Archivi tag: Putin

Igor il Terribile…e altri demoni

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Inafferrabile, misterioso. Invincibile, invulnerabile, implacabile. Talmente invisibile a forze dell’ordine, soldati e droni che tutti  lo vedono invece materializzarsi d’improvviso, perfino, è successo ieri, a Roma alla Piramide. Tanto che un passante ha chiamato il 113: mi pare proprio che quell’uomo che si aggira vicino alla metro sia lui, il famigerato killer di Budrio.

È una pacchia per tutti l’oscuro, indecifrabile figuro che incarna tutti gli stereotipi e le icone negative della nostra saga contemporanea: ferino, sanguinario, una belva come vogliono che sia lo “straniero” che più impazzire e impazzare liberamente grazie allo scriteriato buonismo. Un delinquente recidivo risparmiato da una giustizia amministrata da imbelli comunistoidi, come sostengono tutti quelli secondo i quali la giustizia va amministrata in modo da punire solo i miserabili, risparmiando gli eccellenti che se trasgrediscono lo fanno in nome di crescita e interesse generale. Fantomatico e imprendibile, così da diventare una star per il sensazionalismo d’accatto di talkshow e dirette che ne fanno l’immaginetta devozionale del male, dotato un appeal superiore a quello di notabili grigi, di malfattori scialbi, messi in ombra da una personalità così estrema e appariscente. Attrezzata con balestre, archi e frecce come uno di quei ribelli della foresta di Sherwood, tanto che potrebbe suscitare emulazione e comunque ammirazione magari in zone geografiche che hanno espresso apprezzamento militante per il banditismo locale.

È una pacchia davvero, questa crudeltà e malvagità di importazione, un serbo? Un siberiano? Un transilvano? Capace di tagliare una gola con la roncola, che si contrappone alla nostra domestica mitezza e che contrasta con quell’indole bonaria e gentile che caratterizzerebbe, lo dicono tutti gli inviati che ciondolano in queste ore nelle terre del Delta del Po, le operose e laboriose popolazioni locali, costrette a astenersi da lavoro e ballo liscio in balera per via della minaccia del babau. Tanto che si contende il primato con i due uomini neri, uno ancora più nero dell’altro forse perché viene dall’Est, che popolano l’immaginario delle nostre paure. Quella ferocia che, tanto per aggiungerci quel po’ di immancabile pepe della “maledizione del Web”, si è dispiegata anche in rete, sui social, dove la bestia disumana avrebbe pubblicato link più inquietanti dei rituali gattini e foto più allarmati degli agnellini tra la braccia di un risaputo criminale.

È una pacchia anche per chi ritiene giustificabile anzi necessario uno stato d’emergenza continua, che piano piano ci alleni a restrizioni e riduzioni di “normalità” e libertà, impegnando forze dell’ordine e militari come non si impiegano per altre crisi che rientrano nell’ordine innaturale delle cose, inondazioni, valanghe e sismi e che in questo caso autorizza l’impiego di migliaia di uomini, forze speciali, Ris, soggetti a imitazione delle serie tv anche quella di importazione, ma che non incoraggiano la fiducia in chi dovrebbe contrastare con successo altre tipologie di lupi solitari come lui o organizzati che sia. Tanto da far sospettare che non lo si voglia poi prendere quel killer spietato, in modo da mettere in scena ogni giorno e ancora il telefilm della caccia al bandito, matto e senza scrupoli, assiduo protagonista del potente copione della distrazione di massa.

È una pacchia anche per quella sociologia un tanto al metro che ha insinuato il dubbio di una carica positiva di questa “emergenza”. Come ha sostenuto qualche brillante commentatore quando ha sottolineato che Igor il terribile sta facendo sì che la gente riscopra la qualità umana di parlarsi tra sconosciuti, di stringersi in temporanee amicizie, dettate dalla paura dal sospetto, dall’opportunità di difendersi insieme dagli “altri” diversi e quindi ineluttabilmente pericolosi. Come se le nuova forma di coesione sociale e di solidarietà potesse essere  questa, l’asserragliarsi in una fortezza e guardare fuori con timore al destro che potrebbe popolarsi di tartari feroci in agguato. Proprio, insomma, come fa l’Europa, coi suoi muri veri e virtuali, oer tenere fuori qualche raro potenziale Igor e tanti poveracci che non hanno trovato nessun Robin Hood a difenderli.

Quello è certamente un assassino, un maledetto ferino e squilibrato. Fa paura certo, anche perché ci ricorda che ferocia e follia albergano in ognuno e possono accendersi d’improvviso come una fiamma che incendia ragione e umanità. Ma fa paura anche chi lo usa per dar fuoco a altre micce, quella del sospetto, del rifiuto, della cieca ubbidienza, del razzismo,  della sopraffazione esercitata per uscire dall’ stato di inferiorità cui ci stanno condannando.

 

Advertisements

San Pietroburgo: i complotti degli anticomplottisti

C_2_articolo_3064950_upiImageppA volte accadono miracoli, le conversioni o forse semplicemente si strappa il sipario di incoerenza e malafede delle elites occidentali e vi si può vedere attraverso: pensate che dopo averci ammorbato con la post verità e con il complottismo nel quale ricadono in pieno anche i semplici dubbi sulla dinamica piuttosto singolare degli attacchi terroristici degli ultimi anni, adesso la stessa allegra compagnia di servizi, stato profondo Usa e informazione al soldo ha deciso che ciò che era pazzesco e impossibile in Occidente, ovvero che ci fosse qualche zampino sconosciuto del potere nelle stragi, diventa invece più che plausibile per quanto riguarda l’attentato a San Pietroburgo.

Così abbiamo appreso da Luttwak e abbiamo letto sui giornaloni del Washington consensus che la bomba nella metropolitana potrebbe essere stata in realtà un auto attentato messo in atto da Putin per aumentare il proprio consenso interno e stringere la popolazione attorno a lui, soprattutto dopo che un truffatore di nome Navalny, ammaestrato in Usa, e di casa presso l’ambasciata Usa, fulcro dell’arancionismo di importazione, ha portato in piazza qualche migliaio di persone, nemmeno  diecimila in tutta la vastissima Russia. In linea puramente teorica potrebbe anche essere così,  non sarebbe certo la prima volta che accade, ma questo è chiaramente un argomento “complottista” che fino a ieri mattina era demonizzato mentre oggi viene all’improvviso riabilitato e posto al centro della deficience occidentale. Con una differenza fondamentale però: che mentre gli attentati dall’11 settembre in poi sono stati di effettivo supporto a progetti di cancellazione della democrazia, di controllo della popolazione, restrizione della libertà costituzionali e rilancio di oligarchie politiche  ormai compromesse, rendendo quanto meno plausibile sospettare lo zampino del potere o di una parte dello stesso, specie a fronte di narrazioni sconcertanti e lacunose degli eventi, la medesima cosa non è verosimile in Russia dove Putin gode di un saldo e vastissimo favore popolare che supera il 75%. In questa cornice l’attentato avrebbe solo l’effetto negativo di mettere in luce le debolezze e la fragilità del Paese mentre ogni giro di vite sulla popolazione in funzione anti terrorismo ( quello che spera Washington in realtà)  non avrebbe che effetti negativi. Per questo la logica vorrebbe che l’attentato sia stato compiuto da uomini di quella galassia terrorista creata e supportata da un occidente che vede Putin come fumo negli occhi.

Dunque la pista indicata dai depistatori globali è semplicemente priva di senso. Senza dire che in questo caso non ci troviamo di fronte alla maggior fonte di dubbi e di interrogativi, ossia allo schema sempre uguale da 15 anni a questa parte, quasi fosse un format che francamente fa ormai acqua da tutte le parti: individui che avrebbero dovuto essere stati attentamente sorvegliati proprio in virtù dell’ossessione securitaria con cui viene barattata la libertà, vengono invece lasciati liberi di organizzare la strage, ma subito dopo, con un tempismo straordinario, vengono identificati perché i servizi si ricordano improvvisamente di loro o anche perché gli attentatori stessi lasciano i loro documenti in bella vista, mentre successivamente vengono regolarmente uccisi, spesso senza necessità quando il minimo sindacale di una vera lotta al terrorismo consiglierebbe di far di tutto per catturarli vivi e comprenderne legami, moventi, finanziatori, suggeritori. Una cosa che probabilmente si vuole assolutamente evitare.

Certo una percezione della realtà anche minima e una elementare conoscenza degli eventi potrebbe facilmente trasformare questi fini dicitori della menzogna globale in cazzari con poca immaginazione, ma purtroppo l’antropologia neo liberista, ha lavorato tra l’altro proprio contro le idee chiare e distinte, in favore di un anodino guazzabuglio schizofrenico e incoerente nel quale il vero diventa esclusivamente tale per forza di ripetizione, per cui qualsiasi contraddizione o salto logico è consentito, talvolta fatto proprio anche contro ogni interesse e sensus sui.  Se no apparirebbe evidente l’accelerazione dei tentativi di mettere in crisi la Russia la cui resistenza all’accerchiamento si è rivelata di gran lunga superiore alle previsioni dei sottili strateghi americani e che è persino passata al contrattacco. Nonostante le fanfare la situazione non può essere risolta sul piano militare e allora si cerca di agire sul fattore interno e soprattutto su Putin, un gigante rispetto ai nanetti di Washington. Non a caso l’attentato è stato compiuto proprio nel giorno in cui era in città, quasi ad indicare che è lui personalmente sotto tiro e che la sua permanenza al potere è un fattore di insicurezza.

 


Il nostro agente a Mosca: battaglia Navalny

111205_navalnyCredo che un degrado del genere lo si sia raggiunto solo nei tempi più bui delle dittature del 900 e forse nemmeno: vedere i media occidentali sulla scia degli ectoplasmi che governano il continente levarsi un’ennesima volta come un sol uomo contro Putin con un pretesto inesistente, anzi appositamente creato, dunque tenuto assieme dal collante di menzogne e ipocrisie è qualcosa di davvero intollerabile. Questa volta però almeno in Italia lo stridore della doppia verità è stato davvero forte e solo gente sorda o con i tappi alle orecchie può non sentilo: mentre le prefiche occidentali lamentano come una ferita alla democrazia il fatto che una piccola manifestazione di sei o settemila persone sia stata circondata e dispersa dalla polizia perché non autorizzata nell’area in cui si è svolta, pur avendo il permesso per un’area diversa, circostanza che denuncia la strumentalità del tutto, il giorno prima a Roma e con il plauso in nome dell'”ordine” di chi oggi si straccia le vesti per Mosca, si è costruito un gigantesco bastione di polizia contro il corteo di Eurostop perché nessuno si azzardasse a  mettere piede un centimetro oltre il percorso stabilito e imposto dalle autorità, senza contare i controlli e le schedature preventive. Ma mentre Eurostop è stato di fatto censurato,  telegiornali e televisioni sono pieni dei fatti di Mosca. Insomma ciò che è normale nel “democratico” Occidente dove ormai manifestare è sempre più represso da polizia e tribunali quasi fosse diversamente terroristico (lo sanno bene i no Tav),  viene demonizzato in Russia come antidemocratico.

Però in questo caso c’è molto di più perché l’organizzatore della protesta moscovita, Aleksej Navalny non è solo un proteiforme quanto inconsistente oppositore di Putin, è nei fatti un agente occidentale. Questo “agitatore politico – finanziario” misteriosa e ambigua definizione data da Time è venuto fuori praticamente dal nulla nel 2005, appena tornato, guarda i casi della vita, dall’Università di Yale,  dove era membro selezionato del «Greenberg World Fellows Program», un programma creato nel 2002 per il quale vengono selezionati ogni anno su scala mondiale appena 16 persone con caratteristiche tali da farne dei «leader globali» o in poche parole quinte colonne di Washington. Fin  da subito il solerte “fellow” ha organizzando  una sorta di dispendiosa campagna anti corruzione per la quale non ha nessun titolo visto che nel 2013 è stato arrestato per appropriazione indebita di mezzo milione di dollari finendo ai domiciliari, cosa davvero insolita in Russia, mentre l’anno dopo ha subito una condanna per truffa e riciclaggio. assieme al fratello. E chissà se di questo “agitatore finanziario” non si ricordano anche alcune aziende italiane a cui l’incorrotto ha chiesto “regali”.

Probabilmente il furbacchione con la scusa della corruzione ha tentato di ricattare gli oligarchi del petrolio (che per chi non lo sapesse non sono un’invenzione di Putin, ma dell’occidente dopo la caduta dell’Urss) tentando contemporaneamente di condizionare in qualche modo la gestione delle risorse energetiche russe, fatto sta che nel 2005 fonda il gruppo politico Democrazia alternativa, altra definizione elusiva, con i soldi della Ong americana Ned – Endowment for Democracy – a sua  volta finanziata dal Congresso Usa, come viene ufficialmente dichiarato e proclamato nel suo sito, presente in 90 Paesi e particolarmente attiva in Ucraina, insomma una succursale nemmeno così segreta della Cia . Diventa così per i media occidentali irrimediabilmente e automaticamente  “il maggiore oppositore di Putin” sebbene un sondaggio del 2015 abbia rivelato che la metà dei russi non sa nemmeno chi sia e che solo il 10 per cento provi simpatie per lui, ragione per la quale trova non nella politica, ma nella provocazione scientemente attutata come in questo caso il modo di aumentare la propria popolarità mancanza di qualsiasi e di rimanere a galla dopo le batoste elettorali . Tutto questo naturalmente, sebbene in un certo senso sia di dominio pubblico, non lo apprenderete mai dai giornaloni di regime e a maggior ragione dalle televisioni: come al solito si trovano solo informazioni sparse e senza raccordo che vanno ricucite assieme. Del resto che il personaggio sia opaco, una sorta di confuso pupazzo buono solo ad essere tirato con fili di colore verde lo dimostra il fatto che nel 2006, da perfetto democratico, diede il suo appoggio alla marcia degli ultra nazionalisti russi, nonostante il partito da lui fondato bollasse la manifestazione come “fascista e xenofoba”. Forse perché Navalny lavora comunque e senza pregiudiziali per indebolire Mosca o forse anche perché tra quegli ultra nazionalisti, in una sorta di internazionale nazista, figuravano anche i referenti del nazionalismo ucraino che daranno qualche anno dopo vita al massacro di Piazza Maidan e che ancora adesso determinano gli atti della disperazione di Kiev. Che i punti di contatto anche organizzativi ci fossero lo dimostra il fatto che nel 2015 una manifestazione organizzata da Settore destro, battaglione Azov, Assemblea nazional-socialista  chiese la liberazione dei prigionieri russi di fede ultra nazionalista.

Anche questo non è mai stato venuto alla luce in occidente, per l’impossibilità di conciliarla con la narrazione euro liberale del conflitto e per evitare la sensazione che anche in Russia si punti sul nazismo per minare dall’interno un potere che non può essere apertamente sfidato sul piano militare. Dunque Navalny si farà quindici giorni di carcere per aver tenuto una manifestazione in una zona per la quale non aveva il permesso, ma immaginiamoci cosa sarebbe accaduto se questo fosse successo a Roma: i titoloni dei giornali, la demonizzazione della violenza, le accuse di fascismo, i fermi, gli arresti, i pestaggi e i successivi processi perché dopo tutto siamo in democrazia e la protesta  è ammessa purché si svolga a migliaia di chilometri di distanza. Qui del resto tutto il ceto politico ha lo spessore di Navalny: magari avranno comprato la laurea o il diploma, ma quasi tutti hanno un bel degree di Yale.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: