Archivi tag: Nebrodi

Smafiosi

fava Anna Lombroso per il Simplicissimus

Qualche giorno fa con il voto unanime dei presenti la Commissione antimafia regionale siciliana, presieduta da Claudio Fava, ha approvato   la relazione di 104 pagine di documento  sul fallito attentato ai danni dell’allora presidente del parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci, avvenuto la notte tra il 17 e il 18 maggio 2016 e sventato dalla scorta che si era resa necessaria a sua protezione  dopo che aveva subito minacce e intimidazioni.

La sua colpa agli occhi delle cosche locali era quella di aver introdotto  nell’area del Parco un Protocollo di legalità per regolare l’assegnazione degli affitti dei terreni da pascolo, prevedendo, anziché  un’autocertificazione, la presentazione del certificato antimafia anche per gli affitti inferiore a 150.000 euro, fino ad allora esentati. Il Protocollo si era subito rivelato un atto non formale o simbolico, al contrario era diventato il contesto giuridico e operativo per proseguire l’azione di contrasto ai clan locali della cosiddetta    “mafia rurale”  condotta da una task force di poliziotti e da un sindaco ancora nel mirino della cosiddetta mafia rurale che grazia alla collaborazione di alcuni imprenditori onesti  era venuta  a capo del sistema malavitoso che stava fruttando milioni e milioni di euro grazie agli affari sporchi del comparto silvo-pastorale,  sviluppatisi grazie alle indennità pagate con i fondi dell’Unione europea, intercettando    i finanziamenti pubblici e proseguendo nella normale attività criminosa: macellazioni clandestine, abigeato, commercializzazione di capi affetti da brucellosi  e tubercolosi, controllo degli organismi di vigilanza anche grazie a  ricatto e all’intimidazione degli operatori

Insomma quel Protocollo si era rivelato talmente efficace da persuadere i clan che era necessario togliere di mezzo l’incomodo organizzando  un attentato che il gip di Messina incaricato dell’inchiesta definì a suo tempo “ un vero e proprio agguato, meticolosamente pianificato e finalizzato non a compiere un semplice atto intimidatorio e/o dimostrativo, ma al deliberato scopo di uccidere ….commesso con tipiche modalità mafiose con la complicità di ulteriori soggetti che si erano occupati di monitorare tutti gli spostamenti dell’Antoci e di segnalarne la partenza dal Comune di Cesarò….Tale azione delittuosa induce a collegare tale attentato alle penetranti azioni di controllo e di repressione delle frodi comunitarie nel settore agricolo-pastorale da tempo avviate da Antoci“.

Nessun dubbio, dunque per gli investigatori e i magistrati. Invece la Commissione Regionale Antimafia smentisce il quadro di indagini e giudiziario e in quelle 104 pagine solleva dubbi, gonfia una bolla di diffidenza e sospetti che si concretizzano in tre ipotesi: la prima, quella appunto alla quale giunse l’inchiesta archiviata per l’impossibilità di individuare i colpevoli, che si sia trattato di un attentato mafioso fallito che intendeva eliminare “l’ostacolo”; la seconda congettura che sia stato solo un atto dimostrativo destinato non ad uccidere ma ad “avvertire” e intimorire il presidente del Parco. La terza sembra fabbricata in un libro di Sciascia e immagina che il povero Antoci sia vittima due volte, degli eventi di quella tremenda notte e di una infame messinscena che indurrebbe a sospettare di qualche burattinaio occulto che avrebbe simulato in cerca di notorietà. “Alla luce delle testimonianze raccolte – è scritto nel documento – degli atti acquisiti e delle contraddizioni emerse sotto il profilo testimoniale e investigativo, nessuna delle tre ipotesi può essere accantonata”.  Anzi, il presidente Fava insiste sulla terza insiste pervicacemente sulla terza ipotesi “La Commissione, ha spiegato, ha cercato di approfondire i numerosi interrogativi lasciati aperti dal decreto di archiviazione disposto dal gip di Messina (che presenterebbe lacune sul piano investigativo “che è difficile spiegare vista la gravità di quello che si suppone sia potuto accadere: il più clamoroso attentato di mafia dopo le stragi del 1992″)  e, al tempo stesso, di affrontare, attraverso una minuziosa ricostruzione dei fatti, le opacità, le contraddizioni e i vuoti di verità che permangono da tre anni su questa vicenda…. Abbiamo ascoltato tutti quelli che potevano portare un elemento di chiarezza, partendo da tre ipotesi che restano tutte in campo. Dalle contraddizioni che emergono, la meno plausibile sembra quella dell’attentato mafioso”.

Impegno lodevole a prima vista che sarebbe stato auspicabile si fosse manifestato qualche anno fa, quando la Commissione non ritenne di doveroso riservare a quello che succedeva nell’area del parco, agendo con altrettanta determinazione per portare alla luce gli  intrecci tossici tra criminalità e dirigenti politici e amministratori, tra  economia e mondo della finanza, su una cupola parallela che ha favorito il saccheggio di risorse e beni comuni, l’inquinamento di vaste zone del territorio, l’avvelenamento del  suolo e l’incendio dei boschi per favorire al speculazione, la contaminazione di aziende sane per assoggettarle.  Come ha ricordato lo stesso Antoci, la Commissione non ha mai creduto necessario indagare sulle connivenze che andavano verificate all’interno dell’apparato regionale che per anni ha assistito inerme ad un business che, per molti versi, si è rivelato per la mafia più profittevole del lucroso mercato delle droga,  sul sistema di collusioni  e sulle vessazioni subite da agricoltori e allevatori, sugli assassinii, i ricatti, gli appalti truccati, le truffe ai danni dello Stato e dell’Ue, il racket che intimidiva gli imprenditori e gli allevatori, i furti di bestiame, il commercio di capi malati con i conseguenti rischi sanitari.

Ci vorrebbe proprio il commissario letterario  Montalbano e la sua autorevolezza conquistata in TV, per far piazza pulita dei dubbi sollevati dalla Commissione, e non un oscuro vicequestore, che poi era lo stesso che aveva condotto con successo importanti investigazioni, Daniele Manganaro, il personale e  gli agenti di un piccolo commissariato che hanno rischiato quella notte (due sono morti poco dopo in circostanze ancora oscure) o il presidente, la cui rimozione anticipata dalla presidenza del Parco decisa dal suo partito, il Pd, la dice lunga sull’importanza che la politica attribuisce alla lotta contro la criminalità organizzata, e che ha commentato così il parere della Commissione: “sono basito…. Io sono vivo grazie alla mia scorta. Ci sono stati due poliziotti morti in 24 ore. Ci sono i milioni di euro finiti alla mafia dei pascoli. E l’indagine la fanno sulla dinamica dell’attentato”.

Mascariare in Sicilia siciliana non vuol dire soltanto coprire o tingere, negli anni ha preso il significato di sporcare qualcuno nell’onore, nella reputazione. Per poi assumere quello ancora più grottesco e osceno di infangare e screditare con le armi della legalità. Ha ragione Antoci, lui e quelli che negli anni gli sono stati a fianco nella sua battaglia e che quella notte gli hanno salvato la pelle avrebbero dovuto morire per essere creduti, per tutelare credito e stima, se i dubbi e i sospetti sull’accaduto riguardano la mancanza di una rivendicazione dell’agguato da parte di possibili autori intercettati, la presenza “di più attentatori .. e armati”, denunciata dai rilievi condotti su mozziconi di varie marche di sigarette che non avevano riscontro con quelli riguardanti i “soliti sospetti”, perfino sull’affidamento “sospetto” della delega per le indagini venga ristretta alla squadra mobile di Messina e al commissariato di provenienza dei quattro poliziotti protagonisti del fatto.

Per essere nel gradimento dei professionisti dell’antimafia, le forze dell’ordine (non quelle da scatenare in piazza, cui delegare la cura del decoro, contro poveracci di tutte le etnie) colpevoli di “aver violato le procedure”, di aver trascurato la comunicazione tra gli attori presenti sul luogo dell’attentato, di aver fornito testimonianze non completamente concordi, insomma di essere intervenuti con tempestività e sprezzo del pericolo di quello che secondo lo stesso Fava  si suppone essere “ il più clamoroso attentato di mafia dopo le stragi del 1992″ , dovrebbero essere morti, martiri, eroi da commemorare.

Che a questo è ormai ridotta la lotta alle cosche, che gode anche quella di una sua giornata come la Memoria, proprio come quella al razzismo che si accontenta dell’autodeposizione di un ministro particolarmente pittoresco, di un ambientalismo che si appaga del bon ton ecologico dei cittadini, esonerando il sistema di sfruttamento e abuso di risorse, territorio e popoli, di una pretesa di innocenza e di una rivendicazione di legalità di chi corrompe la verità e le leggi e usa la realtà e le leggi per corrompere.


Incendiari di governo

Anna Lombroso per il Simplicissimus

C’è stato un  tempo, non poi tanti anni fa, nel quale si pensava che uno dei caratteri fondanti della nostra nazione fosse la mitezza, qualità generosa e ragionante che aveva nutrito di contenuti ideali e morali le epoche del nostro riscatto. Oggi invece, vergognosi che potesse essere malintesa quella dote della nostra autobiografia,  restii a essere tacciati di buonismo o peggio ancora della poco virile umanità, determinati nel dimostrare che i cattivi sono quelli del passato con l’orbace, l’olio di ricino e il moschetto per distogliere lo sguardo da quelli in abito buono dietro alle scrivanie delle banche o dei desk da dove con un clic si sganciano bombe su bersagli remoti convertiti in inevitabili effetti collaterali , i nostri governanti hanno portato alla luce istinti da “riformati”, come si diceva una volta, da bassa forza debole e frustrata dall’esercizio dell’ubbidienza,  che vogliono mettersi su spalline, galloni, stivali e  pennacchi. Non bastava la Pinotti, evangelizzatrice del comandamento secondo il quale per conquistare la pace bisogna scendere in armi, non bastava Minniti che oltre al questore vuol fare anche l’ammiraglio, adesso perfino il ministro dell’Ambiente veste panni mimetici e lancia l’ultimatum ai piromani- che continuano a essere impropriamente chiamati così come se a piacergli fosse la fiamma come a D’Annunzio e non i profitti che ne derivano: schiererà l’esercito per difendere il Vesuvio, la Calabria , la Sicilia infuocate dai falò accesi, così ci rivela inaspettatamente, dalla manina nera dello criminalità organizzata. D’altra parte anche in questo caso la prevista soluzione finale, quella di una auspicata militarizzazione che spenga incendi veri o virtuali, disordini interni o portati da chissà chi, si colloca ben bene nel contesto della ideologia dell’emergenza cui si ispirano da anni i governi che si avvicendano, con l’intento esplicito di soffiare su crisi e problemi in modo che si gonfino fino a scoppiare imponendo l’instaurarsi di regimi eccezionali, la rassicurante presenza intimidatoria degli eserciti, l’innalzamento di muri e lo svilupparsi di provvidenziali recinzioni, l’affidamento a uomini della provvidenza di incarichi straordinari e il ricorso a leggi speciali.

In verità di leggi specialissime che hanno favorito che l’emergenza degli incendi si possa ripresentare ogni anno con prevedibilissima puntualità ce ne sono state e ce ne sono: sono quelle che con sfrontata protervia hanno attribuito pari dignità a territorio, risorse e beni pubblici e alle rendite fondiarie e alla proprietà privata, sono quelle che  hanno promesso benefici per tutti dalla svendita del patrimonio collettivo, sono quelle che hanno scelto di indirizzare formidabili investimento nella realizzazione di grandi opere invece di provvedere alla continua attività di manutenzione di suolo, terreni, corsi d’acqua, paesaggio. E sono anche quelle che hanno smantellato la molesta rete degli organismi di sorveglianza, paragonati ai vecchi tromboni costituzionalisti, ai fastidiosi parrucconi, agli odiatissimi sovrintendenti, la categoria più odiata dal bullo tuttofare  che malgrado sia un morto che parla pretende di essere ascoltato. E non è una novità che la corruzione ha avuto una così libera e straordinaria circolazione come un gas a un tempo esilarante per chi se ne giova e velenoso per la paga, da contagiare tutto leggi comprese, che come nel caso di alcune propagandate riforme in tema di programmazione urbanistica, lavoro, scuola, hanno avuto l’effetto proprio di autorizzare speculazione, illegalità, arbitrarietà, discrezionalità, iniquità, l’opaco intrecciarsi di interessi illeciti tra amministratori e imprese che hanno favorito la cessione di beni comuni e il loro esproprio, il culto della menzogna in merito alle magnifiche sorti del contributo dei privati con il project financing collaudato in leggendarie tratte autostradali, l’abiura del concetto di proprietà inalienabile generale anche dopo pronunciamenti referendari presto traditi.

Ma non basta, c’è da aggiungere il laissez faire, le burocrazie tirate in mezzo, sbandierate o criminalizzate all’occorrenza se sappiamo bene che le pendici del Vesuvio sono terra di nessuno di speculazione, malavita, commercio selvaggio di autorizzazioni farlocche, se non è casuale che le terre dei fuochi si chiamino così, se da Torino a Brescia, da Messina a Grosseto la mappa dell’Italba dal mese di aprile è punteggiata di roghi appiccati a depositi di rifiuti che fanno sospettare che dietro a fenomeni di autocombustione o alle dissennate azioni di piromani ci siano spregiudicati operatori del settore che trovano più conveniente incamerare il contributo erogato dai consorzi obbligatori e  disfarsi così del materiale accumulato senza sostenere i costi che la sua lavorazione o smaltimento legale comporterebbero.  Per non parlare dei dubbi tante volte sollevati  e denunciati dal presidente del Parco dei Nebrodi che le mani che appiccano il fuoco siano quelle dei pastori o delle guardie con contratti precari, incaricate delle mafie locali interessate a repentini cambiamenti d’uso dei terreni a fini speculativi o per la pastorizia, magari aiutata dai finanziamenti comunitari. E per non mettere nel conto  gli effetti perversi e sospetti della Legge Madia grazie alla quale è stato smembrato il Corpo F0restale con la conseguenza che dei 32 elicotteri in dotazione solo 4 si alzano in volo per fronteggiare l’emergenza.

Oggi i media fanno la voce grossa:  sarebbero 600 i piromani in azione, tra malati di mente, vandali, guardie a contratto, lupi solitari, malavitosi alcuni die quali colti in flagrante ma presto in libertà. Adesso arrivano i soldati a stanarli, tuona il  governo senza paura. E ci credo, mica se la prendono con chi fornisce i fiammiferi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: