Annunci

Archivi tag: ambientalismo di tendenza

Greta Sgarbo

oil-worldPrendi una ragazzina di famiglia molto abbiente, molto in vista in Svezia e molto neoconformista, magari con qualche piccola difficoltà psicologica che al di sopra di un certo reddito porta comprensione e ammirazione, mentre al di sotto ti fa sembrare solo un coglione e un escluso, sfrutta la sua adolescenza inquieta, la sua ingenuità, le sue soluzioni preconfezionate da scongelare al microonde per farne un gadget dell’ambientalismo politicamente corretto, affinché esso si infranga sugli scogli di manifestazioni inconcludenti, si appaghi dell’assoluzione urbi et orbi dei Venerdì per il futuro.

Ecco, già detto nella nostra lingua, cominciamo a capire meglio che forse la cosa è un po’ artefatta, probabilmente anche un po’ stupida, troppo rituale, troppo perfetta per essere vera e la faccenda della ragazzina oltre a servire per l’audience, sfruttando meccanismi ben collaudati, serve anche perché ci si accontenti dei cartelli e dell’esibizione di buona coscienza di un ambientalismo tanto integrale quanto vuoto funzionale a servire perfettamente la causa di chi devasta il pianeta, trasformando un problema drammatico in un fatto di tendenza, di moda e di marketing, come accade a molti temi della nostro vivere. L’ambientalismo separato da un profondo cambiamento sociale è qualcosa di luccicante, ma di inerte perché  non intacca la struttura di potere e produttiva basata sul profitto infinito che è la causa prima della mutazione climatica così brusca e inarrestabile: possiamo fare qualunque manifestazione e pensare che basta diminuire i peti delle mucche o essere affezionati tutori del chilometro zero, che poi sono trenta o quaranta fatti col suv rigorosamente diesel, perché tutto ritorni come prima. Mi pare di ascoltare quella pasionaria milanese di tanti anni fa che voleva obbligare tutti alla bicicletta: peccato che abitasse in un lussuoso appartamento vicino via Manzoni e non facesse una minchia tutto il giorno. Quando le domandai come se la sarebbe cavata chi abitava a 15 chilometri dal posto di lavoro, entrò in crisi e quasi quasi avrebbe risposto che mangino brioche. Cioè che si fottano questi pezzenti.

Non esiste ambientalismo senza una visione sociale radicalmente diversa da quella neo liberista, tutto il resto è trucco e parrucco destinato a far credere nella buona volontà degli inquinatori selvaggi della crescita infinita assolutamente necessaria al capitalismo per rimanere in vita . Ma chissà, forse mi sbaglio, forse il potere e i poteri del che si sono spellati le mani ad applaudire il venerdì per il futuro della ricca ragazzina svedese, hanno un obiettivo diverso, che quel grido “dobbiamo fare in fretta” non sia del tutto ipocrita: che si stia davvero cominciando a creare l’atmosfera per rendere più sopportabile e accettabile la vita sempre più grama dei ceti popolari e delle stesse classi medie? Una cosa è stringere la cinghia per aumentare i profitti della razza padrona, un’altra è fare sacrifici per salvare il pianeta: quello che appare come impercorribile e fonte di grandi resistenze potrebbe diventare più facile se la si condisce con questa speranza, ancorché mal riposta. Il passaggio dalla dura necessità imposta da sovrastanti quanto presunte leggi economiche a un atto se non proprio del tutto volontario per lo meno meno carico di altri significati potrebbe essere una chiave vincente per sopire il vulcano che fa già avvertire l’eruzioni venture.

La trasformazione dell’ambientalismo in moda con i suoi sponsor e i suoi testimonial che suscita la rabbia delle destre tradizionali ancora legate a un negazionismo climatico estemporaneo e ignorante potrebbe indurre a pensare che ci sia un cambio di strategia e l’ambientalismo stia diventando un prodotto a prezzo scontato.

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: