Annunci

Archivi tag: investitura

Firenze secondo lui, la prova del Nove

funziona-matteo-renzi-studio-foto-palazzo-pitti-500Qualcuno si potrà chiedere come mai la Nove o il Nove come si chiama, abbia concesso a Matteo Renzi una serie di trasmissioni su Firenze che peraltro hanno confermato l’assoluta improbabilità culturale del personaggio e il suo dilettantismo a tutto campo, nonostante l’accurata scrittura delle sue farneticazioni che tuttavia proviene più o meno dalla stessa temperie caprina, priva di gusto, di misura, di conoscenze vere e non appiccicaticce. La risposta è semplice:  l’asino d’oro vista l’improbabilità di un suo recupero a livello nazionale vuole tornare ad amministrare la città in attesa di tempi migliori non tanto in prima persona quanto attraverso il suo burattino Nardella che è da sempre sotto l’ala protettrice di Renzi. Le elezioni  per Palazzo Vecchio, si svolgeranno in contemporanea con quelle europee, quindi tra qualche mese e di certo Matteo non può rischiare che al governo della città vada ad altri: troppi affari e affarucci sono in piedi, troppe robe giacciono nei cassetti per lasciare che qualcun altro ci metta gli occhi. E in ogni caso la trasmissione che potrà essere replicata all’infinito può dare una mano a un pd privo di qualsiasi appeal anche nella tenzone europea.

Ma come mai Renzi ha trovato ospitalità presso la Nove, tra la centesima replica di qualche improbabile e noiosa vicenda  doganale e il povero Crozza in caduta libera di idee e costretto a battuteggiare nei dintorni del politicamente corretto come del resto era abbastanza prevedibile in un canale di rito liberal Usa. Anzi in un network  appositamente dedicato a diffondere nel mondo la predicazione di Washington e dei suoi poteri in chiaro o in grigio. Certo meglio di un Cannavacciuolo d’annata ormai muffito insieme ai suoi eterni frullatori di burrata, ma comunque non qualcosa in grado di dare una decisa spinta all’audience. Allora possiamo supporre che il Matteo abbia trovato i soldi di qualche oscuro benefattore, magari anche fuori dai confini,  per mettere in piedi la Firenze secondo lui e mandarla poi in onda oppure che esistono dei legami sotterranei che di solito ci sfuggono. Ora vediamo, la Nove fa parte del network di Discovery Italia, 8 indicibili canali di repliche continue di infima merceologia televisiva, che fa parte di Discovery Europe, a sua volta emanazione della statunitense Discovery. Inc ex Discovery channel che ha più di 140 canali in tutto il mondo e far parte del complesso meccanismo di egemonia statunitense.

Ora una delle banche d’investimento che ha come terreno di azione privilegiato proprio i media e l’intrattenimento ed è dunque anche una delle colonne portanti nei business di Discovery è Jp Morgan che del resto è anche il primo distributore per il programma di emissione di bond della Repubblica italiana ed è stato advisor del governo in molte privatizzazioni. Guarda caso l’ascesa di Renzi come personaggio nazionale e come competitor per la segreteria del Pd avviene a fine maggio del 2012 in occasione di un convegno appositamente organizzato dalla J.P. Morgan a Firenze. Calano su Palazzo Vecchio Tony Blair, consulente della banca e la ministra tedesca del lavoro, braccio destro della Merkel , Ursula von der Leyen, i quali mettono in piedi una pantomima di incontri e dichiarazioni che lanciano Renzi da personaggetto provinciale con Leopolda pagata a piè di lista, quale principale personaggio delle primarie del Pd. Dopo un tête-à-tête a pranzo (pagato da noi) fra Renzi e Blair all’hotel  St. Regis di piazza Ognissanti, l’ex svenditore inglese del Labour disse che che si era parlato di primarie, aggiungendo di aver chiesto delucidazioni al Pd  su perché Renzi non potesse parteciparvi. Un intervento così autorevole che costrinse il partito mozzarella a cambiare lo statuto per permettere a Matteo di partecipare alla tenzone. In pratica l’imposizione di un candidato che per regolamento nemmeno avrebbe potuto correre, ma anche un endorsement per far capire come a Renzi non sarebbero mancati né gli appoggi, né le risorse. Dopo un anno da questa investitura sotto la sua ala protettrice, Jp Morgan delinea in qualche modo le linee di azione del suo pupillo pubblicando un documento che era in pratica una piattaforma politica: in esso viene denunciato l’eccessivo socialismo delle Costituzioni europee che lasciano troppo spazio alle articolazioni locali, garantiscono la protezione dei diritti dei lavoratori e contemplano il diritto alla protesta, tutte cose che ovviamente spiacciono alle multinazionali. Per di più – ecco il raccordo con l’oligarchia europea – “i sistemi politici e le costituzioni di alcuni paesi del Sud presentano caratteristiche che appaiono inadatte a favorire la maggiore integrazione dell’area europea”.  Il che vuol dire in poche parole che la democrazia è un  ostacolo per il liberismo, il profitto e pure per l’Europa. E’ particolarmente interessante da un  punto di vista storico e teorico che la banca giustifichi i suoi “consigli” antidemocratici con il fatto che le riforme liberiste non hanno sortito gli effetti voluti nel sud Europa (nemmeno nel Nord per la verità) e dunque visto che le stravaganti teorie economiche per ricchi non funzionano, la colpa è evidentemente della democrazia.

Approfondire questo tema concettuale ci porterebbe fuori strada. Ma comunque non è davvero strano che Renzi torni alle origini e trovi accoglienza in un ambiente “amico”.

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: