Archivi tag: scandalo

Biden e la social mafia

Cose che succedono in questo mondo di Alice: da quando il New York Post ha rotto l’omertà e riportato alcuni dei dettagli contenuti sul computer di Hunter Biden, figlio del candidato Joe, che compromettono anche il padre coinvolgendo nello scandalo della Burisma, l’azienda petrolifera ucraina al centro du uno scandalo internazionale, dolosamente soffocato,  Twitter e Facebook, i giganti dei social media più strettamente collegati al modo in cui gli americani si scambiano informazioni politiche, sono entrati in azione per sopprimere le informazioni e proteggere Joe Biden dalle possibili ripercussioni elettorali della vicenda. Nel caso di Facebook, però, forse uno di quei protettori sta difendendo se stesso e offendendo la buona fede degli iscritti al libro delle facce: la persona attualmente responsabile del programma di integrità elettorale di Facebook è infatti Anna Makanju ex componente dell’Atlantic Council, ovvero un think tank che si occupa di affari internazionali, ma che in sostanza è un organizzazione fiancheggiatrice della Nato. Di esso hanno fatto parte Susan Rice, Richard Holbrooke, Eric Shinseki, Anne-Marie Slaughter, Chuck Hagel e Brent Scowcroft, tutti i personaggi principali dell’amministrazione Obama. E fin qui si potrebbe intravvedere solo una “vicinanza” sospetta: il fatto è che uno dei maggiori finanziatori dell’Atlantic Council è stata proprio Burisma, con un contributo di 300 mila dollari in tre anni a partire dal 2016, ovvero da quando il figlio di Biden è entrato nella squallida faccenda.

Ma questo sarebbe il meno perché proprio la Makanju nella pagina che conserva sul sito dell’Atlantic Council viene così descritta: “È un’esperta di politiche pubbliche e legali che lavora in Facebook, dove guida gli sforzi per garantire l’integrità elettorale sulla piattaforma. In precedenza, è stata consigliere politico speciale per l’Europa e l’Eurasia dell’ex vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden , consigliere politico senior dell’ambasciatrice Samantha Power presso la Missione degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, direttore per la Russia presso il Consiglio di sicurezza nazionale e capo del personale per la politica europea e della NATO presso l’Ufficio del Segretario della Difesa.” Per completare l’opera è stata citata in un articolo del Washington Post come testimone che non c’era nulla di corrotto nei rapporti di Biden con l’Ucraina, che il candidato non ha fatto pressioni su Kiev  per licenziare il procuratore Viktor Shokin il quale indagava su Burisma e sui traffici del figlio, ma che è intervenuto perché Shokin non stava facendo il suo lavoro quando si trattava di indagare sulla corruzione. Una tesi del tutto incredibile e priva di senso, ma si sa che il compito dell’informazione è ormai proprio quello di ribaltare la verità. Peraltro al tempo in cui tutto questo accadeva, la Makanju era consigliere politico senior di Biden per l’Ucraina e ha affermato che i colloqui tra l’attuale candidato alla Casa Bianca e l’allora presidente ucraino Poroshenko o il primo ministro Arseniy Yatsenyuk non riguardavano la Burisma, ma le riforme richieste dal Fondo monetario internazionale, i metodi per combattere la corruzione (sic)  e l’assistenza militare. Si tratta di versioni evidentemente contradditorie che in un tribunale non reggerebbero un nano secondo perché una volta Makanju dice che Biden voleva le dimissioni di Shokin per imprecisate ragioni di correttezza e un’ altra che Biden non ha mai parlato della vicenda.  

Al di là però della faccenda  in sé la situazione si sintetizza così: il dirigente di Facebook che dovrebbe essere il garante della neutralità del social network e che attualmente blocca tutte le prove sulle attività corruttive di Hunter e Joe Biden in Ucraina è la stessa persona che coordinava l’attività corrotta ei guadagni della famiglia Biden in Ucraina. Si tratta solo di un aspetto della social mafia, che dilaga e diventa facilmente mafia mediatica, nella quale ogni informazione che non piace viene nascosta e ogni opportuna disinformazione viene esaltata. Come vediamo ogni giorno e  in ogni campo, compreso quello della pandemia.


La perfetta commissaria

Merkel Birthday Congratulations At Weekly Government Cabinet MeetingAl momento della sua elezione a capo della commissione europea in Germania ci furono non poche polemiche sul’ascesa al trono di un personaggio che nel corso della sua vita politica e in particolare sia come ministro del lavoro che della difesa aveva mostrato di essere una totale nullità il cui unico merito era quello di essere amica stretta della Merkel oltre che figlia del presidente per 13’anni della Bassa Sassonia e pronipote di industriali tessili infaticabili sfruttatori di lavoranti russe, nonché prolifica moglie di Heiko von der  Leyen, ultimo rampollo di una famiglia di nobiltà  relativamente recente nei cui stabilimenti per la seta a Krefeld si verificò nel 1828  “la prima rivolta operaia della storia tedesca” , come scrisse Marx, a causa delle condizioni di lavoro particolarmente dure.  Insomma tutto un quadretto di ricchi figli di famiglia e figli d’arte perfetto per l’arredamento dell’oligarchia europea  Per la verità Ursula Getrud von Der Leyen nata Albrecht  aveva brillato di luce propria in due occasioni, quella in cui fu accusata di plagio per la sua tardiva tesi di laurea in medicina che per fortuna di eventuali pazienti non ha mai esercitato e quella in cui aprì le esportazioni di armi all’Arabia Saudita proprio agli inizi della guerra con lo Yemen. E se vogliamo concludere il quadretto era presente a Firenze, in qualità di emissario dell’amica cancelliera, quando  insieme a Blair forzarono il Pd ad accogliere la candidatura di Renzi (vedi qui).

Ora si scopre, nel completo silenzio dell’informazione, che quando è stata eletta alla presidenza della Commissione europea Ursula era già da mesi sotto indagine da parte di una commissione del Parlamento di Berlino  perché, da ministra della Difesa, avrebbe  aggiudicato contratti del valore di milioni eludendo la legge sugli appalti pubblici”, una cosa che è stata tenuta segreta per far sì che la cocchina della Merkel fosse eletta e che tuttora è difficile leggere sull’informazione italiana. Ma recentemente ci sono stati degli sviluppi visto che la commissione parlamentare ha scoperto che il telefonino di servizio che Ursula usava per le sue funzioni ministeriali è stato cancellato per ragioni di “sicurezza” dallo stesso ministero della Difesa nonostante il fatto che fosse stato richiesto come materiale di prova fin dal febbraio scorso. Il ministero ha traccheggiato per mesi dicendo che lo smartphone era stato smarrito, per riapparire adesso con la memoria cancellata. In questo modo non si è riusciti a comprendere fino in fondo la rete attraverso cui si decidevano gli appalti e il motivo per cui sono stati assunti molti consulenti esterni profumatamente pagati. Certo è uno scandalo, ma in ogni caso visto che la von der Leyen, come capo della commissione gode della totale impunità farebbe poca differenza: qualcuno anzi avanza il sospetto che la candidatura della signora bene sia stata avanzata dall’amica Merkel proprio per sottrarla alla giustizia, cosa del resto non nuova nell’ambito europeo il cui parlamento funge anche da refugium peccatorum. E certo può anche darsi che questo abbia pesato nella scelta, ma non bisogna nemmeno dimenticare il ruolo simbolico della signora come rappresentante tipo dell’elite: doppiamente erede di padroni delle ferriere, espressione del dilettantismo svagato dei ricchi che passano da quello a quell’altro senza aver ma bisogno di impegnarsi visto che dappetutto trovano benevolenza e negazione vivente di quel “merito” che si pretende esclusivamente dalle classi subalterne. Ursula in qualche modo è l’incarnazione della disuguaglianza e delle sue ragioni, la faccia gradevole e accettabile del muro sociale che l’Ue va costruendo e allo stesso tempo e del tutto priva di prospettive proprie, un sempòio di perfetta mimesi ambientale, un pongo allo Chanel numero 5 per il potere reale. In  certo senso si potrebbe dire che è il leader perfetto per il sardinismo. Solo è meglio non chiamarla sul cellulare, potrebbero essere guai.


Terroristi patrioti e gilet gialli bastonati

francia-ginocchioQuale sia lo stato delle cose, il precipitare degli eventi e il grado di confusione nell’occidente contemporaneo dove le narrazioni e le bugie sono talmente ingarbugliate da non riuscire più a collimare, può essere dimostrato dalle parole di Cristophe Castaner, ministro degli interni francese che di fronte ai 93 gilet gialli gravemente feriti (13 di loro hanno perso un occhio) durante le varie dimostrazioni che si sono susseguite nell’ultimi due mesi, ha sostenuto: “non conosco nessun poliziotto o gendarme che abbia attaccato un manifestante”. Difficile che si possa trovare verità e onore in un ministro dei banchieri, ma in ogni caso è fin troppo chiaro che ora si vuole nascondere e negare la violenza con la quale  il regime macronista e neoliberista europide ha reagito alle manifestazioni di dissenso contro le dottrine austeritarie, ad onta di tutte le giaculatorie democratiche che vengono recitate dai grandi sacerdoti perché i fedeli siano tenuti in ginocchio di fronte ai tabernacoli rituali. La realtà è che le oligarchie hanno paura e non sanno che reagire con la forza.

Ma fin qui sarebbe si tratterebbe solo di faccia tosta dentro giorni convulsi nei quali l’Eliseo si trova di fronte a un nuovo scandalo: alcune intercettazioni telefoniche tra la guardia del corpo e favorito dell’harem presidenziale, Alexandre Benalla e un poliziotto radiato dal corpo, ora operante nel privato. Benalla infatti, sotto processo per violenze dice di avere tutta la protezione possibile. E quando l’interlocutore gli chiede: “Ma chi ti sostiene in concreto?” Benalla risponde: ” Il presidente, Madame (Brigitte ovviamente) e Ismael che mi consiglia su media e compagnia”  Quest’ultimo personaggio è Ismael Emelien un braccio destro di Macron. Questo dopo che il capo dell’Eliseo aveva pubblicamente detto di aver preso le distanze da Benalla e dalle sue imprese di picchiatore.

Insomma il clima è arroventato, tanto più che se queste intercettazioni sono uscire fuori dai cassetti significa che il presidente sta per essere mollato dai servizi e dall’apparato militare. Ma torniamo al ministro dell’Interno e alle sue incredibili dichiarazioni. Farebbero parte della normale e sordida commedia governativa se non fosse che Castaner  poco prima di questa incredibile dichiarazione assolutoria ne aveva fatto un’ altra annunciando che 134 jihadisti rifugiatisi presso quella parte di forze curde agli ordini degli Usa, saranno rimpatriati in quanto cittadini della douce France. “Sono francesi prima di essere jihadisti”. Ora mettetevi nei panni dei cittadini francesi che da anni vivono in uno stato di eccezione a causa del terrorismo, nei quali è stata accuratamente coltivata la paura perché guardassero il dito e non la luna: adesso scoprono che il Paese è profondamente implicato nell’organizzazione del jiahdismo, che questi combattenti di origine nordafricana ed ex coloniale, spesso delinquenti di piccola tacca sono stati arruolati nelle prigioni, formati e inviati in Siria, che insomma lo sponsor primario del terrore – mai realmente controllabile – è proprio il governo. Che Parigi avesse messo molto più che uno zampino in Siria era già noto visto che numerosi ufficiali francesi sono stati stati catturati dalle forze siriane. Ma adesso si scopre che quel sottobosco di sbandati e fanatici – radicalizzati più dal denaro e dalle depenalizzazioni che dalla religione – che  insomma le schegge impazzite dei pendolari tra il Medio Oriente e la Metropole,  è stato sostanzialmente gestito dai servizi . Si è autorizzati a pensare il peggio, ma in ogni caso sta di fatto che parecchi di coloro che sono stati regolarmente uccisi dopo gli attentati, dal Charlie Hebdo, al Bataclan, al supermercato kasher, alle sparatorie di Bruxelles, facevano parte di questa colonna infame e non è escluso che in alcuni di questi casi ci fosse sullo sfondo un regolamento di conti tra servizi segreti. Ora vengono accolti col tappeto rosso.

Il problema ulteriore è che la notizia del patriottico quanto orgoglioso rimpatrio definitivo di questi terroristi mercenari trattati con i guanti bianchi stride in maniera orribile con la barbara repressione sui cittadini in francesi che protestano: da una parte l’elogio della violenza, dall’altro la negazione della stessa. Davvero insopportabile, ma indicativo della confusione nella quale viviamo e della impossibilità della coerenza: gli eventi si succedono producendo ondate emotive o tesi e argomenti senza alcuna relazione con loro e soprattutto fra loro e la realtà. Solo quando la distanza temporale è minimo si avverte lo stridore.


Macron e quella scia di fumo rosso

desfile-dia-de-la-bastilla-francia-2018Fate caso alla foto accanto, scattata durante la parata militare del 14 luglio a Parigi e chiedetevi cosa non funziona: è facile, una delle scie azzurre è stata sostituita con una rossa non per un errore, praticamente impossibile in un meccanismo così oliato, ma per segnalare l’estremo disagio dell’Armée e il suo ultimatum a Macron con cui sta maturando una rottura insanabile. La scia rossa in codice precede di pochi giorni l’esplosione dello scandalo Benalla (qui) stranamente tirato fuori in primis proprio dal quotidiano dell’establishment francese, ovvero Le Monde e che dilaga ormai senza freni: si è saputo infatti che la guardia del corpo del presidente aveva le chiavi della villa del Toquet, proprietà esclusiva e privatissima di Brigitte ed Emmanuel, aveva libero accesso a tutti i luoghi del potere, faceva parte del Grande Oriente di Francia, collegato con la Loggia Emir  Abdel Kader, è sospettato di essere un agente segreto del Marocco e come se questo non bastasse si cominciano a scoprire legami con gli attentati al Bataclan e allo Stade de France: tutte cose che escono dal ministero degli Interni e dalle centrali investigative di solito riservatissime sugli affari che riguardano i potenti, ma che riflettono uno stato d’animo critico,  alimentato da decine di dichiarazioni anche antecedenti allo scandalo provenienti proprio da quegli ambienti e da quegli uomini che avevano costruito Macron. Qualcosa che ricorda in qualche modo la traiettoria di Renzi.

Il presidente dal canto suo non reagisce come ci si aspetterebbe visto il suo carattere, anzi sembra preso da una sorta di atarassia politica, come ipnotizzato da ciò che sta accadendo, quasi sopraffatto da uno scandalo che viene proprio dalla parte che non si aspettava, fa finta di non vedere le scie rosse in cielo e resta silente di fronte all’affaire Granier, motociclista  della Guardia presidenziale messo in un manicomio dopo che il 4 maggio aveva denunciato in un video “gli assassini e gli altri delitti commessi dall’oligarchia che ha preso possesso del Paese”. Qualcosa che non parrebbe proprio folle se pensiamo che lo stesso prefetto di Parigi si spinge a denunciare “derive individuali, inaccettabili, condannabili, in un quadro di favoritismo malsano“.

Ora a me interessa pochissimo cosa facciano o non facciano nelle segrete stanze Macron e l’aitante tunisino, anche se la battuta che circola secondo cui Brigitte sarebbe solo la deuxieme dame de France è divertente: lo scandalo semmai è nei pestaggi compiuti dalla guardia del corpo e coperti dal’Eliseo, nell’oscurità dei personaggi cui si lega il presidente dando loro un credito e un potere spropositato. Mi dilungo sulla vicenda perché essa ha un dirompente significato politico che non vale soltanto per la Francia, ma per tutti i Paesi europei, se non per l’occidente intero.

La prima domanda che occorre farsi  è se, Jacques Attali, promotore e ideologo  dell’oligarchismo elitario nonché principale artefice della costruzione di Macron e della sua elezione, sia l’eminenza grigia dello scandalo che sta travolgendo l’Eliseo o ne sia una delle vittime. In questo secondo caso potremmo dire che il globalismo finanziario e lo sfascio della democrazia reale ad opera delle sue concezioni si sta esaurendo, che il pendolo è arrivato al massimo della sua oscillazione e ora siamo di fronte a un giro di boa che impone anche ai più severi tutori dell’ortodossia neo liberista e delle sue prassi politiche, di abbandonare i personaggi più compromessi come se fossero  la zavorra di una mongolfiera in caduta libera. Se invece, come  è lecito sospettare, dietro questo attacco a Macron c’è proprio Attali, si può pensare che sia proprio il pensiero unico, per resistere alla rabbia sociale creata dai suoi dogmi, a voler  rispolverare un senso identitario che si voleva cancellare per gestirlo a proprio favore e in senso antisociale, una tesi che mi vanto di aver espresso da almeno un anno a questa parte. A testimonianza di questa ipotesi si potrebbero chiamare al banco la messe di articoli che un po’ ovunque, Italia compresa, cominciano a considerare negativamente la demonizzazione delle culture di area nazionale e a rigettare l’europeismo totalitario: si tratta di interventi significativi proprio perché fatti dagli attivisti e dai cattivi maestri delle concezioni sulle quali ora cominciano a fare marcia indietro. E vedrete che tempo qualche settimana anche i peana a Marchione lasceranno il posto a fondati dubbi.

Naturalmente quando un concetto complesso viene espresso con una sola parola, com’è obbligatorio  nella contemporaneità anglofona, gli equivoci e l’ambivalenza sono di casa e anche su questo gioca il potere: diciamo che tra senso di appartenenza a una comunità storica e culturale e l’identitarismo volgare c’è un’oceano di mezzo, ma vorrei sollecitare chi vuole e chi può a pattugliare queste acque perché i prossimi decenni, che lo si voglia o meno, saranno decisi da quale delle due visioni finirà per prevalere. L’astensione, specie quella dettata da snobismo,  è sempre perdente.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: