Annunci

Archivi tag: Putin

L’Europa rimasta col cerino in mano

fiammifero-1Fra i due litiganti il terzo non gode, ma crepa. L’incontro fra Putin e Trump che tanto allarme aveva suscitato fra l’establishment globalista per il quale paradossalmente qualsiasi allentamento delle tensioni e dello stato di conflitto è una iattura, ha partorito un topolino o meglio una pantegana, un ratto di fogna. Perché a Trump è stato possibile un relativo avvicinamento a Putin che non suonasse come un tradimento solo dando piena soddisfazione alla lobby sionista interna e dunque facendo capire al leader russo che tutto è possibile purché non si aiuti l’Iran, si partecipi con diligenza al suo isolamento e si dia perciò una spinta decisiva a un cambio di regime a favore dei filoamericani locali, riccamente foraggiati ormai da 40 anni sia pure senza troppo successo. Ora è evidente che Teheran non è una posta così importante per Washington da condizionare tutto il gioco planetario e lo dimostra chiaramente il trattato sull’armamento nucleare siglato in pompa magna per poi venire sconfessato: è  sì al centro di un’ area nevralgica, possiede le più grandi riserve di idrocarburi dopo la Russia, è il Paese di rifermento degli Sciiti, ma chiaramente il peso globale è limitato alla regione del golfo. Tuttavia è di vitale importanza per Trump che nella sua lotta contro il deep state si appoggia ai gruppi di pressione sionista, è vitale per Israele e per il suo progetto di Medio Oriente e lo anche per la nuova governance saudita allevata interamente negli Usa e priva di qualsiasi retroterra culturale originale che vede in Teheran uno scoglio insuperabile per la propria egemonia regionale.

Così uno scambio è stato inevitabile. Ma non è soltanto Teheran a fare le spese di tutto questo, perché anche l’Europa ha avuto il suo come ricompensa per aver sempre e da sempre appoggiato ogni mossa degli Usa, anche la più canagliesca cosi da determinare la situazione attuale: la frase di Trump, “l’Unione europea è nemica degli Stati Uniti” non si riferisce solo al 150 miliardi di deficit commerciale di Washington o ai prossimi dazi che nella peggiore delle ipotesi colpiranno i profitti dei grandi ricchi, ma soprattutto al timore che il vecchio continente coltivi in proprio relazioni con la Russia e con la Cina, capaci di spostare ulteriormente il piatto della bilancia del potere mondiale. Gli accenni al North stream che interessa direttamente la Germania, alla via della seta cinese, alla circostanza che molti non rispettano integralmente le sanzioni imposte da Washington fanno intendere fin troppo bene che in realtà Trump non parli propriamente dell’Ue, perfettamente controllabile tramite il lobbismo delle multinazionali e con dirigenti completamente burattinati e dunque di sicuro affidamento, ma dei singoli Paesi che esprimono propri interessi e che spesso sono in rotta di collisione con gli Usa. A questo proposito va detto che l’idea di collegare fra di loro le nazioni del vecchio continente per dar loro più forza e maggiore peso è completamente naufragato, che mai l’Europa e i suoi singoli componenti hanno contato meno di oggi in termini mondiali.

La cosa grottesca è che fin dal tempo delle guerre iugoslave, una governance completamente accecata e non in grado di agire in autonomia dopo la stagione della guerra fredda ha messo in moto un perverso meccanismo grazie al quale oggi l’Europa vive con la Russia, ovvero col suo naturale retroterra di risorse, una situazione conflittuale più acuta di quella che si va instaurando tra Mosca e Washington: è rimasta insomma col cerino in mano dovendo ubbidire alle sanzioni, ma senza ricevere nulla in cambio, se non bastonate. L’immagine di Juncker giunto traballante e completamente ubriaco al vertice Nato della scorsa settimana, vale come allegoria di una situazione ormai impossibile.

Naturalmente non sappiamo se questi risultati del vertice di Helsinki sia stato solo un pour parler, una sorta di atto simbolico o avrà qualche effettiva ripercussione in futuro, soprattutto nella formazione di un ordine mondiale definito con cui Trump vorrebbe sostituire il caos creativo dei suoi predecessori: di certo Putin sa che abbandonare l’Iran sarebbe come regalarlo definitivamente all’influenza e all’economia cinese, quindi agirà con prudenza per non trovarsi a dover subire l’iniziativa altrui. Noi europei invece ubbidiremo: niente affari con l’Iran, pochi con la Russia e meno di prima con gli Usa. Forse tra i litiganti il terzo non è solo l’Iran.

Annunci

Dalle Ong alla Nato per finire con Putin

triton-sito-800Trovo particolarmente irritante, ma anche caratteristica della contemporaneità, il dibattito sull’immigrazione e i rifugiati perché si svolge tutta su contrapposte petizioni di principio che se fregano dei dati reali e delle evidenze, come pure di un minimo di buon senso e di onestà. S’ode a destra lo squillo di tromba di una xenofobia strisciante se non apertamente conclamata che delle difficoltà poste dall’immigrazione fa un pretesto per liberare sentimenti arcaici e dall’altra quella dell’ipocrisia umanitaria, che vuole fare l’elemosina di un’ospitalità forzosa a carico in sostanza dei ceti popolari autoctoni, alla gente rovinata dalle guerre e depredata dalle multinazionali. Sembra quasi che non vi sia la capacità di collegare gli eventi tra di loro e molta gente che aborre i respingimenti poi si compiace dell’aumento delle spese militari o fa finta di credere alla sensatezza e persino all’umanitarismo degli interventi occidentali in Medio oriente e in Africa.

Alla fine è proprio il senso complessivo di questa tragedia che sfugge e tale vuoto spesso si riempe di complottismi di ogni genere che vorrebbero ridurre il disastro a pochi uomini e a poche centrali della vergogna. Tuttavia non si può nemmeno far finta di non vedere collegamenti sottotraccia che pure vi sono e che stanno via via acquisendo contorni meno vaghi a partire dal sequestro a Malta di alcune navi gestite da Sea-Watch una ong sponsorizzata dalla Chiesa luterana tedesca grazie ai soldi pubblici, all’arresto, sempre nell’isola di Claus-Peter Reisch, comandante di un battello di Mission Lifeline e infine dalla denuncia in Germania di sette Ong (SOS Mediterranee, Sea-Watch, Medici senza frontiere Germania, Save The Children Germania, Jugend Rettet (Berlino), Mission Lifeline (Dresda) e Sea-Eye (Regensburg). accusate in base all’ Aufenthaltsgesetz  di tratta di esseri umani per profitto. In effetti poco si sa e ancor meno si vuole approfondire in merito alle modalità con cui gli immigrati vengono “salvati” e se questo non sia in realtà un affare lucroso, l’ultima catena di una filiera che nasce in Africa e finisce sulle nostre coste. Tutte queste organizzazioni hanno qualcosa in comune, per esempio quella di ricevere qualche fondo dalla Open Society di Soros e di denunciare una raccolta di denaro complessiva difficilmente giustificabile con le piccole donazioni, tutte fanno parte di un mondo franco tedesco che per ragioni di geopolitica complessiva ha in un primo momento aperto le porte ai rifugiati dalle guerre africane e medio orientali, che in realtà hanno tra i protagonisti la Francia e i Paesi Nato, ben sapendo che grazie agli accordi di Dublino la maggior parte avrebbe investito l’Italia o comunque gli altri Paesi del mediterraneo. Casualmente alcune di queste ong, in particolare Medici senza frontiere e Save the Children (ci vuole un’ipocrisia da leoni per chiamarsi così) negli ultimi anni si sono spinte fino al collateralismo in occasione di manovre Nato.

E’possibile che in tutto questo mondo opaco e aggrovigliato, in cui non mancherebbe l’apporto dei servizi segreti come ha fatto indirettamente comprendere John Bolton  nella sua recente visita in Italia, possano c’entrare le ambizioni della Francia in Libia o magari anche il tentativo della Merkel di destabilizzare un’Italia che è ormai una spina nel fianco del suo dominio continentale. Ed a questo che si dovrebbe il ridicolo fallimento di Frontex. Possibile, ma puramente ipotetico: di certo però l’orizzonte delle questioni in campo sarà definito entro una decina di giorni prima dal vertice Nato che comincia domani a Bruxelles e soprattutto dopo l’incontro tra Putin e Trump previsto per lunedì prossimo. Ciò che scaturirà da questi appuntamenti sarà assolutamente decisivo anche per le politiche sull’immigrazione perché cambierà inevitabilmente il panorama dei rapporti all’interno dei continente, delle sue aree e delle sue contrastanti ambizioni. Se per esempio gli Usa dovessero trovare un modus vivendi meno ostile con la Russia, magari mettendo il freno sull’Ucraina in cambio di un minore interventismo di Mosca in Siria, le carte verrebbero completamente rimescolate e le forze centrifughe già così potenti  prenderebbero una direzione diversa e probabilmente accelerata.


Chi ha paura della pace?

de9d420a-b5d3-410e-a8f4-c891ed701f6d_largeChe la situazione complessiva sia sia davvero grave lo dimostra in maniera indiretta il fatto che la grande stampa americana e di conseguenza quasi tutta quella occidentale stia sollevando un vortice di paura riguardo all’incontro fra Trump e Putin in programma il 16 luglio.  Si teme che ne possa scaturire una definitiva rottura tra i due antagonisti e uno stato di conflitto pre – bellico? Nemmeno per idea, anzi come se vivessimo in un mondo totalmente ribaltato, la grande paura è che Trump sia portato a fare delle “concessioni” a Putin e che in qualche modo il vertice disinneschi alcuni dei motivi di ostilità che sono stati artificiosamente consolidati, dopo l’aggressione “democratica” all’Ucraina, con la famosa e presunta interferenza del leader russo nella campagna elettorale americana, una vicenda i cui contorni farseschi e truffaldini sono ormai visibili anche ai ciechi.

Siamo oltre Orwell non solo perché gran parte di questa informazione mainstream sembra dipendere direttamente dal deep state e dai suoi editori pur presentandosi come libera ( del resto New York Times e Washington Post presentano articoli così simili anche nello stile e nelle singole frasi che è impossibile non pensare alle veline), ma quando si lavora per creare uno stato di conflitto invece che perseguire comunque la pace, quando essa viene considerata come nociva per gli interessi nazionali statunitensi, è evidente che ci si trova di fronte a un’inedita e malvagia evoluzione di un sistema di potere che ormai vede nel conflitto la soluzione delle proprie insanabili contraddizioni. Un clima più disteso con la Russia e dunque una remissione sia pure temporanee degli spiriti imperialisti, significherebbe nel medio periodo una  diminuzione di caos e dunque anche una riduzione delle spese militari che oggi hanno raggiunto il diapason: parliamo nel complesso di cifre colossali delle quali un’economia in affanno e minacciata dalla sua stessa elefantiasi patologica non può privarsi alla leggera, anzi sarebbe tanto di guadagnato se una confronto sul campo o quanto meno la sua attesa e la sua preparazione potessero far schizzare verso la stratosfera l’acquisizione di armamenti. E’ esattamente questo che vuol intendere Krugman, quando dice: “ciò di cui abbiamo bisogno è l’equivalente finanziario di una guerra“, tanto per esprimere in maniera politicamente corretta un retro pensiero  da cui le oligarchie occidentali sono ossessionate. Purtroppo non esiste un succedaneo della guerra, come tutti sanno, e la frase suona come un sinistro invito.

D’altro canto le vie d’uscita dalla situazione creata da 40 anni di neoliberismo senza freni e dall’aumento straordinario dell’economia di carta e di bit che ha favorito l’accumulazione solo di debito sovrano di cifre che oltrepassano il 225% del pil mondiale non sono poi molte: la messa in crisi del mondialismo, le guerre commerciali e il ritorno ai dazi pesanti, ovvero la strada scelta da Trump, può causare un tracollo del 20% della produzione mondiale che trascinerebbe nel baratro le attuali governance, ma il mantenimento dello status quo significa il crollo delle società occidentali per eccessiva disuguaglianza, mancanza di lavoro, distruzione di diritti e prospettive: all’interno di questo paradigma economico mancano infatti quasi del tutto le condizioni base per il ritorno a produzioni nazionali o comunque non delocalizzate.  Bisogna cambiare completamente registro per poter risalire la china.

Dunque la batracomiomachia ridicola e inquietante tra la parte di elite legata alla globalizzazione che fa la guerriglia a Trump come a qualsiasi altro potere che non sia allineato e quella invece più propensa al ritorno delle produzioni nazionali è in gran parte insensata se non prevede un cambiamento radicale di sistema, ovvero proprio quello che le due opposte strategie si propongono di evitare. E’ abbastanza naturale che alla fine si finisca per considerare il clima di conflittualità come una specie di lenitivo per le patologie economiche e politiche ormai conclamate, di depistaggio per le opinioni pubbliche, specie se condite di continue e assurde sceneggiate che tengono viva l’attenzione. Ma intanto tutti i problemi rimangono comunque sul tappeto e anzi continuano ad aggravarsi perché è il sistema stesso che è giunto alla fine della sue possibilità e finirà fuori dal controllo di chi pretende di controllarlo.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: