Annunci

Archivi tag: società dello spettacolo

MalaRealiti

mala Anna Lombroso per il Simplicissimus

Che gli Usa abbiano colonizzato anche il nostro immaginario, si sa. E ormai si sa anche che li imitiamo male, tanto che se alla fine dell’età americana copiamo il Truman Show, ci aggiungiamo  un po’ di nostrana cialtroneria gaglioffa, lo chiamiamo Realiti, lo affidiamo a un “bravo presentatore”, ex Jena strappata a Mediaset, in qualità di professionista di provocazioni seriali tramite sberleffo e irriverenza un tanto al chilo, purché non disturbino il manovratore.

L’intento, con un ritardo di vent’anni,  è trasformare i prodotti più miserabili in commercio in fenomeni sociologici, su cui  possano discettare compunti quelli che si chiamano fuori contribuendo invece alla loro visibilità, quelli che denunciano lo scandalismo riproducendolo e alimentandolo.

E infatti ha detto Freccero cui si deve l’audace ideazione,  “Realiti mette in scena l’Italia del selfie   l’Italia di tutti quanti noi che pensiamo che l’unico valore sia il narcisismo”.  Quindi per contrastare questa tendenza inarrestabile, la sfida della trasmissione di Rai2 che va in diretta con Instagram, sottoponendosi al voto del pubblico,  è mettersi in concorrenza con  il talk di Barbara d’Urso in onda il mercoledì.

Se auditel non li aveva premiati, se non era bastato l’autorevole parterre di saggi e giudici tra i quali non poteva mancare Asia Argento, selezionati tra proverbiali narcisisti e leggendari egotici, a dare alla trasmissione i suoi due o tre giorni di celebrità sono serviti due cantanti neomelodici, uno in carne e ossa e uno come evocazione potente. Anche questo secondo  come il primo appartiene a quel firmamento di stelle tante volte rappresentato in film, sceneggiati e docufilm sul Sud, con tutta la paccottiglia di stereotipi che accompagna le sparatorie nelle stese, ma anche le prestazioni creative del boss sì, ma delle cerimonie.

Di lui si è appreso che è un’icona di malavitosi e non solo per via della sua carriera non prettamente musicale, che nel suo pantheon la figura di spicco è uno zio detenuto in regime di 41 bis e che ci sono ragazzine che muoiono per lui, per fortuna non in senso proprio.

L’altro di chiama Zappalà, era in studio, ed è lui che davanti alla gigantografia di Falcone e Borsellino, ha dichiarato tranquillamente “Queste persone che hanno fatto queste scelte di vita le sanno le conseguenze. Come ci piace il dolce ci deve piacere anche l’amaro”, insomma qualcosa che assomiglia da vicino al famigerato “se l’è andata a cercare” di Andreotti a proposito dell’assassinio di Ambrosoli.

Solo che lui non è Andreotti e quindi apriti cielo: il conduttore rivendica la qualità sociale della sua missione di indagine nel reality della vita e si difende ricordando che dopo l’ardita affermazione, con inaudita forza morale ha suggerito al pischello di “studiare”. I vertici Rai si svegliano dall’abituale letargo che li coglie quando nei consigli di amministrazione vengono messi a parte dei progetti ambiziosi  che dovrebbero restituire prestigio al servizio pubblico o quando in saletta di proiezione guardano il materiale pre montaggio.  E l’ad Fabrizio Salini poi non le manda a dire: «Quello che è avvenuto è inaccettabile e non può e non deve accadere …. per la Rai è un obbligo civile, morale e culturale essere rispettosi della legalità…. chiediamo scusa ai parenti di Falcone e Borsellino, ai familiari di tutte le vittime della mafia e ai telespettatori», concludendo: «È in corso un’istruttoria per stabilire le responsabilità».

Allora siamo a posto, che non deve andare troppo lontano:  basta che si guardi allo specchio per risalire all’onere della colpa in qualità di responsabile di grado più elevato.

Il fatto è che la critica alla società dello spettacolo, come quella allo spettacolo della politica non può essere affidata a chi “ci campa sopra”, a chi ci lucra, a chi basa su di essa carriera e prebende, notorietà ormai più importante e ricercata della reputazione.

Il ragazzotto chiamato a testimoniare e incarnare il fenomeno è una figurina che vale poco nello struscio del villaggio globale: niente rispetto ai tagliagole in diretta che (non sorprendentemente)  hanno studiato effetti speciali a Hollywood e tecniche della persuasione a Harward, niente rispetto alla poderosa messinscena equipaggiata con tutti gli strumenti della comunicazione,  studiata e prodotta per convincere le masse della bontà della rinuncia, della severità, dell’austerità, pena comminata per la colpa di aver beneficiato immeritatamente di diritti, conquiste, beni e  partecipazione. Vale poco anche se vien buono per riconfermare il primato del moralismo in sostituzione della morale, del politicamente corretto rispetto alla politica, per i quali la legalità diventa uno slogan da ripetere nelle inserzioni della “pubblicità progresso” pagata con il soldi della finanza criminale, con le imprese che si danno alla fuga per non pagare i debiti, i dipendenti, le bonifiche e pure i conti con la legge, con la corruzione, con le speculazioni, con le alleanze opache di “impresentabili” che restano a galla grazie ai salvagente delle mafie, con la normalizzazione liturgica della trasgressione officiata da “Raiset”,  dove si espone il puttanificio del tycoon culoflaccido più spettacolare e veniale del golpismo e dove amabili e  mielose signore di mezza età si inteneriscono comprensive e solidarizzano con inveterati stupratori e impenitenti assassini.

Del poco meno che ventenne Zappalà promosso a icona negativa – che vedrà piratare con più lena i cd, che verrà invitato con cachet superiori a cantare alle cresime, grazie a Salini, Freccero e gli altri – adesso sappiamo qualcosa. Mentre c’è una congiura per non farci sapere chi sono quelli che si riconoscono in lui, quelli che grazie alla visibilità, alla propagazione dei comportamenti e della esternazioni di qualcuno promosso a feticcio – o a leader, o a ministro,    a autorità parascientifica  o a influencer – si sentono autorizzati a esprimere vergogne tenute dentro, legittimati a esibire brutture per le quali si provava imbarazzo. Per non farci sapere perché sono diventati così, anche se non occorre essere Lukács  e nemmeno  Debord per capire che la conversione della realtà in società delle immagini è stata infine completata quando l’avidità di profitto ha definitivamente trasformato la gente in merce occupando ogni spazio della vita.

Non è un caso che dopo i fasti di Drive In, delle soap Mediaset che avevano illuso i cittadini festosamente promossi a clienti e consumatori, lo show che ci propinano è quello mesto e moraleggiante  del capitale umano retrocesso a “indebitato”, a “precarizzato”, a “miserabile” senza arte né parte in commedia, cui viene concesso solo il diritto a una comparsata e a un monologo avvelenato nel salotto tv dove va in onda lo spot dell’esistenza.

Annunci

Come salmoni nella società dello spettacolo

salmone-allevamento-inquinatoEro ancora sui banchi di scuola quando uscì “La società dello spettacolo”, il saggio di Guy Debord che ero destinato a studiare qualche anno più tardi e che descrive una società dove l’immagine ( il termine spettacolo è usato nel suo significato etimologico oltre che nelle sue denotazioni specifiche)  è funzionale alle strutture economiche, trascina con sé e determina i rapporti sociali e una intera  visione visione del mondo. E’ insomma un potente fattore di alienazione dalla realtà, creandone un’altra parallela dove le persone non vivono più la dialettica storica e di classe, ma diventano consumatori, vale a dire in sostanza feticisti che trasformano l’es freudiano in io. Oggi possiamo dire che si sia trattato di un saggio davvero profetico oltre che un esempio insuperato di elaborazione viva e non inerte o pedissequa del pensiero di Marx con la possibilità di applicarlo a tutta la comunicazione da cui è investito il mondo occidentale. Tuttavia la metarealtà dell’immagine in quanto ombra cinese di rapporti reali fatalmente entra in contraddizione esattamente come la società basata sul profitto assoluto incontra le sue aporie, si separa in vari filoni di narrazione che confliggono tra di loro non avendo altra possibilità di restare credibili se non la menzogna, il nascondimento o la persuasione occulta.

Ecco perché oggi potremmo parlare con uguale efficacia di Società della menzogna nella quale niente è come appare e niente appare come è. Da una parte, per esempio, il cosiddetto ritorno alla natura, declinato nei vari consumismi, commercializzazioni e fideismi alternativi stimolati dai libri contabili e dalle lobby si contrappone alla distruzione stessa dell’ambiente in nome della crescita infinita ed entrambe queste immagini, questi “spettacoli” riescono ad essere compatibili grazie all’interposizione di stravaganti teorie cuscinetto che fungono da detournement. L’argomento è vastissimo e richiederebbe un intero saggio, ma per semplificare mi viene in aiuto un ambientalista inglese, George Monbiot, che ha citato il caso della Royal Society per la prevenzione della crudeltà sugli animali (Rspca) che nelle settimane scorse ha magnificato in maniera epica il suo intervento per il salvataggio di un piccolo di foca rimasto intrappolato sotto una roccia in un tratto di costa del Galles. Probabilmente non basterebbe Omero per cantare il sollevamento di un masso di 3 tonnellate che dovrebbe testimoniare “l’ineguagliabile impegno della RSPCA per la libertà degli animale e il loro benessere”. Tuttavia la stessa società è quella che controlla molte aziende di allevamento per conferire ad esse il proprio bollino con il quale assicura il benessere animale e succede che il riconoscimento vada ad oltre 20 allevamenti di salmoni (il 83 per cento del totale britannico) la maggior parte dei quali, per non affrontare la spesa di una doppia rete di protezione, fanno strage di foche e indirettamente dei loro cuccioli per impedire che si mangino i pesci. E non finisce qui: costretti a vivere in un ambiente ristrettissimo, i salmoni stessi sono vittime dell’infestazione dei pidocchi di mare i quali nel corso di vari anni hanno cominciato a diffondersi anche tra i salmoni selvaggi. Per far fronte a questa situazione gli allevamenti usano pesticidi ortofosfatici i quali devastano le popolazioni di crostacei di molte altre specie animali e vegetali che dipendono da loro. Non è finita perché gran parte della farina di pesce con cui vengono nutriti i salmoni deriva da una delle più distruttive pratiche di pesca, ossia quella con reti a traino.

Insomma siamo diventati consumatori di illusioni oltre che di salmoni al di là di ogni equilibrio naturale perché si sa che questi pesci fanno bene alla salute con i loro omega 3. E siccome intere filiere economiche sono costruite su questo concetto basilare che comprende anche infiniti integratori assolutamente “naturali”,  le numerose ricerche che ridimensionano quasi a zero il ruolo di questi grassi rimarrà lettera morta a lungo, anche perché con vari possibilismi a volta così scoperti da essere grotteschi che intervengono nella mediatizazione di queste notizie non si osa contrastare apertamente un industria che nel complesso vale miliardi e che fatalmente ha influenza in molti campi compresa quella delle carriere accademiche delle università private. Solo quando compaiono delle competizioni con altri tipi di consumo, magari egualmente nefando nella assurda bulimia contemporanea, si aprono pertugi di verità o meglio ancora di verità comunque condizionate e parte dello spettacolo.

Naturalmente si tratta di un argomento facile rispetto ad altri, ma forse più immediato nella sua palese quanto insospettata contraddizione. In effetti la società dello spettacolo mostra ciò che si può fare e nasconde però ciò che è possibile fare, proiettando così sullo schermo dell’immaginario un’immagine unitaria di ciò che in realtà unito e viceversa. Come fossimo salmoni non più in grado di risalire i fiumi. Anzi affumicati.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: