Annunci

Archivi tag: cittadinanza

Digiunassero davvero…

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Da qualche giorno seguiamo con crescente trepidazione il digiuno del già emaciato Ministro Delrio che manifesta contro il governo del quale è autorevole esponente per sollecitare l’approvazione dello ius soli, provvedimento che (ne abbiamo scritto anche qui: https://ilsimplicissimus2.com/2017/06/17/ius-sola-2/ ) si colloca al disotto del minimo sindacale da pretendere in materia di diritti, ma che ha incontrato infiniti ostacoli in nome della tutela di una civiltà superiore che ogni giorno mostra i suoi limiti e di una identità culturale ogni giorno compromessa dall’indiscriminato impiego omologatore di un inglese coloniale,  da una involuzione dell’istruzione che cancella i valori fondanti della memoria, della storia, della produzione artistica, sostituiti dai capisaldi del liberismo, a cominciare da quella competitività tra esuberanti aspiranti manager di startup e mansioni precarie e servili.

Infatti fin da subito si era capito che si trattava di una forma moderata di ius culturae  stabilendo  che acquisisce la cittadinanza italiana chi è nato nel territorio della repubblica da genitori stranieri, di cui almeno uno sia in possesso del permesso di soggiorno Ue per soggiornanti di lungo periodo. Perché chi è nato in Italia abbia diritto alla cittadinanza deve dimostrare che almeno un genitore sia nella norma. La nascita non è sufficiente, dunque, e la promozione a “italiani” non  è automatica, condizionata  com’è anche da altri fattori: la frequenza scolastica e la condizione economica della famiglia e stabilendo definitivamente quindi che la povertà è una ragione di esclusione, principio che – paradossalmente – potrebbe sancire criteri e requisiti di uguaglianza in negativo tra marginali indigeni e stranieri.  Mentre sarebbe sufficiente interrogarsi e rispondere a un quesito di fondo: cittadini si nasce o si diventa? per capire che  certe questioni, certe differenze altro non sono che odiose discriminazioni, preliminari a perpetuare e applicare disparità tra gli “altri” e noi, in attesa di adottarle per legge anche “tra noi”.

I più maligni sospettano che il Ministro sotto sotto sia stanco di provvedere personalmente all’incremento demografico italiano tramite la sua indiscussa indole procreativa. Altri liquidano sbrigativamente la trovata di Delrio assimilandola agli espedienti tardivi per conquistare un target ormai totalmente estraneo al suo partito in prossimità delle scadenze elettorali, che esalta il festoso e utile convivere sia pure schizofrenico di sindaci che tassano chi integra, di amministratori che tirano su muri, di intellettuali signorotti della piccola Atene che difendono il feudo dai barbari, con rimasugli, buonisti li definirebbe Sallusti, di quell’area “catto” che ha gettato alle ortiche la bandiera rossa, preferendo i meeting di Cl alla feste della defunta Unità e la caritatevole pietà confessionale alla civica solidarietà.

Il realtà l’aspetto più sconcertante della faccenda risiede della sfacciataggine con la quale  un ministro influente, un rappresentante della fantasiosa maggioranza che regge il governo al quale appartiene, si mobiliti in forma militante contro il suo stesso ruolo, facendo opposizione all’opposizione interna, interpretando i due attori in commedia come nell’opera die pupi, non ritenendo però di dover ricorrere al certamente molesto istituto delle dimissioni, né dall’esecutivo, fosse mai, né tantomeno dal Parlamento reo di battersi con tenace determinazione per una coerente assunzione di responsabilità politica e civile.

Chissà se la pratica si farà strada, se così fosse potremmo aspettarci lo spettacolare sciopero del conto corrente da parte della Boschi contro il Bail in e in appoggio ai correntisti truffati, Franceschini che fa il graffitaro sulle pareti del Colosseo contro l’alienazione del patrimonio artistico favorita da se medesimo, perfino Rajoy che manifesta in piazza contro l’indipendentismo e la repressione degli indipendentisti, per i referendum previsti dalla costituzione e contro chi li promuove.

Anni fa una teoria fece la fortuna degli piscoanalisti, ma soprattutto dei loro pazienti perché  indagava comportamenti contraddittori. Tanto per semplificare, la bi-logica intendeva spiegare e normalizzare la convivenza nell’inconscio e pure nell’azione consapevole di attitudini e scelte contrastanti ambedue apparentemente razionali e simmetriche anche se in aperto conflitto.

Pare che la bi-logica funzioni anche in altro contesto, alla bi-politica ha ormai fatto seguito la bi-democrazia, che dà forma legittima a istituti e pulsioni partecipative e a leggi che cancellano il diritto e la funzione del voto, alla bi- giustizia, che incoraggia diritti cancellandone altri, con risultato in tutti i casi che nella gran confusione si disperda tutto quello che c’è di buono e bello e resti solo il privilegio di pochi e la soggezione dei tanti cui è stato tolto anche la facoltà che un tempo era dei poveri: essere matti.

 

Annunci

Abusati e sgomberati, sotto a chi tocca

Anna Lombroso per il Simplicissimus

C’è una vecchia città, capitale di un paese, che fino a qualche tempo fa si sarebbe definito industrializzato e che è stato sede di governo di una superpotenza – niente a che fare con odierni imperi autonominatisi che si arrogano l’incarico di guardiania del mondo e di sacerdozio della civiltà – e che accoglieva i suoi barbari, li annetteva e infine li  integrava, dando loro status di cittadini, li faceva lavorare e combattere in suo nome, certa che era preferibile e ragionevole che facessero parte del popolo romano piuttosto che far lievitare e poi esplodere malanimo e rancore.

E ci sono partiti e movimenti allo sbando. All’inseguimento di fermenti razzisti  e xenofobi estratti da profondità  un tempo rimosse e vergognose, poi legittimati da soggetti politici e istituzionali presenti in un Parlamento che ha sempre di più perduto rappresentanza, occupato a interpretare e testimoniare di interessi privati e laddove gruppi dominanti, corporation, potentati finanziari e i loro sistemi regolatori hanno sostituito gli stati sovrani, servendosi di classi dirigenti sempre più assoggettate a profitto, rendite speculative, ricatti delle lobby.

Sicché eccoli proclamare gli stessi slogan, ostacolare le ruspe contro l’abusivismo ma autorizzare quelle non solo virtuali contro i profughi,  uguali al governo o all’opposizione,  nazionali o locali, nell’adeguarsi al nuovo modello di sicurezza – e della giustizia che ne conseguirebbe – imperniata sulle disuguaglianze e l’iniquità, agitata coi daspo contro immigrati e indigeni parimenti colpevoli di  offendere il comune senso del pudore che si vergogna della miseria e l’ostenta compromettendo decoro e ordine pubblico. Unanimi nel chiedere più militari, più agenti, più carabinieri e pronti alla rinuncia a prerogative e diritti, purché non vengano condizionati quelli al concerto rock, all’apericena, al pergolato della pizzeria.

Come hanno dimostrato di volere le new entry 5Stelle, che procedono a tentoni, a Roma, ma anche a Torino e in città che non godono di altrettanta luce dei riflettori, certamente malevola e viziata da pregiudizio, ma che illumina improvvisazione e inadeguatezza, e come non nasconde un Pd con una sindrome compulsiva di imitazione delle peggiori destre sovranazionali e trasversali alla ricerca di un malsano consenso e in vena di blandizie nei confronti di una plebaglia che ha umiliato e offeso e che ora viene buona per restare in sella in attesa di regole elettorali che ne cancellino definitivamente la volontà e il peso. E che usa come indicatori le esternazioni sugli stessi social che vuole censurare, le vignette e gli insulti che finge di deplorare, per indirizzare la comunicazione e le azioni di amministratori che tirano su muri parimenti abusivi e criminali, quelli delle case non autorizzate e quelli contro gli stranieri, pronti a condonarli tutti in nome di volere di popolo.

C’è un capo della polizia che nell’avviare la doverosa inchiesta disciplinare per una frase tossica ricorda che le forze dell’ordine non possono essere l’ultimo e più esposto anello di una catena di incompetenze, cattive gestioni, incapacità, frustrate e ricattate come sono da trattamenti economici avvilenti,  esposte a rischi e pure al malessere legittimo della gente che se li trova di fronte quando chiede giustizia. Ma dimentica che  se è vero che sono uomini come tutti, loro per primi, e lui che li dirige, dovrebbero esigere di poter essere messi in grado di garantirla la giustizia, di essere meglio degli altri, scevri da pregiudizi, liberi da intimidazioni in modo da non ritorcerle contro indifesi e vulnerabili.

E c’è una sindaca che è stata votata essenzialmente per regalarci quelle smorfie stupefatte, quelle facce livide  e livorose dei tanti sorpresi allora e qualche mese dopo dalla rivelazione di non essere immuni dallo scontento, che era forse finita la loro era, che in tanti non credevano più alle loro promesse, incapaci perfino di regalarci i sogni illusori del cavaliere, portatori solo di cancellazione di garanzie e diritti, che i regali e i premi per loro andavano solo a banche, cordate distruttive e corruttrici.

Che ha goduto di una sospensione del giudizio perché rompere la continuità con le catene di nefandezze del passato – che quello era il mandato che le era stato dato – era impresa ardua. Ma che ha dimostrato di non saperlo e volerlo fare: gli sgomberi di Piazza Indipendenza fanno parte di una tradizione cittadina che viene da lontano, che ricorda quelli dei campi rom prodotti in forma bi partisan da Veltroni e da Alemanno, l’indifferenza per i richiedenti asilo e i rifugiati mostrata da sindaci del centro sinistra, nel silenzio delle agenzie Onu e dei loro celebrati portavoce, quando erano kosovari o bosniaci, confinati per chissà che affinità etnica, nei campi del zingari ai margini della città, scenari avvelenati e implacabili per cruente guerre tra poveri. E pure di quella del probo Marino che ai senza tetto che occupavano le case, promettendo opportune commissioni di indagine, non sapeva far altri che togliere acqua e luce, perché c’è da temere che sia intermittente e arbitraria l’idea che su in alto di colli e palazzi hanno della legalità, come qualcosa che in basso va rispettata e su va negoziata secondo i comandi dell’opportunità, della necessità, dei vincoli di bilancio, dei diktat delle alleanze e delle clientele. E figuriamoci per la sindaca tirocinante in un influente studio legale, che ha fatto pratica di sgomberi al Baobab, all’Alexis, nei centri sociali troppo remoti rispetto ai cittadini del movimento che non vogliono essere né di destra né di sinistra, sprofondando in un  inequivocabile qualunquismo esposto a inevitabili rigurgiti fascisti, razzisti, xenofobi. Della stessa qualità di quelli che animano quel che resta del Pd di Goro, del reatino, di Capalbio, etc., ben nascosti dalla foglia di fico dello ius soli rinviato per ragioni di realpolitik, quelle chi ispirano la nuova forma assunta dall’ “aiutiamoli a casa loro”, con le oscene alleanze a fini colonialisti con dittatori e tiranni sanguinari, con la cooperazione a suon di sfruttamento e rapina.

Siamo sulla stessa barca, dicevano un tempo i precursori del Jobs Act, i sacerdoti del collaborazionismo tra aguzzini e vittime in nome di una pace sociale basata sulla tutela di uno status quo e della salvaguardia dei privilegi dell’establishment. Non è vero: adesso chi ha, ha tolto perfino i barconi e le scialuppe dei disperati, sperando di salvarsi dal naufragio che ha prodotto. E chi ha ancora un tetto, dovrebbe aiutare chi non ce l’ha, profughi o terremotati, occupante senza casa o ospite che dopo tre giorni puzza, perché tra poco sotto lo stesso cielo potrebbe capitare anche a lui.

 

 


Ius sola

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Altro che negri da cortile, come Malcom X definiva gli afroamericani ansiosi di essere accettati e annessi allo stile di vita americano. A manifestare contro lo ius soli c’è addirittura uno che si definisce nero e fascista e che motiva la sua ferma opposizione con la convinzione che la cittadinanza italiana andrebbe meritata con studio, ubbidienza alle leggi, omologazione accertata e certificata da appositi organismi a usi, consuetudini e tradizioni italiche, prevedendo indirettamente un piano di espulsioni di massa di alcuni milioni di italiani che non rispondono ai requisiti richiesti.

E dire che zuffe in aula, proclami, sdegnosi agitano intorno a un provvedimento che, come nel caso delle  unioni omosessuali, gioca al ribasso. E il ribasso si sa non significa ragionevole amministrazione del compromesso in società non ancora mature dove le leggi anticipano il costume. Macché, la dice luna invece su evidenti concessioni alla realpolitik che deve avere la meglio per garantire equilibri di bottega, patti  e alleanze motivate dalla opportunità di consolidare posizioni e rendite, accogliendo valori prima trascurati e derisi, convertiti in vessillo da sbandierare in fasi prelettorali.

E infatti chiamare pomposamente questa misura che è poco più di una “sanatoria” ius soli, è – si direbbe a Roma – una sola, consumata in regime di politica dell’ipocrisia, che permette al Pd di rivendicare un primato etico e alla destra esplicita. Comprensiva del Moccia del marxismo, Fusaro – di esercitarsi sui temi cari del razzismo e della xenofobia, come vuole la loro ideologia del sospetto, del rancore e della paura. alternando la non nuova difesa della razza: li abbiamo sentiti inveire contro  “la sostituzione etnica che va avanti da anni e mette in discussione la sicurezza e le legalità in Italia”, dolersi che “tra che tra 97 anni gli stranieri supereranno in numero gli italiani, grazie a un attentato irrimediabile all’integrità del popolo italiano”, mettere in guardia da una legge che rafforzerà irrimediabilmente il “partito islamico” in modo da farlo uscire vincente dalle urne.

E, come se non bastasse, denunciare come in poco tempo la rete dei servizi sociali al cittadino sia condannata a collassare, perché  il Paese non ha i mezzi necessari per garantire la cittadinanza a tutti, in ossequio a quella bugia di successo ormai collaudata dai vari Fusaro, secondo la quale “concedere” diritti a nuovi pubblici, toglierebbe diritti ereditati o conquistati o pretesi ad altri, quando è invece certo che si tratta di beni e prerogative indivisibili, non sottoposti a gerarchie. Tanto che è invece vero l’inverso e che limitarli o ridurli a qualcuno comporta un abbassamento dei livelli di protezione e qualità per tutti, un principio cui dovremmo guardare quando siamo stranieri in patria, a scuola, in ospedale, a Taranto o a Amatrice dove  il governo impone ai parenti delle vittime il pagamento delle imposte di successione per le abitazioni distrutte.

E nemmeno vale ricordare che anni di lotte e conquiste avevano, nel rispetto di quella carta che doveva ispirare attitudini e comportamenti civili e democratici, chi arriva qui gode già di cure e assistenza, anche grazie ai miliardi di contributi e tasse pagati dagli “stranieri” che a differenza di molti nativi non  sono autorizzati a peccare del delitto di evasione.

C’è poco da cercare origini nobili per atteggiamenti e esternazioni che recano il marchio indelebile del razzismo, quello vecchio e quello nuovo che accomuna forestieri venuti da fuori e il terzo modo interno, che devono essere ugualmente ricattabili, ugualmente vulnerabili, ugualmente divisi e espropriati di tutto, ugualmente spaventati e minacciati da poteri che attuano una repressione variamente articolata, compresa quella burocratica e amministrativa, compresa quella delle file al pronto soccorso, compresa quella della precarietà e del caporalato anche di Stato e di governo. Ma con una differenza, che gli indigeni sono autorizzati per riconoscimento antropologico a odiare, respingere, emarginare e condannare va essere fantasmi che nessuno vuole quelli che arrivano qui, compresi quelli che incaricano di accudire vecchi e bambini, perfino quelli che riparano tubi e si inerpicano senza tutele sulle impalcature, perfino quelli che raccolgono i pomodori e le ciliegie, in modo da farli sentire superiori, loro e la loro civiltà sugli inferiori, coi loro usi e le loro fedi incompatibili con democrazia e libertà.

E dire che questo ius soli all’italiana è una specie di tardiva regolarizzazione. Nessuno che nasca sul nostro territorio è italiano, in una terra dove i due eventi decisivi della condizione umana, la nascita e la morte, si verificano nel contesto di una condizione destinata da quella stessa civiltà superiore a essere meno che umana, subumana o  disumana, che ci si impedisca di lasciare la terra con dignità, che si muoia annegati nel Mediterraneo, che si nasca in un Cie sicché non c’è memoria né legame con le origini e nemmeno con il posto dove veniamo al mondo, quando le leggi di natura prendono il sopravvento su quelle della politica. E infatti verrebbe concessa l’appartenenza alla nostra comunità  in forma “mite” per non dire minima: i figli di migranti potranno diventare cittadini italiani ad alcune condizioni. Dipende dal tempo trascorso sui banchi di scuola italiani o dagli anni di residenza dei genitori, il minore straniero nato in Italia oppure entrato qui prima dei 12 anni può aspirare alla cittadinanza se ha frequentato uno o più cicli scolastici sul territorio nazionale, per almeno cinque anni. E il genitore deve avere un regolare permesso di soggiorno per avanzare la richiesta per il figlio.

Abituati a vedere negli altri il peggio che risiede in loro i detrattore paventano speculazioni, immaginano negli altri la loro oscena indole a approfittare e speculare, suppongono che l’istinto a trasformare tutto e tutti in merce e prodotti grazie all’unica religione che professano, quella del profitto, darà luogo a un mercato delle nascite in modo da favorire la supremazia egemonica di neri e gialli, pericolosi, trasgressivi, inquietanti,  infedeli, ingrati sui virtuosi connazionali.

Il “nero e fascista” ha proclamato che può meritare di essere cittadino dell’Italia solo chi la ama.  Viene proprio da chiedersi come mai in tanti professino un amore non ricambiato e vogliano diventare nostri connazionali. E se fosse così, sai che ruspe servono..

 

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: