Archivi tag: Colao

I diritti del lavoro, morti di Covid

lav  Anna Lombroso per il Simplicissimus

Stampa e rete da una pio di giorni pubblicano a raffica le severe reprimende contro i negazionisti del Covid, i no mask e i revisionisti del vaccino  in Senato, nello studio di Sabino Cassese e nelle spiagge guardate opportunamente a vista da militari con tanto di mitra intimidatorio, sviluppo questo largamente prevedibile della criminalizzazione dei trasgressori rinnovata in occasione del prolungamento dello stato di emergenza.

Come mai? vi direte,  non avevamo assistito a analoga  insurrezione moral-sanitaria quando Gori, promosso poi sindaco martire e modello esemplare di governo delle città vittime della pestilenza, dichiarò con burbanzosa determinazione: Bergamo non chiude!, o quando Sala dal canto suo ribadì: Milano non si ferma!.

Tutti abbiamo la risposta ma pochi hanno il coraggio di darla: prima, durante e dopo, nella cabina di comando a dettare misure e regole c’era il padronato, audace e ardimentoso con le vite dei dipendenti mandati ad esporsi, a norma di legge, anzi di decretazione di urgenza, al contagio per garantire la continuità dei profitti “normali” incrementati da accaparramenti e borsa nera, in vista dei futuri arricchimenti del dopoguerra.

Basta ricordare quella magistrale faccia di tolla di Bonometti, presidente di Confindustria lombarda,  ai primi di marzo, dopo le agitazioni subito deplorate e poi represse  dei lavoratori che chiedevano protezione e tutela nei posti di lavoro e cui si rispose con un patto unilaterale che lasciava alle imprese libertà discrezionale di adottare provvedimenti e di  concedere dispostivi e attrezzature di sicurezza in forma volontaria e arbitraria, quando proclamò: la fabbrica oggi è il posto più sicuro!

E ancora: le fabbriche non possono chiudere!, epico editto accolto con giubilo dai resilienti sul divano davanti alla Casa di Carta, di modo che in Lombardia,  il luogo della catastrofe, il 40% di operai e operaie ha viaggiato sulle metropolitane e sui bus pieni e non ha interrotto le produzioni, anche quando non si trattava di comparti essenziali, grazie alle acrobazie delle nuove frontiere dello spirito di iniziativa che legittima il cambio dei codici Ater per attribuire   carattere di indispensabilità a qualsiasi attività e alla compiacente decisione di Conte che rivendica di aver riaperto le aziende “in nome dell’interesse generale sia pure contro il consiglio degli scienziati”.

Grazie al Covid, che non sarà un complotto, ma che ha messo in piedi una cospirazione contro il lavoro, da quel momento e per legge non è diventato imprescindibile, necessario, “essenziale” quello che si realizza e produce, ma che le macchine girino, la catena non si fermi, il profitto arrivi a destinazione, nelle tasche degli azionariati, degli imprenditori, di quelli che guidano il motore del Paese.

E figuriamoci se non si approvvigionavano anche di un sostegno ideologico-scientifico, materializzato nel corpus roboante del cosiddetto Piano di Rilancio messo a punto dal gruppo di tecnici indipendenti presieduti da Colao, già Ad di Vodafone e consegnato nelle mani di Conte, che ha fatto finta di impiegarlo per reggere una zampa della sua poltrona traballante, ma a ben vedere ne ha tratto spunto e ispirazione della sua programmazione in 137 punti, approvata dagli Stati Generali e sottoposta come una letterina per Babbo Natale all’Ue, densa di cantieri, digitalizzazione, smartworking e didattica a distanza forieri di licenziamenti e contratti atipici, insomma la fuffa abituale degli impotenti.

Ma dietro alla quale si celano le strenne più gradite ai fan della cultura di impresa e della responsabilità sociale, tanto da sembrare scritta sotto dettatura di Confindustria : scudi penali, immunità e impunità, rinnovo e rinvigorimenti della precarietà con i contratti a termine sotto la bandiera della improrogabile deregolamentazione del mercato del lavoro per incentivare l’occupazione, defiscalizzazione di tutta una serie di misure e interventi, il tutto accompagnato dall’opportuno incremento dei fondi pubblici a sostegno delle aziende che vogliono investire  in mecenatismo peloso nei settori della scuola, della ricerca, della formazione e della sanità, offrendo generosamente le loro competenze nello stabilite priorità e finalità.

È ovvio che in questo disegno suggerito caldamente dal padronato e condiviso entusiasticamente dal miglior governo che ci potesse capitare e dagli enti regionali e locali, lo Stato ritorna nelle retrovie, in funzione di erogatore di aiuti a perdere, assistenzialismo a chi ha e punizioni a chi non ha saputo avere e ottenere, per indolenza, codardia, indole parassitaria, subalterno al mercato, esautorato di competenze e poteri, retrocesso a cattivo pagatore ancora prima di ottenere i crediti dal racket europeo.

Nel caso ci fossero dubbi sulla weltanschauung  della nostra élite “industriale” ci aveva pensato subito il presidente Bonomi a fare chiarezza, fresco di nomina alla presidenza di Confindustria in una intervista del 30 maggio calda di passione “civile” e vibrante di sdegno, un j’accuse  contro il governo e tutta la classe politica, accusati di prodigarsi per dare soldi agli immeritevoli miserabili anzichè aiutare le imprese, soprattutto quelle più grandi, che quelle piccole sono comunque destinate a affondare del grande mare della globalizzazione.

E ricordando che se da 25 anni cala la produttività la colpa è dei lavoratori, viziati, accontentati nelle loro richieste irragionevoli, pigri e dissipati, secondo una propaganda smentita dai dati delle organizzazioni internazionali: in Italia si lavora mediamente di più che in Francia, Germania, Austria e Svezia ma di guadagna molto di meno. E siamo in testa nelle classifiche del doppio lavoro e degli straordinari nei giorni festivi insieme, che sorpresa, alla Grecia, a conferma che da noi di fatica molto perché si percepisce poco.

La ricetta quindi è la stessa di sempre, richiamata da Boeri,  da Ichino, dal recuperato in corsa Brunetta e ci manca solo il Sacconi di “siamo sulla stessa barca”: più lavoro, meno salari, più profitto, meno diritti.

E proprio ieri sempre Bonomi alza la voce contro il blocco dei licenziamenti che “più tardi verrà eliminato e peggiore sarà l’impatto” e sghignazza contro gli sgravi per le neo assunzioni: “ Lei vede qualcuno oggi interessato ad assumere se col divieto di licenziamenti non può ristrutturare? Al danno dell’impianto attuale degli ammortizzatori si aggiunge la beffa”.

Proprio vero che l’appetito vien mangiando e alla smania bulimica del nostro ceto produttivo non basta il Jobs Act, la Legge Fornero, gli aiuti dalla qualità anche simbolica promettente di altre diffuse provvidenze alla Fca, la pietra sepolcrale a seppellire i crimini dei Riva, di De Benedetti, gli applausi al management della Thyssen, non è sufficiente l’offerta delle terga ai Benetton, gli esiti di trattative e negoziazioni condotte i suo nome da Calenda o dalla Bellanova, non è sufficiente la licenza di cementificare elargita alle cordate delle opere inutili e corruttive con l’avvio o la ripresa di 130 cantieri, neppure la

deregulation e quindi l’autorizzazione all’abuso e alla speculazione del Decreto Semplificazione, perché vogliono la resa incondizionata dello Stato, delle istituzioni, del Parlamento, dopo aver avuto quella dei governi che si sono succeduti e l’opzione su quelli futuri, dei sindacati che da anni ormai hanno sostituito la pratica negoziale con l’accondiscendenza, la rappresentanza con i servizi di consulenza dei patronati e dei Caf e con la adesione “professionale” al Welfare aziendale e l’offerta di fondi assicurativi e pensionistici, mutue private, bolle pronte a esplodere, sicchè i lavoratori contribuiscano due volte al profitto dei padroni.

E d’altra parte in un Paese dove – per tradizione storica – anche un cavallo diventa senatore, e perfino un asino, a vedere Renzi e tanti altri, le figure di imprenditore che hanno l’onore delle cronache, meritando solo quella nera, sono i dinamici bricconi dei locali notturni grazie a nuove frontiere della colonizzazione interna in Sardegna e esterna in Kenya, il Briatore che ha fatto ballare tutta la sinistra fighetta e quello che l’ha appagata a suon di salsicce e provole, le stesse della socia Coop, maggiorate però in qualità di prodotti scelto dal patron Farinetti esibiti sugli scaffali di Eataly- negli Usa insieme alle guglia del Duomo concesse dal Ministro dei Beni Culturali  –  a uso di citrulli contenti di farsi prendere per i fondelli.

Gente che fallisce ricorrentemente ma viene sempre salvata con qualche salvagente a nostre spese,  come c’è da aspettarsi proprio per l’augusto norcino il cui fiore all’occhiello, Fico, è appassito come merita con  perdite nette di esercizio per il 2019   pari a 3,14 milioni.  Così apprendiamo che si è lamentato il management della Città del cattivo gusto ormai avariato, per il basso indice di fedeltà dei visitatori, il cui numero è calato a picco.

Certo,  hanno la competenza per parlare,  che di tradimenti loro se ne intendono, come se ne intende l’esangue dinastia Fiat, le garrule imprenditrici, Marcegaglia o Todini, il cui mito di zarine implacabili e feroci in quota rosa è minacciato dell’influencer agli Uffizi o dalla Clio Zammatteo che, si legge sul suo prestigioso curriculum, ha insegnato, tramite YouTube, a milioni di donne “a truccarsi, a volersi bene e a prendersi cura di se stesse”. Sanno bene di cosa si tratta i delocalizzatori, che smontano azienda e futuro dei dipendenti in una notte cercando lidi più favorevoli ai brand egli abusi, delle evasioni, del riciclaggio, dell’inquinamento e della corruzione, quelli che stanno nei loro uffici prestigiosi a aspettare gli esiti di borsa da quando i produttori sono diventati azionariati che non investono in innovazione, tecnologia e competitività bensì nella roulette del casinò finanziario. O quelli che se devono spendere preferiscono riversare risorse per comprarsi i giornali,  fonderla in un unico quotidiano in attesa del partito unico, del sindacato unica, che il pensiero unico c’è già e ha vinto.

Povera Costituzione: ha resistito a tanti assalti in forma golpista o referendaria o, spesso,  tutte e due, a Benigni che l’ha trasformata in prodotto agile come i Baci il 14 febbraio, per “scartarla” e mangiarsela, a manomissioni e interventi di plastica per la riduzione dei diritti e delle garanzie. Ma adesso ormai è proprio condannata alla cancellazione, a cominciare dall’articolo 1: l’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.

 

 

 


Sanare col cemento

mani sul Anna Lombroso per il Simplicissimus

È proprio un momento d’oro per l’oligarchia dei “dominanti” rappresentata dalle lobby, quella finanziaria, quella sanitaria e farmaceutica, quella digitale, il momento nel quale tutto è premesso perché ha prevalso l’egemonia dell’emergenza.

Qualsiasi eccezione alla regola viene legittimata e accettata e chi si oppone, chi obietta, continua ad essere assimilato alla categoria demoniaca degli irresponsabili e dei cinici, chiusi in  una bolla di scetticismo sociopatico e nichilista insieme a Cioran e Agamben.

Eppure si era detto che doveva essere a termine quella fase di sospensione della ragione e della critica, caldamente raccomandata, o imposta per decreto ,da quella che si credeva costituire una associazione temporanea di decisori, tra scienza e politica, in favore di un’adesione emotiva a un’unità salvifica, a uno spirito comunitario che aveva però autorizzato per motivi di interesse generale, la divisione della popolazione tra chi aveva diritto e meritava la salvezza entro le pareti domestiche e chi invece era incaricato di sacrificarsi per garantire non la vita, che è fatta di incontri, socialità affetti, piaceri, scoperte, ma la mera sopravvivenza.

La perpetuazione di uno stato di anomalia e deroga invece è diventato la nuova normalità,  come era inevitabile succedesse quando si verifica lo scivolamento  da una condizione di crisi a una di  emergenza così grave da esigere  di arrestare e se non destituire  il rispetto delle leggi scritte e di dedicarsi con tutte le forze al superamento della situazione stessa.

La cerimonia che ha posto il sigillo imperiale su questa situazione nuova e originale, malgrado richiami precedenti illustri  che hanno sancito la spoliticizzazione della Repubblica, offrendo il comando della “società” a tecnocrazie economico-finanziarie sorrette da apparati insofferenti allo stato costituzionale e di diritto, si è officiata a Villa Pamphili.

E non incoraggia il pettegolezzo da retrocucina secondo il quale il piano Colao, predisposto dall’apostolo della digitalizzazione grazie a una carriera in una micidiale compagnia telefonica di quelle che macinano profitti con il furto con destrezza a alla protezione della cupola di bildberghiana di  Morgan Stanley e McKinsey, che anche se finisse a sorreggere una scrivania traballante, costituisce il Vangelo di principi ispiratore e azioni sul quale si giurerà fedeltà ai comandi europei, con la promessa di generare nuove più moderne pestilenze, magari da elettrosmog, e di introdurre nuovi criteri di legalità grazie alla doverosa eclissi del contante.

E così diventa legittimo e perfino nobile autorizzare la trasgressione e l’illegalità, magari consumate sotto l’ombrello della semplificazione, quel principio ispiratore nato nei pensatoi leopoldini per dare liceità allo smantellamento dell’edificio della sorveglianza e del controllo degli atti pubblici e privati, per sciogliere i lacci e laccioli che impediscono l’esprimersi della libera iniziativa di qualsiasi manigoldo costruttore e speculatore.

E tanto per dare un po’ di guazza agli straccioni le misure pensate per salvare Grandi Attila vengono proposte sotto l’etichetta di generosa tolleranza nei confronti di “abusi” in stato di necessità, riuscendo nell’improbabile impresa di mettere alla pari i protagonisti del Tetto di De Sica (anno 1956) e i promoter dei mostri sulle coste calabre, sui litorali marchigiani, sulle rocce sarde conquistate dai nuovi saraceni.

Non meraviglia dunque se nel decreto Semplificazioni è rispuntata, immancabile, una sanatoria copiata di sana pianta dal condono varato dalla Regione Sicilia nel 2016 – poi dichiarato incostituzionale, che consente  ai Comuni di modificare i piani urbanistici per regolarizzare  gli abusivi. Lo scopo benefico del provvedimento non sarebbe solo quello di sanare situazioni che hanno creato contenziosi innumerevoli, definiti con quel linguaggio aulico carico all’Avvocato degli italiani “bagatellari”, a carico del sistema giudiziario, ma costituirebbe il desiderabile motore per “sbloccare il mercato immobiliare, spesso ostacolato da non conformità meramente interne, o comunque minime”.

E a completare il nuovo corso della lotta alla burocrazia che ispira la ricostruzione post-Covid, ci pensa -sempre nel cotesto delle misure di semplificazione – la  ministra  Paola De Micheli, che ne ha saggiato il pesante condizionamento quando, da Commissaria Straordinaria nel cratere del sisma, ha manifestato una totale incapacità e inadeguatezza, spacciandole per l’impotenza a contrastare  cavillosità e formalismo combinati, inutile dirlo, con l’indole frodatoria connaturata nel nostro popolo.

Che infatti ha pronto un pacchetto di interventi  di modifica al Codice degli appalti, pronti all’uso per accelerare e facilitare l’investimento di 200 miliardi in 15 anni per sbloccare i cantieri e la nomina di 12 commissari (è proprio una mania del governo) per accelerare la realizzazione di 25 opere pubbliche strategiche, un vero e proprio cambio di passo epocale “per liberare risorse, sbloccare i cantieri e dare una sforbiciata vera alla burocrazia”.

Anche il linguaggio si adatta ai tempi: una volta il termine “sanatoria” assumeva un’accezione negativa a proposito dell’intenzione evidente e esplicita di concedere immunità e impunità a bricconi del cemento, alla tregua di deputati in odor di mafia o dei padroni criminali dell’Ilva, simpaticamente assimilati a chi colloca lo scatolo del condizionatore sul davanzale o ricava un servizio dal locale cantine (che per tutti scatta la depenalizzazione  a patto che gli interventi effettuati senza autorizzazione non fossero condizionati alla vecchia concessione edilizia prevista fino al 2001 e sarà sufficiente il pagamento di una semplice sanzione amministrativa).

Mentre adesso rientra nella semantica edificante e assolutoria che perdona e autorizza tutto quello che serve a salvarsi la pelle, con preferenza di quella di caimani e coccodrilli.


Disastrati Generali

Couder_Stati_generaliAnna Lombroso per il Simplicissimus

Nei giorni scorsi mi è capitato un fenomeno molto inquietante.

Cercavo qualche commento a margine degli Stati Generali convocati da Conte,  quando finalmente nel compiacimento generale per il palco reale europeo, per il parterre degli invitati, degli osservatori e  testimonial e perfino degli uomini qualunque selezionati tra la società civile, quando finalmente mi sono imbattuta in una frase che sostanzialmente rispecchiava il mio pensare: lo stato di eccezione proclamato come necessario in presenza della epocale pandemia aveva sortito l’effetto temuto di esonerare la rappresentanza del popolo, il Parlamento eletto, in favore di task force, autorità tecnocratiche, consulenti promossi a decisori o gran suggeritori.

Vado  a guardare e scopro con raccapriccio che l’unica voce a sollevare questa obiezione nella gran marmellata dell’entusiasmo pro-governo è di Giorgia Meloni. Per carità ho da sempre imparato a non fermarmi a una dichiarazione ma a risalire alla fonte per misurarne la credibilità, perché anche gli orologi guasti segnano l’ora giusta perfino due volte al giorno. Per carità, sono abbastanza attrezzata per non temere il Berlusconi in me che si riaffaccia anche in soggetti insospettabili, figuriamoci se temo di essere posseduta da un poltergeist fascista.

Deve essere per questo che non mi ha poi stupito e impressionato più di tanto questa estemporanea coincidenza. E’ che chi non si ferma alle tesi della Leopolda, alle esternazioni delle sardine, ai documenti dei tkink tank progressisti sa bene che non è vero che con la fine delle ideologie novecentesche siano state cancellate destra e sinistra: semplicemente la destra ha saputo declinarsi nelle varie forme a sostegno del totalitarismo contemporaneo, mentre la sinistra “strutturata”, anche prima delle dichiarazioni di voto neoliberiste,  si è persa, ha smesso di guardare a quelle stelle polari, uguaglianza, solidarietà, giustizia, immaginando e illudendo di addomesticare il sistema feroce e avido dello sfruttamento con le “riforme”, con il benessere che sarebbe caduto dal cielo su tutti, chi un po’ di più chi un po’ di meno, come una polverina d’oro elargita da provvidenziali manine misericordiose.

Parlo ovviamente dei salvati che hanno firmato col sangue dei sommersi l’abiura, cui solo apparenti competitori affibbiano ancora la nomea di sinistra, avendola invece rinnegata come un attrezzo arcaico e controproducente per affermazioni personali e interessi di casta, e  che non solo hanno accantonato il riferimento un tempo irrinunciabile alla lotta di classe, ma hanno addirittura rinunciato ai principi elementari e ai valori primari della democrazia come si era inteso rappresentare nelle Carte uscite della resistenze.

Quelle Costituzioni cioè che l’Europa – che doveva introdurci alla condizione perfetta della partecipazione solidale di popoli e nazioni alle scelte in nome dle ben comune e che invece ha dato spazio a una oligarchia cosciente dei suoi privilegi promossi a diritti e perciò determinata a imporre le proprie tesi e regole a una maggioranza recalcitrante – ci chiede pressantemente di rivedere e aggiornare in quanto colpevoli di riecheggiare toni e motivi  socialisteggianti.

Mi riferisco a quelle formazioni che possiamo annoverare nella cerchia del progressismo liberista, da tempo possedute dai demoni della governabilità e del consenso, convinte che le elezioni si vincono al centro dove è obbligatorio far convergere elettori esitanti che devono essere rassicurati grazie a programmi uguali e assonanze su temi generali, sicurezza, immigrazione, grandi opere, meritocrazia, mobilità.

Come hanno fatto in tutta Europa partiti che già prima si richiamavano alla sinistra facendo politiche di destra, e che ora rivelano il loro assoggettamento al sistema capitalistico, ormai promosso a legge di natura, all’inseguimento di un elettorato indistinto, non avendo capito che non esiste più un ceto medio, degradato a classe disagiata ma che non si convince della sua retrocessione.

Il caso di movimentini e fermenti vezzeggiati dall’establishment è rivelatore della volontà pervicace di instaurare un  consenso “artificiale”,  assimilabile a quella spirale del silenzio che penalizza chi si sottrae al pensiero comune e al conformismo, che colpisce chi non intende arruolarsi nelle fazioni in campo, e che mira a far sparire il dibattito e dunque la democrazia che implica la pluralità delle opinioni e anche il conflitto, considerato  illegittimo e disfattista, violento e incivile, rozzo e ignorante.

In risultato è che alla fine il quadro istituzionale e della rappresentanza diventano un guscio vuoto, da riempire con rivendicazioni e dimostrazioni di autorità, e  il dibattito parlamentare si mostra come una messa in scena che allontana gli elettori, rivelando come il prezzo dell’approvazione e della governabilità sia la diserzione, l’astensione, la disaffezione.

La società pacificata che piace tanto a quelli che limitano l’antifascismo alla riprovazione di quella scrematura di popolaccio volgare e brutale, preferendo il bon ton alla collera anti-sistema, diventa così il laboratorio dove si sperimentano altre belligeranze, dove si materializzano altre modalità di affermazione identitaria, conseguenza logica del fatto che non ci si può più esprimere e affermare come cittadini, cui si riservano disapprovazione e disprezzo, catalogandole sommariamente come manifestazioni deplorevoli di populismo vandalico agitato contro convinzioni e istituzioni intoccabili.

Qualcuno ha definito questo pantheon di figure di riferimento e di convinzioni come lo slittamento “delle priorità delle èlite dal sociale al culturale”, convertito ormai al sistema del denaro, convinto dal “pertuttismo” alla lotta paritaria contro “tutte” le discriminazioni, affondando in essa il conflitto di classe, surclassato dall’omogenitorialità, dal riscatto  dagli stereotipi di genere, come se i diritti fondamentali fossero ormai conquistati e inalienabili e ora ci fosse modo di occuparsi degli optional, come se fosse naturale scomporli in gerarchie e graduatorie e la rinuncia a alcuni promuovesse l’ottenimento di altri.

Li abbiamo visti in azione, nell’alto comando della pandemia, col sostegno del Giornale Unico della Nazione, con gli appelli pro governo pubblicati sul nuovo house organ del riformismo liberista, i fedifraghi delle promesse messianiche ormai insediati nell’apparato a perorare la causa della indispensabile sorveglianza, le cheerleader del mercato, i cantori dello stormworking e della didattica a distanza promotori di licenziamenti e precarietà, impegnati nei duelli da opera dei pupi, a dar giù botte e stoccate finte a Confindustria, che detta i suoi desiderata a Colao,  dopo aver concordato chiusure e aperture a suo gusto, dividendo il paese in due, chi si protegge a casa e chi deve esporsi per l’interesse generale,  calendarizzando promettenti opportunità di rilancio a base di cemento, cantieri, ponti, export di armamenti e import di compratori dei beni comuni.

Si vede che serviva anche la convention a Villa Pamphili, come per gli addetti alle vendite piramidali e infatti non si capisce perché siano stati chiamati Stati e non Mercato Generali, con i maestri dell’austerità a distanza che ci somministrano la pedagogia del festoso indebitamento e della rinuncia ai poteri e alla competenze nazionali, e dunque alla democrazia, in favore di una autorità più alta in grado e dunque più compiutamente sovrana.

Così vien buona la vecchia massima secondo la quale a ogni vittoria di chi chiede voti per la sinistra corrisponde una sconfitta del socialismo..

 

 

 

 

 


Colao di cemento

plis Anna Lombroso per il Simplicissimus

Si sono incontrati per caso in un localino dove si favoleggia che Allen vada a suonare il clarinetto, hanno bighellonato un po’, ma piove a dirotto così si sono baciati sotto il tendone dell’Hotel Algonquin davanti al portiere gallonato e hanno capito che non possono lasciarsi più. È quello il momento in cui lui pronuncia la fatidica frase di ogni copione d’amore: da te o da me?

E a questo punto del film ve li immaginate mentre corrono per mano diretti nell’attico di Manhattan degli avvocati di Suits, oppure in uno quei loft dei creativi di Bushwick, o nel duplex di qualche emula delle eroine di Sex and the city, pieno di libri, souvenir etnici e scarpe di Manolo Blahink in mostra come quelle di Tristan Tzara.

Macchè. La crisi abitativa nella Grande Mela dominata dalla finanza che ha assunto le proporzioni di una emergenza umanitaria per milioni di sfrattati convertiti in senzatetto (a due anni dalla crisi del 2008 erano oltre 9 milioni), ma ha colpito anche il ceto medio, i professionisti, i Gekko’s boys.

Chiamano studio le stanze diventate case in palazzoni frazionati e fatiscenti, con i magazzini convertiti in dimore grazie allo stile gritty, si lavano i panni in lavanderie e gettone non per fare incontri, ma perché non c’è lo spazio per gli elettrodomestici, e tutti sono costretti a una vita di relazioni coatta dentro casa e all’esterno, dividendo l’appartamento con altri, frequentando bar, locali, spazi pubblici fuori dalle abitazioni anguste e consegnandosi allo sfruttamento delle piattaforma, quello di Airbnb con il suo turismo di transito che ha contribuito largamente alla trasformazione della città in merce.

L’animale metropolitano che aveva scelto di andare  nei quartieri residenziali immersi nel verde dei suburbs, sono tornati per il costo della benzina, gli orari di lavoro schiavistici per raccogliere al sfida della competitività, l’impossibilità di far fronte ai mutui delle villette acquistate durante le bolle immobiliari. E la speculazione sceglie il modello caduto in disuso nel Terzo Mondo esterno, proponendo grattacieli – proprio come a Milano:  nel solo 2019 sei mega-torri si sono aggiunte alle quattro che avevano cambiato lo skyline della città. E si deve al premio Nobel per la pace l’uso del piccone demolitore che ha abbattuto enormi edifici popolari degradati sostituiti da costruzioni nuove nelle quali ha trovato alloggio meno del 10% dei precedenti inquilini.

Il sogno americano si è infranto nelle città, e dire che la proprietà della casa era uno dei pilastri della “cittadinanza”  e lo sapeva bene Roosevelt che quattro anni dopo quella che continuiamo a chiamare ostinatamente la Grande crisi, anche quella cominciata con l’esplosione della bolla immobiliare, ebbe la determinazione di avviare  un programma  grazie a tre leggi,   per lo stanziamento di fondi per l’edilizia e aiuti per l’acquisto della casa pari a quasi 1000 miliardi di oggi, più meno quello che nell’altra Grande Crisi del 2008  è servito per il salvataggio della maggiori banche.

Il fatto è che come ha detto qualcuno lo stile di vita americano è una peste che contagia e colonizza anche l’immaginario, che le  sue bolle immobiliari sono arrivate prima del virus, che il sogno ha rivelato il carattere di un incubo: negli Usa sono oltre 40 milioni gli indigenti, con il tasso di povertà più alto tra i Paesi Ocse, adesso staremo a vedere come il modello di “sviluppo” del nostro irrinunciabile alleato in ogni guerra, combinato con il Covid 19 inciderà su quel diritto inalienabile che è il “tetto”, l’abitare in sicurezza e con dignità.

Intanto sappiamo già che l’atteso Piano Colao, una sorta di cronoprogramma da qui al 2022 che lo stesso Colao ha avuto modo di costruire lavorando alacremente anche con i tecnici del Mef, di palazzo Chigi e dello Sviluppo Economico, così recitano i quotidiani, ha l’ambizione  di “trasformare i costi della crisi in opportunità e quindi in investimenti per modernizzare il Paese e renderlo più efficiente”.

Sarà per quello che lo sforzo creativo ha da subito eliminato le voci scuola, fisco, sanità, servizi dalla mission della task force,  concentrandosi sugli investimenti in infrastrutture materiali e digitali, ovvero banda larga, con un occhio di riguardo per le donne “penalizzate  dal lockdown” che potranno beneficiare di un prolungamento vantaggioso del precariato da casa, ma anche ponte sullo Stretto, riforma della Pa per renderla più agile, digitalizzazione diffusa che potrà contribuire al consolidamento dello stormworking, motore di licenziamenti, contratti anomali, part time, isolamento e di conseguenza cancellazione preventiva di ogni forma di resistenza collettiva allo sfruttamento.

Se qualcuno ha avuto paura che Pappalardo e Salvini e la Meloni minacciassero la democrazia, vuol proprio dire che sta sottovalutando la potenza golpista di Confindustria, dell’Ance, dell’impotenza e incapacità dei comuni che da anni usano gli oneri di urbanizzazione per coprire i deficit di bilancio invece di dare un tetto, del “costruttivismo” governativo che affida al Piano Choc la rinascita tramite cemento e grandi opere, se qualcuno si è illuso che dopo la catastrofe sociale cominciata prima e poi rivelata dal Virus, si cambiasse il format per la spesa pubblica, adesso dovrà svegliarsi con le trombe dell’apocalisse dei salvati.

Quelli che non hanno lavorato in qualità di eroi al servizio dei resistenti sul sofà, molti di quelli che hanno sopportato il domicilio coatto stipati in case piccole, senza internet e dunque rei di togliere ai figli il diritto all’istruzione, quelli che ancora in attesa della cassa integrazione e che tra poco dovranno far fronte ai fitti rinviati, ai mutui generosamente sospesi, alle bollette di Acea che presto si faranno  minacciose, non avranno il loro new deal.

Ci hanno già fatto capire che se ricostruzione deve essere ricostruzione sarà, in modo da investire in nuove edificazioni, invece di utilizzare i milioni di vani disabitati e fatiscenti prima di essere completati, quelli che ci sono, inutili, dietro le tetre teatrali sulla Cristoforo Colombo, al Giambellino, a Porta Nuova, in modo da appagare la bulimia di mattoni di un mondo di impresa che  sa fare affari solo con l’aiuto dello stato, a spese e contro gli interessi dei suoi cittadini, tirando su palazzoni, ponti, barriere mobili, corsie e viadotti dove nessuno andrà o passera chiuso nella sua personale galera di debiti, umiliazioni, ricatti.

I nuovi apostoli della decrescita dopo il Covid19, in preda a un lirismo arcadico posseduti dal quale ci narrano della bellezza dei piccoli borghi, del ritorno alle radici contadine raccomandiamo un gira di “istruzione” nel cratere del sisma, a chi vuole dimostrarci che è il sistema finanziario e bancario il soggetto ideale per la gestione della spesa pubblica, compresa quella “sociale” ricordiamo che già oggi i comuni sono governati della banche, che esigono, come nella Capitale, di rientrare della loro incauta esposizione: Unicredit deve rifarsi del finanziamento verso il gruppo proponente dello Stadio della Roma (180 milioni) e dell’ex Fiera di Roma (altri 180 milioni), a Milano bisogna rimettere in moto le trasformazioni e le “valorizzazione” a beneficio dei fondi degli emirati.

E finisce che è così che si decidono le priorità da imporre ai cittadini e le politiche urbanistiche “liberalizzate” per appagare gli appetiti viraci della finanzia immobiliare, dei players del commercio e del turismo diventato la principale industria pesante delle città d’arte.

Pare che non riusciremo nemmeno a realizzare la distopia del Terzo Reich che nel processo di germanizzazione del mondo assegnava all’Italia la funzione di relais diffuso, di parco per i divertimenti culturali dei tedeschi ricchi, tale è la rovina dei luogi e quella morale nella quale ci hanno confinati.

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: