Archivi tag: Rie

Le sardine dei petrolieri: dal rottamatore al trivellatore

moria pesci-politicafemminileOggi non scrivo proprio nulla, mi limito a segnalare ai lettori i sacri testi lasciateci dal capo indiscusso delle Sardine, quel Mattia Santori che avevamo individuato come ricercatore del Rie, una società privata che opera nel mondo dell’informazione energetica e guidata dall’economista Alberto Clò, antico sodale di Prodi nonché Consigliere di Amministrazione  del Gruppo Editoriale Gedi S.p.A  che edita Repubblica, Stampa e altre decine di giornali e periodici. A una intelligenza non velata dall’avanzare del nulla o tenuta in congelatore, questo sarebbe sufficiente a fornire indizi più che consistenti sulla natura leopoldesca e assai poco spontanea delle manifestazioni che nel loro dadaismo protestano non contro il governo, ma contro l’opposizione. Dietro però c’è molto di più  perché in realtà Santori si rivela essere un vero e proprio lobbista dei petrolieri e fan delle trivelle.

E’ lui che ha curato a suo tempo una pubblicazione congiunta del Rie e dell’Assominetaria ( qui ) in cui si cercava di dar da bere che il progetto Ombrina, ovvero quello delle piattaforme petrolifere davanti alla costa abruzzese dei Trabucchi era perfettamente compatibile con la tutela dell’ambiente. Parecchi governi di quelli che devono tanto piacere al Santori  fecero carte false per superare l’ostilità popolare che tuttavia alla fine la spuntò nel 2016 grazie anche a una grande manifestazione popolare di 40 mila persone a Pescara. La cosa indignò il Rie che nella sua pubblicazione online Rienergia scrisse “Ombrina Mare: vince chi urla più forte”, articolo non firmato ma probabilmente scritto dallo stesso Santori. Faccio notare che gli sponsor di Rienergia sono Anigas, Assogas, Assomineraria, Assopetroli, Federchimica, Unione petrolifera per mostrare quale oggettività possa albergare da quelle parti. Ma non si è trattato affatto di un incidente Santori infatti ha firmato su Formiche net nel 2014 e nel 215 due articoli a favore delle trivelle il primo (qui ) dedicato alle meraviglie dello Sblocca Italia che aveva dato via libera alle prospezioni ed estrazioni delle poche gocce i petrolio rinvenibile sulle nostre coste e il secondo ( qui ) che costituisce un atto di accusa contro chi si opponeva alle estrazioni  in Val d’Agri.

Ora apriamo un secondo capitolo e chiediamoci come mai Formiche net sia uno dei cotè editoriali che riceve e volentieri pubblica le prediche filo trivelle di Santori. Non bisogna andare tanto lontano, basta riferirsi al fondatore del sito e dell’omonimo pensatoio, Paolo Messa, attuale responsabile delle relazioni istituzionali di Finmeccanica (in pratica un elemosiniere del milieu politico)  ma anche un frequentatore dei servizi, su commissione dei quali ha scritto un breve saggio su “Industria e sicurezza nazionale” , è stato a lungo direttore del Centro Studi Americani , è senior fellow dell’Atlantic council un think tank americano con sede a Washington, il cui scopo è “Promuovere la leadership americana”, e vista questa sua posizione è paradossalmente anche membro del Comitato strategico del Ministero degli Affari Esteri, per evitare che qualcuno si dimentichi l’immediato sissignore agli Usa. Insomma come dire un vero amerikano, un componente di spicco della lobby di Washington.

Insomma questi sono i riferimenti tra i quali ha sempre navigato Santori, le organizzazioni che hanno messo in piedi le reti per la pesca delle sardine. Un’operazione a cui si è prestato per diventare da sconosciuto lobbista del petrolio un parlamentare trivellatore della Repubblica. L’Italia non si lega all’ambiente e men che meno all’intelligenza, ma al petrolio.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: