Archivi tag: soggettività

Orwell 2019

10158c6826a7eaa949fb0ca68c493c06Fateci caso quando navigate sui social o in buona parte di ciò che resta del web come lo conoscevamo: potete essere singoli  interessati a contatti personali e dunque portatori asintomatici di selfi e gattini oppure aziende che intendono vendere un prodotto. E’ inconcepibile che voi vogliate diffondere idee e informazioni senza fine di lucro e senza cercare di monetizzarle come merce. Così ogni momento vi viene proposto di pagare Fb o Google o Youtube o questo e quell’altro per diffondere meglio ciò che scrivete in maniera da ricavarne un utile che poi è l’unica cosa che dovrebbe interessarvi. E’ assolutamente escluso che vi piaccia esprimere alcuni spunti o idee, argomentare una posizione politica o parlare di qualsiasi cosa per semplice voglia di condividere idee buone o cattive che siano perché niente esiste al di fuori delle logiche di mercato. E’ un antropologia rozza e miserabile che tuttavia è dilagata perché ormai difficile incappare in qualcosa che non sia pura pubblicità, dalle centinaia di migliaia di falsi recensori o consigliori legati a una marca o a un’organizzazione di vendita, per finire ai pistolotti a pagamento dei candidati alle elezioni.

Purtroppo siamo immersi ormai da decenni in questo spirito orwelliano e la rete che forse doveva essere una via di salvezza, una volta normalizzata si sta rivelando un insidioso cavallo di troia per le spore di questa dittatura impalpabile e soffocante che sta distruggendo ciò che rimane della civiltà occidentale. Non è un’esagerazione, come potrebbe sembrare: la logica di mercato vuole che i contenuti siano quelli che possono vendere di più, creando una spirale verso il basso, verso il quantitativo e realizza un’omologazione assoluta, visto che anche le voci dissonanti fanno parte del mercato e vi si adeguano. Basta semplicemente vedere in che condizioni è l’editoria e non parlo solo di quella che inventa autori dal nulla purché siano comparsi in  televisione, purché siano pruriginosi o al limite innocui per il sistema nella loro estetizzazione visto che comunque la qualità consiste nella quantità di vendite, parlo anche di quella accademica e scientifica i cui contenuti debbono essere messi in una forma standardizzata, incarnare valori e modelli conformisti che non possono essere messi davvero in dubbio. Del resto più si pensa più si rischia di  incorrere nel peggior peccato contemporaneo, ossia quello di non essere prevedibili e dunque in qualche misura controllabili.

Si tratta di un abbandono della razionalità di fondo che ha come suo contrappeso un trionfo di soggettivismo che è il falso della soggettività, il quale si nutre di consumi standardizzati, senza sorprese e viene coperta da un velo di modi dire spiritosi, di stereotipi abborracciati, analogie errate e battute inutili come prova del nove della stupidità compiaciuta. E’ un tipico andamento della cultura anglosassone, dedita ala facezia per riempire  i vuoti e spesso il vuoto in sé, che si è generalizzato insieme al mercatismo.  Ma come diceva Voltaire una battuta spiritosa non prova nulla. Insomma tutto assomiglia a tutto e ha i medesimi sapori, colori, parole dentro un meccanismo che si rafforza, man mano che va avanti perché la massima soddisfazioni la si raggiunge attraverso la massima omologazione, mentre la parola innovazione non è altro che un eufemismo per valorizzare nuovi conformismi. Infatti proprio l’assoluta mancanza di un vero movimento che spinge a simularlo attraverso il vagabondare delle tendenze. Questo ha un correlativo oggettivo in molti campi, per esempio nel fatto che la soddisfazione degli studenti aumenti assieme alla proposta di contenuti omologati, facendo man mano sparire le voci originali o ancora nel fatto che in molte aziende grandi e piccole si stia affermando l’uso di uniformi non come forma di appartenenza, ma di subordinazione e infine nella trasformazione dei rapporti personali in una sorta di complesso burocratico esistenziale nel quale immagini e mail sostituiscono la presenza o lo scambio. Persino i generi sono sottoposti ad una scrupolosa analisi burocratica e merceologica.

Si tratta di una dittatura che non attacca i corpi, anzi li vellica, ma distrugge gli animi e criminalizza o psichiatrizza ogni cosa diversa da sé e dalla narrazione del mondo che ne discende. Soprattutto bada che tutto questo non sia pienamente colto: ogni interesse indebito viene dissimulato con la creazione di un nemico nel laboratorio politico o geopolitico, ogni opposizione viene gestita organizzando la frustrazione con metodi di mercato, si dissimula il potere con la ritualità, ogni differenza viene rasa al suolo con la distruzione delle lingue e delle culture. Quando ci si accorgerà che la libertà ci è sfuggita di mano?


Ius sola

imagesIeri la Camera bassa anzi bassissima, ovvero Montecitorio ha approvato una balzana legge sullo ius soli che in realtà è una specie di ius sanguinis ipocritamente nascosto, anzi ancor peggio una sorta di ius culturae contraddittorio e grottesco. Infatti ai bambini di genitori stranieri non basta nascere sul suolo nazionale per acquisirne, come accade in tutto il resto del mondo, la nazionalità, ma occorre che frequenti un ciclo di almeno cinque anni di studi presso il sistema scolastico nazionale. La xenofobia intrinseca di questo provvedimento, la discriminazione su base etno identitaria che istituisce è palese: ogni neonato da qualsiasi genitore sia nato è un vaso vuoto che va lentamente riempito, per cui alla nascita l’unico criterio valido, necessario ancorché insufficiente, è il luogo di nascita: quanto poi alla scuola essa è o dovrebbe essere obbligatoria per tutti, per cui non si comprende perché uno nato mettiamo a Secondigliano può essere italiano senza andare alla scuola dell’obbligo, può parlare in maniera incomprensibile al di là del circondario, essere addirittura analfabeta mentre uno nato nella stessa città, ma da genitori stranieri non può avere la cittadinanza nelle medesime condizioni. La legge sulla scuola dell’obbligo cui tutti dovrebbero adeguarsi è già sufficiente.

Mi rendo perfettamente conto che esistono problemi che possono aver spinto ad adottare questo provvedimento di per sé logico come un Minotauro, ma la cosa che proprio non funziona in questa sorta di ius culturae, spacciato per ius soli, la sua natura paradossale è proprio il fatto che la cultura a cui si dovrebbe fare riferimento è dichiarata ogni giorno di più inutile e negativa  rispetto all’omologazione mondiale del liberismo o al suo succedaneo europeista, il suo veicolo, ovvero la lingua, sostituita ogni giorno di più da un inglese coloniale con le università che fanno a gara per sostituirlo all’italiano, le sue peculiarità via via sostituite dalla logica mercatista globale. Cos’è questa cultura a cui il neonato straniero si dovrebbe adeguare? E’ forse il liberismo d’importazione e idiozia tutta americana che guida la grande campagna per la privatizzazione delle poste la quale inneggia al cambiamento in quanto tale, senza dire nulla in merito ad esso? E’ forse la fiera per startuppisti sgomitanti, secondo una filosofia che scambia il gadget per innovazione, il progresso per novità commerciale, il lavoro creativo per lotteria, ospitata non si sa bene perché alla Sapienza rendendo necessaria la sua completa chiusura per tre giorni? E dire che il numero e la potenza degli sponsor che vanno da Microsoft a Google, da Citroen, Eni, Acea, Bnl, Ibm, Cisco, postepay e sono solo alcuni, potevano anche trovare una sede più acconcia senza dover chiudere un’intera università, biblioteche comprese, tanto più che si pagano 10 euro per l’ingresso. A questo punto sarebbe da domandarsi chi ci guadagna, chi incassa e quanto. Ma questo non si conosce ed è l’unica sfumatura veramente italiana in questo tronfio bailamme che finora negli Usa ha prodotto qualcosa come 39 mila fallimenti fino a che ci sono stati i quantitative easing. E dire che sarebbe anche interessante se non si scambiasse questa cosa per innovazione e per il calco del futuro che consiste nel lavorare gratis in vista di essere fra lo 0,000001  di quelli che ce la fanno.

Sono solo esempi di giornata di un’omologazione voluta e cercata a tutti i costi, spesso nei modi più passivi, servili e ingenui, cui si contrappone in maniera stravagante e ipocrita una sorta di ius culturae altrimenti esorcizzata. Quelli che si fanno entusiasticamente sradicare dalla loro soggettività culturale non in nome di un’universalità kantiana, ma commerciale, pretendono che essa sia delibata da chi viene da altrove. Se poi ci prenderemo qualche sonoro e storico vaffa non ci possiamo meravigliare.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: