A volte le sensazioni colgono nel giusto, come come con Varoufakis che già un mese e mezzo fa era apparso come la spina dorsale del governo greco a confronto del ventre molle di Tsipras, come in questo post del 3 maggio scorso