Archivi tag: assembramenti

A mezzanotte va la ronda sanitaria

Anna Lombroso per il Simplicissimus

A mezzanotte va /La ronda del piacere /E nell’oscurità /Ognuno vuol godere. Son baci di passion,/L’amor non sa tacere/è questa la canzon di mille capinere.

Faceva così una canzone de 1928 che si racconta facesse parte del repertorio del decano del giornalismo, Eugenio Scalfari, quando improvvisava coretti, accompagnandosi al piano, insieme a una scrematura di mirabili penne nostalgiche delle “quindicine “ delle “case” di Via degli Zingari dove babbi solerti li accompagnavano nei riti di iniziazione sessuale,

Presto accontentati quelli che rimpiangono lucciole, capinere, bandoleri e ronde. Perché dovrà pur esserci qualcuno che controlla che genitori  sconsiderati non organizzino feste di compleanno dei figli giovinetti come una volta, arrotolando i tappeti per far posto alle danze dopo il “tanti auguri a te”.

Si dovrà pur individuare un’autorità che contrasti l’iniziativa scriteriata di figli e nipoti che  vogliono celebrare il genetliaco dell’ottuagenario con pranzo e torta, allo scopo di applicare le raccomandazioni di occhiuti virologi che consigliano per gli anziani a rischio un romitaggio a tempo indeterminato. Qualora non siano veneziani, però, che sappiamo che là gli affetti da Covid sono scrupolosamente ricoverati nel padiglione Jona dell’Ospedale civile cittadino, quello cioè che ospita geriatria.

E non potremo certo accusare di scarsa lungimiranza l’Esecutivo che ha mantenuto la stretta sui comportamenti violenti meritevoli di Daspo, poiché con tutta evidenza deve essere ormai assimilata a quella tipologia di reati la promozione di assembramenti sia pure domestici, che oltre a essere temerari e imprudenti hanno anche la valenza simbolica della ribellione, della disubbidienza, forse dell’insurrezionalismo, quanto manifestare contro le Grandi opere che rappresentano la nuova frontiera della ricostruzione dopo la guerra al Covid non ancora vinta. 

C’è da ipotizzare un aggravio di lavoro per polizie municipali, Ps e carabinieri e pure per l’esercito, così spesso invocato da sindaci e vertici regionali  affinché incrementi la sua vigilanza nel contrasto alla mafia con l’operazione Strade sicure  in qualità di “ronde” volte a garantire Stabili Sicuri e Scala A sanificata.

E per restare nella memorialistica, dopo gli informatori impegnati a “smascherare”, il paradosso è d’obbligo, chi non indossa il bavaglio e la museruola anche a Villa Borghese, dovrà pur venir ufficializzata la figura dello spione di condominio, trasformando da noto rompiballe in virtuoso custode della salute e del principio di precauzione, l’ex colonnello del terzo piano, che telefonava ai vigili per via del volume troppo alto della nostra Tv.

Non va più bene invece la strofetta del “Tango delle Capinere” che menziona i baci di passion.

Mi segnala un’amica, infatti, che una diligente sessuologa prescrive il “sesso sicuro ai tempi del colera” dettando tempi di durata del congiungimento, in verità superiori a quelli tante volte denunciati da connazionali insoddisfatte delle prestazioni del maschio italiano,  estendendo il principio di “profilassi” all’uso della mascherina, in forma di deterrente per  gli azzardati baci, siano alla francese, a farfalla, a stampo, mentre permette carezze e le famose coccole che da Erica Yong a Cosmopolitan hanno popolato l’immaginario di ogni donna moderna. Comunque possiamo stare sereni: il divieto di assembramento, anche in forma orizzontale, ci risparmia dall’appalto alla Fca di simpatiche barriere in plexiglas per orge e ammucchiate.

Dovrebbe apparire chiaro ormai che il proposito esplicito di chi ci governa, quale che sia la natura e la gravità del virus che tiene sotto scacco il buonsenso,  è quello di attribuire ogni responsabilità e addossare ogni colpa al “pubblico”.

Così se le cose migliorano è merito del governo, se invece vanno male la colpa è dei cittadini, si tratti di dirigenti scolastici, insegnanti, genitori, bidelli, si tratti di esercenti di bar, ristoranti, palestre, si tratti di commercianti, albergatori, tutti ugualmente bersagliati da notizia e comandi contraddittori, imprecisi e criptici,  tutti destinatari in prima battuta di elogi per la composta “resilienza” e  per l’adeguamento scrupoloso alle direttive, poi sottoposti a anatema oltre che multe e stigma morale, per  vacanze arrischiate, insensate gite fuori porta, insidiose escursioni sulle Dolomiti, azzardate scampagnate in Sabina, grazie a una quotidiana gogna alla quale non sono stati sottoposti ministri al ristorante, leader in campagna elettorale, parlamentari in gommone con gli amici, prestigiose baciatrici immortalate da Dagospia.

Ma forse il successo di questa comunicazione, istituzionale e dei media, non è più assicurato. Si cominciano a vedere i primi tentennamenti anche nei precursori di un necessario nuovo lockdown, probabilmente folgorati dalla notizia passata sottotraccia che potrebbe esserci una decurtazione nella busta paga dei dipendenti della Pa che si erano convertiti volontariamente o coattamente al “lavoro agile”. 

E si cominciano a vedere i primi bagliori di intelligenza tra i prescelti per essere i salvati, quelli che, dopo la lunga pena alternativa sul sofà e le meritate ferie, per una qualche ragione sono stati costretti a assieparsi in un bus o nella Metro di Roma o Milano, come avevano dovuto fare i candidati al contagio, i sommersi, la serie B della cittadinanza,  e che hanno avuto la rivelazione che tutto era rimasto come prima della “pandemia”.

E hanno scoperto così i pendolari stipati come bestiame, per recarsi al lavoro in supermercati, uffici, fabbriche dove i criteri e i requisiti temporanei  di sicurezza sono stati limitati a un minimo sindacale – è il caso di dirlo, visto che  sindacati e governi si sono prestati a sottoscrivere un patto infame con gli industriali – per  esonerare i datori di lavoro dalle responsabilità e gli oneri relativi unicamente all’esposizione al contagio da Covid.  

Di quei milioni di lavoratori addetti alle attività essenziali, che hanno lavorato, viaggiato, fatto la spesa, e poi a casa hanno fatto lezione ai ragazzini, badato i nonni, quelli che non erano stati conferiti in apposite strutture, non sappiamo nulla, non vengono menzionati sotto forma di campioni o dati nelle statistiche ufficiali dei malati e dei morti.

Di quelli che hanno l’onore della cronaca sappiamo invece che sono guariti tutti miracolosamente anche se hanno sopportato la visione e perfino l’audio del dolore altrui, il che potrebbe alimentare i sospetti degli eretici e dei malfidati o  più semplicemente di chi sta perdendo il lavoro, di chi ha tirato giù le serrande degli esercizi e dei negozi, di chi ha già avuto il preavviso del licenziamento ma non ha avuto ancora tutta la cassa integrazione.

Il Presidente francese ha parlato al popolo: «È vero, stiamo comprimendo la vostra libertà in aspetti molto importanti della vostra vita, ma siamo costretti a farlo per tutelare la vostra salute». Qui nessuno l’ha ammesso così esplicitamente, limitandosi a dire che tutte le misure in atto sono a garanzia di quello che è diventato il diritto primario e esclusivo, la salute, costringendoci alla responsabile e doverosa rinuncia o restrizione degli altri per un tempo imprecisato: lavoro, istruzione, relazioni sociali.

Comincia a mostrare la corda l’accusa a chi ha sollevato dubbi sulla gestione dell’emergenza, pur senza mettere in dubbio che una patologia più o meno grave circolasse, accusato artatamente di fare della mascherina una “questione di libertà”  costringendolo all’arruolamento forzato nelle file di Pappalardo, Montesano o Salvini/Meloni, peraltro compagni di referendum, di approvazione dei decreti sicurezza in qualità di potenti alleati.

E forse si comincia a far strada anche nei più renitenti toccati, nel potere di acquisto, in qualità di confusi genitori, di partite Iva cui lo smartworking ha rivelato i suoi inganni il sospetto che questa non è una “crisi sanitaria temporanea” da governare con necessarie misure speciali, commissariamenti, autoritarismo, che comunque non sarebbe una novità tantomeno provvisoria, se pensiamo a quante donne è ostacolato il diritto sancito dalla legge di interrompere una gravidanza, se pensiamo che la privatizzazione della “salute” seleziona in base al reddito chi può curarsi, se pensiamo che è proibito scegliere di lasciare volontariamente un’esistenza che ha perso dignità.  

Qualcuno si sta svegliando, qualcuno si accorge che questa non è una “emergenza sanitaria”, ma la conseguenza forse irreparabile di una crisi che si è rivelata in tutti i suoi risvolti: sanità malata, aria inquinata, poveri più poveri quindi più esposti a malattie, lavoratori mobili e ricattati quindi più permeabili ai ricatti, famiglie sempre più depauperate quindi più esposte alla precarietà.

E che questa non è una tirannide e annessa repressione “sanitaria”, nata in provetta e sceneggiata a tavolino, per sottoporre a controllo oltre ai cervelli anestetizzati prima dai consumi, poi dalla perdita di beni, anche i corpi, come se non bastassero le nuove schiavitù in aggiunta alle antiche,  ma il consolidamento di un disegno che ha convertito un virus nella mina che ha fatto deflagrare disuguaglianze, relazioni perverse tra poteri e collettività, devastazione di territori, veleni ormai incontrastabili, dominio del profitto.   


Servi si, sovrani mai

immastatoAnna Lombroso per il Simplicissimus

In fondo ci eravamo già passati altre volte: tanto per dire, un paese letargico, quando il principale partito di opposizione scelse di condurre una campagna elettorale non pronunciando mai il nome del competitor, preferendo la damnatio all’esercizio di critica e progettualità,  decise di scendere in piazza per lanciare l’anatema contro il puttaniere compulsivo, e non contro l’autore di leggi ad personam, l’incarnazione vivente del conflitto di interesse, il golpista che finanziava i G8 come fossero le sue “cene eleganti”.

Con il gusto di galleggiare in superficie che caratterizza ormai la pubblica espressione di indignazione, ecco che la disapprovazione contro i manifestanti del 2 giugno concerne l’ostentazione della militanza No-Mask e la irresponsabile promiscuità, resa paradossale dalla richiesta degli stessi proponenti, in veste di cabarettisti dell’assurdo, rivolta a potenziali fan, di partecipare solo virtualmente  e da quella invece indirizzata alla stampa, accolta con entusiasmo: vedi mai che si facciano scappare l’occasione di immortalare  l’imbecille del selfie senza bavaglio alla pari solo con il presidente di regione che ne vuol fare il must dell’estate 2020.

Così tutti quelli che hanno fatto il loro vessillo della richiesta pressante di cancellare quella vergogna nazionale rappresentata dai decreti sicurezza –  solo quelli di Salvini:  quelli del predecessore erano stati graditi avendo ragionevolmente legittimato il diritto ad aver paura del diverso, ingombrante, molesto e che per giunta pregiudica con l’offesa al decoro la reputazione all’estero –  oggi ne reclamano la doverosa applicazione a scopo sanitario e come ammonimento pedagogico alla responsabilità collettiva, che è stata magistralmente esercitata stando sul divano due mesi e mezzo e lasciando andare ad esporsi a ressa e contaminazione qualche milione di connazionali, selezionati tra martiri e eroi destinati per spirito di servizio a sacrificarsi in nome della pagnotta.

E pure quelli che hanno messo in guardia contro il loro inasprimento reso necessario per fronteggiare l’emergenza sanitaria, quelli che ne hanno criticato la discrezionalità arbitraria adottata contro irriguardosi runner, reclamano con la schiuma alla bocca una feroce coercizione repressiva contro la cialtronaggine dei fascisti attuata a colpi di tosse, possibili goccioline eretiche e sternuti insurrezionalisti, con la stessa determinazione con la quale Confindustria e sindacati allineati hanno chiesto ai primi di marzo di sedare le insane manifestazioni dei lavoratori scesi in sciopero per esigere quei dispositivi di sicurezza “temporanei” e quelle procedure nei luoghi di lavoro o nei mezzi di trasporto,  senza i quali in altri contesti non si poteva portar fuori il cane o approvvigionarsi al supermercato, pena la morte certa.

Così questa declinazione di antifascismo della profilassi chiede a gran voce che lo Stato intervenga per bollare, reprimere e perseguire come non fa da più di 70 anni avendo a disposizione strumenti giuridici acconci a mettere all’indice fenomeni sia nostalgici che sottoposti a restyling.

Eh si, lo Stato perché mica si può chiedere anche questo onere al miglior governo possibile  impegnato prima con le elargizioni del Cura Italia, a stanziare  3,2 miliardi per il Servizio sanitario nazionale, a sostegno con 1,4 miliardi dei fabbisogni delle aziende del settore, sia quelle pubbliche sia quelle private convenzionate, e con  1,65 a incrementare il fondo pluriennale per le future emergenze nazionali, in attesa delle risorse in prestito dall’Ue che ripagheremo con i tagli alla sanità.

Poi  con il Decreto Liquidità, con generosa distribuzione di fondi per l’internazionalizzazione,  all’esportazione e agli investimenti delle imprese, anche in termini di garanzie offerta alle aziende dell’inveterato tradimento.

Infine con il Decreto Rilancio che a fronte di  una caduta dell’8% del Pil crea l’illusione di poter approfittare di un ulteriore indebitamento grazie alla provvisoria sospensione di Maastricht e del Fiscal Compact, che dovremo risarcire con interessi e rinuncia a garanzie, beni comuni e diritti, escludendo dai “benefici” a pronto rimborso quelli che finora sono sopravvissuti ai margini, in una macedonia di lavoretti, di espedienti perlopiù invisibili e sommersi, già alla fame.

Eh si, lo Stato perché mica si può chiedere al Ministero dell’Interno, occupato a una virtuosa conversione dell’ordine pubblico in sorveglianza dei comportamenti di individui indisciplinati, mentre perpetua la vigenza delle ampie misure dle predecessore, comprese le intese con i despoti sanguinari che dovrebbero ripararci dalle invasioni. Mica si può chiedere al Ministero della Giustizia l’applicazione nei luoghi deputati di quelle misure di tutela delle istituzioni e delle sue sedi, officiate nei tribunali della rete e preso com’è da altri contenziosi “interni”.

E nemmeno  al Presidente Mattarella, l’augusta sagoma cartonata che prende vita solo per richiamare a una unità nazionale, continuamente rotta e interrotta da diktat padronali interni e extraterritoriali, e intesa alla criminalizzazione del dissenso, né tantomeno alle autorità di eccezione istituite per scavalcarle le istituzioni, incaricati di dare copertura emergenziale  alla deroga esecutivo-amministrativa monocratica.

Adesso è tornato in auge lo Stato, finora temuto e odiato in veste di Moloch o Leviatano, elemosiniere dei ricchi e esattore dei poveri,  chiamato di volta in volta a punire più che premiare, a legittimare le scelte  dell’Esecutivo, autorizzando perfino la suicida cessione di poteri, competenze e sovranità.

Adesso invece dopo l’evidente fallimento della consegna di interi settori ai privati, dopo l’inadeguatezza, impotenza e incapacità delle articolazioni territoriali, che con impudenza continuano a reclamare ancora maggiore autonomia, perfino i sacerdoti del neoliberismo cominciano a invocare la  necessità di un ruolo più attivo, anche mediante  interventi diretti,  dello Stato in economia, al fine di ridurre le disuguaglianze e di contrastare gli effetti distorsivi della globalizzazione, indispensabile anche per trovare un posto in un mondo multipolare dove è in atto una guerra tra potenze: singoli stati o  blocchi di stati per dividersi mercati, risorse, territori e masse di forza lavoro.

Ci sarebbe da compiacersene se davvero  si superassero gli interessati pregiudizi che uniscono nell’adorazione dello status quo senza alternativa e in un unico fronte il progressismo del bon ton, quella che si compiace di definirsi “sinistra radicale” ormai schierata con le élite liberali nella crociata morale e culturale contro “populismi” e “sovranismi”, termini ineluttabilmente assimilati alla comunicazione e alla propaganda della destra.

Ci sarebbe da compiacersene se quelli che inalberano sui profili le immaginette delle lotte si batte di popolo, curdi, sudamericani, africani, quando torna dall’esilio del suo immaginario qui da noi dall’altro non associasse  l’idea di Stato, di patria e di nazione al fascismo, quelli che pensano che sia una doverosa concessione di identità il temporaneo permesso di soggiorno in cambio  dello sfruttamento nei campi, ma che al tempo stesso considera inevitabile la sua rinuncia per migliaia di quasi un milione di emigranti italiani andati all’estero a cercar fortuna.

Ci sarebbe da compiacersene se non fosse l’ultima spiaggia cui guardare dopo il naufragio di ogni ipotesi di salvezza dalla servitù ideologica e culturale che si è ispirata al vocabolario della meritocrazia e della competizione, che si è accontentata della rivendicazione delle “libertà civili”  disarticolate da quell’edificio di diritti sociali che di credevano inalienabili e conquistati ormai invece manomessi,  che ha legato il benessere di tutti distribuito come una polverina della provvidenza in virtù dello sregolato   movimento dei capitali e delle merci e della tutela degli interessi privati e delle imprese  a condizione dell’abiura alle conquiste e alle garanzie dei  lavoratori, frutti tutti questi  della eclissi del ruolo dello Stato nella regolazione dei processi politici, economici e sociali.

Qualcuno ha pensato che la sovranità di uno Stato potesse essere costituita e difesa dall’energia vitale di una moltitudine di individui liberi e uguali che si uniscono per difendersi e salvaguardarla senza rinunciare alla propria libertà naturale. Adesso l’unica prerogativa concessa e non a tutti è la conservazione del buono stato di salute, certificato da mascherina, tamponi e vaccini.


Immunità di grigliata

condoAnna Lombroso per il Simplicissimus

Se l’esodo di Pasquetta dei forzati della gita fuori porta sarà infelicitato dalla nebbia che grava sul Gra, sulla Pontina, sulla Via del Mare, noi saremo comunque afflitti dalla concorde riprovazione per chi, già da venerdì, complici il sole e la maledetta primavera più dolce che si sia vista da anni,  ha scelto di evadere dalla galera urbana, da chi improvvisava rave con grigliata sulle altane dei tetti di Palermo , sugli “irresponsabili” promotori e ospiti del party in terrazza beccati dagli elicotteri adibiti all’applicazione delle leggi marziali.

Il Presidente del consiglio Conte ha ammannito i suoi auguri di Pasqua senza sorpresa: “le rinunce che ognuno di noi compie in questa domenica così importante, ha scritto su Facebook, condannando implicitamente i rei di assembramento,  sono un gesto di attaccamento autentico a quello che conta davvero…”

L’interpretazione di che “cosa conti davvero”, pare ai più opinabile e controversa, ora che perfino la stampa ufficiale mostra le prime crepe nella narrazione monoteista del demone del Terrore (il Corriere oggi solo online offre un esame della decodificazione aberrante dei dati statistici su infetti, decessi, guariti, accorgendosene solo adesso) , ora che perfino Mefistofele avrebbe pudore nell’offrire la scelta tra la borsa e la vita, se tanti dei reclusi sanno che la clausura li butterà per strada, tra esercenti di pubblici esercizi, negozianti, parrucchieri (gli ultimi a aprire), artigiani.  Ora che molti si interrogano se la mera sopravvivenza in qualità di sani occasionali e comunque esposti a altre patologie future e agli effetti sanitari e sociali della cancellazione della cura e dell’assistenza, valga la limitazione delle prerogative individuali e collettive e del libero arbitrio, e la censura e l’anatema nel confronti di chi esprime dubbi sull’obbligatorietà di uno stato di emergenza e di conseguente eccezione in palese dispregio delle garanzie  costituzionali.

Forse andrebbe riservata la doverosa considerazione a chi è convinto che conti davvero ricongiungersi a familiari anziani, ristabilire vincoli di affetto e amicizia messi alla prova dall’isolamento coatto, far uscire i bambini dalle camere a gas cittadine tra viuzze e marciapiedi invasi da auto anche quelle in parcheggio obbligato, che per molti conti davvero raggiungere il proprio laboratorio, il negozio, il bar chiusi da un mese, che per altri conti davvero, in carenza di banda larga, andare a svolgere personalmente le pratiche per vedersi elargire le magre mancette, che per le badanti irregolari e i lavoratori precari conti davvero guadagnarsi la pagnotta con attività non annoverate tra quelle essenziali, compresa l’assistenza a un anziano, dimostrabili con un susseguirsi di impervie certificazioni.

Forse l’imprescindibilità di certe occupazioni, che, in barba alle raccomandazioni melense e stucchevoli dei VIP dello spettacolo e dello sport, alla melliflua retorica sciovinista praticata da inveterati venditori di patria e sovranità, fa muovere ogni giorno milioni di addetti costretti a circolare e a provocare allarmanti assembramenti su metro, bus, fabbriche, uffici, call center, aziende produttrici di armi, andrebbe spiegata meglio al fine di non consolidare la convinzione che le disuguaglianze sono eque e possono essere autorizzate per legge al fine di dividere i cittadini in meritevoli di salvezza o  condannati al sacrificio.

Perché è senz’altro doveroso rispettare le leggi. ma è altrettanto doveroso che le leggi siano rispettose dei cittadini, altrimenti il confine tra legalità e giustizia si fa sempre più labile e discrezionale.

Il che avviene ancora più frequentemente quando le regole sono troppo severe, quando sono contraddittorie, quando sono soggette a interpretazioni impervie e di conseguenza arbitrarie, quindi inapplicabili. E quando trasmettono la percezione di essere imperativi imposti da un potere assoluto che adopera le sue armi anche gergali per reprimere i trasgressori o per elargire licenze a chi se le sa prendere, come avviene solitamente quando una crisi viene convertita in emergenza anche a questo fine, incrementando la pressione autoritaria e trasformandola in problema di ordine pubblico.

Non deve stupire quindi che un bel po’ di romani, napoletani, palermitani abbiano tacitamente deciso di sperimentare insieme, che l’unione fa la forza,  l’immunità di gregge, se non dal Covid19, da controlli e sanzioni, mettendosi presto per strada, all’albeggiare, quando i militi di Strade Sicure, corpo eccezionale promosso per il contrasto alla mafia e quando si sarebbe voluta in passato analoga mobilitazione per assolvere ai compiti istituzionali,  sono ancora in caserma,  per poi trovarsi in file interminabili  ai blocchi, esibendo autocertificazioni improbabili, sulle quali avrebbero dovuto scrivere semplicemente in cima alle cose che contano davvero secondo Conte: non ne posso più, con tanto di punto esclamativo.

Non deve stupire che ogni giorno qualcuno si svegli dal letargo favorito del berciare di opinionisti della scienza che occupano le Tv tanto più prepotentemente quanto più si allontanano dal caposaldo della loro missione, il Dubbio, dalla ninnananna encomiastica tributata agli ubbidienti davanti a Netflix, dal colloquio solipsistico coi cristalli liquidi dei condannati allo smartworking.

E che  si interroghi se questi sacrifici, queste rinunce non siano della stessa qualità di quelle richieste per mantenere saldo il sistema salvando le banche, i profitti dei grandi azionisti, le multinazionali e i gestori dei casinò finanziari, se non si tratti di abiure a diritti e garanzie richieste per assoggettarsi e contribuire a imprese coloniali, al consolidamento di primati bellici e egemonie del terrore.

Non deve stupire se la scienza ha perso qualsiasi autorevolezza di neutralità e terzietà, se la sua voce di regime Roberto Burioni, affiliato al San Raffaele di Milano, clinica privata di Don Verzè, diffida per vie legali    Maria Rita Gismondo, dell’ospedale pubblico “Sacco” di Milano, se vengono oscurati i pareri prestigiosi di  centinaia di esperti   europei, americani, asiatici, che mettono in discussione le interpretazioni e l’opportunità dei mezzi e metodi impiegati,  se solo in rete hanno circolazione i pareri di clinici che operano sul campo e che contestano le terapie applicate frutto di diagnosi inappropriate.

Ma soprattutto  se i numeri sugli infetti, i contagiati, gli asintomatici, i guariti sono inattendibili, confusi, travisati, occultati, mentre gli unici credibili sarebbero quelli che dei condannati preventivamente a morte per malasanità, per infezioni ospedaliere, cancellazione remota di prevenzione e cura, e di quelli che verranno i malconci, depressi, soli e senza sole, aria, come pare impongano le leggi di una eugenetica a rovescio.

Di solito chi azzarda una critica viene subito intercettato con la perentoria richiesta di dare, invece  delle obiezioni, delle soluzioni. Una, sempre la solita, sarebbe quella decisiva, rovesciare il tavolo e con esso il modello di sviluppo fondato sullo sfruttamento, oggi più che mai se perfino blandi riformisti come Sanders vengono messi all’indice come anarcoinsurrezionalisti grazie alla propaganda apocalittica della pandemia liberista.

Se vi dicono così, guardate che non si tratta solo di quella mesta indole alla delega che fa parte della nostra autobiografia nazionale.

È più probabile che si tratti del desiderio di stare sotto schiaffo nella convinzione che così ci si possa salvare da peggiori manrovesci, stando acquattati nella tana mediocre dell’irresponsabilità, del conformismo, della subordinazione. Allora una soluzione di sarebbe, ricominciare a pensare.


Buoni maestri, cattivi ministri

ICCD3306953_C0030709Anna Lombroso per il Simplicissimus

Una docente d’italiano in servizio all’istituto tecnico industriale di Palermo  “Vittorio Emanuele III” (dedica significativa), è stata sospesa per 15 giorni con stipendio dimezzato per non aver esercitato la doverosa vigilanza “sulla produzione di un filmato realizzato dai suoi alunni” lo scorso 27 gennaio, in occasione della Giornata della memoria, nel quale si accostava la promulgazione delle leggi razziali del 1938 al decreto sicurezza del ministro dell’Interno in carica.

Ci sarebbe  da rallegrarsi che i quattordicenni di oggi si accorgano di certe allarmanti affinità, mentre in quattordicenni del 1998 (legge Turco-Napolitano), quelli del 2002 (anno di promulgazione della Bossi-Fini), quelli del 2011 (ministro Maroni sull’immigrazione) non avevano intuito che venivano adottati provvedimenti che avevano come scopo la criminalizzazione e l’emarginazione degli stranieri. Già da allora pare proprio che servissero  misure aggiuntive ai codici vigenti che provvedevano già a penalizzare i poveri, colpevoli di atteggiamenti indecorosi e di reati minori attribuibili alle loro condizioni. Ma è con il ministro del Pd Minniti che si è capito che le due linee direttrici di leggi e regole pensate per colpire gli ultimi in modo da rassicurare i penultimi dovevano ancor arricchirsi di ferocia repressiva. Servivano regole aggiuntive che autorizzassero e normalizzassero il sospetto, la diffidenza e la paura per respingere, mettere al bando e chiudere in enclave di lusso o in lager e miserabili periferie le due facce del progresso, i privilegiati e i poveracci, e gli uni contro gli altri, i primi armati i secondi disarmati.

E se i poveracci sono neri o gialli, professano altre religioni e parlano altri idiomi e mangiano cibi differenti da sofficini e big burgher, allora il buonsenso, il decoro e la sicurezza raccomandano che vengano puniti due volte negando loro alcuni gradi di giudizio nei procedimenti giudiziari, rendendo più agevoli le procedure di espulsione, punendo di riflesso chi li aiuta o chi denuncia la loro condizione, grazie a un “sentiment” comune promosso non a caso negli Usa dopo l’attentato alle Torri Gemelle e diventato un approccio scientifico grazie all’espressione “diritto penale del nemico”, che auspica un diritto penale parallelo riservato agli “ospiti” e privato delle tradizionali garanzie che dovrebbero essere patrimonio delle democrazie.

Come per la cosiddetta “legittima difesa” non si è dovuto aggiungere molto al già vigente, se non fosse che i supplementi di xenofobia e razzismo, esercitati nei confronti di disperati anche appartenenti al terzo mondo interno, sono firmati dal cagnaccio rabbioso all’Interno, cui capiterà di dovere riconoscenza per aver svegliato qualche coscienza letargica che non si era accorta dei quello che avevano già fatto altri cani altrettanto spietati ma dotati di diverso pedigree. E quindi con procedura immediata riconosciuto subito come neo fascista, mentre pare ci si metta un po’ a dare la stessa definizione del permanere nei nostri codici di disposizioni adottate proprio nel Ventennio e dopo e mantenute perché alla base vi è lo stesso intento, punire chi non ha per tranquillizzare chi ha, confermando la convinzione più antica del mondo, che i poveri sono tutti delinquenti o potenziali delinquenti e gli stranieri, condannati alla clandestinità, ancora di più perché la condizione di irregolari li espone a trasgressione e illegalità anche per il solo fatto di respirare, calpestare il sacro suolo, essere visibili, e colpa ancora peggiore, sedersi sulle panchine dei nostri giardinetti e prendere i nostri bus.

E infatti a essere ancora sanzionati con maggiore severità sono i fatti che destano allarme sociale tra i benestanti ora beneficati dalla opportunità di farsi giustizia da sé qualora il reato predatorio: rapina, furto, venga consumato tra le pareti di casa, mentre vengono proporzionalmente punite di meno o addirittura restano impunite le condotte criminose lesive del bene comune e del patrimonio di tutti: illeciti fiscali, delitti societari e fallimentari, che hanno comportato la perdita di risparmi di investitori e correntisti, se si pensa che per la bancarotta fraudolenta la pena massima prevista – 10 anni di reclusione- è la stessa di un furtarello pluriaggravato. E allo stesso modo i reati alla persona sono soggetti a scale di giudizio e interpretazioni arbitrarie e discrezionali se il danno alla salute dovuto al degrado ambientale è sanzionato perlopiù con contravvenzioni e solo dal 2015 sono entrati nel codice penale i delitti di inquinamento e disastro ambientale  descritti con formule vaghe e soggetti a scappatoie, per non dire degli incidenti sul posto di lavoro, quando l’imprenditore in attesa degli applausi a scena aperta in Confindustria, se la cava   con una multa da 500 e 2000 euro, visto che la reclusione da 3 mesi a un anno è prevista in via alternativa.

A volte nemmeno occorre il doppio binario della giustizia forte coi deboli debole coi forti, che non accade di sovente che un abitante dei Parioli o di via del Vivaio venga sorpreso a rubare nei supermercati o a equipaggiarsi di un allaccio abusivo di corrente e gas, azione criminosa cui si sono sottratti solo quelli di Casa Pound che si limitano a non pagare le fatture continuando a godere dei servizi. Né  tantomeno si è saputo di un villeggiante di Capalbio preso con le mani nel sacco dove ha custodito la legna rubata sui mondi dell’Amiata o mentre si dedicava alla “spigolatura” o a “rastrellare” in fondi agricoli non suoi.  E se Arsenio Lupin non è mai stato perseguito per il possesso di chiavi alterate e grimaldelli, altre pittoresche prescrizioni restano inalterate a dimostrare che i poveracci rientrano sempre nella cerchia dei soliti sospetti.

Abbiamo visto che questo vale anche per assembramenti potenzialmente sediziosi, si tratti di eversori che pronunciano la paroletta proibita: NO, si tratti di frange di oppositori che si permettono di disturbare i manovratori, fossero Boschi, Renzi o Salvini, sottoposti ai controlli e alle limitazioni preventive della Ps e delle polizia municipali promosse a operazioni di ordine pubblico anticipate da ordinanze di sindaci sceriffi bipartisan, Pd o Alemanno che aveva disposto la chiusura dei siti del centro di Roma perfino alla Cgil, e ancora prima dalla repressione anche feroce di chi si era macchiato dell’invasione die terreni pubblici, come, tanto per fare un nome, Danilo Dolci, mentre non viene vista come pericolosa per l’ordine pubblico la calca nelle lunghe e intemperanti file per approvvigionarsi di IPhone di ultima generazione.

Allo stesso modo che non dovremmo sentirci rassicurati dalle sanzioni che puniscono la vendita di prodotti contraffatti, quelli stesi sui tappetini delle vie del centro o trasportati in carovane stanche sui nostri litorali, perché è vero che si tratta di un mercato al dettaglio controllato dalla criminalità ma è altrettanto vero che non si tratta di delitti contro la fede pubblica: chi compra una borsa griffata a un prezzo irrisorio sa bene che non è autentica e chi l’acquista la vuole esibire facendo credere di averla pagata cara, bensì di affronti a interessi protetti, non quelli del consumatore bensì quelli delle imprese che temono di vedere ridotti i profitti accumulati grazie allo sfruttamento, magari nei paesi d’origine del vucumprà, in una implacabile catena di speculazione predatoria.

Arriva solo ultimo anche se particolarmente scrupoloso quanto indecente il ministro Salvini.  Negli ultimi decenni la maggior parte dei paesi occidentali ha proposto e concretamente applicato nuove pratiche del controllo a livello locale,  indirizzate al controllo di un’ampia gamma di comportamenti,  soprattutto di quelli che si manifestano nello spazio pubblico, che sono posti in essere dai gruppi più marginali delle nostre società e che sono percepiti come problematici per l’ordine sociale indipendentemente dall’essere definiti, o meno  come reati dal codice penale.  L’intento è quello di dare una risposta repressive o almeno fortemente dissuasiva ai bisogni di  comunità,  cavie di sperimentazioni per istillare e aumentare la percezione della paura, della minaccia e  dell’incertezza,  in modo che si dividano, si fronteggino e  combattano tra loro perdendo di vista gli stregoni all’opera per criminalizzare la povertà per cancellare i confini tra crimine e disordine, per attuare una repressione penale e anche amministrativa come con l’istituto dell’ allontanamento o con il Daspo urbano. Mentre continuano a agire indisturbate le reti criminali che organizzano e sfruttano la sopravvivenza degli “ultimi” nelle economie di sussistenza, cui è riservata in casi eccezionali qualche compassionevole gesto di carità.

Se la scuola deve essere un posto dove si coltiva senso critico, autonomia di giudizio, rispetto per la dignità propria e altrui, il minimo è aspettarsi uno sciopero generale a sostegno dell’insegnante. Il giusto aspettarselo contro la Buona Scuola, il Jobs Act e i decreti sicurezza.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: