Annunci

Archivi tag: gilet gialli

Son gretino e son contento

gggAnna Lombroso per il Simplicissimus

C’è inquinamento reale e inquinamento virtuale anche se le sostanze tossiche sono poi le stesse e avvelenano bronchi, polmoni e cervelli: così la politica e il mutuo riconoscimento democratico tra forze politico-parlamentari è ridotto al berciare tra club di opposte curve e tifoserie, alla radicalizzazione forzata e conseguente arruolamento coatto in una delle fazioni in campo.

Ne approfittano  gli “opinionisti” che guardano il mondo come dalla tribuna vip o peggio come  davanti alla tv col fotofinish e la moviola;  e che non aspirano ad altro che a diventare coscritti di una delle squadre, con evidente preferenza per quella del progressismo neoliberista che li promuove a sottili e arguti detector e analisti dei fenomeni sociali.

Oggi me n’è capitato sotto gli occhi uno, Giulio Cavalli, che per non sottrarsi alla tendenza in atto  ha fatto il “preferito della maestra” scrivendo  col gessetto sulla lavagna della storia, da una parte la lista dei buoni, il movimento che ha in Greta l’efficace testimonial della presa di coscienza che il mondo rotola verso la catastrofe e dall’altra i brutti, sporchi e cattivi, quelli che, cito, sono in guerra per difendere la benzina, per eliminare le accise sul gasolio, per difendere il loro diritto ai combustibili fossili e resistere alla decarbonizzazione, o almeno non pagarne il prezzo, gli efferati gilet gialli.

Finalmente tutto si tiene, basta con quelle bubbole della lotta di classe, che tanto una ha già vinto con beneplacito del fine osservatore dei moti di piazza, basta con Occidente contro Terzi Mondi esterni e  interni,  basta con radici cristiane contro barbarie fanatica, e pure scapoli contro ammogliati, la “vera divisione” secondo il Cavalli, sta  tutta qui,  tra quelli con Greta quelli con i gilet gialli e il loro modo di intendere il futuro, il pianeta, i bisogni, il mondo. Altro che popolo ed élite perché ci sarà solo da scegliere “se si vuole stare tra l’internazionalismo ambientalista di chi vede la questione climatica come prima passo verso un’etica e una responsabilità di comando completamente diversa rispetto a quello che abbiamo subito fin d’ora, o con chi invece punta a rovesciare il potere consolidato per difendere le proprie piccole rendite di posizione”.

E pensare che una volta c’era una comoda chiave di lettura, basata sulla saggezza popolare: dimmi con chi vai e ti dirò chi sei.

Servirebbe ancora, per capire che magari ci sarebbe da sospettare, non sulla buona fede, per carità, ma sull’abuso  del simbolo e degli slogan di una protesta, vezzeggiata dai media, osannata da un’opinione pubblica sempre in cerca di padroni o leader,  quando le blandizie e l’ammirato consenso arriva dal  direttore del Fondo Monetario, da premier e leader politici di indubitabile appartenenza alle file dell’esercito del totalitarismo economico e finanziario.  E che forse non sarebbe tutto da buttar via un movimento che non ha pretese rivoluzionarie ma che comunque tenta il regicidio  sia pure virtuale del piccolo monarca addetto alle contro riforme chiedendone le immediate dimissioni, che non andrebbe sprecato un sussulto di gente comune, esecrato dalle élite europeiste, che – proprio come le piazze coagulate da Greta – non possiede certo un  carattere anti-sistema, anti-capitalistico, ma almeno, cosa che non si è verificata da noi, tanto per fare un esempio, chiede con forza delle riforme tese a migliorare le condizioni di chi vive del proprio lavoro, quelle di chi non ha un lavoro, o vive con misere pensioni o sussistenze, esige una meno iniqua imposizione fiscale.

Che poi se si irmpovera ai gilet gialli  di chiedere le dimissioni senza immaginare un dopo, sena nemmeno accreditarsi per formarne uno, ma semmai di precostituirsi come “lobby” per esercitare pressioni in favore dei ceti impoveriti,  le stesse obiezioni si potrebbero muovere a un movimento che non propone soluzioni se non l’addomesticamento dlela belva dello sviluppo insostenibile con misure ben introdotte nel sistema della Green economy (ne ho scritto proprio ieri qui: https://ilsimplicissimus2.com/2019/03/18/ecologia-di-mercato/ )

Macché il nostro non ha dubbi su chi scegliere: chi se non “quelli in marcia con Greta  che invadono le piazze con l’allegria, i colori e l’ottimismo? Contro  i gilet gialli che stanno diventando sempre più neri.

Non c’è niente di peggio di gente che si è collocata con dinamiche giravolte in tutte le formazioni del reducismo di sinistra, ingoiando tutti i rospi in cambio  almeno dei benefici per l’immagine dell’affiliazione ai “recinti” vendoliani, nei quali ci si batte contro l’inquinamento globale ma si fa melina per quello tarantino, quelli in cui si applaude la disubbidienza sui profili dei social a condizione che riguardi altri, che la si possa delegare come le responsabilità, che si metta all’occhiello come un distintivo “umanitario” purchè non intralci le magnifiche sorti e progressive dello sviluppo.  E non c’è niente di peggio del movimentismo di ritorno, di quelli che invidiano e vorrebbero essere accolti nelle cerchie della giovinezza visionaria e cazzara, colorata e festosa, proprio come i cinquantenni che si comprano ancora la moto, indossano il chiodo e gli stivaletti alla Bonaga nel ’77 di Bologna.

Ma a farci capire tutto anche dove approderà l’entusiasta  , estasiato perché i militanti della lotta la climate change  incarnano la lotta al riprovevole nazionalismo dei tricolori inalberati dei fracassoni neri, “manifestando senza alcun simbolo e nessuna bandiera nazionale,  e -voila la grande diffèrence – “coi cartelli quasi sempre in inglese”.

Non occorreva Cavalli per ricordarci che è quello l’idioma dell’impero, il gergo di Wall Street, la parlata degli yankee scritta sui loro carri armati, sui loro droni, sulle loro bombe, sui loro F35 taroccati che ci impongono come l’affettuosa partecipazione alle loro guerre. Che è quella la lingua della globalizzazione, dell’imperialismo, della colonizzazione anche dei desideri e dell’immaginario dell’Occidente, della teocrazia del mercato che dovrebbe combattere l’inquinamento con il mercato, come appare evidente dal fatto che si recita in inglese il mantra della salvezza: green economy, emission trading, low carbon economy, Joint Implementation, Clean Development Mechanism. Locuzioni dello slang padronale pensate per persuadere gli straccioni che possono ricavare qualcosa dai loro mali nel grande suk globale, come i risarcimenti per il cancro, la conservazione del posto in cambio della salute. E un bel funerale come è probabile avverrà al mondo nell’annunciato Day After .

Annunci

Gilet su misura

gilet_aranciAnna Lombroso per il Simplicissimus

Ieri era la volta dei gilet arancioni, gli olivicoltori in piazza per protestare contro una manovra che non contempla misure di emergenza necessarie a garantire adeguate risorse al Fondo di Solidarietà Nazionale per far fronte alle pesanti calamità che hanno colpito importanti aree del Paese, a partire dalla Puglia dove si realizza la maggioranza dell’olio italiano e si contano 90 mila ettari di uliveti senza produzione, un taglio di circa 2/3 del raccolto e un equivalente di 1 milione di giornate lavorative perse.

L’altro ieri era stata la volta dei pastori sardi cui il governo ha risposto con un’offerta umiliante alla filiera del pecorino di un prezzo del latte a 70 centesimi con la “speranza” che con il ritiro delle forme in eccedenza entro tre, quattro mesi il listino si alzi a un euro.

Tante volte si è pensato che il riscatto potesse venire da moti del pane, dal risveglio di ceti ridotti alla fame che assaltano i forni e impauriscono i palazzi. Tante volte si è pensato che non si fosse ancora giunti ai limiti della sopportazione, che gli aerei e i ristoranti sono pieni grazie a quei “fondamentali” sani, risparmi, oculati bilanci familiari, nonni che contribuiscono con le loro pensioni a garantire minimi sindacali di sicurezza e speranza per i giovani. Tante volte si è pensato che il progresso si sviluppasse anche dando voce ad antagonismi facilmente conducibili nei canali della negoziazione “democratica”, ancor prima che svariati forconi indossassero le nuove divise di ordinanza sotto forma di gilet, che hanno suscitato l’interesse dei commentatori che vedono in quelli gialli anti Macron l’embrione di fermenti rivoluzionari, come da tradizione, prodromi di un augurabile “regicidio”. E in quelli tricolori il coagulo di una opposizione all’attuale governo, l’auspicato argento vivo che segnala che la temperatura è salita in virtù dell’affermarsi generalizzato di una pallida retorica umanitaria ben attenta a non intralciare il cammino del capitale globalizzato.

Così anche la stampa mainstream, sempre attenta a criminalizzare il movimentismo proprio come i ministri della sicurezza che si sono avvicendati e come i padroni che convocano gli sbirri per risolvere conflitti e contrattazioni complicati, si compiace della spettacolari forme che assume il dissenso, sdoganando il populismo contro i populisti al governo. Succede così non solo perché il corporativismo è l’unica forma di rappresentanza sindacale concessa e accettata in qualsiasi regime autoritario, la più ricattabile e quella che più facilmente si accontenta di appagare bisogni minimi di categoria. E perché uno dei caratteri potenti dei questa contraffazione democratica aiutata da una stampa che in luogo dell’informare giudica sul libro paga, è quello di annegare tutto nell’abitudine: passati i primi giorni, nei quali gli osservatori interrogano i guerriglieri in piazza come fossero fenomeni del folclore regionale, gli mettono il gelato in bocca in qualità di casi umani, li invitano nei salotti televisivi e nelle salette dei Think tank per tastare il polso dello strapaese, tutto si normalizza, tutto diventa breve in cronaca.

E non può essere che così. perché quello che conta è non disturbare il manovratore, ma non quello locale, le maggioranze che si avvicendano al governo, ridotte a droni guidati da distanza con un clic. Ma quello globale, che guarda a questi infimi accadimenti con interesse minore di quello di un entomologo con lo spillone pronto a infilzare l’insetto che batte le ali invano.

È per questo che il flash mob dei pastori incazzati ha incantato gli spettatori virtuali, che la bara piena di bottiglie d’olio davanti a Palazzo Chigi è uno spot che vale il premio della pubblicità, perché vengono presentati  e replicati come incidenti sulla strada del progresso, come effetti collaterali dello sviluppo che non può né deve essere ostacolato da questi arcaici borborigmi che arrivano dalla pance – vuote – delle lontane province. Meglio dunque non ricordare che le quote latte sono una delle declinazioni tra le più infami delle politiche coloniali europee rivolte anche ai danni del terzo mondo interno, che con una produzione praticamente dimezzata, è stato l’olio extravergine di oliva Made in Italy a subire gli effetti più pesanti del cambiamento climatico con una strage che lo scorso inverno ha compromesso 25 milioni di ulivi in zone particolarmente vocate e fatto crollare il raccolto che quest’anno si aggira attorno ai 200 milioni di chili, un valore vicino ai minimi storici per la pianta simbolo della dieta mediterranea e che per un combinato disposto dei due fattori per la prima volta nella storia la produzione spagnola stimata quest’anno in 1,6 miliardi di chili è superiore di oltre sei volte quella nazionale che potrebbe essere addirittura sorpassata da quella della Grecia e del Marocco.

E dire che di dissenso ce n’è e ce n’è stato in questi anni, in Sardegna militarizzata ci sono comitati che si battono da anni contro la svendita del territorio al turismo di lusso di sceicchi ed emiri e ai signori delle guerre, in Puglia intere geografie si rivoltano contro le trivelle e Tap, in tutti i centri urbani ci sono coordinamenti di lotta per la casa, si stanno riorganizzando quelli che denunciano il tradimento del pronunciamento per l’acqua pubblica. E ci sono operai che resistono alle delocalizzazioni, che in piazza ci sono magari andati sabato scorso sperando di trovare posto in quella unità artificiale, padroni compresi, e che hanno scoperto che hanno così aderito ai Si-Tav e diviso la piazza con quelli che pensano che il reddito di cittadinanza (che non mi ha certo convinto) sia peggio delle mancette di Renzi, perché garantirebbe un provento troppo alto rispetto ai salari da fame che i disoccupati troverebbero sul mercato del lavoro, o di quanto guadagnano attualmente gli occupati, grazie all’accettazione da parte dei sindacati di politiche e misure inique. E che possa indurre a un neghittoso scoraggiamento in quelli che non cercano attivamente lavoro per via di due considerazioni inoppugnabili: l’alta percentuale di disoccupati e le condizioni, retributive e non retributive (orari di lavoro, precarietà, intimidazione e ricatti), che attendono i più fortunati premiati da una assunzione a termine, con contratti anomali e capestri.

Bisognerebbe davvero che non lasciassimo soli quelli che lottano invece di appagare il nostro senso di giustizia con una umanitarismo sempre più esangue che non ha la forza né la volontà di contrastare il sistema.

Altrimenti dobbiamo dar ragione a chi,  analizzando i conflitti che da qualche anno incendiano ricorrentemente  le maggiori società occidentali contrapponendo la cerchia antagonista e il ceto dirigente,  società civile e élite, sostiene che l’esercito di chi ha troppo e comanda avrebbe dovuto soccombere, essere spazzato via da noi “straccioni” in gilet o coi forconi, se non ci avessero persuasi che i suoi interessi coincidono  con quelli di buona parte della collettività.  È proprio questa la grande menzogna che va smentita, se il “loro” sviluppo indirizza gli investimenti a beneficio delle cordate padrone della Tav e non sui treni dei pendolari, se l’istruzione pubblica è penalizzata e le carriere si dischiudono davanti alle dinastie degli abbienti, se le politiche urbane promuovono l’edilizia del lusso e del terziario costringendo all’esodo gli strati sociali più bassi, se  la lotta al cambiamento climatico affida al mercato il contenimento dei danni che crea, se gli ulivi di Puglia sono ridotti a paesaggio agricolo a beneficio dei turisti e le coste sarde vengono saccheggiate, sventrate e svendute. Non fidatevi di chi invece di chiamarvi popolo vi chiama populisti-

 

 


Terroristi patrioti e gilet gialli bastonati

francia-ginocchioQuale sia lo stato delle cose, il precipitare degli eventi e il grado di confusione nell’occidente contemporaneo dove le narrazioni e le bugie sono talmente ingarbugliate da non riuscire più a collimare, può essere dimostrato dalle parole di Cristophe Castaner, ministro degli interni francese che di fronte ai 93 gilet gialli gravemente feriti (13 di loro hanno perso un occhio) durante le varie dimostrazioni che si sono susseguite nell’ultimi due mesi, ha sostenuto: “non conosco nessun poliziotto o gendarme che abbia attaccato un manifestante”. Difficile che si possa trovare verità e onore in un ministro dei banchieri, ma in ogni caso è fin troppo chiaro che ora si vuole nascondere e negare la violenza con la quale  il regime macronista e neoliberista europide ha reagito alle manifestazioni di dissenso contro le dottrine austeritarie, ad onta di tutte le giaculatorie democratiche che vengono recitate dai grandi sacerdoti perché i fedeli siano tenuti in ginocchio di fronte ai tabernacoli rituali. La realtà è che le oligarchie hanno paura e non sanno che reagire con la forza.

Ma fin qui sarebbe si tratterebbe solo di faccia tosta dentro giorni convulsi nei quali l’Eliseo si trova di fronte a un nuovo scandalo: alcune intercettazioni telefoniche tra la guardia del corpo e favorito dell’harem presidenziale, Alexandre Benalla e un poliziotto radiato dal corpo, ora operante nel privato. Benalla infatti, sotto processo per violenze dice di avere tutta la protezione possibile. E quando l’interlocutore gli chiede: “Ma chi ti sostiene in concreto?” Benalla risponde: ” Il presidente, Madame (Brigitte ovviamente) e Ismael che mi consiglia su media e compagnia”  Quest’ultimo personaggio è Ismael Emelien un braccio destro di Macron. Questo dopo che il capo dell’Eliseo aveva pubblicamente detto di aver preso le distanze da Benalla e dalle sue imprese di picchiatore.

Insomma il clima è arroventato, tanto più che se queste intercettazioni sono uscire fuori dai cassetti significa che il presidente sta per essere mollato dai servizi e dall’apparato militare. Ma torniamo al ministro dell’Interno e alle sue incredibili dichiarazioni. Farebbero parte della normale e sordida commedia governativa se non fosse che Castaner  poco prima di questa incredibile dichiarazione assolutoria ne aveva fatto un’ altra annunciando che 134 jihadisti rifugiatisi presso quella parte di forze curde agli ordini degli Usa, saranno rimpatriati in quanto cittadini della douce France. “Sono francesi prima di essere jihadisti”. Ora mettetevi nei panni dei cittadini francesi che da anni vivono in uno stato di eccezione a causa del terrorismo, nei quali è stata accuratamente coltivata la paura perché guardassero il dito e non la luna: adesso scoprono che il Paese è profondamente implicato nell’organizzazione del jiahdismo, che questi combattenti di origine nordafricana ed ex coloniale, spesso delinquenti di piccola tacca sono stati arruolati nelle prigioni, formati e inviati in Siria, che insomma lo sponsor primario del terrore – mai realmente controllabile – è proprio il governo. Che Parigi avesse messo molto più che uno zampino in Siria era già noto visto che numerosi ufficiali francesi sono stati stati catturati dalle forze siriane. Ma adesso si scopre che quel sottobosco di sbandati e fanatici – radicalizzati più dal denaro e dalle depenalizzazioni che dalla religione – che  insomma le schegge impazzite dei pendolari tra il Medio Oriente e la Metropole,  è stato sostanzialmente gestito dai servizi . Si è autorizzati a pensare il peggio, ma in ogni caso sta di fatto che parecchi di coloro che sono stati regolarmente uccisi dopo gli attentati, dal Charlie Hebdo, al Bataclan, al supermercato kasher, alle sparatorie di Bruxelles, facevano parte di questa colonna infame e non è escluso che in alcuni di questi casi ci fosse sullo sfondo un regolamento di conti tra servizi segreti. Ora vengono accolti col tappeto rosso.

Il problema ulteriore è che la notizia del patriottico quanto orgoglioso rimpatrio definitivo di questi terroristi mercenari trattati con i guanti bianchi stride in maniera orribile con la barbara repressione sui cittadini in francesi che protestano: da una parte l’elogio della violenza, dall’altro la negazione della stessa. Davvero insopportabile, ma indicativo della confusione nella quale viviamo e della impossibilità della coerenza: gli eventi si succedono producendo ondate emotive o tesi e argomenti senza alcuna relazione con loro e soprattutto fra loro e la realtà. Solo quando la distanza temporale è minimo si avverte lo stridore.


Francia – Venezuela, due pesi e due misure

dxorlipxgaiqughOggi il mio compito è facile, solo quello di riportare un articolo di Neil Clark, giornalista inglese che scrive su Guardian, Morning Star, The Week e The Spectator per citare solo alcune testate: come fosse il ragazzino che vede il re nudo egli istituisce un semplice, immediato, quanto impietoso  raffronto tra la narrazione mainstream ciò che accade in Francia e in Venezuela, mostrando tutta la pretestuosità di un’ informazione del padrone che adotta due pesi e due misure in maniera così sfacciata che ci si chiede come non possa essere colta dalle pubbliche opinioni. Certo poi accendiamo la Tv e capiamo perché questo possa accadere, come l’opera di semplificazione e rincretinimento renda facile raccontare ai bambini qualsiasi favola.

“Le proteste anti-governative dei gilet gialli in Francia sono in crescita, ma hanno ricevuto una copertura limitata nei media occidentali e tale copertura è stata abbastanza ostile ai manifestanti. In Venezuela però è una storia molto diversa: qui le manifestazioni di strada sono un importante fonte di notizie, nonostante il Paese si trovi a migliaia di chilometri di distanza. Inoltre, la copertura degli eventi è molto empatica nei confronti dei manifestanti ed estremamente ostile nei confronti del governo.

Perché i manifestanti in Francia sono cattivi, ma in Venezuela sono invece buoni?

La risposta ha a che fare con le posizioni e le alleanze internazionali dei rispettivi governi. Non è politicamente corretto chiamare il presidente Emmanuel Macron di Francia come presidente dei ricchi, anzi dei molto ricchi come ha ammesso alla televisione francese, il suo predecessore François Hollande. Macron è un globalista senza vergogna, impegnato a portare avanti le riforme neoliberiste in patria e a seguire un programma di ” intervento neo liberista” al di fuori, vale a dire una politica estera imperialista. Nessuna meraviglia che le élite vadano pazze per il ragazzo: il rovesciamento di Macron, in una rivoluzione francese 2.0, sarebbe un duro colpo per le persone più potenti del mondo. Non si può permettere che accada.

Le autorità francesi hanno risposto con violenza alle proteste di piazza mentre un attivista è stato persino condannato alla prigione per sei mesi, ma questo è stato ampiamente ignorato dai “liberali” occidentali che sarebbero stati invece pronti a denunciare azioni simili in altri paesi,di cui non approvano il governo. il messaggio è :”la legge e l’ordine devono essere mantenuti”. Così i gilet Gialli sono stati inesorabilmente insultati, ci è stato detto che erano “di estrema destra” e “razzisti” e persino “antisemiti” o addirittura che facevano parte di un sinistro complotto russo per seminare divisione in Europa, inalberando una teoria della cospirazione che viene abitualmente attaccata quando viene espressa da altri. Al contrario, i manifestanti anti-governativi in ​​Venezuela non possono sbagliare, anche quando commettono atti di violenza terribili. Coloro che accusano falsamente i Gilets Jaunes di essere motivati ​​dal “razzismo” hanno invece taciuto quando un uomo di colore, il ventunenne Orlando Jose Figuera, fu bruciato vivo dai manifestanti anti-governativi a Caracas nel 2017 .

Immaginamoci il clamore se i Gilet gialli avessero dato fuoco a un uomo di colore a Parigi. Ma se  sono gli anti-chavisti a farlo in Venezuela, chiudiamo gli occhi e facciamo finta che non sia successo visto che gli Stati Uniti e i loro alleati hanno sostenuto apertamente le proteste antigovernative in Venezuela. Trump ha persino riconosciuto il leader dell’opposizione del Venezuela, Juan Guaido, come leader del paese. Ancora una volta, immaginiamoci i titoli di testa se Vladimir Putin riconoscesse Marine Le Pen o Jean-Luc Melenchon come leader della Francia – oppure dicesse  ha detto, come ha fatto  Trump sul Venezuela , che la Russia potrebbe invadere la Francia se il governo non si fosse fermato. La mossa degli Stati Uniti invece è già stata approvata dai pezzi grossi dell’Unione europea, come Guy Verhofstadt; ricordiamoci che nonostante tutte le loro critiche a Trump, questi “liberali” europei politicamente corretti sono sul medesimo fronte degli Usa  quando si tratta dei regime change di stampo imperialista. Non è solo il Venezuela, è stato lo stesso in Jugoslavia nel 2000 e in Ucraina nel 2014.

L’uomo che reprime le legittime proteste a casa propria e il cui gradimento  è crollato a solo il 21% all’inizio di questo mese, ha pubblicato un tweet in cui ha elogiato “il coraggio delle centinaia di migliaia di venezuelani che stanno marciando per la libertà ”. Ma il  popolo del Venezuela non sta realmente lasciando il paese, lo fanno solo coloro che non sono venezuelani e che hanno la possibilità di farlo. La crescente inflazione della valuta è stata causata da forze esterne,e non dalla cattiva gestione del governo Maduro. 

La vera ragione per cui il Venezuela deve essere conquistato sono le sue vaste risorse di petrolio e di terre rare.”

Ho inserito questo pezzo non perché presenti analisi nuove o particolarmente brillanti, ma proprio per la estrema semplicità che illumina a tutto tondo la diversità di narrazione e dunque anche il contesto di pretestuosità e di ipocrisia dell’informazione che è ormai nel senso più proprio informazione dei ricchi. Mettere in evidenza le fratture logiche e morali del racconto è ancora più importante man mano che si approssima lo scontro finale tra imperialismo e libertà di determinazione, tra reazionarismo e progresso sociale.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: