Archivi tag: Mattarella

La piazza che spiazza

Finalmente si vede una reazione, finalmente le persone cominciano a protestare contro i coprifuochi e le aberrazioni di una narrazione assolutamente grottesca e falsificata della pandemia. Finalmente perché se i poveri ottusi della stampa padronale, incatenati per contratto alla realtà diminuita delle frasi fatte e dei pensieri fissi, vi vedono solo oscure trame ora della camorra, ora della mafia o dell’estrema destra o cercano di intestarle a personaggi risibili come Pappalardo, insomma rovistando solo ciò che fa comodo alle tesi primitive che esprimono, dall’altra esse sono anche il segnale di un riscatto cognitivo delle vittime designate che stanno ricominciando a riappropriarsi del mondo e della realtà del tutto eclissate in questi folli mesi. Stanno cominciando a capire che il virus da temere non è certo il corona, anche ammesso che sia realmente patogeno, ma sono le dinamiche che hanno permesso di trasformare un’influenza in una peste bubbonica per scopi di profitto e anche di trasformazione sociale, in un’occasione per sfoltire le piccole attività per darle in pasto alle grandi organizzazioni, multi, sovra e a nazionali.

Le piazze che abbiamo visto, i resistenti dentro i rari ristoranti che hanno sfidato il coprifuoco, la reazione di chi ha visto inaridirsi le proprie fonti di reddito o coartare anche le più elementari libertà costituzionali è non più disposto a farsi soverchiare in maniera incondizionata dalla paura non è soltanto un infrangere il falso tabù della protesta e dell’assembramento visto come un delitto e incoscienza, è anche un infrangere il tabù del falso quotidiano con cui viene asserita un’epidemia grazie all’uso di strumenti inadatti a farlo e per di più usati in maniera del tutto fraudolenta contando sulla connivenza, l’omertà e la complicità di un ambiente buro sanitario sanitario che viene lautamente ricompensato per farlo e insieme un j’accuse all’ipocrisia di chi finora non ha subito contraccolpi e a cui credere non costa nulla. In una parola chi protesta sta uscendo dall’incantesimo della narrazione e si sta rimpadronendo della propria realtà. Per decenni il sistema neoliberista ha fatto di tutto per confinare e degradare la consapevolezza, facendo annegare lo spirito critico dentro un mare di prescrizioni standard, di elenchi di politicamente corretto e scorretto, dentro una dimensione puramente addestrativa della scuola, dentro una fitta e densa narrazione di media comprati e ubbidienti. Tutto quello che disturba la regia deve essere eliminato e marginalizzato, oppure colpevolizzato, ridicolizzato o criminalizzato.

E’ talmente evidente il fastidio che stanno dando queste manifestazioni al tabù cognitivo della pandemia che persino il presidente Mattarella di cui qualche terrapiattista dice che è realmente vivo e non un ologramma, è intervenuto per dare il suo consiglio e il suo parere sempre così attesi e ficcanti: egli dice, almeno nelle parole del riportate dal Corriere, che molta della confusione deriva da un eccesso di comunicazione. In pratica ci vuole dire che non bisognerebbe discutere di nulla, che occorre soffocare qualsiasi tesi che contrasti con la versione ufficiale dei fatti, anche quando questa appare clamorosamente basata su falsi scientifici o quando propone misure che non stanno né in cielo né in terra, quando rovina per nulla interi ceti sociali, butta alle ortiche un’intero patto sociale e mette a rischio la stessa forma repubblicana . Persino lo stato ansiogeno in cui ci tengono non è dovuta all’informazione di regime e ai suoi riti mortuari, ma – parrebbe dire il presidente sempre così lucido e conseguente – è addebitabile a chi non se ne sta zitto mettendo delle pulci nell’orecchio alla popolazione.

Purtroppo non posso dire cosa ne penso di tutto questo perché capite che sarei tradotto nelle patrie galere e perché comunque anche la più raffinata scatologia non ha parole adeguate. Ma insomma alle volte basta annusare per capire di cosa si tratta perché dopo tutto l’olfatto è la parte più antica e primitiva del nostro cervello e basta e avanza per gli attuali livelli della politica. Le manifestazioni dunque non sono soltanto proteste, sono una presa di coscienza, la rivendicazione consapevole di cittadini che non vogliono più essere ammaestrati e tenuti buoni con iniezioni di paura, che vogliono discutere e cercano un’informazione di qualità che può essere garantita solo dal dibattito e dalla controversia, non certo dalla propaganda da quattro soldi dei media e dei virologi d’accatto. Ma certo c’è chi si accontenta, chi si vuole accontentare e dunque è liberissimo di demonizzare, ma l’importante è che in piazza o a casa o sul lavoro si ricominci a pensare.

 


La guerra dei beccamorti

Ci si potrebbe chiedere, qualora a qualcuno la testa fosse rimasta attaccata al collo, con il cervello ancora irrorato, quale senso abbia il coprifuoco dalle 23  alle 5 del mattino, orari in cui comunque circola pochissima gente rispetto al resto della giornata e questa gente è di solito giovane e in buona salute, con ben poco da temere dal Covid. Da un punto di vista sanitario ed epidemiologico nulla, ha lo stesso valore dei consigli sul quarto d’ora d’amore che qualche pagliaccio vestito da esperto non ha resistito a proporre, ma ha invece un grande valore antropologico e sociale perché non solo fa incombere sulla testa della gente  il peso di un a seconda ondata completamente e dolosamente costruita, ma evita che le persone stiano assieme, si scambino esperienze, impressioni, idee e stando insieme tornino alla vita e possano accorgersi della macabra farsa alla quale sono sottoposti. Lincoln disse che si possono ingannare tutti per qualche tempo e qualcuno per sempre, ma non tutti per sempre“, ma lui non poteva immaginare una società così marcia in cui il potere prova a sottrarre gli spazi fisici e mentali ai cittadini: gli spin doctor che guidano la narrazione pandemica sanno fin troppo bene che le persone isolate e lasciate davanti alla televisione, esposte come fossero contadini di Pol Pot a una continua rieducazione al Covid non hanno la capacità di sottarsi nemmeno emotivamente al lugubre racconto.

Ecco perché sono state demonizzate le manifestazioni contro le restrizioni delle libertà costituzionali o attualmente viene vietato qualsiasi tipo di incontro, non certo per i possibili contagi: questa gente è pienamente consapevole della debolezza dell’infezione e delle menzogne che propala, ma in ogni caso non ha alcun interesse reale per la salute dei cittadini, né quella fisica, né tantomeno quella mentale, al punto che ha colto ha colto l’occasione pandemica per sbaraccare la sanità pubblica mentre gli stessi presidi contro il Covid sono una roba da barzelletta come può testimoniare chiunque ci sia passato: il consiglio è di rimanere a casa con la tachipirina e andare al pronto soccorso solo in caso di peggioramento. Del resto si tratta esattamente di ciò che si farebbe in caso di influenza che fino ad ora era considerata un malanno piuttosto leggero, salvo che per chi è affetto da altre gravi patologie. In ogni caso non si può permettere che decine di migliaia di giovani affollino le mete della notte senza morire e senza nemmeno dare segno di ammalarsi, di essere solo positivi a test condotti con criteri che ne garantiscono l’assoluta inaffidabilità:  dopo qualche tempo potrebbero cominciare seriamente a dubitare e a volersi liberare dei beccamorti e del loro governo. Non è un caso che anche questa estate sia scoppiata la polemica contro le discoteche  senza tuttavia che sia stato specificato se sia morto qualcuno o l’assembramento ludico abbia avuto qualcosa più di un mal di testa e qualche linea di febbre: ma insomma qualsiasi affollamento è di per sé qualcosa di potenzialmente sedizioso perché sottrae le persone all’ipnosi.

Si tratta di una vera e propria strategia visto che l’isolamento sociale produce, come è stato ampiamente dimostrato da parecchi studi,  profondi cambiamenti nel comportamento, aumenta l’aggressività interpersonale e soprattutto fa crescere l’ipersensibilità alle minacce. Dunque più si sta insieme più la paura si sgretola, più si è soli più essa ci sovrasta: le misure anti Covid sono in realtà misure anti libertà e razionalità. Ma nonostante questo si teme che la caduta economica di straordinarie proporzioni possa comunque portare a reazioni tanto più violente quanto più sono rimaste compresse ed è per questo che il presidente di cartone ha convocato il Consiglio Supremo della Difesa con il probabile ordine del giorno di far intervenire l’esercito per far rispettare il coprifuoco. Del resto anche in questo Mattarella non fa che ubbidire visto che è stata la Germania ad avviare un progetto ad utilizzare i militari nelle zone di crisi Covid che possono anche essere fuori dai confini. Ed è del tutto evidente che si preparano eventi drammatici nel prossimo futuro.


Il Conte che non torna

Se non ci fosse un video a testimoniarlo si rischierebbe di essere presi per dei conta balle ancora peggiori di quelli che raccontano il Paese dai giornaloni e dalle fortezze Bastiani delle redazioni dove la realtà è solo l’eco del padrone: ma Conte è riuscito a sbagliare clamorosamente i numeri della cosiddetta pandemia moltiplicando i 35 mila decessi (con covid e non per covid che altrimenti si conterebbero col pallottoliere) e portandoli a 135 mila : molto più  e molto peggio di un lapsus perché non si è corretto e ha insistito tetragono su questa cifra anche dopo che pietosi suggeritori gli sussurravano, “ma no, sono 35 mila” e lui come un gallo cedrone con livrea da Caraceni a ripetere lo stesso errore. Così scopriamo che l’uomo che ha messo in ginocchio e in maschera il Paese, che per 6 mesi ha trasformato l’informazione in un bollettino funerario, che ha distrutto il 15 per cento del Pil e provocato, ma solo per ora, 600 mila disoccupati, non ricorda nemmeno perché lo ha fatto, in seguito a quali eventi, a quali necessità, a quali proporzionalità.

Certo si potrebbe prenderla a ridere perché questa incredibile  gaffe, peraltro censurata dall’informazione mainstream,  è arrivata  nell’ambito di un attacco ai cosiddetti negazionisti: “a coloro che manifestano pensando che il coronavirus non esista rispondiamo con i numeri”. Tralascerò di commentare l’idiozia della parola e del concetto di negazionista anche perché sarebbe fatica sprecata , pare chiaro che l’uomo, insieme al meccanismo mediatico che ne narra le imprese  non è un’aquila, ma una quaglia da supermercato, esattamente come i suoi seguaci distesi nella vaschetta di polistirene espanso e pronti ad ogni tipo di consumo politico ed economico, insomma l’ennesimo  mediocre  inferto al Paese. Tuttavia sarebbe un errore pensare che questa scena da fratelli De Rege, sia un fatto curioso, ma del tutto secondario e accessorio, un piccolo incidente senza importanza: esso invece strappa il sipario di un dramma imposto perché un abbaglio di questo tipo non può essere frutto di distrazione e confusione momentanea visto che ormai da sei mesi ogni cosa finisce in Covid, ma ha invece le sue radici nella invenzione dell’epidemia e nelle sue cifre costruite semplicemente attribuendo ogni decesso al coronavirus in caso di positività.  Essendo perciò numeri artificiali e modulati a seconda del risultato da ottenere e non della realtà sanitaria, possono sfuggire di mente e magari essere sostituiti da altri che inconsciamente paiono più consoni al “momento politico”.  Si tratta insomma di cifre fluide che non hanno mai contato se non in relazione all’impatto emotivo. Chi le ha costruite e diffuse è più legato a queste dinamiche comunicative che alla realtà e men che meno al rigore e alla scienza. Da qui nascono i cosiddetti gli errori.

La moltiplicazione dei morti, unico miracolo concesso a Conte che ha invece sta fallendo nella moltiplicazione dei miliardi europei, fa pensare che subito dopo le regionali che saranno probabilmente una catastrofe per il Cinque stelle e una sonora sconfitta per il Pd, ci sarà una nuova ondata di millenarismo pandemico, di segregazioni e di “misure” raffazzonate e risibili con cui cazzeggia il cosiddetto comitato tecnico scientifico: per il presidente del consiglio o forse dello sconsiglio la nuova ondata di paura corrisponde  alle barricate per rallentare o fermare l’avanzata di Draghi e rimanere a Palazzo Chigi nonostante le conseguenze economiche provocate da un governo di cialtroni irresponsabili e servi. Un desiderio così forte che il presidente del consiglio ha anche tentato di comprarsi Mattarella proponendo improvvidamente una sua rielezione al Quirinale e sta giocando presso un’opinione pubblica ormai impotente e lontana da qualsiasi lucidità, sull’idea di essere l’anti Draghi, essendone stato in realtà il tappeto rosso steso in attesa del grande svenditore ed essendo disponibile da ogni cedimento nei confronti della Merkel e dei frugali. Del resto cosa c’è da aspettarsi in un Paese dove qualcuno davvero può credere  che avere meno parlamentari renda più efficiente il governo del Paese? E’ chiaro che se non se ne ha nessuno ci il massimo al massimo dell’efficienza: che ci sta a fare il Parlamento?  Inutile sottolineare  che questa nuova battaglia a suon di Covid sarà un altro bagno di sangue per la nostra economia e che questo miserabile balletto di sopravvivenza politicante condotto su una mistificazione sarà una sorta di colpo di grazia per molta parte della piccola economia. Ma per carità riguardatevi, il Covid vi guarda.


Estinzioni

estinzione-permianoDagli Usa arrivano i primi numeri aggregati sull’ondata di disoccupazione da Covid e… sorpresa uno settori più colpiti oltre a quello del commercio e della ristorazione è il settore sanitario e dell’assistenza dove in tre mesi sono state licenziate poco meno di 3 milioni di addetti. Ma davvero pensiamo che questo possa accadere durante una vera e terribile pandemia? Non so, magari esiste chi riesce con sforzi sovrumani a convincersi anche di questo, però di certo qualcuno comincia a tirare il freno a cominciare dagli Usa stessi dove i ricercatori che stanno sperimentando il Remdesivir della Gilead, con esiti peraltro pessimi, dicono di non poter andare avanti per mancanza di contagiati e lo stesso avviene in Gran Bretagna per la messa a punto del fantomatico vaccino che con tutta probabilità non vedrai mai la luce. Ma anche da noi si comincia a rompere la crosta di consenso forzato alla narrazione epidemica: il professor Zangrillo, primario al San Raffaele ha aperto il fuoco dicendo che ormai il virus è “clinicamente inesistente” : è una cosa che qualsiasi medico onesto e non ricattato potrebbe sottoscrivere, ma la cosa notevole è che queste dichiarazioni sono state fatte di fronte all’Annunziata e su Open il sito sorosiano di Mentana, ovvero nel cuore pulsante della peggiore  covvideria globalista.

Chi ha anche una minima esperienza di come funzioni la televisione e l’informazione in genere sa benissimo come queste dichiarazioni non vengano  a sorpresa o casualmente, ma siano accuratamente preparate: che alcuni tra i maggiori referenti televisivi del Pd inneschino la marcia indietro è un segnale che per Conte suona come l’avvicinarsi di un redde rationem che ha il ritmo degli stivali di Draghi. Naturalmente nessuno ammetterà le proprie colpe per la gestione più assurda, incoerente e disonesta  della crisi  che si possa trovare nell’intero pianeta, per gli immensi danni provocati intenzionalmente all’economia o per il dramma della Lombardia innescato dal panico e dalla mancanza dei presidi sanitari territoriali – secondo il modello dell’eccellenza riservato a chi può permettersela – ma usato in maniera sciacallesca per aumentare la paura e al contempo per imbrogliare sui numeri, arrivando ad impedire le autopsie che in situazioni del genere sarebbero la prima cosa da fare. Tuttavia i luoghi da dove promana quella che fino a ieri sarebbe stata eresia da esorcizzare e condannare ad una grama esistenza tra i dannati di You Tube, fa comprendere che le vittime sacrificali della situazione saranno i Cinque stelle che si estingueranno come il virus e che la macchina piddina sta lavorando in questa direzione.

Purtroppo nessuno chiederà scusa al Paese, nessuno si attribuirà delle colpe. Anzi la massima parte di questi carnefici dell’Italia che hanno approfittato dell’occasione per svenderla, dei giornalai che hanno tenuto loro bordone, dei taskforzaioli inutili che si sono riempiti le tasche in misura proporzionale al vuoto della loro scatola cranica  e dei ladroni sceriffi di Comuni e Regioni che hanno mostrato a pieno il loro valore, cioè meno di zero, troveranno modo di sostenere che loro lo avevano sempre detto che si era esagerato. In realtà chiunque avesse semplicemente fatto caso ai numeri che venivano dalla Cina fin da febbraio si sarebbe potuto rendere conto che vittime e contagiati  rappresentavano percentuali irrisorie e simili a quelli di batteri o virus “banali” come quelli che provocano  le comuni influenze stagionali. Nonostante questo si è subito stabilito un vero e proprio culto pandemico e chiunque non agitasse fino in fondo il turibolo dell’angoscia e della paura è stato considerato un complottista assimilabile ai terrapiattisti, forse perché il virus è rotondo. Ma  insomma c’era modo e modo di interpretare la narrazione imposta e da noi abbiamo trovato la filodrammatica di paese che ha capito molto in ritardo il copione che doveva interpretare e che proprio per questo poi ha esagerato in maniera  catastrofica e ora è prigioniero della pandemia e dell’emergenza di cui ha bisogno per sopravvivere: non appena si allenterà la presa verrà in primo piano la drammatica crisi economica e istituzionale a cui l’esecutivo non potrà più fare fronte perché le chiacchiere sui miliardi gratuiti staranno a zero. D’altronde anche ai successori in pectore di Conte non dispiacerà troppo la militarizzazione del Paese e  gli impedimenti  alla formazione di nuove forze, con la benedizione del Palazzo “orgoglioso dell’Italia” come dice Mattarella che assolve in anticipo proprio per preparare l’ipocrita passaggio del Mar Rosso e avvisare il personale di macchina che la verità non verrà mai fuori.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: