Annunci

Archivi tag: immigrazione

Sindacati e Confindustria, 4 amici al bar

bar-dello-sport Anna Lombroso per il Simplicissimus

Roma avrebbe avuto davvero bisogno di una bella manifestazione dopo le sua piazze rubate dal  Family days, da Berlusconi e Salvini e perfino dal concerto del Primo maggio ridotto a inventario di sfigati e stonati fuori circuito che offrono la più amara motivazione dell’essere fuori dal circuito commerciale.

Sono passati 17 anni dall’ultima piazza di lavoratori, quel Circo Massimo gremito da oltre due milioni di persone anche secondo la questura, convocati contro la modifica dell’articolo 18 da Cofferati, oggi arruolato nelle file degli aspiranti “domatori” del neo liberismo dall’interno della gabbia e dedito a elargire consigli di moderazione e realismo ai no-Tav: “non si può morire per una ferrovia. L’opera è utile per il rilancio dell’economia”.

La parabola si compie oggi con Landini, Furlan e Barbagallo e lo slogan #Futuroallavoro in temporanea associazione di impresa per  “dare una scossa al governo”, formula che riecheggia con maggiore vivacità e nerbo sulla stampa che vuole sottolinearne il carattere di fiera opposizione al governo come si addice alla personalità del nuovo segretario della Cgil del quale i maligni dicevano che con quel rissoso, impetuoso e verboso “Braccio di Ferro” il vero pericolo non è perdere il lavoro, quanto perdere l’udito.  E insieme a loro tanto per non creare vane illusioni sullo spirito che anima una ritrovata unità di intenti, purché contro  e mai per carità per cambiare a fare qualcosa in nome e per conto di sfruttati, umiliati, defraudati, ci sarà anche qualche non troppo sparuto drappello di confindustraili, richiamati alla collaborazione da Boccia  che ha definito gli attuali tempi “maturi per costruire un vero patto per il lavoro insieme a Cgil, Cisl e Uil”.

Dovessi dare retta alla nota regola secondo la quale una volta riconosciuto il nemico per essere nel giusto basta collocarsi dall’altra parte, toccherebbe sostenere il governo in carica, rivedere le obiezioni sollevate sul reddito di cittadinanza che qualcosa di buono deve avere se Calenda ci sputa sopra perché così un salario rischia di essere inferiore alla sine cura, in modo non da incrementare le paghe ma da abbassare il secondo per via della convinzione secondo la quale l’unica forma di uguaglianza possibile e desiderabile è che si anneghi tutti nelle privazioni, in basso, nello sprofondo di livelli inferiori alla sopravvivenza, salvo loro.

E a proposito di annegare, è evidente che il Landini Furioso ha scelto di salire sulla stessa barca nella quale saremmo condannati a stare coi padroni salvo il fatto che loro hanno il salvagente e che quella scialuppa la usano come tender il tempo necessario per salire poi nel transatlantico delle misure di sostegno per le imprese, dell’assistenzialismo che salva gli inetti, della indulgenza per avvelenatori e inquinatori, della rimozione di qualsiasi intervento contro fuga di capitali, corruzione, riciclaggio, della comprensiva indulgenza per azionariati che hanno scelto la strada dell’accumulazione passiva e parassitaria, grazie al gioco d’azzardo del casinò azionario, cancellando investimenti in ricerca, tecnologia, sicurezza, innovazione, salari dignitosi, quando non intraprendono la via delle delocalizzazioni, da sbrigare in tutta fretta, magari trasferendo in una notte baracca senza burattini, che sono meglio quelli d’oltre frontiera, ancora meno tutelati e pagati dei nostri.

E magari c’è qualcosa di buono anche in quel tanto di sovranismo che avrebbe dovuto motivare l’impugnazione del pareggio di bilancio in qualità di esproprio di democrazia, la disubbidienza ai comandi europei e alla condanna delle agenzie di rating che li legittimano, il rifiuto della distopia europea sulla quale il neo segretario scommette ancora: secondo lui basta  “partire dall’accoglienza e dalla solidarietà per costruire un’Europa diversa e fondata sul lavoro, i diritti e la democrazia”,  ingenerando il sospetto che anche per lui il tema sia l’immigrazione e il razzismo, contro chi arriva, che così si vince facile, e non contro gli “altri” veri, i poveri di qualsiasi latitudine compresi i terzi mondi interni, gli stranieri e gli indigeni. E qualcosa di buono o almeno di giustificato ci sarà pure nel populismo se chi dovrebbe rappresentare sfruttati e derubati, anche attraverso un sindacato nel quale la metà dei residui 5 milioni di iscritti è costituito da pensionati, ha permesso il Jobs Act, ha brontolato contro la riforma Fornero, ha taciuto sulla buona scuola che umilia il corpo insegnante,  ha siglato un accordo per un nuovo modello ispirato al ‘welfare contrattuale’ che apre la strada alla trasformazione della rappresentanza e della negoziazione in attività di gestione di  fondi pensione, mutue integrative ed enti bilaterali, in sostituzione privatistica dello Stato sociale.

Me le aspetto già le rimostranze dei leninisti di ritorno, quelli che si accontentano dei gruppi social “Io sto con Landini!” proprio come stanno col sindaco di Riace, appagati di sentirsi per delega sindacale e umanitaria dalla parte giusta, soddisfatti di guardare sul monitor una piazza con le bandiere rosse, compiaciuti di un bel sabato italiano in coincidenza con Sanremo e le canzonette solidaristiche.         Quelli che si sentono rassicurati di sulla stessa barca, o almeno a galla.

Che a affondare e soli, senza solidarietà e rispetto sono stati gli operai della Fiat abbandonati mentre l’azienda scappava e a loro si imponevano solo sacrifici con decisioni e scelte prese lontano a una distanza remota dalle sedi di lavoro e dalle loro esistenze, criminalizzati quando hanno tentato di battersi contro la democrazia officiata dall’amministratore delegato, sono quelli dell’Ilva ormai inabilitati perfino a scegliere tra posto e salute, che comunque sono a rischio tutti e due, sono quelli che pagano la logica imperante secondo la quale investimenti in Italia sono possibili soltanto se “garantiti” dai lavoratori  con la rinuncia ai diritti, alla sicurezza, alla tutela, alle garanzie, alla libertà, quelli cui si racconta che le opportunità occupazionali consistono solo nei cantieri delle grandi opere o nell’adattamento a certe economie di risulta, dei lavoretti, quelle chiamate gig-economy, con l’aspettativa illusoria di diventare imprenditori del proprio precariato, organizzandosi e essendo sempre più competitivi in comparti dequalificati, dove il lavoro non risponde a nessun talento, a nessun valore e a nessuna vocazione: distributori di pasti, magazzinieri e spedizionieri, postini e pony, o del turismo; tutti inservienti, banconieri, guide, animatori, intrattenitori magari in costume regionale, cuochi e baristi.

A affondare sono quelli che il sindacato non ce l’hanno né lo avranno mai, che vengono tenuti isolati in modo che non si riconoscano tra loro se non come utenti dei social, quelli che pagano la flessibilità dell’età delle incertezze, del contratto, del reddito, della previdenza e dell’assistenza, della proprio identità e dignità, anche quella ormai labile, aleatoria, come è sempre successo ai fanti, quelli in trincea, quella parte di esercito che sposti a seconda delle strategie dell’imperatore e dei suoi generali, i primi nelle righe davanti a cadere e quando loro sono a terra arriva le altre fucilate e giù anche le seconde file, e così via perché sono tanti, anche dalla parte che spara prima e che non è slava nemmeno quella.

 

 

 

 

 

Annunci

Lotofagi allo sbaraglio

I lotofagiAnna Lombroso per il Simplicissimus

Oggi mi corre l’obbligo di fare un uso privato del blog. Voglio rispondere a quelli che in questi giorni mi rimproverano per certe mie esternazioni.

Non sarei infatti doverosamente sul pezzo e in prima linea (o in primo clic)  come loro, per contrastare il fascismo di oggi, di quest’ora anzi, perché, pare, si sarebbe palesato d’improvviso con la sua cassetta degli attrezzi: autoritarismo, repressione, razzismo, xenofobia, virilismo, misoneismo travestito da culto della triade, Dio, Patria e Famiglia, senza annunciarsi con la soldataglia in Parlamento, anzi, sedendoci a pieno titolo grazie al voto di una marmaglia infantile e malmostosa.

Proprio come se si trattasse di un fenomeno naturale imprevedibile. Proprio come se l’incendio del Reichstag fosse stato un rogo appiccato da solito piromane inveterato, lo stesso che getta mozziconi e cerini per noia nei boschi della Sila o delle Madonie. Proprio come se questo incidente della cronaca non fosse stato preparato e favorito da decenni di fatti e misfatti che dovrebbero far intendere a tutti che il fascismo come il razzismo come la xenofobia,  sono le declinazioni del totalitarismo che sta imperando e che per affermare la sua egemonia era obbligato a soffocare le democrazie vacillanti prima con leggi elettorali, poi con gli obblighi e le rinunce imposte dallo stato di necessità, infine con la minaccia delle invasioni e la paura autorizzata come umana pulsione che ragionevolmente giustifica limitazioni delle libertà  e dei diritti.

Peggio ancora, la smaniosa ricerca delle responsabilità legate agli antefatti del tetro accadimento altro non sarebbe che una palese legittimazione dell’attuale regime, che non rimprovererei a sufficienza per la dimostrata accettazione dei ricatti europei, di quelli padronali interni e esterni, per una accertata incompetenza.

Ma anche e soprattutto sarebbe un j’accuse infondato e incomprensibile rivolto a quella società civile che si vorrebbe sempre incolpevole   e virtuosa rispetto al ceto politico vizioso e scellerato, alla quale si sono annessi sindaci e candidati in campagna elettorale folgorati dalla disubbidienza pur nella doverosa applicazione del Daspo urbano, madonne pellegrine naufraghe del potere perduto, in visita pastorale a navigli in difficoltà pieni di gente che hanno contribuito a ridurre alla fame e alla disperazione, esponenti di maggioranze obsolete intenti a ricreare verginità umanitarie, morali e pure giuridiche nel festoso oblio di misure discriminatorie che hanno reso definitivamente la legge disuguale per tutti.

La mia colpa consisterebbe è vero nel sottrarmi all’obbligo di arruolarmi apertamente in una delle due fazioni, quella del “prima”  più affine, si dice, a un ceto depredato di valori e tradizioni che si rifugia in care memorie vintage via via tradite e oggi improvvisamente recuperate al mercatino del riformismo filocapitalistico.   Ma più grave sarebbe  invece  quella di non partecipare al compiacimento generale per qualche cittadino per bene incaricatosi di redimere un popolo che ha accettato leggi razziali senza obiettare, che ha esercitato accoglienza solo quando serviva a impiegare in lavori poco retribuiti e non garantiti un esercito precario  condannandolo alla irregolarità, che comunque ha preferito la carità  alla solidarietà, avendo mutuato in questo il costume dei governi che si sono succeduti, a suon di mancette, di tardive sanatorie, di politiche del non lavoro intese a creare lacerazioni divisive e conflitti e ad abbassare i livelli di protezione  e garanzie per tutti.

Eh si, mi aggiro in rete come una molesta savonarola, come una fastidiosa apocalittica, come un piagnone cui non va bene niente, quando invece tutti dovremmo concorrere a quel salvifico ottimismo che ha goduto anche di successi bipartisan con le omonime giornate dell’ottobre scorso a Firenze, ospite il Foglio,  per guardare al futuro “senza farsi vincere dal declinismo”. E che oggi trova nuovi apostoli dopo il coach di Rignano, grazie alla giuliva indole profetica del vice presidente che vede anche lui la luce in fondo al tunnel e sente già il gioioso scoppio del boom economico coprire la sirena della recessione proclamata.

Per carità si capisce che per ragioni di consenso e di governabilità serva qualche canna, qualche flebo, qualche ricostituente sotto forma dell’esempio edificante di italiani brava gente, di magistrati intraprendenti, processisti a intermittenza e assolutori a comando,  perfino di altri tunnel e gallerie portatrici di benessere e posti di lavoro, nei quali far correre treni veloci doviziosi di merci.

Lo aveva ben capito il cavaliere oggi rimpianto anche da insospettabili che possedeva il talento di regalare sogni alle stregua degli imbonitori televisivi, dei banchieri dentro al cerchio e degli immobiliaristi delle città  satelliti del presidente costruttore, dopo tanti funerei e severi sacerdoti di morigeratezza. Lo aveva capito perfino quella personalità distruttiva che dalla rottamazione era transitato spensieratamente al “fare”, all’agire, con il vitalismo citrullesco e caciarone dell’allenatore di calcetto della parrocchia, determinato a fare dell’Italia un “paese da bere”, peccato che se lo volesse trincare lui al servizio dei suoi padroni che intanto continuavano a imporre a quelli fuori dell’osteria privazioni, rinunce e austerità. Lo capisce anche l’impresario della paura all’Interno, che alla narrazione quotidiana della catastrofe già iniziata e che solo lui sta contrastando come un nembo kid padano fa succedere il delirio futurista per l’alta velocità,  portatrice di prosperità e floridezza per le italiche genti.

Non sarò mai una seguace dei cattolici francesi raccolti intorno a Esprit che sostenevano che alle piccole paure di ogni giorno sarebbe stata preferibile la grande paura, capace di galvanizzare tutti e suscitare quell’ottimismo tragico che saprebbe ridimensionare le ansie del presente e fornire una interpretazione della realtà e del domani fondata sulla salvezza e la redenzione, a metà strada tra la neghittosa disperazione dei profeti di sventura e il beota buonumore dei parroci di campagna di una volta.

E se sarebbe giusto che si trovasse un compromesso tra Eschilo e gli Zanni, tra Cassandra e Paolo Fox, continuo a ritenere che in carestia di volontà, anche quella espropriata, sia preferibile conservarci finchè si può l’intelligenza, ormai rara e ridotta a importuno optional, con tutto il suo pesante carico di pessimismo e quindi di consapevolezza, di responsabilità e di collera paziente, perché la strada per la giustizia, l’uguaglianza, la libertà è ardua e lunga, probabilmente infinita,

 

 

 


Attenti al placebo

cerusiciAnna Lombroso per il Simplicissimus

Fate conto di essere dentro Addio alle armi, e proprio nell’ospedale dove la bella e trepida Catherine porta soccorso ai soldati feriti a Caporetto. Infatti ce n’è uno giovane che si dispera dal dolore. Il chirurgo deve tentare l’operazione,  chiama Catherine e “anestetico”, grida, ma l’infermiera scuote la testa: è finito. Allora il vecchio medico inietta dell’acqua distillata nella vena del paziente: ecco la morfina ti farà bene, dice, e subito il volto del ferito mostra sollievo, gli occhi si chiudono pacificati e non saprete se si è assopito o è morto, dolcemente.

È l’effetto placebo. E anche se non siete là, nel romanzo a lungo vietato in Italia per i suoi contenuti disfattisti, quell’effetto lo dovreste conoscere bene, perché ogni giorno in qualità di pazienti ve ne somministrano un po’ sotto forma di gocce, supposte, iniezioni in pieno contagio della peste, non tanto per alleviare le vostre pene e gli spasimi delle ferite, né tanto meno quelli dell’arto fantasma (che in questo caso potrebbe essere il domani mutilato, la speranza, la dignità, il coraggio) ma per quietarvi, indurre un pacifico letargo mentre infuria il morbo. Oppure, meglio ancora, persuadervi che mentre siete sotto cura c’è qualcuno che pensa e agisce al vostro posto e che per il vostro bene vi propina quell’acqua distillata ai cui benefici siete obbligati a credere come a una mano santa, come a una carezza materna, o a uno sbuffetto paterno. O, peggio, farvi lamentare per un male che nemmeno c’è, così vi distraete dall’acciacco vero.

Come non credere che siano sotto l’effetto del placebo quelli che intorno al 27 gennaio si consolano che nell’orrore di tanti anni abbiano trovato posto e funzione redentiva alcuni “giusti” con la funzione di riscattare masse di scimmiette intente a non vedere, non sentire, non parlare, così come si appagano oggi che sindaci in precoce campagna elettorale si mostrino con la fascia della disubbidienza e qualche presidente di regione, magari già in veste di candidato, inizi la procedura di ricorso alla Corte Costituzionale del decreto del più empio dei ministri, aspirando a far dimenticare che nulla di ciò è stato fatto in occasione di altre leggi razziali del passato anche recente, né tantomeno con i codici Minniti che estendeva il concetto di “razza” da emarginare e cui togliere prerogative a tutti i soggetti a rischio di qualsiasi etnia e colore, purché poveri, come ebbe a dire Cassius Clay che smise di essere negro quando diventò miliardario. E così come si sentono a posto con la coscienza quando qualche cittadino per bene accoglie gli espulsi due volte, dalla loro terra e perfino dai centri di “accoglienza”, così da far sentire tutti italiani brava gente anche se non si è regolarizzata la badante, se non si è messo il casco in testa al muratore pagato in nero, se gli unici stranieri che si pensa non svalutino la proprietà e non offendano il decoro del rione sono gli americani caciaroni e ubriachi ospiti del B&B del terzo piano.

E non vi pareva un placebo l’erogazione della paghetta di 80 per un popolo di ragazzini scapestrati e mal cresciuti, in modo che si balocchino mentre  i grandi possono scialacquare in profumi di gran soldi per banche criminali, opere criminali, aerei e bombe criminali, che tanto l’unico diritto/dovere concesso è quello di consumare, di subire ricatti per conservare il salario da spendere per quel succedaneo della vita che è la sopravvivenza, resa più amabile da qualche “capriccio” una tantum per adulti e anche per piccini abilitati a ricevere immeritatamente il bonus “cultura”.

E in cosa avranno intinto quella zolletta di zucchero per farci digerire i grandi eventi e i grandi interventi che riassumono in sé tutti i paradossi più insensati: lavoro sotto forma di volontariato, mangiatoie e greppie laddove le mense delle scuole sono una palestra di esclusione e non si arriva a fine mese e si ripristina l’usanza del tazzone di caffelatte la sera, stadi per circensens quando manca il pane, alta velocità per il trasporto di beni di lusso: più assorbenti che tartufi, e die pacchi di Amazon, mentre nella capitale della cultura c’è una stazione come monumento inutile ma non ci sono binari né treni, il Mezzogiorno è tagliato fuori, propaggine dell’Africa che non va aiutata a casa sua, i pendolari di ogni latitudine vivono ogni giorno un’odissea faticosa e umiliante.

E non cominciate a sospettare che sia un placebo quello che vi stanno facendo assumere,  se invece di immaginare il ripristino di diritti e conquiste del lavoro cancellati, se invece di mettere le basi per una politica dell’occupazione che, tanto per fare un esempio, impegni professionalità e tecnologie, risorse umane e economiche nella salvaguardia del territorio, nella riqualificazione del tessuto abitativo e dei trasporti delle città, della tutela dei beni artistici e del paesaggio, l’unica cosa che si concede, ormai inevitabile. E se invece di continuare a premiare con aiuti e agevolazioni lo spirito di iniziativa di imprese campate di assistenzialismo, inclini a reati accertati in materia di sicurezza e compatibilità ambientale, solite a esportare capitali e a delocalizzare aziende dalla sera alla mattina, mobilitate unicamente a investire nel tavolo da gioco della roulette finanziaria per appagare l’avidità degli azionisti, intente a propinarci la menzogna che siamo tutti vittime dell’egemonia dei robot per non sviluppare invece quei servizi, vecchi e nuovi, dall’assistenza all’ambiente, consumati dalla inesausta guerra contro il welfare, per non introdurre tagli dell’orario di lavoro, per non favorire lo sviluppo di attività incipienti, ma ancora poco valorizzate, si adotta necessariamente, obbligatoriamente una misura, quel “reddito” inevitabili nel momento in cui la disoccupazione e la precarizzazione generalizzata mettono a rischio la domanda e dunque i profitti , ma che dall’altro sancisce la fine del senso stesso del lavoro come valore, come espressione di talento e garanzia di autonomia, in una società talmente dominate  dalle élite e posseduta dall’ideologia del profitto e dalla teocrazia del mercato che l’unica vera libertà è quella della sopravvivenza assicurata non più da diritti e regole, ma dall’elemosina.

Una volta si diceva attenti a non prendere caramelle dagli sconosciuti, poi si consigliò anche di non farsi appioppare incautamente i sogni. Adesso non ci sono più concessi nemmeno quelli, quindi attenti anche al placebo.

 

 

 


Memoria d’occasione

memoria_anziani Anna Lombroso per il Simplicissimus

Grasso che cola se non era diventata una “matinée della memoria”, da sbrigare frettolosamente fino a ora di pranzo, nelle scuole, in tv con “la vita è bella” o con la rapida lettura del fondo del quotidiano, confezionato svogliatamente con qualche copia-incolla.

Era diventata una stanca pratica da spicciare obbligatoriamente anche per chi come me era chiamato per appartenenza e allineamento identitario a officiare la mesta liturgia, ma preferibilmente una volta l’anno, accompagnandola con i necessari distinguo dalle politiche espansionistiche e repressive di un governo indegno, ma non quello italiano, per carità, per assumersi il diritto insieme al dovere di “sentire” l’accaduto come esclusiva di un “popolo” e non come la vergogna di tutti gli orbi, i silenziosi, i complici e i dimentichi. Perché l’importante era collocare il fenomeno come un incidente della storia da considerare irripetibile e il ricordo come celebrazione estemporanea, come esercizio da svolgere entro 24 ore e una volta l’anno, in modo da rimuoverlo rapidamente e senza effetto alcuno.

E infatti il processo per il quale la storia è diventata solo commemorazione si è accompagnato non casualmente alla demolizione della Resistenza e dei suoi valori, fondativi della Costituzione e della Repubblica, addirittura favorita, spesso con aperta strumentalità, da esponenti politici della sinistra, impegnati ad annacquare la memoria della Repubblica Sociale Italiana e a occultarne le responsabilità militari e civili.

Ah però quest’anno tutto è cambiato. Quest’anno c’è un risveglio collettivo che attribuisce alla giornata di oggi un significato di attualità. Non c’è opinionista in tv, sulla stampa e pure sul web, di quelli che militano con il mi piace sul “versaccio” di Bukowski e il gattino ieri, e con il ragazzino annegato con la pagella in tasca oggi, che non veda lo stretto legame tra un olocausto del quale si era ancora costretti di malavoglia a riconoscere la tragica specialità e unicità e lo scempio che si fa ora di gente disperata, spaventata, affamata, assetata che scappa dove nessuno la vuole.

Ma c’è poco da esserne contenti se  di questo ravvedimento, di questa attualizzazione dello scandalo e dell’ignominia sono interpreti e testimonial quelli che avevano coltivato la  damnatio memoriae  contro il loro passato e il loro mandato, e che ha corrisposto sul piano programmatico e culturale, al progressivo spostamento di campo nei territori del neoliberismo.

Così che si agiti la coscienza come il cucchiaino nel caffè istantaneo, accorgendosi una tantum e improvvisamente di quello che accade in questo anno, come nel giorno canonico stabilito dal calendario dell’umanità, per via di un ossesso che si è manifestato appieno adesso ma che è stato tollerato, guardato con indulgenza, vezzeggiato in qualità di fenomeno di folclore e dunque inoffensivo proprio come quelli di Forza Nuova o Casa Pound, ragazzacci esuberanti insomma ma non preoccupanti pronti a passare nelle file della democrazia grazie al nostro esempio di garbata liberalità. O per via di misure indegne cadute dal cielo, si direbbe, inattese e imprevedibili, malgrado ricalchino le orme segnate da precedenti illustri, non solo da quello del 1938, ma da una collana di ignominie, che chiamiamo col nome dei promotori bipartisan: Bossi-Fini, Maroni,  Turco-Napolitano, Minniti, che non si è mai pensato di impugnare né in via parlamentare, nè costituzionale, né referendaria. O per via della recrudescenza coloniale di un Paese contiguo, che aiuta a far dimenticare attitudini e comportamenti paralleli e non solo ai tempi di faccetta nera, Graziani titolare di un mausoleo, di Adua riconquistata, ma pure in quelli di Forte e Boniver e della cooperazione craxiana, di quella postulata da Renzi e Minniti che hanno tracciato il solco dell’aiuto a casa loro, nei loro lager in patria,  dell’Africa agli africani, anche se resta poco dopo le razzie e l’occupazione militare di Eni, di Finmeccanica e   associate   (Alenia Aermacchi, Agusta Westland, Ge Avio, Selex ES, Elettronica, Oto Melara, Intermarine, Piaggio Aero Industries), di Salini-Impregilo, di Rizzani de Eccher, di Cmc , della Trevi o di Enel Green Power, impegnate a far soldi da investire anche nell’export di corruzione e nella protezione di despoti sanguinari.

E chiamiamola giornata del dolce oblio, se quelli che si stracciano le vesti calde nelle calde case per la chiusura del centro di Castelnuovo di Porto, erano serenamente all’insaputa di quello che succedeva là prima della infausta e feroce liquidazione,  in quel blocco di cemento di 12 mila metri quadri, 172 stanze, un campo da calcio, una zona lavanderia e un atrio interno  a poche centinaia di metri dal Tevere in una zona   classificata dall’Autorità di bacino del fiume come area a massimo rischio esondazione,  che accoglieva ben più delle 650  persone “autorizzate” richiedenti  la protezione internazionale dopo l’identificazione, messe là in un posto dimenticato per far dimenticare quella funzione integrativa per la quale sono stati istituiti i Cara. Dove si dormiva, i più fortunati, su un lettuccio, gli altri sul pavimento tra le povere cose rimaste, affidati alla gestione della cooperativa Auxilium dei fratelli Chiorazzo, vincitrice dell’appalto per la gestione dell’immobile e dell’accoglienza che ha incassato dal 2008 al 2017 ben 12.260.735,2 euro, spese emergenziali escluse, dando in cambio a 21,9 euro al dì per ogni ospite (si erano aggiudicati l’appalto per aver fatto l’offerta più bassa i fratelli molto temuti e ammirati da Buzzi e Carminati per la loro intraprendenza e le loro protezioni), vitto indecente, sporcizia, abbandono, cimici un unico lenzuolo per  letto fin dalla “fondazione”, caldo soffocante d’estate senza aerazione e freddo invernale senza riscaldamento.

Perché adesso tutte le ong e le onlus sono buone a fronte della immonda ignavia del governo, della latitanza dello Stato, della vigilanza intermittente dell’Anac che in questo caso dal 2016 controllava senza prendere provvedimenti, quelle di Soros comprese, quelle di Buzzi comprese, quelle che manifestamente coprono alcuni settori della filiera della tratta, quelle sospettate di collateralismo in occasione di manovre Nato, perché adesso quel che conta è fare esercizio di umanità elettorale contro i disumani xenofobi, facendo gestire la carità agli addetti alla compassione, limitando la pietà  agli “altri”, insieme alla speranza di vederli il meno possibile nelle strade a macchiare il decoro, a chiedere l’elemosina, a abbassare il livello di vita di tutti proponendosi come manovalanza a basso prezzo per attività legali e illegali. E delegando il pensiero e la prassi a testimonial speciali, cantanti unti dalla fortuna e dal successo, più che dal talento, sindaci che alternano Daspo urbano a disubbidienze spettacolari e già esaurite, tutti uniti contro la xenofobia che serpeggia scatenata dall’infame all’Interno e che anche quella pare essersi materializzata all’improvviso e inspiegabilmente.

Così ci si può giovare dei pochi cittadini che decidono di ospitare gli immigrati cacciato fuori dai lager amministrativi, così alimentano la leggenda degli italiani brava gente, nipoti dei fascisti di Sant’Anna di Stazzema, dei delatori della concorrenza sleale nel ghetto di Roma, dei togati del Manifesto della razza, dei troppi che sapevano e tacevano, che sapevano e se ne approfittavano, che sapevano e non sapevano fare altro che subire, che sapevano  come sanno oggi quelli pensano che sono troppi, che ritengono che se scappano da dove non c’è la guerra là possono tornare, che suppongono che tra i molti disperati siano troppi quelli che arrivano per delinquere, che si convincono che la soluzione sia qui e consista nell’elemosina e non là con la restituzione del maltolto, con il ripudio dei tiranni nutriti, corrotti e blanditi, e non in alto contro chi ha mosso e muove guerre armate e economiche di sfruttamento.

Ecco se avesse una ragion d’essere la giornata dalla memoria potremmo cominciare dal ricordare la resistenza del Ghetto di Varsavia.

 

 

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: