Archivi tag: Johnson

Coveni, Covidi, Covinsi

Imagoeconomica_1370779-scaledIn condizioni eccezionali ci si rende conto di quella normalità che di solito viene equivocata o che fa comodo non vedere: ha fatto scalpore la frase di Boris Johnson che ha detto agli inglesi “abituatevi a perdere i vostri cari”, una cosa che sembra aver scioccato l’intellighentia (si fa per dire) italica per il fatto che il leader inglese avrebbe dato la precedenza al pil invece che alla vita umana. Com’è facile immaginare questo è un voluto equivoco della stampa euro adorante, perché il senso della frase di Johnson era diverso ed esprimeva  l’opinione scientifica prevalente in Gran Bretagna, ma di fatto adottata in tutti i Paesi europei, salvo qualche eccezione mirata più che altro ad incassare benefici pubblici a fronte di una produzione largamente diminuita per ragioni economiche (vedi Volkswagen) secondo cui è praticamente impossibile fermare un contagio già ampiamente diffuso e che le mezze misure all’italiana grazie alle quali si vieta la vita sociale e civile, ma si esige quella lavorativa, si chiudono i negozi e si tengono aperti i supermercati servono a ben poco, magari a rallentare una diffusione che ci sarà comunque, col rischio però di rendere endemica la presenza del coronavirus .

Quella espressa dall’elite inglese è naturalmente un’opinione, seppure fondata, ma che va presa come tale perché a dire la verità di questo nuovo agente patogeno si sa ben poco: nessuno può dire se si esaurirà, se diventerà praticamente innocuo, se provocherà una immunità costante come le malattie virali esantematiche o muterà di tempo in tempo come i virus influenzali provocando sindromi più o meno simili, non abbiamo nemmeno un’idea precisa di quale sia il reale rapporto tra diffusione e mortalità, perché finora si ha solo un’idea della relazione fra i contagi accertati e casi di morte, il che non significa molto in una patologia che nell’85% dei casi accertati  è praticamente asintomatica, senza parlare poi dell’assoluta inaffidabilità dei test. Ma tralasciando tutto questo, anche se le parole di Johnson avessero il significato che è stato attribuito loro, dove sarebbe lo scandalo? Non sono forse decenni che i tagli alla sanità vengono perpetrati in nome del Pil  rendendolo  così preminente rispetto alla vita umana? Non sono forse decenni che gli scandalizzati di oggi agitano vigorosamente  il turibolo di fronte alle misure di austerità che hanno fatto carne di porco del diritto alla salute, ai trattati europei che le impongono e all’ideologia neo liberista che le tematizzano? Chissenefrega se magari queste condizioni causano alla fine la morte di molte più persone  rispetto al coronavirus. Davvero non capiscono di essere stati tutti Johnson in sedicesimo e che lo scandalo è solo il fatto che l’ipocrisia venga apertamente svelata? In realtà lo stato di eccezione instaurato in Italia deriva dalla necessità di contenere momentaneamente il contagio, in modo che una sanità ormai al lumicino, messa molto peggio che altrove,  non crolli definitivamente, anche se questo costerà immense fette di Pil e rischi pure di essere controproducente.

Ma c’è anche l’idea – in un periodo di marcescenza politica senza riscatto  – che lo stato di eccezione approntato per nascondere le magagne di vent’anni di disarmo sanitario e sociale, possa fare estremamente comodo per instaurare una sorta di fascismo del capitale, per permettere ai poteri economici di saccheggiare i risparmi e portarsi via ciò che resta dell’industria e infine impedire qualsiasi opposizione reale. Non è certo un caso se poche righe di Giorgio Agamben su Quodlibet nelle quali  il filosofo, partendo dai dati disponibili, parla di “invenzione di un’epidemia” in quanto pretesto per la militarizzazione del territorio e la messa in mora delle libertà costituzionali , abbia trovato una risposta isterica in Micromega, pubblicazione della Fiat e ormai rappresentante della sinistra alla Lapo Elkann, nella quale si accusa Agamben di delirare, attaccandosi, per questo giudizio così volgarmente tranchant,  al “valore della scienza”. Peccato che Le Scienze, pubblicazione appartenente allo stesso conglomerato editoriale, mostrino pienamente tutta la confusione e l’incertezza che esiste sul coronavirus e sulla cosiddetta pandemia. Almeno leggere prima ciò di cui parla, no? Ma è del tutto evidente che certi cortigiani sono stati punti sul vivo quando qualcuno di loro ha fatto notare che si usa la paura per fare accettare alla gente ciò che in condizioni normali non accetterebbe mai.Tra l’altro il noto decreto con cui si è imposta la cancellazione della vita pubblica e sociale , se nell’articolo 1 specifica tutte le fattispecie vietate, nell’articolo 2 fa riferimento ad “ulteriori misure” non specificate ( magari un bel prelievo forzoso sui conti correnti, come si comincia a mormorare) , il che porta tutto questo completamente al di fuori della Costituzione.  Se non c’è più il terrorismo adesso c’è il virus, il che ovviamente non vuole affatto dire che non esiste  il terrorismo o il Covid 19, ma che la loro rappresentazione pubblica e dunque la loro percezione  è orientata politicamente e geopoliticamente, un fattore essenziale che molti ignorano o vogliono ignorare.  Adesso il potere ha testato definitivamente che le persone impaurite sono disposte a rinunciare completamente alla loro libertà e quindi sarà facile mettere in piedi una emergenza di qualche tipo quando occorrerà.  Questa è la vera malattia che preannuncia un rimodellamento di sistema.


Lo strano caso del dottor Johnson e di mister Farage

farage-ukip-incidente-aereoOggi avrei voluto occuparmi delle strane dimissioni di Farage dopo la vittoria e del passo indietro di un altro vincitore, Boris Johnson che ha rinunciato alla guida dei Tories nonostante abbia condotto la campagna per il brexit proprio a questo scopo. Avrei voluto, ma poi mi sono detto: non sarà che il solo accennare a  questi eventi così paradossali, alle dimissioni dei vincitori,  sia fare professione di complottismo? E per carità sappiamo quanto l’informazione globale così accurata, limpida, imparziale, così solerte nel distinguere i fatti dai commenti da aver abolito i primi a meno che non vengano fatti in casa, sia allergica a qualsiasi riflessione che non convenga al potere, chiamandola a seconda dei casi, complottismo, populismo, comunismo, utopia: perciò meglio stare alla larga da ipotesi e diciamo invece che la palla è tonda, che così è la vita, che sono cose che succedono. Mica vorremmo supporre che una rete di potere attaccatissima alla Ue come prezioso strumento dell’oligarchia , abbia imposto a Farage di fare l’anacronistico Cincinnato e a Johnson di sedare una voracità che pareva implacabile?

Come ho avuto modo di dire ieri riguardo all’Argentina, l’informazione globale rifugge dal tentativo di dare un senso alle cose, agisce sull’emotività proprio per evitare che le opinioni pubbliche si spingano oltre il recinto de dei luoghi comuni e delle reazioni immediate. Così ad esempio la questione dei profughi è lasciata o ai più bassi e miserabili istinti identitari e xenofobi o  a uno spirito di accoglienza spontaneo che si scontra  con i primi, ma senza  organizzarsi e imporre alla Ue di togliere le sanzioni nei confronti della Siria a cui oggi è dovuta una consistente parte della migrazione. Perciò mi guardo bene dal formulare le ipotesi più ovvie sul caso Farage – Johnson,  che non trova altre spiegazioni se non il ricatto e la vendetta per aver bastonato Bruxelles. Chiaro che non so quali siano gli argomenti utilizzati per chiedere ai due protagonisti del brexit un passo indietro, magari la rivelazione di qualche scheletro nell’armadio o magari minacce, cosa non del tutto da escludere visto che la campagna del brexit ha provocato per la prima volta dopo duecento anni l’assassinio di un parlamentare in carica giusto in tempo per suscitare nel “campo demoscopico” come dicono gli scienziati sociali ,un’onda emotiva favorevole al remain e proprio nei tempi giusti perché essa si consolidasse e si sedimentasse in opzione di voto all’apertura delle urne.

Ma vogliamo togliere al caso i suoi sacrosanti diritti? No di certo. E tuttavia, nell’ipotesi che gli sconcertanti ritiri dalle proprie ambizioni non siano spontanei e provocati invece da pressioni indebite mi sarebbe piaciuto analizzare il senso che essi hanno. Vendetta certo e le reazioni di Juncker particolarmente alcolizzato contro Farage non lasciano dubbi sulla concretezza di questo sentimento portante dell’Europa già visto all’opera con Grecia. Ma la rappresaglia sarebbe stata più efficace se i due fossero stati sputtanati direttamente e non semplicemente costretti a farsi da parte. Questo invece avrebbe un senso in altri due contesti: eliminare due avversari pericolosi nell’ipotesi che con qualche marchingegno si voglia mettere in piedi un nuovo referendum, cosa che nella storia della Ue non sarebbe inedito. O che gli stessi Farage e  Johnson avessero in realtà fallito in un loro inconfessabile obiettivo: quello di fare una carriera politica sulla base di un referendum che essi stessi non credevano di poter vincere, il cui risultato inatteso adesso toglie loro la ragione stessa della loro esistenza politica. E forse non hanno fatto proprio tutto per vincere. Che poi questo sia avvenuto con strizzate d’occhio al potere reale a cui sono offerti come parafulmini di rabbia popolare o non si siano resi conto – essendo essi stessi elite conservatrice – di cosa bolliva in pentola, è difficile da dire anche se personalmente propendo  per la prima ipotesi.

Vedete che faccio benissimo a non lanciarmi nel campo di ipotesi che per loro stessa natura sono complottistiche?  Sapete l’informazione corretta ci dice, per esempio, che non c’è da stupirsi perché Farrage già un anno fa aveva pensato di dimettersi: peccato che fosse in occasione della sconfitta elettorale alle politiche. Dunque una situazione diametralmente opposta, ma che volete che sia: meglio l’idiozia che dare un senso al reale. Soprattutto se l’esistenza di imbarazzanti retroscena, di giochi al massacro e di ricatti organizzati mette ancor più in rilievo l’esito di un  referendum vinto contro tutto e tutti, lo sottrae alla mitologia negativa nel quale si vuole incartarlo. Però è chiaro che se i cittadini vincono anche in mezzo a tutto questo, allora vuol dire che bisogna proprio fare a meno della democrazia. Sorry dicono  Juncker, Lagarde e Soros.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: