Annunci

Democratura alle urne

globalization_by_guille3691Purtroppo non riesco ad appassionarmi alla campagna elettorale, ovvero alla sgangherata commedia in cerca di scrittura, che dicono le stesse identiche cose di vent’anni e che cercano di rianimare il triste canovaccio con mosse da cinepanettone, Renzi con Verdini, ma solo al proporzionale, Berlusconi che fa tintinnare le chiavi della galera per gli extracomunitari, la Boldrini che dice jamais ai Cinquestelle e questi ultimi che divengono promettitori ed europeisti a tempo pieno, la pagliacciata pappagallesca delle interferenze russe sulle urne. Né mi appaiono minimamente interessanti gli accapigliamenti di contorno gestiti dai cosiddetti opinionisti che comunque operano totalmente dentro questo contesto e vi si infangano nel momento stesso in cui permettono dibattiti inesistenti e dadaisti. Persino quel po’ di satira in rete sui miasmi di questa palude non riesce a strapparmi un sorriso, anzi mi pare triste e inutile, il segnale di una resa con mugugno piuttosto che un tentativo di riscatto.

Il fatto è che le promesse e intenzioni, anche se non venissero da una razza cialtrona certificata, non sono credibili e anzi evidenziano ancora di più l’inesistenza di un’offerta politica poiché tutto alla fine deve correre sui noti binari posti dall’Europa, dalla Nato, dagli Usa, dalla moneta unica, dai trattati economici che nessuno si prefigge di ricontrattare nel concreto. Per di più tutto il dibattito si svolge nel quadro di una subcultura neoliberista acquisita per sentito dire nel quale l’abolizione della progressività delle tasse appare come la terra promessa nonostante sia chiarissimo che questo porterebbe allo sfascio definitivo del welfare e non a una fantomatica ripresa. Ma chi non l’ha ancora capito o chi fa finta di non capirlo perché è nei propri interessi spiccioli, si accomodi.

Questa sorta di pilota automatico è quello che guida il Paese, mentre l’equipaggio che lo governa, quello peraltro che ha accettato tutto questo senza condizioni oltre che senza cervello, fa solo scena e si dedica alla rassicurazione dei passeggeri mentre l’aereo traballa in gran tempesta e alla svendita del velivolo perché si trasformi in un aliante trainato da altri. per altri interessi. Del resto non ci vuole molto a prevedere, ufficiosamente è già stato detto, che dopo l’appuntamento elettorale la troika prenderà le redini del Paese con una supervisione diretta: l’appuntamento con le urne è stato fissato nella data più vicina possibile proprio per rendere più celere il passaggio oltre che per evitare il ceto politico l’imbarazzo di dover chiudere i cordoni della borsa (o meglio le chiacchiere in merito ai suddetti cordoni)  in piena campagna elettorale e confessare il suo ennesimo fallimento.

Insomma siamo in una situazione miseranda creata per l’appunto dalla nullità umana, dalla grossolanità politica e culturale di chi ora chiede il voto, ma se non altro offre un vantaggio: se siamo nella notte dove tutte le vacche sono nere, non dobbiamo sentirci in obbligo di dare un voto utile, poiché in un certo senso sono tutti inutili anche se qualcuno riesce persino ad essere disutile. Né dobbiamo sentirci legati a malintese fedeltà, tradizioni, colleganze e tantomeno a  paure e incertezze visto che alla fine il vero governo ha sede altrove e che in quell’altrove se ne fanno un baffo delle promesse locali che siano le tasse universitarie o i cento miliardi di fantasia tirati fuori come uno sberleffo: siamo più liberi o almeno lo è l’80 per cento dei cittadini che non fa parte dell’area clientelare, di esprimere senza rimorsi un voto puramente di tribuna, di far sapere che esiste chi dice basta, chi crede ancora nella Costituzione e vuole difenderla, chi non crede che la disuguaglianza sia la via maestra della cosiddetta crescita.  I sondaggi restituiscono un panorama post elettorale caotico e magmatico che da un punto di vista pratico significa ben poco con il pilota automatico inserito, ma l’errore più grande sarebbe quello di considerare il caos come indifferenziato: in esso ci sono formazioni e aggregazioni che si distinguono dall’indifferenziato pensiero unico, dalle sue facce e dai suoi personalismi da bottega del barbiere, che parlano di futuro e che noi ora possiamo votare senza le inibizioni della governabilità o senza timore che vinca un presunto nemico che non esiste più ed evocato solo per nascondere il vero nemico. Paradossalmente siamo più svincolati dagli illusionismi della “democratura” , un termine coniato a suo tempo Raymond Aron di cui si stanno appropriando proprio quelli che la praticano.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

5 responses to “Democratura alle urne

  • Anonimo

    è ora di elezioni, votate la sinistra, quella tedesca o francese, che quella italiana, NON esiste:

    Mi piace

  • Anonimo

    si può vedere:

    Mi piace

  • Anonimo

    In tema elezioni e democratura, si può leggere:

    SCADENZE ELETTORALI IN ATTESA DELL’ENNESIMO COLPO DI STATO

    su

    ComidadPuntoOrg

    Mi piace

  • Anonimo

    “I sondaggi restituiscono un panorama post elettorale caotico e magmatico che da un punto di vista pratico significa ben poco con il pilota automatico inserito, ma l’errore più grande sarebbe quello di considerare il caos come indifferenziato: in esso ci sono formazioni e aggregazioni che si distinguono dall’indifferenziato pensiero unico, dalle sue facce e dai suoi personalismi da bottega del barbiere, che parlano di futuro e che noi ora possiamo votare senza le inibizioni della governabilità o senza timore che vinca un presunto nemico che non esiste più ed evocato solo per nascondere il vero nemico. Paradossalmente siamo più svincolati dagli illusionismi della “democratura””

    Grande è la confusione sotto il cielo… la situazione è eccellente ?

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: