Annunci

Archivi tag: emarginazione

Terrorismo all’americana

I-massacri-nelle-scuole-degli-Stati-Uniti-620x372Come previsto già all’indomani dell’attentato di Nizza si diffonde il Terrorismo.2, quello dei solitari, dei pazzi senza reti e appoggi alle spalle, un terrorismo che moltiplica la paura e al tempo stesso non provenendo da specifiche centrali del terrore non può essere direttamente addebitato al demenziale avventurismo neo coloniale dei governi occidentali. Può invece essere speso a favore di una xenofobia diffusa, delle guerre di civiltà, insomma di tutto l’apparato ideativo utilizzato perché i poveri di spirito siano distratti dal progressivo scippo di futuro  e si attacchino ai ladri per essere difesi. Di certo la sparatoria di Monaco è tra quegli eventi che sanno come risvegliare i peggiori e immediati istinti, portare al limite lo stereotipo che è in noi, desiderosi di attribuire al “genitore straniero” la ragione ultima della follia dell’assassino. Ed è da pazzi  visto che il 20& dei giovani in Germania è nelle stesse condizioni.

Siamo affranti e impauriti, ma in realtà a vedere bene ci stiamo solo modernizzando il che spesso significa solo che ci stiamo americanizzando. A qualcuno questo potrebbe sembrare stravagante perché non ricordiamo che Obama nel corso dei suoi due mandati ha dovuto pronunciare 15 discorsi a seguito di stragi di massa compiute nelle scuole, nelle università, nei fast food, nei locali, persino alle manifestazioni sportive, anche se questo sangue si perde in una immensa strage che ha visto, tra il 20014 e il 2013,  316.545 vittime per armi da fuoco e solo raramente tiene banco per più di due giorni nelle cronache. Nessuna di queste stragi è riconducibile alle stigmate tipiche del terrorismo come lo connotiamo noi, ma è il prodotto di emarginazione, povertà, follia, sdradicamento, anonimato impotente , coniugate alla facilità di procurarsi armi letali e al substrato culturale dell’eccezionalità che esclude la possibilità di poter gestire insoddisfazioni, angoscia e voglia di cambiamento al di fuori dell’individualità, in una qualche idea politica e collettiva, visto che quello americano è il miglior sistema che esista. Di certo l’offerta patinata e rituale di democratici e repubblicani non solo non  è sufficiente, ma anzi con le sue convergenze, il suo lobbismo e con la sua ideologia unica, finisce persino per allontanare. Fateci caso: nella rete Usa oriented è progressivamente sparita dai criteri di ricerca e di categorizzaione persino la stessa parola politica che ormai è presente solo in una modesta e marginale area critica. Del resto il problema è visto solo dal punto di vista della vendita delle armi, nessuno si domanda perché ci sia un dilagare di azioni stragiste.

Si tratta di qualcosa che sta accadendo anche dalla nostra parte dell’atlantico con la massa crescente di persone murate dentro se stesse, del tutto incosapevoli della valenza sociale dei problemi che si trovano ad affrontare, abituate a pensare l’esistente come l’unica realtà possibile e senza speranza di essere rappresentati da un ceto politico subalterno fattosi casta e club di affari. Certo questa generazione “americana” per egemonia culturale vive in un ambiente diverso, dove i collegamenti familiari e ambientali non sono completamente saltati, dove c’è ancora un lontano ricordo di diverse concezioni sociali, è una generazione non ancora del tutto asuefatta al culto dell’aggressività fisica o morale e non ha facile accesso alle armi: la sua violenza è la rassegnazione che è una violenza contro se stessi o il tentativo di fare propri i miserabili tic e le illusioni del pensiero unico fino a che non ne è definitivamente respinta.  Ma c’è una parte di emarginazione economica e sociale che vive al di fuori di questo contesto ancora in bilico, che è stradicata dalla propria cultura e respinta da quella  in cui si trova, che si sente ed è un corpo estraneo la quale  ha più probabilità di essere attratta da singole, deliranti, tragiche azioni per rivendicare il proprio essere o reagire alle umiliazioni  che lo stile di vita a cui aspriamo comporta . Le guerre ingiuste e stragiste lanciate in medioriente e la religione sono solo  i corridoi attraverso cui la violenza degli esclusi si scarica, come altrove possono essere i super eroi o la concezione degli altri come nemico.

Così non possiamo ancora avere  la grande varietà sociologica degli stragisti americani, ma è solo questione di tempo: allora forse ci accorgeremo chi fa davvero la guerra alla civiltà.

Annunci

Renzo Piano, Renzi pianissimo

 Schermata-2014-11-27-a-09.50.18Anna Lombroso per il Simplicissimus

Per carità, questo è un governo di ribaldi..ma c’è addirittura di peggio, se andiamo a guardare quella cerchia intorno, fatta di agiografi, commentatori, opinionisti, cronisti, tutti dediti ad ossequiare perfino la d-istruzione della Giannini, la schiavitù di Poletti, la privatizzazione del settore pubblico secondo la Madia, lo sbaracca Italia di Delrio nel solco di Lupi. Che se a volte è troppo sfrontata l’osservanza, troppo vergognoso il servo encomio e troppo spudorata la celebrazione della narrazione del premier, allora si sceglie una via trasversale e indiretta, quella dell’esaltazione ammirativa di personalità inviolabili, di sacre icone portate instancabilmente ad esempio  di virtù e  opere del genio italico, che si manifestino tramite salsicce o attraverso creazioni immortali, con contorno di erudita e sontuosa affabulazione, comparsate in tutti in Tg, soffietti sui media, ma solo in occasione dell’annuncio trionfale dell’avvio delle opere, delle riforme, degli stanziamenti, che poi sui risultati cala invece un pudico silenzio, un castigato oblio.

Tanto per fare un esempio, voglio ricordare il caso della recente “assegnazione” di 500 milioni da destinare alla redenzione, riabilitazione, risanamento anche morale, chiamatelo come volete, delle periferie. Programma quanto mai lodevole che dovrebbe contribuire a contrastare la segregazione residenziale, l’esclusione sociale, motore certo di marginalità e malessere, non luogo nel quale trova nutrimento nichilismo, rancore, fanatismo. Incurante del ridicolo, rappresentato dall’esiguità della cifra stanziata, ancora più risibile se si pensa ai tagli ai servizi sociali, ai trasporti pubblici, all’assistenza, all’istruzione, che vanno ad aggiungersi ai capestri del pareggio di bilancio, Renzi, molto compiaciuto, ha aggiunto al modesto  impegno ben 100 milioni per impianti sportivi da realizzare sempre nei sobborghi, nelle nostre banlieu, deterrente sicuro all’adesione di giovani menti influenzabili alle gang del terrore o della malavita, e nemmeno perdo tempo a fare un paragone coi quattrini pubblici mobilitati, con l’avallo dell’onesto Marino, per lo stadio della Roma.

E adesso soggetti proponenti hanno tempo fino al 31 dicembre per presentare progetti finanziabili, sulla falsariga, il premier lo ha ricordato con orgoglio, di quelli avviati e finanziati con 200 milioni grazie alla legge di Stabilità 2015 “per  interventi di riabilitazione delle periferie e, come direbbe Renzo Piano, di rammendo”. E come si fa a dire di no all’immaginifica pensata del senatore a vita, dell’archi-star più internazionale e osannata che appunto l’anno scorso ha selezionato i progetti più consoni per aspirare ai fondi necessari a “dare concretezza” al progetto G124 (sigla che indica Palazzo Giustiniani, 1° piano, stanza 24) che ha catalizzato attorno a lui   sei giovani architetti coordinati da tre e  un folto gruppo di consulenti. Tutti entusiasticamente arruolati per l’operazione “rammendo”, “non per dare qualche pennellata di fresco a situazioni degradate”, quanto proprio per mettere le periferie al centro della progettazione, per farle diventare città e curarlo quel degrado. E per scovare “in questi ambiti il bello che c’è ma non si vede, quelle scintille di energia  da valorizzare e fare crescere.  Perché, a parlare è sempre Piano in pieno delirio lirico, le periferie non sono fotogeniche, non sono amabili, ma con uno sforzo che è fatto di amore e soprattutto di sublime ostinazione possono cambiare. E diventare città vera a tutti gli effetti”.

Beh, l’esperimento di rammendo, almeno quello romano, pare proprio non sia riuscito. La “scintilla” che riguardava il cosiddetto viadotto dei Presidenti, un viadotto incompiuto di 1.800 metri lercio, degradato, ridotto a discarica,  si è spenta ancora prima di cominciare, senza allusioni al promotore di Palazzo Chigi.

L’avvio doveva consistere nella  fase di ascolto, “quella che permette di entrare in contatto con la realtà locale, gli abitanti, le associazioni che vi operano a qualsiasi livello” in modo che le competenze professionali possano “tradurre in iniziativa progettuale concreta, aspirazioni e sogni”.  Non abbiamo notizie certe delle aspirazioni e dei sogni degli indigeni, ma l’obiettivo minimo dell’intervento doveva essere quello di “ripulire” e restituire dignità a un’area, punto di incontro tra i residenti di due quartieri (Fidene e Serpentara) separati dal Viadotto dei Presidenti. E infatti durante la semplice ma toccante cerimonia alla presenza di autorità e cronisti si era proceduto all’ostensione di un terreno mondato alla bell’e meglio dall’Ama, di due grandi contenitori in alluminio,   di un certo numero di carcasse di pneumatici artisticamente verniciati per dare un tocco di colore al triste grigio del ponte del viadotto e una stradina in ciottoli per unire simbolicamente i due quartieri.

E là è finita. A più di un anno di distanza del progetto  resta una strada disseminata di buche e transenne, che segnalano la presenza di tombini rubati  e mai ricollocati; quattro chilometri intorno ai quali sono rinati i bivacchi e  abusivi.

È che il termine rammendo ci sta proprio bene, ricorda il proverbio veneto xe pezo el tacon del sbrego – è peggio il rattoppo del buco – perché la scintilla, occasionale ed estemporanea, appicca il fuoco allo sdegno per lo sperpero di quattrini e di aspettative in favore di una insigne e celebrata operazione  familistica e clientelare, di quelle che tengono in piedi il sistema baronale nelle università e nei grandi studi di progettazione,  uno di quegli interventi di pura “fuffa”  che ormai sono la cifra del talento di regime, archi star, master chef, norcini reali, mecenati ciabattini, talkshow che sostituiscono i luoghi della rappresentanza, premier che non passano il vaglio del voto, nella frastornante confusione di priorità, valori, principi, condizione necessaria a cancellare la democrazia in favore di un furfantesco autoritarismo, a ridurre la cittadinanza al sopravvivere in un posto sempre meno comune, in un luogo sempre più dimentico della memoria  e della bellezza del riconoscersi e ragionare insieme.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: