Naturalmente non potevano mancare le scommesse sulla tenuta dell’Italia: la nostra capacità di superare la crisi è data a 2,38 dai bookmaker inglesi, la più bassa tra tutti i Paesi europei compresa Cipro. Lo riporta l’Espresso, ma certamente su qualsiasi giornale avremo letto decine di volte articoli che riportano le quotazioni su qualsiasi fatto ed evento, che riguardi l’Italia, dalle elezioni al bunga bunga.

Il motivo di queste frequenti incursioni nel mondo dell’azzardo non è solo quello di riportare qualcosa di curioso, ma di dare una notizia ritenuta importante perché tali quote, che in parte si formano tramite le scelte di migliaia e talora di decine di migliaia di scommettitori, vengono considerate attendibili: gli scommettitori come dice L’Espresso, “ci prendono sempre o quasi”.

E facile vedere in questo “affidarsi” a un meccanismo molto simile a quello delle borse, un riflesso della fiducia nelle capacità del mercato di autoregolarsi e di vedere sempre giusto. A prescindere dal problema fondamentale dell’informazione  necessaria perché  una scommessa abbia un minimo di razionalità, il neo modernismo considera la media aritmetica delle opinioni, come l’occhio di dio. Se non fosse per un piccolo particolare: che i bookmaker possono esistere proprio perché gli scommettitori sbagliano. E’ vero che i gestori dell’azzardo  prevedono una piccola quota per sé, ma se la massa di chi gioca non fosse assolutamente irrazionale nelle scelte, se non fosse guidata da informazioni spesso falsate, astutamente dirette e quasi sempre autoreferenti, se ci prendesse sempre, il gioco non varrebbe la candela. Esattamente come avviene nelle borse  dove un numero ridotto di “bookmaker” o grandi operatori determina di fatto l’andamento dei mercati.

Del resto molti dei titoli tossici grazie ai quali si è creato un mercato superiore di un fattore 10 all’intero pil mondiale, altro non erano che pure scommesse, come quella che prevedeva una certa remunerazione se la temperatura media misurata su diversi aeroporti italiani fosse stata superiore a quella dell’anno precedente. Un ottimo modo di scommettere sulla bontà finanziaria dell’effetto serra.

E anche un ottimo modo per convincersi dell’instabilità e irrazionalità dei mercati e del loro essere estranei alla realtà che si muove al di fuori delle loro mura. In realtà veri e propri casinò dove si spera di continuare a giocare dando la mancia pour  les employés. Che poi saremmo noi.