Annunci

Archivi tag: Aristofane

Lotti continua

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Ci vorrebbe proprio Aristofane per dare  un po’ di nobiltà letteraria al copione  degli indecorosi  guitti che come nelle Nuvole fanno prevalere sempre i cavilli e le interpretazioni devianti del Discorso Peggiore sulle ragioni  rette e virtuose del Discorso Migliore.

Proprio oggi basterebbe leggere la pretesa  di innocenza del ministro Lotti che rivendica la sua irreprensibilità, la sua purezza adamantina, il suo candore a prova di varechina grazie all’assoluzione del tribunale dei suoi simili, tutti prevedibilmente uniti, Formigoni compreso, nella difesa corporativa di un esimio rappresentante della categoria.

Pare si siano stupiti in molti ad ascoltarlo, non per le parole intrise di malevolo e vendicativo risentimento – come c’era  da aspettarsi, non per gli avvertimenti per niente trasversali e intimidatori in puro stile da cupoletta mafiosa – che non stupiscono, non per i riferimenti alla gogna mediatica e alla macchina del fango manovrata contro di lui – che non possono mancare nella sceneggiatura della nomenclatura, meravigliata quando dietro le quinte delle loro malefatte qualcuno agita lo spauracchio della verità, ma perché durante la lunga, forse inarrestabile carriera nessuno aveva avuto la ventura di udire la sua voce, a conferma di un uso di mondo alla riservatezza nei luoghi della politica, a una delicata discrezione che in altre sedi avrebbe invece gettato alle ortiche, preferendo modalità di espressione e azione piuttosto spregiudicate e esplicite.

Tanto per non sbagliare oltre all’irrinunciabile ritorsione contro un’opposizione guidata da un pregiudicato, oltre alla denuncia della macchinazione mossa contro di lui per colpire l’ex premier, oltre alla sarcastica deplorazione per il tradimento dei bersaniani scorretti e gregari, non potevano mancare le patetiche note che sgorgano dal cuore, quando il famiglio più contiguo di Renzi ha ricordato sacrificio e abnegazione dispiegati per il bene comune e l’interesse generale, pilastri della sua attività pubblica tanto da avergli fatto trascurare le gioie della paternità.

Sembra che la sua sia stata una vera e propria arringa, declamata con voce forte e chiara per togliersi qualche sassolino, per lanciare messaggi intimidatori, per riconfermare la sua insostituibilità peraltro ampiamente riconosciuta dal governo del Fotocopia, che per difendersi.

Non ne aveva bisogno: mica era davanti a dei probiviri. Mica era il tribunale del popolo. Mica si officiano là i riti della giustizia, se la bilancia è tarata per pendere dalla parte del più forte. Tanta sicumera, l’arroganza di chi grazie a complicità, correità, favoreggiamento ritiene non a torto di potersi sottrarre alle maglie della legge, di chi presume, purtroppo per noi, di poter contare sulla potenza dell’appartenenza a cosche intoccabili, alla rete del privilegio inalienabile tanto da godere di impunità e immunità, sono la cifra che caratterizza chi aderisce a certe chiese che mettono in condizione il loro clero di scansare le regole e i tribunali ordinari, quelli civili, quelli ai quali dobbiamo e giustamente ricorrere e sottostare tutti noi, gente comune.

Come i preti pedofili, anche i sacerdoti e le milizie fedeli del Discorso Peggiore preferiscono il più tardi possibile essere sottoposti al giudizio divino e godersi il frutto delle loro colpe in terra e alla faccia nostra.

 

Annunci

Web tax, il manuale Cencelli dell’anacronismo

teatro_PLUTO3Aristofane si rivolta nella tomba per l’impossibilità di scrivere una delle sue commedie prendendo spunto da ciò che è successo sulla Web tax, un immortale intreccio fra Italia, arcaica, confusione, ottusità, interessi sottobanco e infine una soluzione salomonica decisa con il manuale Cencelli del potere. Dunque accade che Francesco Boccia, economista del mio amato stivale ed eminente renziano dell’ultima ora, aveva tirato fuori una grandiosa idea per evitare la gigantesca ‘evasione delle corporation informatiche: una legge che prevedeva l’obbligatorietà di una partita Iva italiana per l’acquisto online di servizi e l’e-commerce.

Non so francamente come si sia potuto pensare a un simile marchingegno, visto che le astute Google, Apple e Microsoft scelgono Paesi della Ue, come l’Irlanda, che Bruxelles, nonostante i debiti ha costretto a tenere bassa la tassazione. Dunque si tratta di qualcosa che l’Ue dei nostri sogni avrebbe bocciato e comunque non impediva certo alle multinazionali di internet di inventarsi qualcosa per addebitare sulle partite Iva italiane i “costi di produzione”. Però la speranza di incassare qualche soldo, metterlo in un fazzoletto e portarlo in Europa, ha fatto andare la proposta con il vento in poppa, nonostante la sua assurdità. E fin qui pazienza., siamo ormai abituati al surrealismo di governo.

Solo che c’è stato una sorta di equivoco ben nascosto nel buio oltre la siepe di questi giorni che non permetteva di capire perché Boccia fosse arrivato a minacciare le dimissioni a Letta se il provvedimento non fosse passato. E non si capiva bene perché il premier nonostante le due palle d’acciaio, il semestre europeo nella testa e persino una lettera dell’ambasciatore americano tendente a dissauderlo, abbia acconsentito a mettere anche questa roba nella legge di stabilità.

Adesso si è capito che il provvedimento piaceva molto a De Benedetti prima tessera del Pd e grande sponsor mediatico del sindaco di Firenze, piaceva tanto che forse lo aveva ispirato. La cosa è venuta fuori quando Renzi, forse ignaro, si è detto contrario alla web tax proposta dal renziano Boccia: un’incidente che ha costretto l’ingegnere a venire allo scoperto.

Così cosa si è fatto in questo tira e molla? Si è pensato di aggiustare le cose approvando il provvedimento per metà come da manuale Cencelli e stabilendo che la partita iva italiana è necessaria, ma solo per l’acquisto di spazi pubblicitari online, link sponsorizzati o la fruizione di un servizio attraverso rete fissa o rete e dispositivi mobili”. Ossia la parte più assurda trattando di servizi extra territoriali per eccellenza.  La legge resta dunque con tutta la sua arcaicità, ma è stata solo dimezzata proponendone solo quella parte che può interessare all’editore De Benedetti. Fatto e approvato in commissione. Così Boccia è contento perché non si dovrà dimettere e può dire di aver avuto ragione, mentre Renzi  in qualche modo troverà modo di cantare vittoria senza perdere il suo sponsor.

Sarà incostituzionale come persino il mistero dell’Economia sospetta, sarà approvata dall’Europa, ha un senso per il Paese o rischia di emarginarlo?  Su, mica ci faremo di questi problemucci di fronte al grande risultato ottenuto.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: