamico comunicatore del Presidente, cui, c’è da immaginare dobbiamo le riprese in tempo reale della liturgia. Che poi tanto singolare non è: per gli amanti del genere basta andare su Youtube per godersi analogo spettacolo, sia pure in tono minore, riservato a  Prodi, D’Alema, Letta, Gentiloni e perfino a Berlusconi.

Ma stavolta l’audience è stata molto superiore, come hanno tenuto a farci sapere non solo i/le vedove/i dell’ex presidente, ma anche le penne intinte nel rosolio di alcuni commentatori e tra i tanti anche di qualche pensatrice che vanta un trascorso femminista. E che, anche loro, interpretano il flash mob dei funzionari della Presidenza come l’espressione di un sentiment popolarema non populista, per carità! -, di una emotività calda e domestica, ma appassionata, di una commozione condivisa che fa da controcanto all’algido ermetismo del tecnico bancario. Sicché sarebbe toccato a funzionari strapagati, burocrati privilegiati, dipendenti viziati e vezzeggiati  incarnare quei sensi e quelle espressioni dell’anima che fanno della tenerezza e della compassione i modi e i moti più belli e alti dell’umanità.

E mica basta, addirittura, si legge a firma di Ida Dominjianni, passata senza grandi evoluzioni dal Manifesto a Domani,  costituirebbe, quella manifestazione degli impiegati del palazzo,  “una spontanea smentita dell’inchino viscido al fascino discreto del nuovo potere che pervade tutti i mezzi d’informazione, segno che fra i sentimenti e i pensieri delle persone comuni e quelli veicolati da tv e giornali c’è – per fortuna – un abisso”.

Per quello, forse, stanotte ho sognato la ribellione dei Travet, lo sciopero bianco dei fantozzi che corrono per i corridoi e si affaccendano allo scopo umanitario di sveltire pratiche e accelerare procedure, ho immaginato il dinamismo operoso di mezzemaniche che si mettono al servizio dei postulanti e  perfino la ribellione silenziosa ma tenace volta a ostacolare le inique misure alla greca attese dalla nuova gestione e dal profeta dei tornelli.

Non c’era da aver paura dunque solo delle cattive letture che avevano accreditato un “pensare” femminista sconfinato nel  neoliberismo, quello che al posto del riscatto e della liberazione prospettava la sostituzione meccanica di maschi carogne con femmine più carogne ancora, dando spazio alle ambizioni e all’affermazione di una scrematura di genere che prometteva a chi godeva delle prerogative e dei  privilegi di nascita, rendita, affiliazione il successo, rompendo il soffitto di cristallo per prendersi un po’ più cielo degli uomini grazie all’integrazione e allo sviluppo dei caratteri della sopraffazione e del cinismo.  

Macché, grazie alla persuasione morale esercitata per convincerci della necessità del sacrificio di diritti, dell’opportunità della rinuncia a pensare che altro sia possibile e della condanna di passioni critiche, antagoniste a cominciare dalla collera, adesso c’è da preoccuparsi per il recupero di Alcott e di  Austen, impiegate per far conciliare ragione e sentimento, mettere a tacere l’orgoglio insieme alla dignità e dare rinnovato valore a qualche sano pregiudizio.

Perché senza tanto girarci intorno sono stati definitivamente sdoganati i preconcetti di genere più scontati, quelli che in nome della doverosa esaltazione di qualità in quota rosa, capacità di ascolto, messa a frutto del giacimento di esperienze e affettività costituito dall’essere madri, peculiare e genetica predisposizione alla coesione e dunque assunzione del ruolo guida connaturato per  l’inclusione nella politica governativa di valori “personali”, emozioni e delicate trepidazioni femminee, pare che l’unica obiezione ragionevolmente sollevata nei confronti del governo guidato dall’apostolo della distruzione creativa sia la rimozione della quota rosa in forza al Pd che ci ha privato dei servizi di De Micheli, e di quelli dell’insider di Italia Viva, Bellanova, nota per il suo prestarsi in favore delle taglie forti in falpalà.

Mentre  si è registrato un diffuso compiacimento per  le permanenza della Dadone (5Stelle) la vestale del “lavoro agile” nel settore pubblico che ha legittimato il part time e il cottimo per giovani e donne, passata alla storia per gli elogi rivolti dal Presidente Conte, in quanto modello replicabile del Pola ( (Piano organizzativo del lavoro agile), per aver partecipato ad una riunione di governo sul decreto semplificazione in diretta dall’ospedale dove aveva partorito.  

Che se poi i competenti sono donne allora c’è proprio da esultare, come fa la Conchita De Gregorio che si bea per la chiamata di  Marta Cartabia, “ex presidente della Corte Costituzionale, ridente alpinista, eterna riserva delle istituzioni, giurista di grandissimo valore”, una nomina significativa perché, scrive, “passare da Alfonso Bonafede a Marta Cartabia, al ministero di Grazia e Giustizia, è come togliere Al Bano e mettere Nina Simone”. Per dir la verità Simone ma anche Albano sarebbero stati preferibili a quella feroce beghina, espressione più alta della missione confessionale del governo ciellino, protetta del Papa e del re, inteso come il mai abbastanza detronizzato  Napolitano, bocconiana e dunque europeista frugale, autrice di un testo a 4 mani con Violante il generoso redentore dei ragazzi di Salò, impenitente crociata in campo contro il matrimonio omosessuale e altre sconcezze.

Eh si, donne, potete stare contente, è arrivato l’arrotino che grazie alla presenza nel suo esecutivo di ben tre donne autorevoli, prestigiose e competenti che mettono in ombra la presenza obbligata dalla realpolititik delle cheerleader del Cavaliere e della nativista leghista si occuperà di “colmare i divari” retributivi e di carriera, metterà a punto le misure eccezionali per combattere la disoccupazione femminile nel modo che questi killer imperiali conoscono meglio, affidarle a delle kapò capaci di versar lacrime mentre vi fanno entrare nelle loro camere a gas digitalizzate e agili.  


La prevalenza del Ridicolo

Anna Lombroso per il Simplicissimus

La prevalenza del ridicolo nella nostra società, che si esalta in tempi tragici, è allegoricamente rappresentato dall’apparizione della personalità distruttiva secondo Benjamin che risorge dalle rovine fiammeggiante di sdegno e rancore accanto alle due mutoline con bavaglio e gli occhi bassi come alunne ciuchine, a conferma che l’istituto delle dimissioni è di pertinenza delle quote rosa, dopo la Iden o la Guidi, in virtù del ruolo subalterno  delle donne come gregarie che recano umili e volonterose la borraccia d’acqua ai campioni.

Che  pure la maglia rosa ha rivelato anche ai più recalcitranti la sua vena macchiettistica, a cominciare dalla evidente incomprensione, denunciata dai toni burbanzosi dell’inguaribile spacconcello, di avere avviato una lotta destinata alla sconfitta contro l’inamovibilità dell’avversario, attribuibile non certo alle sue qualità di leader ma all’abilità di approfittare di una crisi che mette in ombra l’emergenza che l’ha fatta deflagrare  e che deve essere pompata nella sua drammaticità per  mantenere lo status quo.

Senza nemmeno entrare nel politico di uno stato di eccezionalità che autorizza alla sospensione del dibattito democratico, sia pure condotto da figure irrilevanti, che ha spazzato via con disonore qualsiasi forma di critica alla gestione dell’incidente della storia prevedibile ma trattano come un incontrastabile fenomeno naturale,  che vieta “moralmente” il ricorso al voto e invece impone obbedienza ai comandi sovrani di una autorità esterna, c’è sempre comunque da interrogarsi sulla “statura” dei burattinai in questo Paese, sulla loro tracotanza   demoniaca che li fa ergere sulla massa anche se hanno le fattezze e l’eloquio di Gelli, Delle Chiaie, del birba di Rignano, che proprio come er Cecato possono ordire trame, promuovere golpe e cospirazioni, intrighi e crimini, malgrado facce e intelligenze poco plausibili per la funzione di maligni influencer.

Ma, per tornare alla vignetta del boss che, direbbe la Crusca, esce le sue ministre di serie C sperando di sostituirle con altre ministre di serie B, che pur sempre femmine sono, più contigue e conformi a lui, la plastica raffigurazione dell’umiliazione cui vengono sottoposte le donne, perfino quelle arruolate nell’establishment alle cui regole si uniformano entusiasticamente, era stata preceduta da altra   “cerimonia” di rito civile e concretizzatasi in una letterina aperta di filosofa e scrittrice, “femminista militante” secondo curriculum da Wikipedia, Luisa Muraro, indirizzata appunto alle due figuranti di opposizione e di governo, Elena Bonetti e Teresa Bellanova, rappresentanti rispettivamente per le Pari Opportunità e per l’Agricoltura in quota PD  poi, trasmigrate come rondinelle. in Italia Viva, perché si sottraessero, cito, “alle manovre” del capo contro un governo che di “errori e danni ne ha fatti, così come tanti altri governi alle prese con la pandemia”, ma nessuno dei  quali “è così grave come quello che potrebbe fare Matteo Renzi”.

In questi mesi menti attempate ma autorevoli, intelligenze mature ma agili, sembra che siano state possedute dalla paura, contenuto forte della comunicazione delle “autorità”, comprensibilmente eh, visto che l’epidemia ha rivelato da subito i suoi effetti nefasti combinato con la cancellazione del sistema di prevenzione e assistenza, sulla popolazione anziana, sicché hanno limitato l’esercizio della ragion critica per manifestare un sostegno cieco all’Esecutivo e alle sue misure, baluardo e trincee contro il nemico mortale e nel timore che ad esso possa sostituirsene uno peggiore, quello incarnato dal babau neofascista del quale prestigiosi membri del governo sono già stati fedeli alleati.

Ma duole dover dare sempre ragione a Flaiano, quando la tragedia sconfina nel ridicolo, se una intellettuale   attivamente impegnata per la liberazione della donna dai condizionamenti economici, sociali e morali del patriarcato, raccomanda alle due comparse: “Mirate alla libertà femminile e al bene comune”, e anche “siate ministre del governo in carica, che può e deve migliorare la sua politica: date il vostro contributo, lo sapete fare. Vi chiediamo, in sostanza una prova della vostra indipendenza dalla politica che mira al potere”.

Che dire? Santa ingenuità? Beata innocenza, di chi chiede autonomia di pensiero e azione dal “potere”, quello della “bottega”,  da una ministra che sapeva fare così bene il suo mestiere di sindacalista e ministra  da gridare ai quattro venti le sue convinzioni sui danni di un ritorno a quell’Articolo 18, dal magnificare gli effetti progressivi del Jons Act, da ipotizzare un volontariato punitivo nei campi per i percettori di aiuti statali, o da un’altra esponente della coalizione che ha avuto una certa visibilità per aver rivendicato la presenza di quote rosa nelle 45 task force messe in piedi per gestire i brand pandemici fino a  farsene una tutta sua.

Mentre nessuna delle due vestali del focolare progressista si è espressa in merito alla notizia che non ha avuto gran risonanza, che sull’intero territorio nazionale, circa l’80% dell’occupazione femminile creata tra il 2008 e il 2019 è stata cancellata in tre mesi, tra aprile e giugno del 2020, quando è stato possibile cancellare quasi 200.000 posti di lavoro (guardando solo al Sud Italia) in novanta giorni, non per colpa del Covid, ma perché la diffusione di forme contrattuali  precarie e prive di garanzie, non suscettibili di essere protette neanche dal blocco dei licenziamenti messo in atto in questi mesi, è ormai costume generalizzato nel nostro Paese, che colpisce in maniera superiore le donne, come testimoniato anche dal Rapporto SVIMEZ. 

E difatti a dimostrazione della inanità di qualsiasi persona comune, sia pure con un curriculum stimabile e rinomato, rispetto alla strabordante sfrontatezza del ceto di regime, le due, poco prima di essere trascinate via per i capelli, come Wilma degli Antenati, dai posti conferiti loro, hanno risposto piccate a “ una donna di pensiero”  che avrebbe escluso aprioristicamente  “che la scelta condivisa da due donne possa essere liberamente ordinata a null’altro che alla ricerca di un bene comune possibile per il Paese”, reclamando il riconoscimento della  “libertà decisionale e autonomia femminile” delle loro decisioni in modo da “contare” in occasione della distribuzione oculata delle risorse del Recovery.

Si manifesta così la rivendicazione della funzione di marionette dell’intendente in braghe bianche al servizio del disegno totalitario che si realizza con rinnovate forme di  condizionamento e controllo totale su quel che resta delle democrazie in Grecia o da noi.  Alla faccia delle virtù di genere, delle leggiadre specificità, della superiore sensibilità e accortezza nel guardare ai bisogni reali, anche loro hanno diritto a partecipare dell’ “occasione storica per il Paese e le nuove generazioni” costituita dal banchetto di nozze coi fichi secchi dei nostri quattrini.

Ormai senza memoria e senza storia, uomini e donne vengono persuasi della bontà collettiva di sottomettersi in modo da conservare quel poco che si può grattare dal fondo del barile, per dimostrare la superiorità rispetto alla marmaglia ignorante, ribellista, infantile e irresponsabile cui bisogna imporre una guida forte o la repressione.  

E come all’interno delle società e dei Paesi di ripropongono le forme e i modi del colonialismo, lo stesso processo di riverbera e ripete nel contesto di genere quando le “affermate”, le “arrivate” usano l’immeritato status, l’impunità e l’immunità, l’arroganza che ne deriva per contribuire a intimidire ed emarginare quelle che anche tirando il collo non arrivano nemmeno a vedere il cielo sopra il soffitto di cristallo, arrivando a disonorare e manipolare anni di pensiero e rivendicazioni di genere e di classe, elargendo mancette etiche in forma di fondi  a disposizione di una scrematura di gruppi e associazioni in grazia dell’emancipazionismo neoliberista, propalando la lieta novella di confortevoli part time che permettono la desiderabile combinazione di lavoro e di cura, genitorialità assistenza.  

Al gioco delle parti che esalta la propaganda sul contrasto alla cultura patriarcale, alla violenza sessuale, al maschilismo semantico,  partecipano non sorprendentemente  quelle che dalle poltrone di Lagarde, von der Leyen, Harris, Clinton Merkel, dalle direzioni dei giornali, dalle fondazioni bancarie, dai consigli di amministrazione, dalle agenzie pubblicitarie esercitano discriminazione, oppressione, sfruttamento.  

Lo sanno bene quelle che grazie al mito della sorellanza universale sono state vittime della supremazia delle   bianche sulle nere, delle laureate sulle contadine, delle manager sulle operaie.

E lo sanno anche le “eretiche” quelle che si sono permesse e si permettono di non coltivare un altro frutto della prevalenza del ridicolo, quel pregiudizio favorevole di genere che legittima qualsiasi parola, purchè di voce di donna, che celebra arrivismo e sopraffazione autorizzati, ma solo per una èlite autoselezionata secondo i criteri mainstream, al fine di realizzare vocazioni e aggiudicarsi privilegi, alla pari e più dei maschi. Bella soddisfazione.  


Lasciate stare i santi subito

Anna Lombroso per il Simplicissimus

L’ipocrisia, oggi ridefinita in ossequio allo slang imperiale “politically correctness”, si declina in svariati modi.

Uno tra i più diffusi da che mondo è mondo consiste nell’indulgenza plenaria concessa a i defunti a partire da quando esalano l’ultimo respiro diventando “il Povero…” e qualche volta avviata già da prima. Il motivo è risaputo, la pietas serve a seppellire, con il caro estinto,  che troppo presto anche a 100 anni ha lasciato questo mondo che aveva contribuito a rendere migliore,  la colpa personale e  collettiva di “averlo lasciato fare”, qualche indubbia complicità data anche sotto forma di preferenza elettorale o  ovazione in piazza, la codardia disincantata che condanna a sopportare il Male nel timore che arrivi il Peggio. E guai a chi, ne abbiamo un esempio in questi giorni, si sottrae all’unanime compianto per esprimere un giudizio politico a posteriori su una personalità discussa e discutibile: viene soggetto a ostracismo e censura manco fosse un maramaldo che uccide un uomo – o una donna – morti.   

E c’è anche un’altra variante dell’ipocrisia, quella in quota rosa che ispira comprensione e solidarietà per le donne, grazie a un pregiudizio di  genere che non è soltanto emotivo e irrazionale, ma diventa ben presto disastrosamente deleterio, quando le lacrime della killer degli aspiranti pensionati incutono una comprensiva tenerezza,  quando si attribuisce a domestici sentimenti di amor filiale il salvataggio di banche e manager criminali, quando una sacerdotessa della negazione die diritti  e del neoliberismo economico, testimonial attiva degli interessi del totalitarismo finanziario e digitale, diventa  la paladina di quella scrematura di femmine di potere che spezza il soffitto di cristallo a colpi di ingiustizie apprese alla scuola di Wall Street.

Per restare sul caso in oggetto si corre un altro pericolo, a leggere le pensose riflessioni che girano in rete.

Jole Santelli, malata di cancro che in campagna elettorale rilascia interviste dichiarando la sua malattia – e diamole atto che la confessione non avesse il connotato propagandistico di riscuotere compassione da convertire in consenso – si candida e viene eletta malgrado le sue condizioni di salute siano precarie, con l’appoggio dei partiti dichiaratamente di destra.

Dopo meno di otto mesi al governo della sua sventurata Regione muore precocemente, sicché prefiche ma anche persone abitualmente ragionevoli accollano la prematura dipartita allo stress del suo incarico che sarebbe stata spinta ad accettare per abnegazione ma anche sollecitata dalla sua parte politica che l’avrebbe mandata allo sbaraglio per preparare ben altra successione, e si vede,  per usarla come madonna addolorata da esibire per coprire magagne, e si vede, secondo uno di questi giochi di potere dei maschi.

Il risultato è quello solito,  la condanna genetica e morale delle femmine al ruolo di vittime o almeno di gregarie, così introiettato da piegare ambizioni, talenti,  intelligenze al servizio dell’egemonia culturale patriarcale, fino a accantonare quel patrimonio di qualità e virtù muliebri: sensibilità, gentilezza, dedizione, capacità di ascolto e spirito di sacrificio.

Se una colpa ha il senatore Morra è quella di essersi scusato. E dire che era stato fin troppo blando se andiamo a vedere i tratti della dinamica e volitiva Santelli, decantata per essere una “tosta”, apprezzata per la sua aggressività bellicosa e il piglio irruente, se esaminiamo la sua militanza rivelatasi nella fucina dei giovani craxiani e poi diventata brillante e inarrestabile  carriera in Forza Italia,  se come è giusto, prendiamo atto di una certa disinvolta indole al “pluralismo” che la porta a diventare sottosegretaria di stato al Ministero del Lavoro nel Governo Letta. Ma soprattutto se diamo anche una superficiale scorsa alla sua azione politica in materia di intercettazioni, da oscurare in coincidenza di pruriginose rivelazioni sulle abitudini del suo leader, di atti di riforma del codice penale, anticipatori della feroce direttrice segnata da Minniti/Salvini, di regolamentazione della presenza e influenza di sacerdoti di religioni “altre”, e di matrimoni “misti”, “semplificazione” delle procedure di riconoscimento dei clandestini giunti sul nostro sacro suolo, solo per citarne alcune.

E anche se andiamo a rileggerci il florilegio di dichiarazioni e convinzioni espresse in tanti anni di esposizione al pubblico da “donna di legge” quando parla delle sentenze sul G8 di Genova, da “studiosa di diritto” quando guida la protesta contro gli immigrati “untori”, da responsabile del suo partito in tema di sicurezza quando ripetutamente chiede il pugno di ferro per contrastare l’invasione e perché no? da donna, quando si compiace della battuta del Cavaliere “sceso” in Calabria per sostenerla che dichiara “la conosco da vent’anni e non me l’ha mai data”,  e “ride di gusto” prendendo in giro il “femminismo d’antan” che non sa godere di questo garbato humor.  

Ascoltando le prime dichiarazioni di Biden abbiamo appreso che anche negli stati Uniti non è più in uso l’abitudine di chiedere ai candidati a importanti incarichi l’esibizione di una documentazione che certifichi il perfetto stato di salute, garantendo così di essere in gradi di adempiere ai propri obblighi elettivi e istituzionali con efficacia e efficienza.

In realtà dovrebbe essere un obbligo rispettato da chi si accinge a diventare un servitore dello Stato o un rappresentante della volontà popolare, autonomamente  per la consapevolezza che l’impegno che si accetta deve essere assolto come un servizio speso nell’interesse generale. Ma da qualche mese ancora più di prima, abbiamo invece appreso che i doveri vanno regolamentati e imposti di volta in volta, essendo stata dimostrata la incapacità e inadeguatezza antropologica degli italiani a assumersi responsabilità individuali e collettive, che chi transige deve essere deplorato moralmente, amministrativamente e penalmente.

E quindi, anche se non è gradita l’ipotesi che tra poco col certificato di buona condotta dovremo esibire anche l’app Immuni sul telefonino e il patentino di vaccinazione per accedere a pubblici concorsi, non sarebbe del tutto vana la pretesa che chi si propone per svolgere un servizio per la comunità e l’interesse generale sia cosciente e tenga conto di eventuali limitazioni e ostacoli che potrebbero ridurre l’esercizio delle sue funzioni. E non si parla solo di problemi sanitari, ma di legami opachi, come quelli che univano in una rapporto di antica intrinsechezza la Santelli e l’iper-votato Tallini già arruolato nella lista degli “impresentabili” dalla Commissione Antimafia, che confermano che è ancora forte il rischio sanitario di contagio rappresentato da Berlusconi e i suoi cari.  

Fatto sta che regna una gran confusione. E così chi denuncia la malattia viene perseguito dai “negazionisti” bipartisan che si sentono disonorati dalla verità.


Virus in quota rosa

retoricaAnna Lombroso per il Simplicissimus

C’era qualcosa che ha sempre accomunato le colonie estive, i convitti come anche gli istituti di accoglienza, case di riposo, ospizi dove vengono conferiti ragazzini o anziani: entri e ti accoglie un buon profumo di ragù e di intingoli succulenti. Poi scopri però che la mensa degli ospiti somministra insulse minestre, perché invece le succulente pietanze che avevano riempito l’aria di aspettative gastronomiche sono destinate alla tavola della direzione.

C’era dunque da aspettarsi che, essendo stati ridotti allo status di bambini poco diligenti da tenere in punizione e di vecchi rincoglioniti da rinchiudere e isolare fin  dai fatidici 60 anni, convertiti da età ancora produttiva in ultima frontiera prima del rimbambimento,  autorità e media ci avrebbero ammannito la stessa  zuppa riscaldata delle istituzioni totali, galere comprese.

Gli ingredienti ci sono tutti, con una certa prevalenza del dolciastro delle carote, quelle che si alternano con il bastone e quelle della retorica più stantia e infame. Nell’acquosa brodaglia galleggiano il ritrovato amor patrio, il richiamo all’unità nazionale, la presenza amica di forze dell’ordine e militari che si adoperano per reprimere e punire i trasgressori, le mance distribuite in attesa di provvidenziali helicopter money europei, già negati dalla madame della finanza,  e buatte di carne in scatola Nato, la resilienza promossa proprio ieri a resistenza di chi sta a casa ossequiente ai comandi, l’obbedienza convertita in virtù perfino da vecchi attrezzi della sinistra perduta, alla faccia di Don Milani.

E poi non possono mancare le figurine dell’album nazionale: medici ma pure muratorini, infermiere, commesse, pony, operai, magazzinieri  diventati magicamente eroi per permettere a altri di restare sul divano a vedere la casa di carta, immeritevoli quindi,  in virtù dello status di martiri e a causa del loro spirito di abnegazione, di quelle misure di protezione e profilassi proposte come necessarie ma che saranno adottate “dopo”, su bus, metro, negozi, ristoranti, spiagge, centri estetici, salvo pare gli ospedali dove si continuerà a morire di infezioni, cattiva manutenzione  e trascuratezza proprio come “prima”.

E siccome tra i santini da venerare devotamente insieme ai nonnini superstiti alla grande selezione cominciata già un bel po’ di tempo fa in ossequio al welfare aziendale delle grandi istituzioni economiche e finanziarie, ci sono anche le donne, plasticamente ritratte nell’immaginetta votiva di addetta sanitaria che tiene amorevolmente tra le braccia l’italietta malconcia.

Eccole dunque immortalate dalle cronache dalla pandemia in qualità di angeli del focolare, badanti regolari (le clandestine sono out, senza permesso e invisibili proprio come gli anziani che non possono più assistere), mamme adibite alla didattica più complicata in assenza di banda larga e rete, professioniste costrette loro malgrado al bucato e alla confezione di pane con le farine propagandate dal gotha degli chef, per carenza di quel personale di altre donne che hanno finora garantito la loro emancipazione, cassiere del supermercato, delle quali si era rimproverata l’indolenza deplorevole quando si sottraevano al lavoro nei giorni festivi e quindi in  nome di tutte loro non poteva mancare la rivendicazione delle quote rosa – del virus – fatali e inevitabili proprio come le zanzare ai primi tepori.

E come i molesti insetti, si dice che sarebbero necessarie all’equilibrio e alla conservazione delle specie.

Di che specie però si tratti è presto detto e basta guardare alle adesioni in calce all’inevitabile appello come da tradizione:  Noi Rete Donne, Inclusione Donna, Soroptimist, Ladynomics, GammaDonna, Community Donne 4.0, Differenza Donna Ong, Movimenta, Young Women Network. Manca la sigla delle damine si Tav, è vero,  ma si può star certi che siano rappresentate dagli organismi di cui sopra oppure che, come affermato in passato, siano compiaciute di delegare le loro scelte a mariti più competenti, se l’appello chiede che venga “data voce” alle donne,  inadeguate a prendersela.

Eppure sono proprio incazzate, si perdoni il termine poco adeguato all’egemonia del politicamente corretto, queste signore cui non basta l’ipotesi di una  profittevole sorellanza attiva con altro sodalizio di recente istituzione, quello delle dodici donne in forma di apostoli del Nuovo Rinascimento, perché dessero il loro contributo alla ripartenza del Paese e voluto dal ministro della famiglia e delle pari opportunità Elena Bonetti, come la collega Bellanova insider di Italia Viva del Governo,  promoter della scuola di formazione politica per giovani “Meritare Italia” di Renzi in probabile continuità con l’esperienza di scout cattolica.

E infatti protestano perché nella task force di Colao (che chiamano appropriatamente cabina di regia), non c’è posto per le donne, solo 4 in tutto, “grandi assenti nei luoghi di comando, laddove si danno gli indirizzi sul futuro ci aspetta”.

Non si tratterebbe soltanto di “un mancato riconoscimento al patrimonio di competenze femminili”, reclamano. “Ma non offrono nemmeno una giusta rappresentazione della nostra Italia”. E chiedono dunque che  fin da ora che nelle Commissioni e nelle task force, costituite e da costituirsi, per gestire la “fase 2” dell’emergenza, si valorizzi il talento femminile e sia inserito un adeguato numero di “donne capaci, commisurato alla rappresentanza femminile di questo Paese, che è la metà della popolazione”.

In coincidenza con l’appello intanto è arrivata una forte presa di posizione di Emma Bonino, prima gregaria di Pannella poi figlia di troika:  “l’Italia, dice,  rifiutando la meritocrazia, condanna le donne competenti a non assumere mai posizioni di prestigio e potere”.

Ecco, nella lista stilata sui lemmi della retorica pandemica avevo trascurato merito e competenza, che sono invece al primo posto per il prima e il durante, grazie all’occupazione di processi decisionali e comunicazione da parte di tecnici e scienziati impegnati a somministrare, come elisir  di lunga vita, opinioni, teorie personali, visioni profetiche e anche per il dopo, quando manager di successo personale e insuccesso pubblico preparano dopo il dispotismo emergenziale, l’arrivo del tiranno assoluto, il tecnico di comprovata esperienza in materia di stenti, austerità, tagli di servizi e diritti.

Si fa presto a capire cosa intendano le organizzazioni al femminile del Rotary, le associazioni di imprenditrici e professioniste, i think tank di manager in tailleur di Armani, l’illuminato benefattore,  per donne “capaci” e meritevoli di    entrare nei centri di comando, delle quali immaginiamo faccia parte Irene Pivetti in veste di dinamica business woman espostasi incautamente all’osservazione dei magistrati per l’importazione opaca e fraudolenta di mascherine dalla Cina.

Altro non è che quello che intende un pensiero post ideologico, post politico e post femminista,  che ritiene che a spaccare il soffitto di cristallo, quella invisibile ma invalicabile barriera che impedisce alle minoranze e alle donne di salire ai gradini superiori delle  scale sociali, indipendentemente dalle loro qualifiche o dai loro risultati, bastino le arrivate e le arriviste, quelle scelte dal destino, termine maschile quando definisce quelle che possiedono qualità proverbialmente virili, prepotenza e arroganze, o incaricate dalla Provvidenza, sostantivo femminile quando qualifica quelle benedette all’origine per appartenenza dinastica o sociale.

E infatti a pretendere non sono le commesse, le badanti, le lavoratrici e mamme part time poliedriche e esauste, le donne delle pulizie, la cassiere di Carrefour che come segnale incoraggiante per il dopo, licenzia già adesso, le precarie a casa senza futuro, le garantite cui spetterà la stessa sorte, macché, sono quelle che possono mettere nel curriculum della scalata aziendale la corruzione e il tradimento della rappresentanza di genere come referenza per future prestazioni dirigenziali, quelle che ce la fanno per nascita o perché si fanno avanti anche sulle spalle di altre donne, sottopagate, spesso migranti, alle quali subappaltano i lavori di cura.

Non so se esista ancora qualcuna che crede ingenuamente che le quote rosa delle élite possano “aiutare” le donne e la società, grazie a qualità di genere molto propagandate, indole alla cura, affettività, istinto solidale, quando gran parte del pensiero femminista è regredito rispetto perfino all’emancipazionismo, quando la liberazione delle donne, come la lotta di classe della quale deve rappresentare un fronte irrinunciabile, è stata retrocessa a avanzo arcaico da riporre nel cassetto degli attrezzi velleitari della sinistra che non c’è più.

O quando il politicamente corretto ha preso il sopravvento sulla pretesa di affrancamento se le rivendicazioni del diritto a essere ciò che si sente di essere, si limita alla richiesta di “ripulire” testi accademici e letterari, linguaggio quotidiano, fenomeni sociali da quello  che potrebbe essere ritenuto offensivo nei confronti di questo o quel gruppo di “emarginati”, invece di promuovere la critica e l’antagonismo a un sistema che sfrutta, umilia, condanna uomini e due volte le donne, a essere merce diffusa e poco valorizzata. O peggio quando qualsiasi critica all’operato di donne al potere, siano Lagarde o Boschi, Bellanova o Fornero, viene censurata con il sospetto di implicito sessismo.

Ieri la celebrazione più ingessata che mai del 25 aprile è stata condita dall’immancabile ostensione della gratitudine per il contributo delle donne alla lotta di liberazione. E difatti la gran parte di quelle staffette, di quelle partigiane, delle torturate e delle morte a Via Tasso a nei lager sapeva che di liberazione si trattava, non solo dall’invasore, non solo dall’olio di ricino, dalle botte e dai crimini fasciste, ma del riscatto da un sistema di sfruttamento, repressione, cancellazione dei diritti e della giustizia, che aveva portato in guerra e portato guerra, derubando, violando, affamando. Non combattevano per avere un posto del Cln o per partecipare dei fasti e delle poltrone della ricostruzione.

E forse siamo oggi così, umiliati, confinati, sottoposti a misure che violano la Costituzione per la quale hanno lottato, perché anche loro, dopo, hanno obbedito tornando a casa, in fabbrica, nei campi di riso, nelle scuole, invece di tornare nelle piazze a esigere il risarcimento, per quello che avevano dato con generosità, in libertà, pace, rispetto e giustizia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: