Annunci

E ora c’è anche il piano green

migliori-campi-golfC’è un metodo infallibile per infinocchiare la gente ed è usare l’inglese al posto dell’italiano: così espressioni del tutto vaghe già all’origine e frutto delle fatiche degli studi pubblicitari finiscono per essere delle prese in giro commerciali: si vendono formaggi light che hanno il 20% di grassi o si definiscono premium ( è latino, ma non lo sa più nessuno) le versioni base di servizi una volta gratuiti e si possono fare altri mille esempi che tra l’altro sono anche utili alle aziende per evitare grane e multe visto che usano un gergo privo di significato sia semantico che giuridico. Ma c’è chi ritiene questa astuta anglofilia come segno di modernità, perché in fondo chi si contenta gode ed è per questo che il  linguaggio anglo spottesco è dilagato anche nella politica e ha fatto il suo trionfale ingresso con il famigerato job act di Renzi, sapete quello contro cui tuonavano Grillo e i cinque stelle, ma anche quello con cui si sono messi assieme.

E per sancire meglio questa alleanza premium e professional, per portare un po’ acqua al mulino delle illusioni si sono persino inventati un green new deal che naturalmente non vuol dire un bel niente oppure tantissime cose diverse per esempio anche,  un business verde perché deal vuol dire essenzialmente affare. Niente ovviamente di più vago e nulladicente, visto tra l’altro che al Pd fanno riferimento  sia aziende come Hera che vogliono privatizzare l’acqua pubblica, sia cementieri di ogni tipo presenti immancabilmente nelle grandi opere, che come sappiamo hanno in grande rispetto l’ambiente, sia trivellatori ad ogni costo. Chi invece non ha alcun rispetto per gli italiani è proprio chi vuol far passare un’operazione politicamente indecorosa sparando questo tipo di panzane in inglese per evitare qualsiasi concretezza. Certo il rispetto è qualcosa che ci si deve conquistare e sicuramente chi si fa plagiare dai green new deal non ha quello di chi vota gli inventori di queste formule acchiappa citrulli.

Per chi non lo sapesse questo nome è stato adottato dalla sinistra americana che fa riferimento a Sanders, ma sopratutto ai ribelli come la Ocasio Cortez per definire un piano soprattutto sociale da mille miliardi di dollari, ovvero sanità pubblica, aumento del salario minimo orario, sopratutto una tassazione più pesante per i ricchi e lotta ai monopoli delle multinazionali. L’idea di fondo è che l’ambiente potrà essere rispettato se lo saranno anche le persone e i loro bisogni. Da noi invece si è presa questa espressione nel suo significato da rotocalco e lo si è giocato cinicamente in questa sporca e patetica partita di palazzo e di corridoio cui la piattaforma che si chiama vergognosamente Rousseau dirà senz’altro di si, tanto chi è in grado di controllare davvero gli afflussi reali e i voti. C’è almeno di buono che con questa santa alleanza è venuta allo scoperto anche quell’area grigia di informazione che faceva finta, salvo che in economia e politica estera, di fare il tifo per il cambiamento. Invece era tutta fuffa light, al momento buono tutto si è dissolto e adesso possono con maggiore sicurezza tornare sul green.

 

 

 

 

 

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

One response to “E ora c’è anche il piano green

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: