Archivi tag: assistenzialismo

Onnipresenti & Indecenti, Boiardi & Boia

Anna Lombroso per il Simplicissimus

A chi meglio che al dinamico Arcuri potrebbe adattarsi la definizione marinettiana di “simultaneista” , quella più arcaica di “ubiquo”?

Lui, il Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure occorrenti per il contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica COVID-19, in quanto tale pusher di banchi a rotelle, di app,  di mascherine, di vaccini, di tachipirina, le cui produzioni ha selezionato con quell’ingegnosa lungimiranza che gli deriva dall’incarico di Ad di Invitalia, con principeschi emolumenti, che perfino la scafata Corte dei Conti ha ritenuto esagerati, commisurato all’efficacia degli interventi realizzati dall’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.A.,  società partecipata al 100% dal Ministero dell’Economia.

Una volta li chiamavano boiardi, oggi sbrigativamente potremmo definirli boia, visto che gran parte delle azioni intraprese da enti come Invitalia (o Cassa Depositi e Prestiti)  e gestite da faccendieri (come Arcuri) approfittano della fine ingloriosa di aziende nazionali per favorire l’infiltrazione  a norma di legge di multinazionali e colossi sfrontati e tracotanti che applicano le leggi economiche del colonialismo anche nei Terzi Mondi interni all’Occidente.

E difatti da un po’ anche prima del Covid che ha riportato alla ribalta un vecchio attore del varietà che era stato retrocesso a trovaroba o a cercare polli da spennare per finanziare l’opera dei pupi, gli elzeviristi del Sole 24Ore o del giornale unico della Gedi raccomandano una ripresa ardimentosa degli “investimenti” non solo come   fattore a sostegno della domanda aggregata ma anche “come motore funzionale alla produttività di lungo termine e alla crescita potenziale”, combinando risorse pubbliche e risorse private. E meglio se, queste ultime, sono garantite dai bilanci statali “ospiti” e beneficati, sia pure con forme e diciture che le differenzino dai proibitissimi aiuti di Stato, concessi solo se cambiano nome grazie a stravolgimenti semantici graditi alle cancellerie.

E così anche se la radiosa visione cui guarda l’Esecutivo e la cui concretizzazione è appunto a affidata a questo poliedrico uomo della Provvidenza è quella di un Paese digitalizzato, dello sviluppo di infrastrutture e settori ad alto contenuto innovativo (ad esempio la banda larga ultraveloce) e che sappia “ridurre drasticamente le emissioni di gas clima-alteranti e migliorare l’efficienza energetica dell’economia”, come annunciò a Villa Pamphili Conte anticipando il suo Programma nazionale di riforma (Pnr), canovaccio del Recovery Plan, da offrire come atto di fede alla Commissione, tocca occuparsi anche di certi vecchiumi lasciati impolverarsi negli anni sotto strati di fuliggine tossica.

Così sia pure a malincuore, la Ministra del Lavoro si è piegata a definire “strategico per la crescita e l’occupazione il settore siderurgico e insieme ai colleghi   Gualtieri e Patuanelli ha dialogato in teleconferenza  con i Sindacati dei metalmeccanici sulle complesse questioni del gruppo Ilva oggi in locazione (propedeutica all’acquisto) ad Arcelor Mittal (riluttante a pagare il fitto dopo gli oltraggi subiti con la messa in discussione delle doverose immunità e impunità )  tramite la sua controllata AmInvestco Italy.

E ecco saltar fuori dal cilindro del prestigiatore come il proverbiale coniglio (il paragone è voluto a vedere l’ardimentosa  baldanza dimostrata nelle sue varie funzioni) proprio l’Arcuri stavolta con la casacca di Invitalia,  che informando sui progressi  ottenuti dalla  trattativa che potrebbe portare la sua società nel capitale di AmInvestco, anche con quote di maggioranza, ha delineato la sua strategia per Taranto che punta a al revamping dell’Altoforno n.5, uno dei maggiori d’Europa per capacità e ormai spento da anni, e dell’Altoforno n.1, tuttora in esercizio, e con l’acquisizione di 2 forni elettrici per conservare una capacità produttiva di 8 milioni di tonnellate annue, “in grado di mantenere gli attuali livelli occupazionali”, che non sappiamo se si riferiscano a prima o dopo la dinamica ristrutturazione prevista da Arcelor Mittal: oltre cinquemila licenziamenti (come previsto nel piano industriale a fronte della richiesta di 2 miliardi)   anticipati dai tre di questi giorni e da 250 lettere di sospensione per gli operai che si sono macchiati del reato di “solidarietà”  .

Prende proprio uno stanco scoramento ad assistere alle acrobazie miserabili che compiono gli equilibristi in forza al  padronato imperiale. Si sa che Arcelor Mittal ha deciso di comprarsi quello che aveva definito un ferrovecchio unicamente per isolare e poi far morire un concorrente molesto dei suoi siti in Europa,  Dunkerque e Fos sur mer in Francia, si sa che per questo e grazie all’impunità concessale non intende investire in sicurezza, compatibilità ambientale e bonifiche, si sa che i cordoni della sua borsa sono talmente stretti da non sganciare nemmeno i quattrini del fitto.

Eppure Invitalia munificamente è disposta a entrare nel capitale di Aminvestco Italy, caricandosi della perdite e dei debiti che non ha prodotto senza pretendere che vengano ripianate dai responsabili.

Eppure pur diventando socio di maggioranza, forse per quella modestia che caratterizza il suo vertice o per non scontentare da subito il bizzoso partner, non ha stabilito in capo a chi verrebbe affidata l’effettiva conduzione.  Eppure non ci sarebbe  stata alcuna previsione concreta e fattibile  sui volumi produttivi cui si aspira rispetto a quelli attuali (meno di 4 milioni di tonnellate e con un sanguinoso ricorso  alla cassa integrazione), se l’ipotesi di riportarla ai desiderabili  8 milioni si scontra con gli interessi concorrenti dell’avido socio e non chiarisce quali sarebbero poi le relazioni con gli atri produttori di acciaio italiani.

Eppure se fosse vera la promessa di mantenere i livelli occupazionali, che fine farebbero i fisiologici “esuberi”  estromessi dall’acquisizione dei forni elettrici?

Eppure non avrebbe dovuto essere preliminare alla promozione di negoziati, la predisposizione di una strategia per la messa in sicurezza, la bonifica a carico dei responsabili, il risarcimento, tutte azioni che si dovranno obbligatoriamente perseguire quale che sia il destino della fabbrica e della città martire che ha patito il suo destino?

Devo fare autocritica, per anni ho scritto convintamente che il futuro dell’Ilva non poteva che essere quello della statalizzazione. Ma era davvero un’attesa fideistica e illusoria, non era un’utopia era semmai un tranello acchiappacitrulli nel quale come altre anime belle era caduta con le scarpe, pensando davvero che questi “servitori dello Stato”  dalle loro scrivanie, dai loro uffici con le piante di ficus, dopo aver regalato la pubblica Italsider ai Riva, avergliela tolta per affittarla ai Mittal, diventassero i demiurghi capaci di conciliare profitto, tutela dell’ambiente e garanzie per i lavoratori.

Era davvero una chimera  non ritenere che la soluzione al problema stesse nel far tornare in mano pubblica un’attività strategica così incautamente privatizzata, perché davvero era quella la “soluzione”, ma convincersi che quel processo potesse essere portato avanti da un ceto di lestofanti, di inetti, di criminali in guanti gialli, che praticano l’assistenzialismo a beneficio dei ricchi perché diventino sempre più ricchi e spietati e noi sempre più poveri e umiliati.


Sindacati e Confindustria, 4 amici al bar

bar-dello-sport Anna Lombroso per il Simplicissimus

Roma avrebbe avuto davvero bisogno di una bella manifestazione dopo le sua piazze rubate dal  Family days, da Berlusconi e Salvini e perfino dal concerto del Primo maggio ridotto a inventario di sfigati e stonati fuori circuito che offrono la più amara motivazione dell’essere fuori dal circuito commerciale.

Sono passati 17 anni dall’ultima piazza di lavoratori, quel Circo Massimo gremito da oltre due milioni di persone anche secondo la questura, convocati contro la modifica dell’articolo 18 da Cofferati, oggi arruolato nelle file degli aspiranti “domatori” del neo liberismo dall’interno della gabbia e dedito a elargire consigli di moderazione e realismo ai no-Tav: “non si può morire per una ferrovia. L’opera è utile per il rilancio dell’economia”.

La parabola si compie oggi con Landini, Furlan e Barbagallo e lo slogan #Futuroallavoro in temporanea associazione di impresa per  “dare una scossa al governo”, formula che riecheggia con maggiore vivacità e nerbo sulla stampa che vuole sottolinearne il carattere di fiera opposizione al governo come si addice alla personalità del nuovo segretario della Cgil del quale i maligni dicevano che con quel rissoso, impetuoso e verboso “Braccio di Ferro” il vero pericolo non è perdere il lavoro, quanto perdere l’udito.  E insieme a loro tanto per non creare vane illusioni sullo spirito che anima una ritrovata unità di intenti, purché contro  e mai per carità per cambiare a fare qualcosa in nome e per conto di sfruttati, umiliati, defraudati, ci sarà anche qualche non troppo sparuto drappello di confindustraili, richiamati alla collaborazione da Boccia  che ha definito gli attuali tempi “maturi per costruire un vero patto per il lavoro insieme a Cgil, Cisl e Uil”.

Dovessi dare retta alla nota regola secondo la quale una volta riconosciuto il nemico per essere nel giusto basta collocarsi dall’altra parte, toccherebbe sostenere il governo in carica, rivedere le obiezioni sollevate sul reddito di cittadinanza che qualcosa di buono deve avere se Calenda ci sputa sopra perché così un salario rischia di essere inferiore alla sine cura, in modo non da incrementare le paghe ma da abbassare il secondo per via della convinzione secondo la quale l’unica forma di uguaglianza possibile e desiderabile è che si anneghi tutti nelle privazioni, in basso, nello sprofondo di livelli inferiori alla sopravvivenza, salvo loro.

E a proposito di annegare, è evidente che il Landini Furioso ha scelto di salire sulla stessa barca nella quale saremmo condannati a stare coi padroni salvo il fatto che loro hanno il salvagente e che quella scialuppa la usano come tender il tempo necessario per salire poi nel transatlantico delle misure di sostegno per le imprese, dell’assistenzialismo che salva gli inetti, della indulgenza per avvelenatori e inquinatori, della rimozione di qualsiasi intervento contro fuga di capitali, corruzione, riciclaggio, della comprensiva indulgenza per azionariati che hanno scelto la strada dell’accumulazione passiva e parassitaria, grazie al gioco d’azzardo del casinò azionario, cancellando investimenti in ricerca, tecnologia, sicurezza, innovazione, salari dignitosi, quando non intraprendono la via delle delocalizzazioni, da sbrigare in tutta fretta, magari trasferendo in una notte baracca senza burattini, che sono meglio quelli d’oltre frontiera, ancora meno tutelati e pagati dei nostri.

E magari c’è qualcosa di buono anche in quel tanto di sovranismo che avrebbe dovuto motivare l’impugnazione del pareggio di bilancio in qualità di esproprio di democrazia, la disubbidienza ai comandi europei e alla condanna delle agenzie di rating che li legittimano, il rifiuto della distopia europea sulla quale il neo segretario scommette ancora: secondo lui basta  “partire dall’accoglienza e dalla solidarietà per costruire un’Europa diversa e fondata sul lavoro, i diritti e la democrazia”,  ingenerando il sospetto che anche per lui il tema sia l’immigrazione e il razzismo, contro chi arriva, che così si vince facile, e non contro gli “altri” veri, i poveri di qualsiasi latitudine compresi i terzi mondi interni, gli stranieri e gli indigeni. E qualcosa di buono o almeno di giustificato ci sarà pure nel populismo se chi dovrebbe rappresentare sfruttati e derubati, anche attraverso un sindacato nel quale la metà dei residui 5 milioni di iscritti è costituito da pensionati, ha permesso il Jobs Act, ha brontolato contro la riforma Fornero, ha taciuto sulla buona scuola che umilia il corpo insegnante,  ha siglato un accordo per un nuovo modello ispirato al ‘welfare contrattuale’ che apre la strada alla trasformazione della rappresentanza e della negoziazione in attività di gestione di  fondi pensione, mutue integrative ed enti bilaterali, in sostituzione privatistica dello Stato sociale.

Me le aspetto già le rimostranze dei leninisti di ritorno, quelli che si accontentano dei gruppi social “Io sto con Landini!” proprio come stanno col sindaco di Riace, appagati di sentirsi per delega sindacale e umanitaria dalla parte giusta, soddisfatti di guardare sul monitor una piazza con le bandiere rosse, compiaciuti di un bel sabato italiano in coincidenza con Sanremo e le canzonette solidaristiche.         Quelli che si sentono rassicurati di sulla stessa barca, o almeno a galla.

Che a affondare e soli, senza solidarietà e rispetto sono stati gli operai della Fiat abbandonati mentre l’azienda scappava e a loro si imponevano solo sacrifici con decisioni e scelte prese lontano a una distanza remota dalle sedi di lavoro e dalle loro esistenze, criminalizzati quando hanno tentato di battersi contro la democrazia officiata dall’amministratore delegato, sono quelli dell’Ilva ormai inabilitati perfino a scegliere tra posto e salute, che comunque sono a rischio tutti e due, sono quelli che pagano la logica imperante secondo la quale investimenti in Italia sono possibili soltanto se “garantiti” dai lavoratori  con la rinuncia ai diritti, alla sicurezza, alla tutela, alle garanzie, alla libertà, quelli cui si racconta che le opportunità occupazionali consistono solo nei cantieri delle grandi opere o nell’adattamento a certe economie di risulta, dei lavoretti, quelle chiamate gig-economy, con l’aspettativa illusoria di diventare imprenditori del proprio precariato, organizzandosi e essendo sempre più competitivi in comparti dequalificati, dove il lavoro non risponde a nessun talento, a nessun valore e a nessuna vocazione: distributori di pasti, magazzinieri e spedizionieri, postini e pony, o del turismo; tutti inservienti, banconieri, guide, animatori, intrattenitori magari in costume regionale, cuochi e baristi.

A affondare sono quelli che il sindacato non ce l’hanno né lo avranno mai, che vengono tenuti isolati in modo che non si riconoscano tra loro se non come utenti dei social, quelli che pagano la flessibilità dell’età delle incertezze, del contratto, del reddito, della previdenza e dell’assistenza, della proprio identità e dignità, anche quella ormai labile, aleatoria, come è sempre successo ai fanti, quelli in trincea, quella parte di esercito che sposti a seconda delle strategie dell’imperatore e dei suoi generali, i primi nelle righe davanti a cadere e quando loro sono a terra arriva le altre fucilate e giù anche le seconde file, e così via perché sono tanti, anche dalla parte che spara prima e che non è slava nemmeno quella.

 

 

 

 

 


Mammà, sto candidato

 Anna Lombroso per il Simplicissimus

12 candidati sindaci.   De Magistris e Lettieri sono sostenuti da 15 liste ciascuno, per lo più “civiche”, ma poi c’è Movimento Idea Sociale, c’è il Popolo della Famiglia di un supporter di Adinolfi, c’è Ricomincio da 10, una formazione che ha tra i suoi obiettivi strategici un azionariato popolare per acquisire lo Stadio San Paolo e poi chiamarlo Stadio Maradona. E c’è anche un Pulcinella con tanto di maschera sul volto e casabba bianca, anche lui sceso in campo per amore della città.

Qualcuno avrebbe calcolato che un napoletano su 80  elettori aventi diritto si è candidato per le amministrative di Napoli.

E già mi aspetto i commenti:   non occorre attingere ai testi sacri dell’antropologia per interpretare  questa conferma dell’antico proverbio: il Sud sarebbe un Paradiso popolati di diavoli. È quello che succede in posti dove corruzione, nostalgie borboniche, familismo, clientelismo diventano costruzioni difensive di una popolazione che con epica grandezza arcaica mutua i modi cupi del talento criminale. La separatezza dal Nord, la richiesta di risarcimento spingono a legittimare e percorrere le scorciatoie  del parassitismo amorale, dell’inevitabile ricorso all’assistenzialismo che diventa professionale, sicché le energie locali contribuiscono all’aberrante stratificazione delle cattive abitudini, al dilagare di fenomeni riconducibili alle mafie.

Ma non sarà invece l’espressione di quel genio meridionale, fatto di improvvisazione, di acrobatica abilità nello sperimentare espedienti e equilibrismi in grado di garantire una sopportabile seppur temporanea sopravvivenza, di quell’estro creativo applicato all’arte di tirare avanti dalla miseria alla nobiltà e viceversa?

Perché è evidente che se non si vuole entrare nelle schiere della manovalanza camorrista, se si è stanchi di star seduti al caffè aspettando la manina della provvidenza, se si rifugge dalla tentazione molto contemporanea di dichiarare come incarico da manager un posto a termine di pizzaiolo a Londra, malgrado il master al Federico II, se si è stanchi di sperare un reddito di cittadinanza, incongruo laddove si è sempre meno cittadini, l’entrata in politica può rappresentare una soluzione più che dignitosa, un investimento non azzardato per mettere a frutto attitudini e doti personali, uno sbocco professionale fruttuoso e meno precario dei vaucher e delle progressive opportunità offerte dal Jobs Act. Quella riforma cioè che rappresenta in pieno l’idea di lavoro di un ceto dirigente che ha già sperimentato quello che molti giovani napoletani si accingono a fare: entrare nel più perfezionato sistema parassitario esistente in Italia, approfittare senza merito di occasioni offerte da padroni che hanno bisogno di una manodopera senza alcun talento, salvo quello di ubbidire a chi sta sopra e  sopraffare chi sta sotto, di quadri spregiudicati, arraffoni  e arruffoni, nei quali l’ambizione e l’avidità sono smodate quanto la tracotante indole alla menzogna.

Vogliamo forse criticare giovani senza speranze se ci provano a seguire l’unico esempio che arriva loro da chi dovrebbe invece indicare la via della responsabilità, del dovere e della cura dell0uinteresse generale?  e cioè l’esercizio licenzioso del potere a fini personali o per garantire il mantenimento di tremende disuguaglianze, in modo che chi ha abbia sempre di più e chi aveva poco sia ridotto in una vergognosa miseria e nullatenenza, quella che rende implacabilmente ricattabili, rinunciatari, condannati a subire e all’abiura di diritti e dignità? Vogliamo criticare chi ha davanti agli occhi le carriere di bulli forti solo della loro prepotenza, di squinzie iperdotate di malizie e protervia, di studenti fuori corso promossi a vice ministri, di diplomate con fatica, ma senza sforzo insediate in dicasteri cruciali? Tutti beneficati da vitalizi assicurati, incarichi e avanzamenti tutelati, privilegi consolidati, compresi trattamenti speciali, assistenziali, fiscali e bancari, quelli che fanno la differenza permettendo che cure, casa, famiglia, prole, vecchiaia, non siano un lusso proibito.

Fossi a Napoli li voterei, che tanto non possono far peggio dei governi nazionale e locali, del premier che non ha nemmeno dovuto sottoporsi alla prova elettorale. E nemmeno di quella larga maggioranza di disillusi, stanchi, disincantati della democrazia e della sinistra, appartati e amareggiati, che hanno convertito il rituale silenzio nel cupo brontolio di chi si esprime solo con la scontentezza passiva, con lo scontroso appartarsi nelle geografie della frustrazione e della propria incapacità, attribuite a cause di forza maggiore, a fattori esterni, al mancato arrivo salvifico dei marziani. E che ancora una volta si piegheranno al “voto utile”, a Renzi, in mancanza d’altro, a potentati locali, tanto sono tutti uguali.

Si, fossi a Napoli li voterei, che poi se ognuno, insieme a papà, mamma, zia Nunziata voterà, avranno anche contrastato l’astensionismo, con la speranza che restituiscano il favore a quel che resta della democrazia, votando No a  ottobre.

 

 

 

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: