Archivi tag: Fmi

Fmi: mea culpa con contorni di ipocrisia

christine-lagarde1Niente potrebbe essere più paradossale, demenziale, ma anche più degradante e ipocrita delle ammissioni in camera caritatis del Fondo monetario internazionale (si fa per dire visto che è una creatura Usa): l’ineffabile Christine Lagarde, quella che per intenderci che si preoccupa perché la gente vive troppo a lungo, si è accorta dopo quasi 30 anni che la globalizzazione “ha avuto effetti negativi su alcune tipologie di lavoratori e su alcune comunità”. In realtà sappiamo che gli effetti nefandi dell’economia finanziarizzata e lo sfruttamento degli “eserciti di riserva” in Eurasia, America latina e Africa, hanno devastato l’occidente, aumentato sull’intero globo la schiavizzazione del lavoro e prodotto una straordinaria regressione sociale e politica.

Quello che indigna in tutto questo non è tanto il rapido quanto effimero autodafè  della Lagarde a Berlino, ma il fatto che queste testoline provenienti per meriti e soldi di famiglia da prestigiose università e dirette fin dalla nascita verso altrettanto prestigiose carriere, hanno spiegato a tutti per decenni che cosa bisognava fare, cosa imponeva la cosiddetta scienza economica neo liberista e così hanno rovinato interi Paesi, affamato popolazioni, ricattato governi per fare spazio alle speculazioni. Ora invece, come se niente fosse ci vengono a dire che hanno sbagliato, senza però avere l’onestà minima di ripensare l’impianto ideologico basato sul profitto e sul mercato come valori assoluti che è la radice dei guasti prodotti.

Sono così apparentemente ingenui nella scoperta delle contraddizioni e delle aporie del sistema che chiedono salari sempre più bassi, precarietà sempre più alta in vista di una produttività insensata nell’ambito di un calo della domanda. Salvo poi invocare i lanci di soldi dall’elicottero variamente intesi il cui risultato sarebbe in sostanza togliere dignità in cambio dei profitti di pochi, la creazione di una nuova società servile guidata da oligarchie di ricchi nella quale l’elemosina sostituisce i diritti. Siamo di fronte a un tale coacervo di sciocchezze che viene spontaneo domandarsi se davvero si siano sbagliati, se davvero siano così stupidi, se gli illusionismi ideologici confortati durante la guerra fredda dalle chiacchiere di qualche nobile austroungarico deprivato delle rendite imperial regie,  non abbiano ben presto lasciato il posto a una concezione totalmente reazionaria della società, a un inimmaginabile passo indietro nella storia di cui la teoria economica non è che uno strumento o al massimo un alibi, una supposta necessità per liberarsi dall’etica. Qualcosa che non si può ovviamente rivelare, anche se è tutta contenuta nell’antropologia neo liberista, basta scavare appena un po’ sotto le frasi fatte e i leit motiv da cui siamo investiti: in realtà è proprio la Lagarde l’errore.

Del resto uno dei padri e dei padrini accademici  della teoria, Milton Friedman fu un ardente sostenitore del golpe di Pinochet che oltretutto regalava alla “scuola di Chicago” la possibilità di fare esperimenti in vitro nel “Paese lungo” visto che altrove essi erano interdetti dalla necessità di combattere il comunismo e quindi di dover conformarsi in qualche modo al modello democratico e keynesiano. Una volta dissoltasi l’Unione sovietica è cominciata l’opera di demolizione, di sostituzione delle elites politiche e tramite le nuove leve di scompaginamento della democrazia e della concezione del lavoro. E’ abbastanza facile rilevare sul piano della storia come della cronaca che la visione neo liberista è incompatibile con la democrazia: chiunque vi dica di poter servire questi due padroni visto che vanno d’amore e d’accordo mente per la gola.

Advertisements

Casematte da ricchi

 Anna Lombroso per il Simplicissimus

Chissà se visitando il profilo su Facebook di qualcuno degli operosi e rispettabili trevigiani che hanno avuto i mezzi e la fortuna di aggiudicarsi un appartamento nel nuovo quartiere residenziale di Borgo San Martino, l’insediamento immobiliare più ambito negli ultimi mesi e le cui vendite, malgrado il settore sia investito da una crisi gravissima, vanno a gonfie vele, leggeremmo riprovazione e condanna per il muro di Trump a coronamento della distopia xenofoba disegnata da Clinton e consolidata nel modo ipocrita e strisciante collaudato dal Premio Nobel.

È probabile che scopriremmo una contemporanea interpretazione del mantra ambientalista di tanti anni fa: pensare globalmente e agire localmente, capace di dispiegare tolleranza, ragionevolezza e  perfino solidarietà guardando il mondo dal davanzale, e di praticare diffidenza, sospetto, rifiuto rendendo inattaccabile quando non offensivo quello stesso davanzale, se si spiega così il successo dell’apparato di fortificazione poderosa messo in atto nel compound della pingue provincia trevigiana: un’alta cinta muraria, un sistema di videosorveglianza con codice di accesso, dispositivi a tutela della privacy ma soprattutto della massima sicurezza. L’immobiliarista che si vanta di aver replicato oggi i modelli urbanistici delle città murate  del passato, 38 in Veneto, da Marostica a Ciitadella, da Monselice a Castelnuovo, si inorgoglisce per aver mutuato dall’America una sperimentazione che “ coniuga il concetto di sicurezza e quello di privacy, elementi che sono percepiti in questo momento in testa alle priorità”.

E d’altra parte ben prima delle grandi invasioni e degli esodi biblici, il sogno americano si è equipaggiato per salvaguardare proprietà e tranquillità di chi ha dall’attentato anche solo visivo di chi non ha e ostenta miseria e degrado invece di prestarsi ad essere invisibile, tanto che in testa agli investimenti domestici dei residenti dei ghetti di lusso c’erano proprio le spese per la protezione personale e del proprio domicilio, tra vigilantes, guardianie, fili spinati con opportuna elettrificazione, muri illuminati tutta la notte, allarmi, apparati dentati che salivano dalla strada  per forare le gomme di inopportuni visitatori, e così via, a conferma che la calda corrente di ottimismo umanistico che spirava nell’impero aveva bisogno che la felicità privata fatta di edonismo, benessere, spreco e opulenza aveva bisogno di essere salvaguardata con ogni mezzo, da chi la minacciava.

 

Figuriamoci oggi che chi attenta in virtù di empie, inique e generalizzate disuguaglianze, il numero di chi, sempre di più,  per il semplice fatto di esistere mette a rischio beni e serenità dei pochi, sempre di meno, siano immigrati, siano marginali, siano clandestini, siano “diversi, siano nuovi poveri spaesati e ipoteticamente aggressivi in posti che non sono più loro.  I clandestini, i profughi, gli irregolari funzionano a dovere per tirar su muri e far reclamare difesa personale, giustizia sommaria, possesso di armi, per rafforzare le competenze di sceriffi locali, per autorizzare emarginazione, rifiuto, repressione, ma ci vuol poco a estendere misure eccezionali a chiunque sia altro dai bravi cittadini, probi e operosi legittimati a tutelarsi illimitatamente.

La pensano così istituzioni globali: Fondo Monetario, Banca Mondiale, organizzazioni appendici al servizio dell’impero che da anni mettono in guardi sul rischio della futura guerra permanente. Che altro non è che una delle declinazioni di quella già in atto, quella di classe alla rovescia, ricchi contro poveri, sullo scenario sempre più cruento e sanguinoso delle città. E che impone nuove strategie, nuove forze di polizia, nuovi armamenti per allargare il fossato che divide palazzi, fortezze, castelli da bidonville che si estendono minacciosamente, da favelas sempre più inquietanti e sobbollenti di malessere, da slums e periferie teatri di lotte tra straccioni che potrebbero trovare sfogo in insurrezioni, saccheggi, incursioni, come d’altra parte è successo e succede anche nelle province e nei feudi europei.

E siccome nei palazzi, nei castelli, nei fortini, nei quartieri residenziali sempre meno ridenti perché l’autodifesa comporta bruttezza, inferriate, muri, steccati,  vetri oscurati, i generali elaborano le loro tattiche a suon di apparati bellici, ma anche con i tradizionali strumenti dell’esproprio, dell’alienazione dei beni comuni, del sacco del territorio e della speculazione, della dissipazione del denaro pubblico in opere inutili e dannose in favore di corruzione e profitto, sarà bene  sottrarre il governo delle città al destino di pratica contrattuale praticata per appagare avidità proprietarie, reimpossessarsi delle scelte che riguardano tutti, prima di essere cacciati fuori, esclusi e perseguiti per la colpa di voler ridiventare cittadini.

 

 

 

 


Colpevole, ma dispensata dalla pena: ecco la giustizia dei ricchi

lagarde-675Mentre a Berlino un lupo solitario, ma circondato da chissà quali “voci di dentro” compiva la strage di Natale, qualcosa di molto più grave e significativo si svolgeva dietro le quinte dell’informazione, qualcosa che rappresenta un non senso della legalità e che anticipa un ritorno alla giustizia diversa per tutti, nella quale gli uomini di potere e di contorno al potere possono godere di una impunità sostanziale. Non che la strada non fosse già ampiamente spianata verso questo medioevo della giurisdizione e lo sappiamo bene in Italia dove per quasi trent’anni l’etica della cosa pubblica è divenuta giustizialismo agli occhi di un ceto politico degradato e dei suoi clientes, ma  in questo ultimo scorcio del 2016 si è  passati dalla prassi, all’affermazione di un principio di disuguaglianza.

E’ accaduto in Francia dove Christine Lagarde, attuale direttrice del Fondo monetario internazionale, ma anche ex ministro delle finanze di Sarcozy, è stata condannata per la “grave negligenza” ( viviamo nel tempo degli eufemismi) nell’arbitrato fra Bernard Tapie e il Credit Lyonnais, riguardo alla proprietà dell’Adidas, un affare da 403 milioni di euro che sono poi finiti sulle spalle  dei cittadini, dando il via al trasferimento di fondi pubblici verso il sistema finanziario, creando quel debito che ora gli stessi cittadini sono chiamati a saldare sulla loro pelle.  Il che svela il concetto di “interesse generale” di questa signora e quello di chi l’ha chiamata a dirigere l’Fmi. Sì, condannata a un anno di carcere e a 15 mila euro di multa, in realtà niente in confronto all’entità del danno,  perché non poteva essere negata la sua sfacciata parzialità nei confronti del compagno di merende Tapie: solo che la Corte di giustizia della Repubblica, un tribunale apposito dei ministri, ha pensato bene  di dispensarla dalla pena e dall’iscrizione nel casellario giudiziario grazie alla sua “personalità” e alla sua “reputazione internazionale”. In pratica colpevole de iure, innocente del facto. Chiaro che la cosa ha fatto un certo scandalo in Francia, dove proprio nei giorni della sentenza un uomo è stato condannato a due mesi per il furto di una madeleine e una cassiera è stata licenziata e sbattuta dietro le sbarre per un ammanco di 5,35 euro: qui si parla di oltre 400 milioni che i francesi hanno dovuto pagare per le “gravi negligenze” della Lagarde, praticamente 6,6 euro a testa, neonati compresi,  ma la signora è stata dispensata anche se la pena di un anno è nei limiti della condizionale e la multa costituisce appena il 30 per cento del suo stipendio mensile. Mance e benefit esclusi, ovviamente.

E dire che il suo comportamento è stato quello dei ricchi tracotanti e bugiardi : aveva promesso di lasciare la sua prestigiosa poltrona durante il processo, ma ha non mantenuto la parola data e se ne è stata ben ferma a Washington in attesa del suo certificato di impunità. Proprio lei che intona, assieme a tutto l’Fmi , il coro della buona governabilità, qualunque cosa voglia dire, esige per gli stati la più grande disciplina finanziaria, che manda quotidianamente reprimende e memorandum sulla spesa, che opprime la Grecia con le sue ottuse dottrine, che  rimprovera persino i pensionati per la scorrettezza di morire troppo tardi. In pratica questa sentenza segna una sorta di territorio franco per i reati finanziari come dimostra anche la fiducia espressa sia dal governo francese, sia dallo stesso Fmi nei confronti della Lagarde, come se 400 milioni di euro fossero una bagatella e la responsabilità qualcosa cui sono obbligati solo i poveracci. Dunque invece de la garde a vue, ovvero l’arresto, come si potrebbe scherzare in francese, sulla signora si fa pieno affidamento come di solito avviene fra mandanti ed esecutori.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: