Il Trota “negher” ad honorem

Qualche settimana fa i giornali avevano dato conto dei rapporti fra il Trota e Alessandro Uggeri, fidanzato dell’assessore regionale leghista Monica Rizzi, falsa laureata e altrettanto falsa psicoterapeuta infantile. Il brillante figlio di Bossi sarebbe stato ospitato nella villa  dell’imprenditor leghista in vista della tornata elettorale che ha visto il ragazzo, appena “maturato” raggiungere il reddito di 10 mila euro al mese. Una villa dove sembra che girassero escort e cocaina, elicotteri in giardino e grandi frodi fiscali, comme d’habitude in quegli ambienti. Insomma ecco che dall’interno della Lega (pare che sia stato Maroni a ordire l’imboscata giornalistica) si sottilineano le liasons dengereuses del rampollo, il fatto che il suo nome possa essere stato speso per affari opachi.

Tuttavia proprio l’elemento più interessante della vicenda è stato trascurato:  Uggeri, il munifico ospite del Trota, nella sua qualità di imprenditore del terzo millennio, ha fra le sue molte e vorticose attività anche la gestione della manodopera di immigrazione. Abbiamo così una forza politica che basa molto della sua offerta politica (si fa per dire, ovviamente) sulla xenofobia e sulla  battaglia contro l’immigrazione la quale si appoggia, campa e a quanto pare si diverte proprio grazie al denaro che deriva da un caporalato organizzato e industrializzato, insomma dallo sfruttamento degli immigrati. E passi che all’elettore leghista lo sfruttamento possa far piacere, ma per attuarlo e con esso mettere denaro in cambusa, gli immigrati bisogna averli, l’immigrazione clandestina va coltivata nei fatti e combattuta solo a parole. Insomma i 12 mila che hanno dato il voto al Trota sono stati doppiamente ingannati: la legge dovrebbe riconoscere come reato la circonvenzione di leghista.

Ma non c’è solo questo. Proprio mentre la caduta di Berlusconi spinge la Lega ormai in riflusso ad accentuare la sua xenofobia tramutandola in una specie di razzismo da strapaese,  giunge un’altra incredibile notizia: nella seconda metà di dicembre,  il tesoriere della Lega, Belsito, che risponde solo a Bossi e ai suoi fedelissimi, familiari compresi, ha trasferito  circa 8 milioni di euro derivanti dal finanziamento pubblico dei partiti fuori d’Italia: in Norvegia, a Cipro e per oltre la metà della somma in Tanzania. Insomma i politici leghisti sbraitano contro i “negher”  ma poi ricorrono a loro quando si tratta di mettere al sicuro i loro tesoretti e farli crescere i silenzio.

Per tutto questo forse sarebbe il caso di nominare il Trota “negher” ad honorem. E fargli spiegare dal gaudente Uggeri che dopotutto la cosa ha i suoi vantaggi. Non ultimo quello di non essere leghista.

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

2 responses to “Il Trota “negher” ad honorem

  • Alfredo Stella

    Quando ero ragazzo andava di moda un film,Bella di notte con Caterin Deneuve che x essere bella lo era tanto,di giorno tutta casa e chiesa di giorno e escort di notte,cosi i padani con gli emigranti e gli evasori fiscali,tanto poi con la misera quota del 5% fanno rientrare i soldi e chi prende una pensione/stipendio ci paga il 23/27%,e oltre a questa mascalzonata,ci aggiungo anche la falsità del comportamento nelle votazioni x l’arresto di Cosentino,un giorno si e il giorno dopo lo salvano(con l’aiuto dei radicali) e stesso discorso x il referendum.

    "Mi piace"

  • Il Trota ha detto

    Se vi va di prendere in giro il Trota vi segnalo questa simpaticissima pagina Facebook…
    http://www.facebook.com/IlTrotaHaDetto

    "Mi piace"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: