Archivi tag: Nussbaum

Lode a Lodi

EatenAnna Lombroso per il Simplicissimus

Adesso si che possiamo dormire sonni tranquilli: i ragazzini “extracomunitari” di Lodi siederanno alla mensa scolastica insieme agli indigeni, a Peschiera, con grande scandalo della Meloni che non sa che si tratta di un piatto tradizionale anche siciliano, ma forse è per quello che lo schifa come allogeno, si serve agli scolaretti il cuscus, pare al posto della casseula.

Nell’opera di sostituzione che ormai avviene abitualmente ecco che la beneficienza prende il posto della solidarietà, la pietà della coesione sociale, i diritti e le conquiste barattate con  elargizioni e mance, e poi  l’ordine pubblico e il decoro in cambio della sicurezza, per non dire del rigido furore esecutivo di disposizioni  al posto della giustizia e di licenze e deroghe doverose quando il rispetto delle regole è un lusso che non ci si può permettere.

Tocca dar ragione alla Nussbaum, il disgusto per chi è diverso che è fatto di ignoranza, diffidenza, pregiudizio che i “normali” e in molti casi i “civili” riservano ai diversi e agli altri, da emozione “naturale” che il processo di civilizzazione ci aveva suggerito di nascondere, è diventato un veleno autorizzato da una democrazia ricordata solo con i risultati elettorali, nella quale, a proposito di sostituzioni, la legittimità è convertita nella legalità dell’aritmetica.

Ora il tanghero all’Interno, ( ne ho scritto mille volte, anche qui: https://ilsimplicissimus2.com/2018/10/04/salvati-da-salvini/) per il quale provo un disgusto pari a quello che mi suscita la sottomissione degli alleati, ha liberato quel veleno a colpi di maggioranza, ammettendolo e regolarizzandolo. Ben sapendo che l’operazione gli sarebbe riuscita con successo per colpa di chi da Capalbio come dai Parioli, quelli che non sono razzista, ma i rom…”, quelli che  hanno guardato con lo stesso ribrezzo alla plebe ignorante e maleducata che fiuta nell’odore diverso degli stranieri il pericolo della perdita di beni, prerogative, certezze e cure che in realtà sono già state tolte o mai conferite, per colpa di chi ha dimostrato con le azioni di governo che lavoro, assistenza, istruzione, perfino la morte con dignità si devono meritare, anche quelli in cambio di rinuncia a libertà, garanzie, diritti, e in forza di ubbidienza e soggezione e che comunque sono soggetti a gerarchie in virtù delle quali a chi sta più in alto, anche appena di un gradino, è concesso di conservarli a spese di chi sta peggio.

Si, adesso possiamo dormire sonni tranquilli grazie all’esborso collettivo di 90 mila euro che vanno alle casse del comune di Lodi per ammettere al desco scolastico i derelitti. E che assomigliano agli sms che abbiamo mandato per sostituire la ricostruzione infinita – se davvero fosse cominciata – delle zone terremotate. E alle mille collette cui ci siamo sottoposti negli anni, forme innovative  del bossolo per le  elemosine e delle catene di sant’antonio che fanno un gran comodo a chi dai seggi di governo e parlamento ci condannano all’arruolamento del volontariato, possibilmente non stando troppo a guardarne le avanguardie più attive in forza ai racket di Soros o di Carminati, piacciono agli imprenditori e azionisti che promuovono collette per le vittime dei loro crimini, che si sa, siamo tutti nella stessa barca e sotto i loro ponti, entrano di forza nelle strategie dell’esecutivo per invitare i cittadini a contribuire con l’acquisto di Bot e Cct.

E  poi si sa  che come nei film i bambini fanno cassetta, inteneriscono proprio come i gattini e cagnetti di Facebook: da piccoli li mangeresti di baci e da grandi ti penti di non averli mangiati, e ti disturbano se chiedono la carità e se bighellonano nel tuo quartiere,  ti fanno incazzare se vogliono contributi e tredicesima, ti fanno gridare al sopruso se stanno davanti a te nelle graduatorie di assegnazione delle case o in fila alla Asl e pure in banca.

E poi che bello starsene accucciati nella culla dell’antifascismo, sentirsi a posto con la storia, magari un po’ meno col futuro, senza i tentennamenti e la nausea che avremmo dovuto provare con la legge Bossi-Fini, che per la verità non scherzavano in quanto a sozzume, con gli educati aggiustamenti della Turco-Napolitano, con le disposizioni di Maroni, somministrare un po’ della riprovazione un tanto al chilo che non si è dedicata alle pulizia etniche di Veltroni e poi Alemanno, perchè “non siamo razzisti, però i rom…”.  o al codice dell’uomo della provvidenza  richiamato in sala rianimazione del Pd,  cui invece si è guardato e si guarda con sollievo perché ha segnato il riscatto della paura e della diffidenza “naturali”, ha scritto il canovaccio del rifiuto e della repressione in contrasto sia con il diritto internazionale del mare sia con ciò che il diritto di asilo impone all’Italia,  ha segnato l’avvio di quella cooperazione, definizione non nuova da aggiungere a colonialismo, subito accolta con scrupolo dal presidente invisibile, da stringere con despoti sanguinari al servizio dell’impero.

Comunque ben vengano le collette, ben vengano gli appelli, ben venga pure la compassione, purché sia quella di Schopenhauer,  quell’empatia che è una  delle strade che porta alla liberazione dal dolore universale dell’uomo. E ben venga la disubbidienza. Anche se basterebbe un po’ di ubbidienza ai valori e ai principi della Costituzione nata dalla Resistenza, un po’ di “conformismo” alle regole democratiche, ad esempio con un referendum abrogativo di leggi incivili come quella che ha introdotto il reato di clandestinità, per cominciare, solo cominciare eh, a essere antifascisti.


Bonino o Malino

 bpnAnna Lombroso per il Simplicissimus

Da molti anni ho esaurito la esigua scorta di gratitudine dovuta ai radicali per la loro provvidenziale lobby sui temi di diritti “obbligatori”,  ma negati per la pressione ecclesiastica che condizionava anche il più forte partito comunista europeo, trascinato nell’impegno su divorzio e aborto da un alleato perlopiù molesto e da un elettorato molto più avanti del pachiderma allora rosso.

La carriera brillante di Emma Bonino col passare del tempo ha dato conferma ai miei sospetti giovanili: non ci si può fidare davvero di chi fa professioni di laicità creando gerarchie e graduatorie di diritti, dando agio a chi ce li limita,  restringe o disconosce, di affermare che alcuni siano fondamentali e altri no, che se ne “concedi” una fettina a qualcuno la torta diventa più piccola per le altre bocche e   che se si esige quello al lavoro è obbligatorio rinunciare a quello alla salute, che se si reclama quello alla morte con dignità si debba ragionevolmente abiurare a quello alla cura e così via. Tanto che un modesto pensionato dell’Inps visto l’andazzo, è legittimato a sospettare che dopo tante battaglie definite civili, l’assistenza medica  cui ha avuto accesso la ex parlamentare, ex ministra e ex commissaria europea oggi celebrata candidata,  con tutto il rispetto per la sua condizione di malata, non siano gli stessi dei quali può godere lui e con lui la gran massa dei mutuati. Così come perfino una dignitosa conclusione della vita pare sia concessa davvero solo a chi se la può pagare o a chi si è dotato per meriti o appartenenza sociale, di una tribuna appropriata.

Non deve quindi stupire più di tanto  la collocazione che si è trovato il leggendario co-santino   radicale, convertito da tempo dopo glorificati digiuni a sedersi all’appetitosa tavola imbandita delle ricorrenti maggioranze. D’altra parte sia Pannella che lei non hanno mai avuto troppa puzza sotto al naso in tema di alleanze e di camerati  di strada come dimostrano le ultime esternazioni della candidata in forza al Pd che rinnova quella sconcertante appartenenza al contesto democratico di quelli che abusano di Voltaire legittimando i fascisti in Parlamento.

La signora è una accesa fan dell’Europa – e vorrei ben vedere che non mostrasse la doverosa riconoscenza,    e in questa veste non ha mai negato la sua adesione appassionata e fedele all’atlantismo, in barba a un una non violenza di maniera. Peccato che l’appoggio anche morale e incondizionato all’impero abbia perso un’occasione, quella di rivalutare come si fa da anni negli Usa, l’importanza della cultura umanistica per preparare le generazioni attuali e future ad affrontare e governare la complessità.

Macché, in pieno accordo con la buona scuola e con i principi cari alla coppia Fedeli – Poletti (ambedue casualmente non laureati, avendo preferito la scuola della strada come certi profili su Facebook.. e si vede) ha liquidato lo studio del latino superfluo  o più probabilmente dannoso perché favorisce l’apprendimento, la riflessione e quindi la conoscenza e la consapevolezza, addirittura perché  – che scandalo – attrezza per usare la logica e dunque, peggio che mai, aiuta a pensare, attività invisa a chi vuole che venga formato un esercito di manovali come il Charlot di Tempi moderni, di manager in pizzeria o della consegna pacchi, in grado di dire si in più lingue, salvo il cinese molto osteggiato e che di modi di dire si ne ha più di cento e che magari a questo sono più avanti di noi,

Si, se ne sono accorti perfino negli Usa che le lingue morte di aiutano e restare vivi, come la storia, la memoria, la bellezza (e infatti cercano di comprarla o distruggerla ovunque), se n’è accorto perfino Obama  e capace che se qualcuno ne persuaderà perfino Trump, a differenza degli utili idioti che si sono fatti colonizzate perfino l’immaginario da Gekko di Wall Street,

Filosofi e pensatori, dei pochi che non si esprimono un tanto al metro, e prima nell’ordine Martha Nussbaum con un suo libriccino fondamentale:  Non per profitto, da tempo mettono in guardia su una infantilizzazione del paese tramite un percorso scolastico che offre nozioni elementari per l’esecuzione di processi ancora più elementari come avvitare bulloni o dare il comando perché un drone sganci una bomba su Aleppo.

Tutti concordi nel denunciare come ormai obnubilati dall’imperativo della crescita, della competitività e dalle logiche contabili a breve termine, i governi abbiano  inflitto pesanti tagli agli studi umanistici ed artistici a favore di abilità tecniche e conoscenze pratico-scientifiche. E così, mentre il mondo si fa più grande e complesso, gli strumenti per capirlo si fanno più poveri e rudimentali: proprio mentre l’innovazione chiede intelligenze flessibili, aperte e creative, l’istruzione si ripiega su poche concezioni minimali e stereotipate. È perché quello che il progresso richiederebbe non è   difendere una presunta superiorità della cultura classica su quella scientifica, bensì di mantenere l’accesso a quella conoscenza che nutre la libertà di pensiero e di parola, l’autonomia del giudizio, la forza dell’immaginazione come presupposti irrinunciabili per una umanità matura e responsabile.

Ma  per la Bonino e il ceto dirigente al servizio della cupola dell’affarismo finanziario, dell’accumulazione dissennata, del profitto e dello sfruttamento illimitati, il diritto a pensare è quello che si deve obbligatoriamente proibire, perché  fa bene alla nostra libertà e male alle loro licenze.

 

 


Family Day, i panni sporchi si lavano in piazza

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Per via della loro morigerata compostezza, della loro rigorosa logica, verrebbe proprio da dare ragione – o no? –  a tutti quelli che in rete, sui media, nei social network biasimano l’eccessiva attenzione, la priorità data al tema delle unioni civili “con tutti i problemi che attanagliano il paese, lavoro, immigrazione, sicurezza, stravolgimento dei principi che regolano la vita democratica”.

Accidenti, vien da dire, non hanno mica torto a criticare chi è sceso in piazza – quelli della settimana scorsa, eh, non confondiamo – per le adozioni dei figliastri, per la reversibilità a compagni dello stesso sesso, mentre non si sarebbero avute manifestazioni  altrettanto numerose e vocianti contro le Legge Fornero, il Jobs Act, perfino la Buona Scuola, a conferma che l’istinto alla delega e la remissione di responsabilità ormai si è diffuso e ha investito anche critica, opposizione, collera, sicché ci si aspetta che a difendere garanzie, conquiste, siano altri, con preferenza per i diretti interessati, per le vittime, i colpiti, sancendo la fine della coesione sociale in favore della competizione, della solidarietà in favore del corporativismo.

Fanno sospettare i nuovi e inediti difensori di precari, pensionati, insegnanti avviliti e marchiati da nuove povertà e da perdite di beni irrecuperabili, a cominciare dalla dignità per finire con la libertà, che certe istanze siano da annoverare tra i capricci di privilegiati, stilisti, gente di spettacolo, quelli che hanno potuto fare coming out sfacciati, perché avevano a disposizione una tribuna inviolabile, una popolarità indiscussa, probabilmente mai vulnerati da umiliazioni, manifestazioni di omofobia, emarginazione, e ai quali si perdonano certe esuberanze di look o verbali, perché si sono conquistati il diritto di far parte della “maggioranza” conformista che pensa all’interno delle convenzioni.

Mentre non sembra lecita la richiesta di leggi a difesa di chi vive fuori dalle “leggi di natura”, perché siamo evidentemente così intrisi e innervati in ogni fibra del nostro essere e del nostro pensare dal primato delle disuguaglianze,   che è necessario accettarle, ripeterle su scala e perpetuarle, a difesa del poco che abbiamo, a dimostrazione e conferma di una incerta e labile superiorità, che si manifesta nelle misure dei governi che dividono i cittadini del mondo globale in individui di serie a e di serie b a seconda delle arbitrarie “estrazioni” della lotteria naturale, che sottraggono garanzie e diritti sostituendoli con elemosine, elargizioni e concessioni, ma anche nei comportamenti quotidiani, quando parlano istinti e condizionamenti infami che un tempo avremmo avuto vergogna di esibire, tanto da far rimpiangere buonismo e politically correct.

Ma il fatto è, a detta dei molti benpensanti, che quelli che chiedono il riconoscimento di vincoli e genitorialità “diverse” sono un bel po’ molesti, intemperanti, sguaiati. Ma insomma affidereste un bimbo a una coppia di maschioni in canottiera fucsia, ciglia finte e tatuaggi? Perbacco, meglio brutti, sporchi e cattivi ma  eterosessuali, magari violenti, ma virili, forse psicopatici, ma credenti, turisti sessuali e spensierati frequentatori di vivaci minorenni, comunque rispondenti alle leggi naturali, stranamente retrocesse a rispetto della bestialità piuttosto che delle le norme che   ogni uomo dovrebbe trovare dentro di sé, interrogando la propria ragione. Non trovate che le loro esuberanze siano più volgari e incivili di quelle di premier puttanieri, ma soprattutto di politici adulteri, di preti pedofili, che le loro porcherie le fanno nell’educata oscurità dei loro arcana imperii? Insomma non sembra anche a voi che vogliano troppo, ben oltre le  benevole concessioni che si è disposti a elargire a chi comunque è “diverso”? così è un proliferare di entusiastiche condivisioni di scritti e riflessioni di pensatori e opinionisti del ceto “del culo al caldo”, che rimproverano le esagerazioni e i condizionamenti esercitati dalla lobby gay, segnalano l’occupazione dell’esercito omosessuale di mestieri e cultura, criticano certe incontinenze, denunciano la tendenza degli irriducibili a voler dimostrare che dietro a ragionevoli resistenze si cela il pregiudizio, quello che Nussbaum definisce la nausea dei “normali” nei confronti di chi è diverso. Proprio come è successo che venissero giudicate eccessive le manifestazioni dei “negri” d’America, quelle delle femministe che esigevano di non crepare d’aborto clandestino, ma prima ancora quelle delle suffragette che chiedevano il voto, anche quello non previsto dalle leggi di natura.

Che poi cosa vi sia di sacro e naturale nel matrimonio è tutto da vedere, trattandosi di contratto stipulato da due parti, come dimostrano secoli di sponsali di interesse, combinati, di vincoli che nulla hanno a che fare con amore, solidarietà, assistenza reciproca, per non dire di fedeltà, affetto, conservazione e trasmissione di valori. Che poi cosa vi sia di naturale nel reprimere inclinazioni e attitudini è tutto da vedere, almeno quanto non lo è partorire con dolore, morire di setticemia, mettere il bavaglio a voci e opinioni, proibire desideri e visioni del futuro, come oggi è di moda fare.

Che poi cosa vi sia di naturale nel protervo desiderio di genitorialità se sgorga dal di dentro di coppie convenzionali, è tutto da vedere, se l’appagamento, la consapevole e serena accettazione di se stessi deve passare per la procreazione a tutti i costi, se la sopravvivenza di vincoli d’affetto ha bisogno di una nascita salvifica. Se l’armonia di una donna è incompleta se per caso o per scelta è un “ramo secco”. Ah si, dimenticavo, c’è il problema dell’utero in affitto, pratica a ben vedere disdicevole anche se frequentata da coppie eterosessuale e al di fuori delle leggi del proprio paese. Disdicevole a mio vedere almeno quanto il cervello in affitto concesso a ideologie e padroni abbietti, ma che comunque si volge nell’ambito delle libere scelte, per quanto possono esserle quelle di chi, come quasi tutti, è soggetto a sfruttamento e sopraffazione.

Purtroppo dietro a tutto questo “ragionare” c’è l’ipocrita convinzione di essere nel giusto solo se si accetta una morale comune, che è proprio quella di quel modello esistenziale oltre che economico, fondato sullo sfruttamento, sull’avidità, nel quale i ruoli sessuali nella famiglia e fuori sono al servizio di esigenze padronali e di controllo sociale, a voler confermare che la regola naturale primaria e imprescindibile sia l’ubbidienza, il conformismo, l’assoggettamento, anche contro i propri bisogni, le proprie attitudini, i propri diritti. Che non piacciono al popolo del Familiy Day di oggi e di ieri, alle sentinelle in piedi, ai vescovi e a Gasparri, perché parlano di responsabilità verso se stessi, gli altri e le generazioni a venire, ma parlano soprattutto di libertà, qualcosa di potente eppure fragile, la cui tutela non dovrebbe mai essere delegata a chi ne ha paura.


Un cabaret di filosofia

0Anna Lombroso per il Simplicissimus

A volte è superfluo rimpiangere Cuore, rammaricarsi per la fine precoce del Male.  Ci pensano proprio gli abituali bersagli della satira a farsela in casa, con la compunta seriosità di chi non capisce di sconfinare della farsa, nel ridicolo, nel paradosso. In attesa di scommettere come Grillo saprà oltrepassare la “culona inchiavabile” di Silvio, di immaginare il condannato una volta eletto che fa le corna dietro a Adenauer, Monnet e Spinelli, padre, che la figlia dice che una volta eletta resta a casa. In somma in attesa delle formidabili performance dei soliti cabarettisti che animano le nostre scene, non accontentiamoci di Renzi che imita Crozza, della Boschi che fa la parodia di Virginia Raffaele, di Borghezio che mima un essere umano, possiamo sorridere sia pure amaramente di un gruppo di docenti che chiede più spazio per la filosofia a un partito che ridicolizza un partito, con una pessima contraffazione.

Si intitola così “Costituente di Filosofia al Pd: valorizziamo i saperi umanistici” l’appello che alcuni educatori rivolgono al Governo suscitato dall’esigenza di un percorso di ripensamento della scuola che parta non dall’alto e da urgenze puramente contabili ma, democraticamente, dall’incontro e dal reciproco ascolto dei soggetti che animano la vita stessa della scuola di oggi” (il link è qui . http://www.orizzontescuola.it/costituente-filosofia-al-pd-valorizziamo-saperi-umanistici)

Lo stile in puro “appellese” non inganni, saranno figli e nipoti del Sessantotto, ma i firmatari, che immaginiamo avidi delle adesioni dei poliedrici soliti noti, dalla Lista Tsipras a no alle corride, gliele cantano chiare alle larghe intese,  stilando vigorose e ardimentose controproposte ai dieci comandamenti della neo ministra,  sui quali c’è da scommettere che lo svelto Renzi concordi, visto che si tratta della solita sbobba: meritocrazia, nel senso che chi ha si merita di continuare ad avere, egemonia della tecnologia, nel Paese dove la banda è più stretta delle intese, riduzione del cursus di studi, in attesa di ridurre al minimo la scuola pubblica, Invalsi fino all’invalidità mentale degli interessati di ambo le parti,  scatti stipendiali per i più degni, secondo la pratica tradizionale di dividere sulla lavagna alunni e insegnanti in buoni e cattivi,  riconoscimenti alle scuole private, che quelle si sa che sono già originariamente nella lista dei meritevoli.

Adesso, senza dileggio e senza scherno, va dato atto a una sparuta ma resistente fetta di simpatizzanti del Pd di essere davvero irriducibili, per come si ostinano a stare nella giungla, traditi, delusi, oltraggiati, irrisi, altro che soldato giapponese,  con l’appello tra i denti al posto del coltello, tenaci nella loro credulona e candida insipienza. Come se dal pd ci fosse davvero da aspettarsi qualche azione che davvero si muova nel senso dell’interesse generale, del bene comune, o ancche del buonsenso, a parte una elemosina pelosa cacciata in tasca di chi potrebbe cerare più guai con scioperi, disordini, insomma con quella che un tempo si chiamava opposizione e che oggi torna a essere definita disfattismo.

Se non ispirassero rabbia farebbero tenerezza: solo uno sconfinato candore può giustificare un rimasuglio di fiducia in un segretario e presidente del consiglio che riduce i problemi della scuola a interventi edilizi, che ritiene che l’istruzione possa essere sostituita da coretti edificanti. E non è un caso pensando al suo bagaglio culturale con i suoi numi tutelari tra Disney, Giovanotti, Dylan Dog e Jacovitti, alle sue esperienze pubbliche tra Ruota della Fortuna e Amici, ai suoi suggeritori dalle Cayman, da Detroit,  dal Billionnaire.  Solo una implacabile dabbenaggine può convincere che siano persuasive le ragioni della Nussbaum, certo, di Amartya Sen, ma anche dei Medici, dei dogi della Serenissima, di pensatori illuminati e di politici lungimiranti,  dei cinesi e degli indiani che si affacciano con prepotente irruenza, che da sempre sanno che la cultura umanistica serve non solo alla conservazione delle democrazie, ma anche a sviluppare quella conoscenza e quella competenza mature  che moltiplicano i risultati   della competitività, che aiutano ad esaltare le vocazioni, che fanno fruttare meglio l’innovazione tecnologica e che favoriscono sullo scenario della concorrenza.

Solo una incorreggibile dabbenaggine può fare credere a uno che fa la gara delle cravatte formate col presidente francese, che in casa le spara grosse e a Berlino andrà carponi, che pensa che alla democrazia fanno male le elezioni e alla partecipazione fanno peggio le preferenze,  che non imbraccia il mitra quando sente parlare di cultura, no, si limita a chiedere quanto la pagano al chilo. Per il quale l’istruzione vuol dire istruzioni per l’uso allo scopo di trasformare tutto in merce, leadership, politica, patrimonio comune, bellezza, diritti, lavoro, sicurezze, stabilità, dignità, uomini, che i migliori offerenti si sono già fatti avanti e tanto povera e nuda va la filosofia,  così costa ancora meno.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: