Archivi tag: violenza

La Grande Sconcezza

E__MGZOOMAnna Lombroso per il Simplicissimus

Come per  una rivelazione tremenda e sconcertante i romani – quelli che dal 2007 transitano per l’Esquilino davanti allo stabile concesso da Veltroni a Casa Pound, come gesto di integrazione nel contesto civile  di un movimento i cui dirigenti stanno alla pari in piazza con i sindacalisti della Ps e   nelle sale da convegno  con esponenti dell’arco costituzionale, quelli che da anni hanno appreso a loro spese che il calcio della Magica o della Lazio è infiltrato da ultrà dichiaratamente “neri”, quelli che hanno sempre saputo ma ciononostante si sono sorpresi nell’apprendere che tutti gli affari sporchi della capitale  erano nelle mani di un assassino che combinava la militanza nei Nuclei Armati Rivoluzionari con l’attivismo nella Banda della Magliana, tranquillizzati però da una sentenza che lo risparmia dalla nomea di mafioso, quelli che stando ai Parioli o in Prati sono stati esentati dalla visione degli accadimenti che interessano quelle che vengono bollate come “periferie degradate” e covi di beceri squadristi, protetti da una plebaglia ignorante e malmostosa, dove sono stati confinati indigeni insieme a altri disperati venuti da fuori dunque non legittimati a esprimere malessere, controllate da organizzazioni di estrema destra che collaborano con la malavita –  ecco, i romani, proprio quelli sono stati informati  per via del secondo incendio appiccato a una libreria libera a indipendente dai circuiti monopolistici dei bestseller un tanto al chilo, che a Roma si è materializzata una minaccia fascista finora dormiente, che avrebbe tratto vigore dal consenso generatosi intorno a un leader che incarna l’ideologia della violenza, della sopraffazione, della xenofobia.

Allora hanno proprio visto giusto quelli che hanno preteso l’istituzione di una commissione che prende il nome dalla proponente più autorevole,  scampata alla ferocia nazista ma non a quella dei cretini tanto da essere costretta a dotarsi di una scorta, composta magari di poliziotti che erano alla manifestazione con i neo fascisti.

Eh si, perché cosa c’è di meglio che catalogare l’odio razzista secondo tipologie e gerarchie facilmente identificabili, grazie a antichi marchi sempre attuali, a slogan sempre riecheggiati, per lasciare in ombra altri meno emblematici e appariscenti, autorizzati e promossi dalle stesse autorità e dagli stessi poteri che proprio a Roma cedono alle pressioni di società sportive e immobiliari dedite a affari opachi e a loro volta soggette alle sollecitazioni esercitate da skinhead che pretendono uno o più Colossei, da quelli che grazie a una pianificazione  della città nella quale si negozia il diritto all’abitare concedendo un trattamento di favore agli appetiti dei costruttori, creando mostruose aggregazioni prive di servizi, marginali e emarginate,  concedendo volumetrie spropositate  per edificare costruzioni che non vengono popolate e si ergono come monumenti celebrativi della speculazione, quelli che esigono nuovi investimento per costruire mentre il patrimonio immobiliare pubblico e provato viene consegnato nelle mani di ceti privilegiati e faccendieri grazie all’esodo forzato grazie dei residenti, così ai colossi vuoti della Cristoforo Colombo o alle ristrutturazioni dentro la cinta del centro storico che stravolgono l’identità storica e urbanistica, fanno da contrappeso le nuove bidonville dei senzatetto, le occupazioni di falansteri mai finiti, la baracche ripopolate.

È che ormai abbondano le imitazioni farlocche delle ideologie e dei movimenti, un’ecologia dei giardinieri senza lotta a un modello di sviluppo imperniato sulla dissipazione e lo sfruttamento, un femminismo delle “arrivate” o arriviste solo in chiave antipatriarcale che non contempla la denuncia della sopraffazione capitalistica, e si augura la mera sostituzione aritmetica di donne al posto dei maschi nei ruoli chiave, di un antifascismo “liberale” che si compiace che una corporation privata chiuda le pagine di un’organizzazione o che venga istituita una commissione parlamentare, quando ha tollerato che per quasi settant’anni semplicemente non venissero applicate le leggi (Scelba o Mannino) preferendo l’applicazione di una censura discrezionale, intermittente e dunque arbitraria, ostentando una offensiva ignoranza del rapporto tra  diritti e diritto.

È l’antifascismo di occasione che ha ripreso fiato grazie a Salvini e lo ha soffiato nei polmoni di un partito morente per rinvigorirlo e permettergli la duplice funzione di ago della bilancia e di salvatore della patria e regalandogli un ruolo egemone usurpato grazie alla acquiescenza degli ex alleati del feroce all’Interno che aveva avocato a sé pieni poteri insieme a moijto, felpa, infradito, concessi e riconfermati anche via cavo Tv dal voto in Umbria. Quello che ci ha abituati al ragionevole compromesso tra onnipotenza virtuale con le armi dei like o dell’invettiva e l’impotenza concreta nei confronti delle armi imperiali, ricatti, intimidazioni, coercizioni che continuano ad essere quelle del totalitarismo che l’Ue non condanna perché ne fa parte in forma di volonterosa colonia, in modo che il poco fascismo visibile mascheri il molto fascismo invisibile.

Ormai si replica perché il fascismo a Roma come in tutta Italia  c’era, c’è stato e c’è, fatto di corruzione, di parassitismo, della speculazione di predoni, costruttori e immobiliaristi, di burocrazie che restano anche quando i ministri se ne vanno perpetuando la loro gestione opaca che ostacola partecipazione, conoscenza e trasferimento delle informazioni sui processi decisionali, di istituzioni finanziarie marce come ai tempi dello scandalo della Banca Romana, di amministratori pronti a consegnarsi ai soliti poteri forti di qua e di là del Tevere, a cancellare rioni per far passare qualche tiranno, a fare dei servizi alla città le greppie per clientele sempre più voraci e prepotenti,  di scandali e delitti soffocati grazie alle porte girevoli di tribunali e alte corti.

A manifestare contro l’incendio appiccato dal racket fascista non a caso appiccato con le stesse micce di quello delle estorsioni, è sceso in piazza il popolo di Centocelle a dimostrazione che le geografie della consapevolezza, della critica, dell’opposizione e dell’antifascismo ci sono anche se non hanno i riflettori e le telecamere puntate e non perché non fanno audience, ma perché il fascismo contro il quale lottano è quello comandato in alto e che si realizza a Chiatamone, a Taranto, con Tav e Tap, nell’hinterland di città dove non arrivano bus e tram gestiti da carrozzoni clientelari, dove vengono conferiti rifiuti, quelli che sfuggono l’import-export delle imprese dei triangoli industriali criminali e quelli considerati tali perché hanno la sventura di essere poveri, malati, vecchi, stranieri, nelle favelas che spaventano i ghetti di lusso con il respiro avvelenato della collera.

 

 

 

 


I violenti del “mondo di sopra”

Batman-Arkham-Knight-1Anna Lombroso per il Simplicissimus

Ma adesso non eravamo tutti rassicurati dalla sentenza della Cassazione? Non vi sentivate più sereni nelle vostre comode e  case ora che ci hanno reso noto che a Roma non c’è la mafia? Invece ecco che arrivano Calenda e Salvini, Mentana, Feltri e perfino la Perina promossa a libera pensatrice in quota rosa, a  comunicarci che è infetta, preda della criminalità, terreno di scorrerie di bande organizzate, che perciò costituisce una minaccia di tremendo contagio  per il paese, Capitale morale compresa, che peraltro vanta il non invidiabile primato di prima in classifica per numero di reati denunciati e per l’aumento di oltre il 10% rispetto al passato per quelli di produzione, traffico e spaccio di droga.

E che, dunque, dopo l’ultimo tragico evento: l’assassinio di un giovane – ahi, ahi sospetto però di sovranismo –  accorso a difendere la ragazza, deve essere affidata ad alte autorità, a poteri commissariali eccezionali per ripristinare condizioni di legalità e decoro, contrastare il rischio di pestilenze  e  guerre del pane  – è il piccolo Enrico del Cuore a dirlo, proponendosi trasversalmente come candidato alla poltrona in Campidoglio, oltre che per ridurre lo strapotere dei sindacati come ha mostrato di saper fare lui a Taranto e in altri 161  tavoli di crisi aziendali.

Si dimostra così che, sia pure detronizzato, il grande impresario del music-hall della paura vive e si è impossessato senza fatica di altri corpi, non di cervelli sempre scarsi,  che va in scena non solo al Papetee o su Twitter,  ma si produce in giornali, nei talkshow, nella rete dove si nutre la percezione del terrore un tanto al metro, si alimenta l’ideologia dell’emergenza post-immigratoria per far vedere che il vero pericolo è l’invasione interna e l’occupazione militare di periferie, dove nessuno dei commentatori ha la ventura di andare, da parte dei poveracci spinti sempre più giù, dei violenti ai quali sono state fornite armi virtuali e concrete e proposti nemici più deboli sui quali si può infierire, tutti fenomeni da controllare con pugno di ferro, poteri straordinari, potestà speciali e carismatiche.

In barba alle statistiche e alle rilevazioni di dati reali, l’intento è quello di persuaderci che siamo vittime innocenti di esodi di malviventi e terroristi e esposti alla loro indole trasgressiva e alla loro ferocia, combinata con  quella di qualche indigeno, con tutta probabilità esasperato dalla loro presenza o impreparato a vincere le sfide dalla modernità con dinamismo imprenditoriale, ambizione e tenacia, insomma,  matto o sfigato.

Non conta che  i reati continuino ad essere  in calo con una flessione che prosegue dal 2013  (sarebbero in aumento solo quelli informatici benchè non vengano annoverate le balle  ufficiali e non, raccontate in rete), che la leadership del crimine sia detenuta  non dalla Capitale ufficiale, ma da quella morale, seguita da Rimini e Firenze mentre l’ultima in graduatoria secondo le rilevazioni del Sole 24 Ore sarebbe Oristano, a smentire stereotipi e luoghi comuni sull’efferato banditismo. Non conta che le statistiche confermino che rispetto a Parigi o New York Roma sia un’oasi della pacifica e armoniosa convivenza e che non possa essere assimilata a altre megalopoli fantascientifiche, come ha ricordato perfino il capo della Polizia Poco contano i rinfacci sulle risorse destinate a incrementare il numero delle forze dell’ordine, incaricate da anni della repressione dei molesti, degli sgraditi alla vista e alla reputazione, dei dissidenti, più che al controllo del territorio, che tanto  la parola d’ordine è favorire un rafforzamento autoritario delle figure e delle competenze di sindaci in modo da farli assomigliare sempre di più a sceriffi e potestà, anche grazie a leggi elettorali che hanno ridotto l’ingombro della partecipazione democratica.

Conta invece che da anni istituti di studi ben collocati nelle “scienze sociologiche e strategiche” mainstream, organizzazioni che analizzano i conflitti – le più esperte visto che di solito sono al servizio di quelli che li generano –  insieme a Banca Mondiale, Fmi, Onu, parlano di guerre prossime o meglio già cominciate, a “bassa intensità” le definiscono, che hanno e avranno come teatri le città, dove si consumano le più tremende disuguaglianze, dove  bidonville e favelas (che qualcuno ha chiamato le discariche dell’eccedenza) minacciano  come orde barbariche e animali feroci le eleganti dimore arroccate sulle alture, le prestigiose sedi di industrie e istituzioni, le torri di cristallo che svettano verso il cielo specchiano una modernità dove il lusso più futile e dissipato è contornato  da squallore,   inquinamento, escrementi e sfacelo. E dove le  “case” abitate dagli strati più poveri del proletariato urbano crescono come funghi velenosi su suoli d’infimo valore e  marginali, zone golenali, acquitrinose o contaminate da scarichi industriali: siano le favelas di São Paulo   e di Rio de Janeiro  col rischio di frane e smottamenti, siano le callejones di Lima costruite in buona parte dalla Chiesa cattolica, colosso immobiliare,  che sprofondano  al primo temporale, siano le bidonville di Nuova Delhi, che ospitano un milione di straccioni, mentre a Bombay un milione e mezzo di persone, pur avendo un lavoro, dorme  sui marciapiedi, che si tratti  della capitale della  Mongolia, assediata da un villaggio di tende, o di coperte stese a coprire povere cose, in cui vive mezzo milione di ex allevatori scampati a espropri e fame; o del Cairo, dove le tombe dei Mamelucchi sono abitate da un milione di persone, mentre un altro milione di cairoti dorme sui tetti.

E siccome rifiuti urbani attraggono quelli che vengono considerati rifiuti umani, altrettanto indesiderabili e che è necessario sottrarre alla vista della gente perbene, Quarantena a Beirut, Hillat Kusha a Khartoum, Santa Cruz Mehehualco a Città del Messico e la “Montagna fumante” a Manila  sono le sterminate discariche dove trovano riparo i più disperati  indigenti che trovano sostentamento nell’immondizia.

In quello che eravamo abituati con sufficienza a chiamare Terzo Mondo e così e sarà così in maniera sempre più epidemica e diffusa ovunque, se in tutte le città, grandi e piccole, nelle megalopoli già predisposte per diventare necropoli, abitate da occasionali  ospiti dei grandi cimiteri della giustizia e della civiltà: banche, uffici di multinazionali, centri commerciali, ma anche nelle capitali dell’arte e della cultura, la politica dell’abitare è ridotta a negoziato impari di governi e amministrazioni che contrattano consenso, voti, prebende, “compensazioni” miserabili con costruttori e immobiliaristi, coi promoter  delle più nefaste bolle finanziarie, per  espellere i cittadini dal luogo sono nati e vissuti, costringendoli a lasciare le case “dentro le mura- perlopiù simboliche” e spostarsi “fuori”, in spazi residuali, in non-luoghi, in “zone grigie”, in junk space,  in appositi dormitori, mal collegati da reti di trasporti  vetuste, sprovvisti di servizi, brutti in posti brutti, che quindi si meritano oltraggi aggiuntivi alla cancellazione della memoria e dell’appartenenza anche imponendo “altri”  ancora più indigenti, ancora più molesti, ancora più feriti, dai quali è doveroso risparmiare le geografie dello sfarzo e del privilegio.

E cosa volete aspettarvi dai servitori in livrea dello stesso sistema che provoca i danni, li “denuncia” per incolparci e sa agire solo con la forza e la repressione, se non pretese di innocenza e invocazioni di forza, autorità e costrizione? Strumenti che paradossalmente penalizzano le due città che coesistono in uno stesso luogo, quella dei ricchi e quella dei miserabili, Parioli e Bastogi, Vomero e Forcella, San Babila e Giambellino, i ghetti del lusso, controllati e difesi da vigilanti e sistemi di sicurezza che trasformano i fortunati in reclusi spaventati e rabbiosi e i recinti della miseria  coi loro reticolati veri o virtuali e i loro prigionieri intimoriti e incolleriti. Chi ha seminato violenza oggi teme la violenza che ha generato e che li minaccia, quella dei  “gatti in tangenziale”, di chi da sempre è confinato nelle geografie  del malessere dove l’unica voce che arriva dai palazzi è quella del più trucido, dove i condannati alla marginalità si sentono traditi tanto da consegnarsi a Forza Nuova che rivendica di avere in pugno cinque o sei quartieri, tanto da volersi rivalere  su quelli che vengono conferiti nelle discariche umane del benessere, vite nude senza documenti e fissa dimora, scarti mandati dove ci sono già altri scarti.

Il trailer dell’horror che si sta girando in Cile ci insegna che bisogna aver paura della paura dei potenti e combatterli prima che abbiano la meglio su di noi.


Facciamoci un gilet

366062825--1-Questo sarà un lungo post, una corsa panoramica e senza anguste misure sui gilet jaunes, sullo spirito che hanno incarnato prendendone via via consapevolezza, sulla risposta unicamente repressiva dello stato neo liberista che così svela menzogne, illusioni e limiti oggettivi di chi ha creduto nella fine della storia. E infine sulla possibilità che questa jacquerie divenuta in poco tempo onda di profondo cambiamento, costituisca l’inizio e l’innesco di una svolta storica.

Ogni sabato, per quindici  settimane, sono scesi nelle strade delle città idi tutta la Francia a decine di migliaia, hanno organizzato assemblee, allagato i social media e la stampa, nonostante gli instancabili sforzi di reprimere, calunniare e sminuire il movimento  dato fin da novembre sull’orlo del collasso: ma i manifestanti in giallo sono ancora lì, segno che rappresentano molto di più di quelle richieste “piccolo borghesi”  in cui li ha incasellati spregiativamente l’informazione di regime. Oggi persino i lacché di penna e microfono del potere macroniano sono costretti a riconoscere che il movimento dei gilets jaunes  si è rivelato molto più complesso  e sorprendente di quanto non fosse apparso all’inizio, almeno ai loro occhi velati. Essi sono riusciti a evidenziare i pericoli dell’utopia neoliberista di Macron e delle oligarchie europee senza basarsi né sul nazionalismo, né sull’allarme migratorio di carattere xenofobo, ma portando avanti una nuova visione della  democrazia e della solidarietà che ha ben poco a che vedere con i tentativi di imitazione o di associazione ideale.

Il minimo che possiamo dire è che i gilet hanno fin da subito suscitato la rabbia isterica di Emmanuel Macron e dal suo governo. Ci sono state ovviamente delle concessioni formali: a dicembre, di fronte alle dimensioni del movimento, il governo è stato costretto a rinunciare al suo aumento programmato della tassa sui carburanti e anzi ha annunciato una serie di misure destinate a calmare la tempesta. Rispetto a ciò che i numerosi movimenti sociali degli ultimi dieci anni di storia francese sono riusciti ad ottenere  – cioè niente – si sarebbe potuto pensare che essi si accontentassero di questa vittoria. Ma i manifestanti non hanno impiegato molto a rendersi conto che le misure annunciate dal governo (aumento del salario minimo di 100 euro al mese, anche se a carico dei contribuenti e non dei datori di lavoro, esenzione fiscale per gli straordinari, un bonus di fine anno per i dipendenti, l’annullamento della tassa CSG per i pensionati con meno di 2.000 euro al mese) era solo fumo negli occhi, perché queste “briciole” erano ben lontane dalle richieste del movimento per la giustizia sociale e fiscale, la redistribuzione della ricchezza e una democrazia più diretta.

E’ forse proprio per questo che il gilet gialli sono stati oggetto di una violenza che non si vedeva in Francia almeno dal 1968. Da novembre circa 80.000 poliziotti, gendarmi, membri di  membri di unità speciali dell’esercito, uomini dei servizi con i loro servizi, si sono mobilitati per “tenere sotto controllo” le manifestazioni in tutto il Paese. Nel corso delle proteste sono state lanciate decine di migliaia di granate lacrimogene e pallottole di gomma contro i manifestanti spesso in contesti illegali. Le cifre del ministero dell’Interno, quindi di una parte che ha tutto l’interesse a minimizzare parlano da sole: finora almeno dieci persone sono morte (una è stata uccisa direttamente dalle “forze dell’ordine”), 2.100 sono state ferite, 8.700 quelle arrestate con 1.796 condanne. La violenza della polizia ha colpito tutti, anche, i medici di strada, i giornalisti, i fotografi e gli studenti delle scuole superiori, vecchi, donne, bambini e persino disabili. Nonostante tutto questo Macron e i suoi compari sembrano lontani dal mettere in discussione le politiche sociali ed economiche che hanno alimentato questa rabbia popolare, il governo ha puntato il resto del suo già scarso capitale di credibilità tentando di screditare il movimento, disumanizzando i suoi partecipanti e demonizzandone le azioni: il ministro degli Interni Christophe Castaner e i membri del partito di Macron parlano costantemente di “teppisti”, presentando i manifestanti come una folla odiosa, xenofoba e fascista. Il duro rifiuto di Castaner di riconoscere la violenza della polizia è sorprendente. Il mese scorso, mentre invitava i francesi a non manifestare, ha minacciato: “coloro che dimostrano sappiano che sono complici dell’ hooliganismo”.

Certo dev’essere un cretino coi fiocchi o uno che crede che lo siano gli altri, ma di fatto questo eccesso di violenza cieca alla fine è diventato esso stesso un argomento di discussione  nella vita pubblica francese. Dopo due mesi di triste silenzio sulla repressione della polizia contro i manifestanti, i media – che fino a quel momento erano interessati solo alla violenza perpetrata dai “teppisti” – sono stati costretti a svegliarsi. Sembra ormai passato molto tempo dall’affaire  Benalla, quando l’opinione  pubblica e i media sembravano agitati non tanto dal fatto che la guardia del corpo di Macron, forte del suo ruolo di favorito,  picchiasse i manifestanti e scatenasse la sua furia contro un uomo a terra , ma per il fatto che non fosse un poliziotto. Per la prima volta, su radio e TV, si cominciano a sentire intellettuali che si rifiutano di condannare i manifestanti e cercano di spiegare la rivolta  in termini di violenza sociale ed economica che la politica pubblica ha imposto alla popolazione. Per la prima volta, il governo non riesce a strumentalizzare la violenza per screditare il movimento: piuttosto, la sua stessa violenza sta aiutando ad amplificare il messaggio dei manifestanti.  D’altra parte a questo cambiamento di atmosfera hanno contribuito le mobilitazioni dei gilets contro la repressione della polizia e a sostegno delle vittime: centinaia di testimonianze, foto e video di gilet jaune feriti sono circolate sui social media anche quando i media erano interessati solo a mostrare violenza “hooligan”. A dicembre, un video che mostrava oltre cento liceali nel sobborgo parigino di Mantes-la-Jolie in ginocchio, le mani in testa, circondati dalla polizia in tenuta antisommossa, è diventato virale e la posa che questi adolescenti sono stati costretti ad adottare è stata ripresa dai manifestanti , che lo hanno reso uno dei simboli  delle loro  proteste. Le donne coinvolte nel movimento sono state particolarmente attive nella marcia parigina per denunciare la violenza della polizia e hanno voluto che alla testa della manifestazione ci fossero i feriti nelle prime settimane di protesta. Rompere il silenzio ha significato anche sollevare il velo su una violenza che è stata perpetrata per decenni contro i movimenti di opposizione e specialmente le popolazioni dei quartieri poveri, della classe lavoratrice e delle minoranze etniche della Francia. Si apre così la strada a una convergenza con le lotte degli irregolari o dei circoli sociali urbani.

In effetti, tutto questo fa parte del quadro più ampio dello slittamento autoritario che ha raggiunto il suo massimo sotto il governo di Macron. Questo autoritarismo si rivolge prima di tutto contro chiunque combatta i poteri in essere.  Chi abbia partecipato alle manifestazioni lo sa: non si può più dimostrare in Francia senza rischiare di andare all’ospedale o peggio. La polizia ha persino iniziato a confiscare sistematicamente maschere, occhiali e sieri indispensabili per i manifestanti di fronte a raffiche di gas lacrimogeni. La libertà di manifestare è a sua volta sempre più minacciata, dal momento che lo stato di emergenza è stato introdotto sulla scia degli attacchi terroristici le cui cause e dinamiche affondano nello stesso potere che si è dedicato dall’organizzazione dell’esercito terrorista  contro la Siria. A questo si aggiunge la repressione attraverso i tribunali. Persino molti giuristi hanno espresso le loro crescenti preoccupazioni su questo stato di cose. E a ragione: perché il numero di gilet che Jaunes arrestati ai margini delle manifestazioni per motivi “preventivi”, così come il numero di manifestanti condannati al carcere – a volte solo per i messaggi di Facebook – è davvero sorprendente. Per non parlare delle intimidazioni giudiziarie nei confronti di coloro che vengono considerati come uomini simbolo del movimento in maniera così grossolana e grottesca da fomentare l’indignazione: uno di loro, Julien Coupat è stato detenuto per quasi quarantotto ore perché aveva un giubbotto giallo nella sua auto cosa peraltro obbligatoria per legge.

Da questo punto di vista il macronismo  sta prendendo una china inquietante anche perché in qualche modo incoraggiato dall’oligarchia europea che vede messa in questione la sua stessa esistenza e i propri strumenti di potere tra cui l’euro e le regole di bilancio che ne derivano. Ad ogni modo con il disegno di legge sulle “false notizie” che limita la libertà di stampa, la legge sull’asilo e l’immigrazione che impone regole più severe sui più vulnerabili, nuove regolamentazioni per rendere  segreta o quasi la vita interna delle aziende e la trasformazione dello stato di emergenza in legge ordinaria, di fatto si marcia vero un regime autoritario. E dire che Macron era stato eletto per evitare la Le Pen. Ma il fatto centrale, che spesso sfugge, è che questa non è l’eccezione, ma la regola, perché il capitalismo nella fase neo liberista cerca di imporre una direzione che la società deve seguire, vale a dire, il dominio del mercato globale considerato come la fine della storia e il migliore de mondi possibili. Lo stesso inquilino dell’ Eliseo lo aveva detto nella sua campagna elettorale sostenendo che la Francia stava soffrendo perché non era riuscita ad adattarsi alla “modernità” dell’ordine economico globalizzato, più specificamente a causa del suo sistema politico e delle istituzioni antiquate e ossificate.Eppure oggi in Francia come altrove nel mondo le contraddizioni all’interno del neoliberismo – e in particolare la crescente concentrazione di ricchezza e la distruzione dell’ambiente – stanno alimentando una sofferenza popolare e una rabbia espressa nel rifiuto di queste politiche. La risposta violenta e repressiva rimane l’unica possibile per le governance neo liberiste sia all’interno che all’esterno. 

Proprio per questo la mobilitazione ha continuato ad aggregare nuovi elementi, dalle scuole superiori agli studenti universitari e ai movimenti sociali nelle periferie delle grandi città. Mentre all’inizio i rapporti tra i gilets e le organizzazioni sindacali erano difficili, i membri del sindacato presto hanno cominciato ad apparire durante le proteste e molti sindacati hanno portato solidarietà, spesso grazie all’iniziativa e alla pressione delle strutture di base o territoriali. Il 2 febbraio scorso primo “sciopero generale” combinato con una dimostrazione che univa i sindacati , la CGT, Solidaires e alcuni rami di Force ouvrière con le jaune gilet . È stato un successo straordinario, con oltre 300.000 partecipanti. Il prossimo sciopero generale nazionale che unisce i gilets jaunes e il gilets rouges  è stato convocato per il 19 marzo. Questo nonostante dentro al movimento ci sia ancora un po’ di tutto, grazie anche alle infiltrazioni che peraltro erano state già annunciate da alti gradi delle forze armate e ai media che presentano come capi del movimento personaggi che sono assolutamente marginali o addirittura in polemica con esso. Il fatto sostanziale è che questo sommovimento sta ridefinendo gli obiettivi collettivi dal basso e si oppone radicalmente all’insistenza autoritario-neoliberista secondo cui la sovranità popolare dovrebbe essere delegata ai leader e agli “esperti”.

Oggi siamo di fronte al fallimento politico del progetto europeo e alle correnti politiche dominanti in tutto il mondo occidentale, esse stesse per lo più campioni dell’utopia neoliberale. In contrasto con questi ultimi, il movimento dei gilets jaunes sembra essere uno dei pochi movimenti popolari a non essere costruito attorno ai fattori di pancia ed è dunque una possibilità storica di svolta di cambiamento. 


Burro e Alici .. nel paese delle meraviglie

ULTIMO-TANGO-A-PARIGI-BERTOLUCCI-892x502Anna Lombroso per il Simplicissimus

Mettete la parola culo in un discorso, anche il più elevato e sacro, e sarà ricordato solo per quello. Citazione da Jules Renard, che calza anche per gli epitaffi odierni di segni opposto, quelli che celebrano il venerabile maestro e quelli che lo condannano a ostracismo postumo per violenze sessiste.

E infatti si deve a quell’oggetto di indecente concupiscenza, la fama di un film, altrimenti considerato minore, di un regista che ne voleva fare un manifesto politico sulla incomunicabilità, la crisi della famiglia e l’incapacità di vivere l’intimità oltre al sesso, frugandola con la smania dell’entomologo o del ginecologo, ridotto invece a pietra di uno scandalo quasi cinquantennale, vista e stravista malgrado tagli e censure in copie pirata e sale clandestine delle ville della provincia di Sissignore o nei manieri siciliano di divorzio all’italiana laddove il divorzio appena diventato legge era ancora e anch’esso riprovevole. L’accorgimento per far parlare di sé scelto da Bertolucci è una sodomizzazione perpetrata dalla star degli sciupafemmine, giù un bel po’ imbolsito e sciupato, con tanto di paletot di cammello indumento irrinunciabile per denunciare una virilità compromessa e  una smania di dissoluzione come Nella prima notte di quiete, ai danni della inquieta coprotagonista, ruolo affidato a una giovane attrice con l’inespressività propria della bellezza dell’asino.  La quale, si racconta, non era del tutto informata di tutti i particolari della scena che avrebbe interpretato compreso il sacrilegio commesso ai danni del condimento più amato dai francesi per giunta in patria, per la volontà dichiarata del regista di sorprenderla con qualche effetto speciale alla  Stanislavskij  in modo da cogliere emozioni forti, rendendo la finzione più credibile compresi grida  gemiti che a distanza di anni non reggono il confronto con la performance di Sally alla tavola calda. Perché comunque di simulazione scenica si tratta, perché, non me ne intendo, ma non si può sostenere nemmeno per i porno più hard, anche se francamente non me ne intendo, che fosse cine- verità e nemmeno un documentario scientifico su Krafft Ebing.

Ciononostante molti anni dopo la giovane attrice attribuì a quella interpretazione strappatale con l’inganno la sua discesa agli inferi della droga e della depressione, l’eclissi della sua carriera cinematografica, un senso di umiliazione che l’avrebbe perseguitata per sempre, un malessere esistenziale che non può non suscitare la pena che producono certe vite maledette e sprecate.

Così, in aperto contrasto con l’uso di un tempo di trasformare gli estinti in “poveri” cui è obbligatorio riservare rispetto e parlarne solo bene: nil nisi bene, a causa di ciò si è risvegliato quell’istinto non nuovo a tirar giù dal piedistallo il busto del Grande, a disarcionarlo se era in forma di statua equestre con un accanimento anche superiore a quello che ex elettori e appassionati simpatizzanti riservano a leader in disgrazia o defunti quindi inadatti a difendersi.  Quella scena  che vista oggi ha perso il significato di provocazione, conservando la triste malinconia ripetitiva che hanno i film sporcaccioni anche d’autore, con l’ostensione del peccato  ridotto a sconcezza vergognosa da consumare in silenzio e di nascosto, deve condannare  nei secoli all’oblio e alla cancellazione di talento, fama, gloria.

L’artista non deve essere e non è inviolabile e intoccabile: nel pubblico come nel privato non può rivendicare una superiorità che lo renda immune da critiche e deplorazione, che si venda a un regime o che compri i favori di  attricette, che copi o faccia un brutto film sia pure molto patinato secondo l’estetica di Hollywood come è successo appunto a lui.

Ma quello che non mi piace nella campagna del tribunale di genere non è la condanna senza perdono della violenza sia pure virtuale del reprobo, quanto quella, anche quella senza perdono, della donna al ruolo di vittima. Ruolo cui sembrerebbe impossibile sottrarsi per l’inadeguatezza trasmessa per codice genetico a resistere alla supremazia maschile, a rifiutare il compromesso o la soggezione morale e fisica a causa dell’evidente e naturale superiorità dell’uomo, per rendita, posizione, preminenza intellettuale, censo.

Sarò sempre al fianco delle vittime, si, ma non di chi le vuole tali, maschi che usano violenza fisica e morale, donne che fanno altrettanto attribuendo loro una fragilità e una gregarietà che le espone all’abiura del libero arbitrio, le autorizza, come inabili a negarsi, ad accettare di mascherarsi da kellerine alle cene eleganti, a manifestare per cause inique che nemmeno conoscono, le legittima a concedere favori se a esigerli è un potente e le giustifica se cedendo ne hanno tratto profitto, con una parte nello show, l’assunzione in un giornale, il contratto a tempo indeterminato. Grazie a una concezione del corpo femminile che ne fa una merce di poco conto rispetto all’intelletto maschile, che pare non si presti mai a diventare oggetto di vendita o meretricio, tanto che si grida allo scandalo se ai prostituti della penna e del pc si affibbia l’appellativo di puttane.

Credo che dovremmo tutti sottrarci al castigo di essere vittime, donne che sopportano una prevaricazione di genere aggiuntiva rispetto a quella dei maschi, espulse dal lavoro, retribuite con salari inferiori, costrette a riparare i danni della mancanza di assistenza e cura, penalizzate nelle loro vocazioni e aspirazioni, obbligate alla rinuncia di garanzie, scaraventate in un contesto arcaico e patriarcale che impone la rinuncia a diritti che si credevano inalienabili e che vengono limitati o concessi come elargizione a seconda dei bisogni del mercato. Maschi cui si assegna magnanimamente un’egemonia sulla femmina perché si rifacciano delle umiliazioni inflitte e subite senza avere il coraggio di dire no. Così come non si dice no all’oltraggio al territorio, alle opere che costruiscono edifici di corruzione, ai comandi dell’impero e dei suoi consoli, all’uso dei nostri quattrini per compere azioni o acquisti di guerra.  E in cambio delle vergogna per i si che diciamo, ci permettiamo solo un po’ di pietà che dispensiamo a chi crediamo inferiori. 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: