Annunci

Archivi tag: bene comune

Italia Ikea

  1. Anna Lombroso per il Simplicissimus

Molti anni fa un piccolo gruppo di miei amici, invece di scegliere mete esotiche, prese in affitto una vecchia casa all’Isola delle Vignole, incantato da quel “romitaggio lagunare , da quel paesaggio rurale in mezzo a un tratto di mare quieto come un lago, dove le verdure a cominciare dalle castraure – quei piccoli carciofi amari dal cuore dolce, pare siano più sapide a gustose per via di un segreto di quei marinai e contadini del luogo:  mettere un po’ sabbia intrisa di acqua marina nei solchi,  una memoria forse di quando gli antichi abitanti sfuggiti alle orde barbariche si rifugiavano in abitazioni come nidi di uccelli acquatici e rubavano un po’ di terra all’Adriatico per coltivarla.

Ci si arrivava alle Vignole e a Sant’Erasmo e a Torcello e a Mazorbo – e ne ricordo il placido suono del motore: popopo, con la grande motonave dotata di un ponte con larghi sedili,  una coperta per avere riparo d’inverno e perfino un piccolo bar che proponeva un caffè mefitico, ma dava l’impressione di dirigersi in chissà che colonie, in chissà che luoghi lontani e forestieri.

Era davvero bellissimo arrivare là, magari al tramonto, sedersi a godere  il silenzio, il film sempre nuovo del sole che affondava in acqua,  la sorpresa inattesa di sapere ancora rallegrarsi della contemplazione. Peccato che dopo una cena e una notte di chiacchiere a guardar le stelle, dovemmo andare al pronto soccorso, per via dell’accanimento vorace di sciami di mussati, micidiali zanzare assatanate che ci misero in fuga  malgrado ci fossimo irrorati di autan e insetticidi, micidiali per noi, ma non per loro.

Per quello in questi giorni una notizia (la pubblicazione del bando d’asta delle proprietà del demanio militare) ha suscitato in me un istinto maligno e vendicativo: la speranza che l’ignavo Brugnaro e i suoi predecessori, non certo molto migliori di lui, non abbia provveduto a contrastare il fenomeno, con efficaci campagne di disinfestazione e che quegli sciami si siano rinnovati in gran numero, pronti a pungere la clientela di èlite che dovrebbe animare quell’eremo recondito e appartato, grazie alla realizzazione di un resort esclusivo.

Perché se c’è una cosa che veneziani, fiorentini, capresi, e tanti tanti altri hanno appreso, è che quel turismo delle catene di alberghi esclusivi, dei villaggi di sceicchi per altri sceicchi, dei campo da golf magari vista templi, così come quell’altro, quello  dei torpedoni che vomitano pellegrini distratti e disfatti da soggiorni in canoniche convertite in hotel, delle grandi navi dalle quali i forzati delle crociere fotografano le formiche residenti, portano troppi pochi benefici rispetto a danni ormai incontrollabili e irreversibili.

Il fatto è che la perdita per i cittadini non è soltanto di beni materiali, non si limita alla compromissione di ambiente e paesaggio, al saccheggio di risorse, alla confisca e svendita di proprietà comuni. E e non si riduce solo all’usura del patrimonio artistico simboleggiata dall’impallidire di tinte di affreschi e dipinti e dall’erosione del frontone di Petra. Riguarda la spoliazione del bene comune “morale” e identitario, l’esproprio di ricchezze collettive che toccano la memoria e la storia, oltre che la “sovranità” sacrificata alla teocrazia del mercato o imposta  o per sedicenti necessità.

A officiare il rito satanico con l’offerta all’asta di una parte significativa dell’isola delle Vignole,  è un trio maledetto: la Pinotti che offre le aree un tempo occupate dai lagunari, “i nostri marines” come li definisce lei che si crede un berretto verde,  Franceschini, forse il peggior ministro che abbia afflitto i nostri giacimenti colturali e il nostro petrolio, come li chiama lui,  drogato dal mito della “valorizzazione, grazie al felice connubio di pubblico e privato”, da quel sistema  truffaldino di denominare così l’alienazione e la svendita, in atto nelle foreste tropicali  per dotare le case occidentali di  parquet ma pure  nella laguna. E infine il sindaco Brugnaro che esulta per la magnificenza del progetto che investirà una porzione  dell’isola, dell’idroscalo e di quel canale attorno al quale sono stati costruiti tutti gli edifici, alloggi, officine, padiglioni e cavana;  197 mila metri quadrati sulla laguna, trenta costruzioni e un canale navigabile di 800 metri di lunghezza e trenta di larghezza (l’idroscalo):  centro di addestramento militare fin dal 1884, base di partenza degli idrovolanti e di Gabriele D’Annunzio per molte delle sue imprese.

Il tutto con la rituale assistenza finanziaria offerta ai “promotori” dalla Cassa Depositi e Prestiti – quindi da noi – incoraggiata dalla prospettiva che una quota – molto abbiente – dei 30 milioni di turisti che invadono Venezia ogni anno, trovi accoglienza in un luogo sicuro, ben collegato e appartato rispetto a quel fiume di plebei molesti e agli ancora più indesiderabili superstiti residenti,  che potranno finalmente  esprimere la loro vocazione in veste di inservienti, camerieri, porta bagagli, lacchè.  E compresa del suo contributo all’azione di  “recupero e «restituzione » al territorio e alle comunità locali () sceicchi, tycoon, mafia russa, star del cinema? di un’area militare di interesse storico-culturale”.

C’è poco da stupirsi della proterva strafottenza che ispira queste iniziative e che gode anche di un trattatello per non dire di una bibbia: un agile volumetto che si intitola appunto “Resort Italia”, recando come sottotitolo Come diventare il villaggio turistico del mondo e uscire dalla crisi, e che predica l’inevitabile e desiderabile passaggio dal “museo deposito” al “modello Ikea”, per coltivare quella dimensione industriale del turismo e della cultura che finora abbiamo ignorato. Indicando come colpe collettive il «non aver fatto Disneyland a Bagnoli, non aver trasformato la Sardegna nei Caraibi d’Europa, non aver costruito sufficienti campi da golf in Sicilia».

So da tempo che la bellezza non ci salverà. E che noi non abbiamo saputo salvare la bellezza, nemmeno noi stessi e neppure la nostra dignità di individui e popolo.

Che direbbe oggi di noi Nietzsche che a proposito dei veneziani scriveva che possedevano “l’aristocratica autosufficienza, la virile disciplina e la certezza che la città ha sempre appartenuto a loro e che è fatta per mostrare a loro il suo meglio”… tanto che “un povero gondoliere è preferibile a un consigliere di Stato di Berlino ed è un uomo migliore”

 

Annunci

Economia criminale

usuraioUno dei guai del berlusconismo, caduto in contemporaneo con la definitiva colonizzazione del Paese, è stato quello di perpetuare e potenziare una delle illusioni più radicate ancorché più irrealistiche, ossia quello della “destra europea”, di un liberalismo etico ovvero di un capitalismo corretto e onesto, in contrapposizione con quello opaco e corrotto di stampo nazionale. L’idea diffusa a piene mani in maniera così sospetta da apparire quasi come la creazione di un alibi, sarebbe che in realtà il liberalismo, ossia la tradizionale espressione politica del capitalismo, si basi sul rispetto delle regole e addirittura su uno Stato forte nel farle rispettare. Certo è singolare che fino a qualche decennio fa l’unica regola effettivamente esplicitata dagli ideologi di quella parte fosse la sorveglianza anti monopolistica che disgraziatamente è del tutto incoerente con i principi smitiani & c , anzi rivela le contraddizioni palesi e i limiti di una teoria perpetuasi oltri i limiti della sua funzione storica, divenendo un totem dipsonibile ad ogni tipo di sciamanesimo imperialista e reazionario. Lo stesso Croce che pure era uno dei priori della parrocchia  per quanto riguarda l’Italia, si rendeva conto che qualcosa non funzionava e scrisse negli anni del dopoguerra che ” il liberalismo non ha un legame di piena solidarietà col capitalismo o col liberismo economico della libera concorrenza”.

L’ideologia ufficiale corrisponde infatti solo a una fase capitalistica, non alla sua essenza, tanto che certe visioni ottocentesche alla Einaudi nelle quali l’ “impero della legge” si accompagna alla libertà di mercato, sono state giustiziate ampiamente dal neo liberismo americano, benché da noi sopravvivano ancora radicate illusioni secondo le quali tutto funzionerebbe a meraviglia se non ci fosse una corruzione pervasiva e dilagante. Purtroppo come sappiamo bene chi ha le risorse economiche fa anche le leggi, (pensiamo solo a quelle che hanno depenalizzato di fatto i reati dei politici e dei loro referenti imprenditoriali) dunque in un certo arco di tempo la legalità diventa puro fatto formale, autoctisi legale dei ricchi.

Abituati ad orecchiare qualcosa che prende il nome di etica del capitalismo è difficile sottrarsi a queste suggestioni che poi lavorano nel sublimine, ma in realtà il capitalismo nasce come fenomeno intrinsecamente corruttivo e non ringrazierò mai la buona sorte di essere incappato nel mio primo anno di università nelle lezioni del medioevalista Ovidio Capitani che teneva un corso sulla secolare disputa tra banchieri e chiesa cattolica sul concetto di usura, dal quale si può evincere come fin dalla culla il capitalismo ha avuto una natura eticamente ambigua. Come forse qualcuno sa la Chiesa in origine riteneva peccaminoso esigere un interesse per il prestito di denaro, non solo per ragioni religiose, ma perché secondo il pensiero della Scolastica, che seguiva il dettato di Aristotele,  il denaro svolgeva solo  la funzione di unità di conto, era “sterile”, rompeva il legame tra ricompensa e lavoro. Dunque non si può ricavare valore dal semplice scambio di esso. Tuttavia la crescita impetuosa del capitalismo mercantile, soprattutto in Italia, epicentro del cattolicesimo cominciarono a cambiare le carte in tavola soprattutto all’epoca delle prime crociate: dapprima si cominciò a dire che l’usura era lecita se applicata agli infedeli, poi l’usura stessa comincia ad essere distinta dal ” giusto interesse” che in realtà non viene mai determinato concretamente, ma affidato per così dire al mercato, al caso per caspo. La questione è  molto complicata, comprende molti capitoli, compresa la nascita e la formalizzazione dell’antisemitismo, ma in estrema sintesi, possiamo dire che l’interesse  sul danaro cominciò ad essere giustificato dal rischio del prestatore, ma anche e sopratutto dal fatto che il denaro prestato si traduceva in azioni che potevano rivelarsi un bene per la comunità. L’accumulazione del banchiere, il successo del mercante o del mastro di bottega, se non quello dell’usuraio stesso ( il quale spesso si incarva negli stessi personaggi)  diventavano di per sè un fattore positivo, a prescindere dalle azioni che concretamente ponevano in atto, ad eccezione di quelle contro la proprietà che era sacra a Dio assai più della dignità degli uomini.

Il fatto insomma che il perseguimento dell’interesse individuale produca sempre e comunque bene pubblico, capisaldo delle teorie liberali, nasce proprio allora, ma già fin dall’inizio sotto il segno di un equivoco, perché tale bene si produce anche in presenza di attività illegittime. E’ facile vedere come le concezioni economiche odierne non sono che un rigoglioso sviluppo sulle medesime radici, anche se ovviamente adattate a tempi e suggerite dai nuovi accumulutari di capitale: la ricchezza produce un bene collettivo ancorché derivi dallo sfruttamento del lavoro altrui e dalla sopressione dei diritti degli altri. Dunque non ci si può stupire se l’arricchimento più immorale conservi la sua dimenzione etica e in qualche caso anche salvifica. Persino nel calcolo del Pil si considera l’economia criminale e se questa portasse a uno suo deciso aumento si farebbe festa.

Perciò non dobbiamo affato stupirci dei crimini dei colletti bianchi, delle azioni indegne delle multinazionali, della distruzione del pianeta, del sempre maggior sfruttamento delle persone: sono fenomeni intrinseci a una visione che vede nel profitto illimitato e incondizionato la sua massima etica e acquistano preminenza nel momento in cui non trovano più significativi contrasti nè in altre visioni sociali, nè nel tradizionale mondo borghese sempre più travolto da inconsistenti visioni, spacciate attraverso dosi letali di puri slogan. Del resto l’approccio strettamente economico, non sociale o sociologico o umano, al crimine, risale già a i tempi di Bentham ed è stato rivitalizzato negli anni ’90 da Gary Beker uno dei massimi esponenti della scuola di Chigaco, grazie al quale possiamo ricordarci come le azioni economiche che creano ricchezza per pochi siano il massimo bene.


Firenze è un groviera. E i topi ballano

 Anna Lombroso per il Simplicissimus

Mentre intere regioni del paese crollano, si disintegrano, sprofondano, amministratori di città già provate si industriano in forma bipartisan  per portarle a rovina certa nel rispetto della nuova interpretazione dell’Uguaglianza: tutti giù. Lo dimostrano due casi, le due più prestigiose e visitate città d’arte, Firenze e Venezia, sotto osservazione da parte dell’Unesco, organismo cui si attribuisce autorevolezza e credibilità a intermittenza, attendibile se offre riconoscimenti a pinoli, fagioli, lardi e pistacchi,  ideologizzato e sgradevolmente supercilioso, proprio come i saccenti soloni che pontificano di costituzione o i molesti sorveglianti che lamentano l’ esproprio delle competenze di vigilanza e controlli sul sacco del territorio, se denuncia la pervicace indole della classe dirigente italiana a mal amministrare, mal versare e maltrattare le sue bellezze, ancorché nutra lo sciocchezzaio retorico a proposito di giacimenti e petrolio nostrano.

Per ambedue (ne abbiamo scritto qui: https://ilsimplicissimus2.com/2016/07/10/unesco-boccia-firenze-da-patrimonio-dellumanita-a-mangiatoia-del-renzismo/ e qui https://ilsimplicissimus2.com/2016/07/11/attila-regna-a-venezia/ ) si lamenta lo stato di abbandono di siti e monumenti (tanto per dire, ci hanno messo più di 5 mesi per mettere una pezza sul Lungarno Torrigiani crollato nel maggio 2015 a causa di un acquazzone), la promozione dissennata di un turismo maleducato e poco redditizio, la cui pressione danneggia ambiente e patrimonio artistico, la cacciata dei cittadini grazie al continuo incremento di servizi e costo della vita, all’espulsione “fuori le mura” di uffici, scuole, ospedali e a una politica degli sfratti attuata per far posto a strutture alberghiere, residenze di prestigio e alle cattedrali del consumo di lusso, mentre piccoli commercianti e artigiani sono soffocati da fitti esosi, tasse, balzelli. Ma l’Unesco ha anche lamentato l’indole avvelenata a favorire potentati promuovendo interventi e eventi, opere e operette pesanti quanto inutili, anzi dannose per ambiente e per bilanci taccheggiati dal racket del pareggio di bilancio.

I due sindaci solo apparentemente su fronti differenti, in realtà uniti dalla stessa ideologia, quella dello sfruttamento sfrenato di paesaggio, arte, cultura, bellezza, utile solo se porta profitto, se si può offrire come location per sfilate, convention, feste paesane, se viene bene come logo per l’advertising di marche e griffe, se si presta a essere merce di scambio: investimenti di mecenati contro voti, propaganda, finanziamenti elettorali, manifestano il loro scontento per l’accanimento della puntigliosa e sprezzante agenzia dell’Onu.

Così quello di Firenze, che una statistica colloca tra i più amati dalle cittadinanze, confermando che o siamo un popolo affetto da masochismo o che, è più probabile, le rilevazioni dell’opinione sono drogate a monte, quello del quale, magistralmente, Montanari ha dato la seguente definizione:  “la sua idea di Firenze punta sul rincoglionimento retorico dei cittadini, e sul lusso come unico asset strategico di sviluppo economico”,  ha dato alcune eloquenti risposte con azioni e atti concreti nel segno della continuità tanto per non smentire la sua natura di gregario eterno n.2 appiattito sulla funesta personalità del predecessore, colpendo i veri responsabile delle ferite al prestigio della città, i clan degli spacciatori di kebab, concorrenti sleali degli inestimabili prodotti dell’Eataly di Farinetti, le organizzazioni malavitose dei bancarellari che stendono le loro merci sul prezioso selciato di Firenze, a contrasto con le grandi firme che hanno monopolizzato il centro storico, su quella pavimentazione che Renzi e lui hanno in animo di piastrellare secondo più innovativi criteri.

E tanto per far capire che a lui dei moniti e delle accuse dell’Unesco gliene importa unapopodisega, ha reso noto con orgoglio che il  grande complesso religioso di Costa San Giorgio è destinato a diventare un grande resort per milionari, affidato alle cure dell’ineffabile coppia Lowenstein cui dobbiamo l’alienazione del castello mediceo di  Cafaggiolo, altro bene comune prodigalmente concesso, per usare la formula dei due imprenditori “innamorati di Firenze”, “al mercato dell’ospitalità…. per realizzare una proposta assolutamente originale, di carattere esperienziale, capace di trasmettere le suggestioni di luoghi secolari che fanno parte della storia di questa città”.

È il nuovo mecenatismo, benedetto da chi dovrebbe tutelare il patrimonio di tutti, che vanta i pregi di una speculazione immobiliare  accreditata come atto di illuminata protezione di una “eredità storica e culturale, che non si può mercanteggiare, si può solo custodire, preservare, conservare per i nostri figli e per i figli dei nostri figli”,  secondo la collaudata pratica di “valorizzazione” che consiste nell’espropriare, sfruttare, mercificare a beneficio di chi già ha in esclusiva e a danno di chi non ha più diritto nemmeno ai luoghi della memoria.

Ma ancora non basta. Negli stessi giorni a Roma il sodalizio infame Ministero dei Trasporti e enti locali ha confermato per intero lo sciagurato progetto del Passante dell’ Alta Velocità, la linea sotterranea di collegamento tra le tratte AV che, da nord e da sud, arrivano a Firenze,  composta da un doppio tunnel di circa sette km e una struttura interrata 25 metri sotto il livello del suolo, completamente scollegata dal restante trasporto ferroviario, definita “mini-stazione” di tre piani di 450×50 metri,  con tre livelli da oltre 20.000 metri quadri ciascuno. All’inizio dell’estate lo stesso sindaco aveva ammesso che era meglio accantonare l’incauto progetto   e che le FS, nelle mani di un altro renziano doc, avevano un più ragionevole progetto di potenziamento delle linee di superficie. Ma poi l’incalzare degli eventi, la necessità di consolidare in extremis le relazioni padronali con i vari trend dell’azienda Pd fiorentina ha persuaso dell’opportunità di conciliare le istanze e gli appetiti degli attori in campo.   E, per non scontentare nessuno, il piano di sviluppo della città prevede l’aeroporto, l’inceneritore, e pure il grande cantiere della Tav, aperto in gran furia nel 2009, senza i necessari permessi in modo da mettere i cittadini davanti al fatto compiuto. A conferma della tendenza generale che vuole disperatamente far fruttare i vincoli opachi con le cordate del cementi e degli scavi, se la Camera a poco più di una settimana della vittoria del No ha votato definitivamente la ratifica all’accordo tra i governi italiano e francese per l’avvio dei lavori del Treno ad Alta velocità tra Torino e Lione, tacitando le ragioni degli enti e delle comunità locali.

Anche in questo caso, come sempre quando si parla di Grandi Opere volute da piccoli ometti per piccoli interessi particolari, l’alternativa ci sarebbe eccome. Basterebbe concentrare i servizi distribuendoli attorno alla stazione di Santa Maria Novella, utilizzare  gli spazi ricavabili dal terrapieno ferroviario e dalle zone dismesse, promuovere il trasporto di superficie. Basterebbe tenere nel debito conto i rischi che comporta l’insensata “pensata” e che si riproducano, amplificati, fenomeni di crolli, dissesti, degrado idrogeologico generalizzato, già registratisi per la Tav nel Mugello.

Ma l’ordine è scavare, muovere terra, fare ammuina, come sanno fare le mafie e i regimi che si scambiano favori reciproci. Dovremmo imparare a scavare anche noi, per portare alla luce commerci scellerati, traffici,  corruzione, veleni, legami consumati sulla nostra pelle e a nostre spese, e scaraventare loro nelle tenebre.

 

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: