Eccezziunale veramente

c6a64f5d4b421fce8ffbab872262a69f-kNcD-U102027662446250MD-568x320@LaStampa_itAnna Lombroso per il Simplicissimus

Si sa che anche il Giappone è un paese di luci e ombre, ma non si può non rammentare che bastarono sei giorni, dico sei giorni, alla  Nexco (la società autostradale giapponese) per ricostruire un tratto dell’autostrada a nord di Tokyo che era stato distrutto dal terremoto dell’11 marzo 2011. In una settimana  su 870 chilometri danneggiati dal terremoto ben 813 erano già stati riaperti alla circolazione.

Per carità, direbbe l’eterno candidato a più alti destini politici e governativi, quel Moretti ad di Trenitalia, “robetta” quegli 800 km di autostrada   rispetto all’impresa leggendaria compiuta in un giorno dopo una preparazione meticolosa di oltre un mese per sollevare una elettromotrice sbilenca affacciata sul mare ligure, sulla quale era precipitato un terrazzamento adibito a parcheggio, improvvisato sul costone della montagna.

Giornali e tv hanno assunto toni epici nel dare resoconto dell’evento “unico al mondo”, mai tentato prima: eh si, salutato da tre fischi della motrice di soccorso, il locomotore dell’Intercity 660 deragliato il 17 gennaio, si è mosso lentamente muovendo verso la stazione di Andora, liberando la linea ferroviaria dopo che le potenti gru da 800 e 500 tonnellate della ditta Vernazza di Genova, montate su una chiatta ormeggiata  nello specchio acqueo antistante la scogliera avevano sollevato la locomotiva dopo averla imbragata.

Così si sono concluse “in tempi record” le poderose operazioni che hanno ricordato l’altro accadimento stupefacente ed epocale, l’erezione della Costa Concordia anche quello atto simbolico del dinamismo, dell’abilità, della poliedricità, in una parola del genio italico. Perché noi affondiamo transatlantici come alla battaglia navale per compiacere compagnie rapaci e viaggiatori narcotizzati da un’estemporanea potenza da lusso, facciamo precipitare treni insieme ad interi costoni di montagna  manomessi da abusivismo e speculazione, ma poi quando si tratta di tirarli su non ci batte nessuno, un vero popolo di navigatori, poeti e gruisti.

Eh si, tempi da record  dicono i Tg, forse attribuibili alla potenza liberata dal nuovo premier. Così in circa tre mesi una porzione di territorio verrà restituita al Paese. In ritardo sui desideri di amministratori locali e presidente di regione quello che a proposito di autostrada ne percorse un tratto in direzione ostinata e contraria: avrebbero voluto che il ripristino avvenisse in tempo per all’annuale avvenimento epocale, il Festival di Sanremo quest’anno orbato del collegamento su ferro, che tanto di pendolari, indigeni, turisti, chi se ne importa, anzi così imparano  a ostacolare con i loro meschini e miserabili tragitti la vera progressiva modernità e la potente magnifica velocità futurista.

Ma c’è un ma a fronte del successo made in Italy: è cominciato il balletto delle responsabilità preliminare  a identificare su chi ricadranno i costi e le spese, comprensive dell’ “operazione chiatta”, e quindi l’allestimento della superpiattaforma con le cinque gru, della messa in sicurezza del versante e della bonifica strutturale dei binari,  oltre quelle della probabile perdita del locomotore «che è molto danneggiato e difficilmente recuperabile». A questo si aggiungono le voci  imputate da Trenitalia (mancati introiti, costi dei bus sostitutivi) che devono essere ancora quantificate.

E siccome il recupero è un successo italiano, non so perché c’è da sospettare che a pagare lo spettacolo saranno gli italiani, compresi quelli che aspettano i risarcimenti per il sacco del territorio e i danni  derivanti dall’esclusione dal mondo civile..ammesso ormai che l’Italia lo sia.

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

One response to “Eccezziunale veramente

  • contetadino

    Che classe dirigente che abbiamo! :
    Ancora non ho capito e c’è gente che non capisce nulla e si arroga il diritto di sapere menando il can per l’aia, vendendo fumo e pontificando a più non posso o se ci sono dei volponi che vogliono prendere per i fondelli il prossimo col fare da furbo pensando che siano tutti degli emeriti scemi a cui possono far bere quello che gli pare!.
    E’ da tempo che COGITO ||| qualcuno mi aiuti |

    "Mi piace"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: