Annunci

Archivi tag: medicine

Venezuela, il reality del grande fratello

Accendete la televisione e molto probabilmente cascherete su una fiction,  su un qualche notiziario o su qualche reality pensando che siano qualcosa di completamente diverso, invece si tratta  di un unico genere trattato però con stili diversi: le serie o gli sceneggiati sono dichiaratamente narrativi e ambiscono ad essere riproduzioni analogiche e  metaforiche della realtà, i notiziari vorrebbero restituire la realtà così com’è e i reality sono un semplice gioco di simulazione. Tutti insieme però collaborano all’irrealtà sia che lo dichiarino, sia che lo nascondano: anni fa fu coniato il termine infotainment, il giusto correlato oggettivo della politica spettacolo, ma era già troppo tardi per cogliere appieno l’effetto matrice che l’insieme dalla comunicazione andava creando man mano che essa si concentrava in poche mani. Negli ultimi dieci anni questo sistema si è  rodato sull’Ucraina e sulla Siria non limitandosi a produrre qualche menzogna, ma creando un intero quadro di riferimento completamente artefatto, così che anche quando da queste scatole nere ( nel senso che avrebbero in fisica) riescono a far baluginare segnali di realtà prodotti grazie al fatto che esistono pur sempre gli avversari, essi non vengono creduti  e non ottengono l’attenzione che dovrebbero: rimangono come gatti di Schrödinger, veri e falsi, contemporaneamente, in una indeterminazione etico – politica che smorza ogni reazione.

Il Venezuela è il capolavoro di tutto questo e recentemente.Mark Cook un giornalista che sta seguendo da tre anni la vicenda del Paese sud americano ne ha fa fatto un lungo racconto che sarebbe anche divertente se non fosse al tempo stesso un bozzetto della vergogna. Si comincia dal 2016: “Ero seduto nel mio appartamento a Caracas, leggendo l’edizione online di Time Magazine (19 maggio 2016)  ) il quale  riportava che ” in Venezuela non esiste nemmeno qualcosa di così basilare come l’aspirina “. Sono andato alla farmacia più vicina, a quattro isolati di distanza, e ho trovato  abbondante aspirina, paracetamolo  e ibuprofene  con un team di professionisti esperti per invidiare qualsiasi farmacia degli Stati Uniti. Pochi giorni dopo l’articolo di Time, la Cnbc (catena internazionale di tv a tema economico ndr) lo riecheggiava sostenendo che prodotti di base come il paracetamolo non erano disponibili, cosa piuttosto strana visto che questo farmaco viene prodotto direttamente dalla succursale venezuelana della Pfizer. Ho comprato i tre prodotti, più sciroppo per la tosse e altri farmaci da banco perché dubitavo che qualcuno mi avrebbe creduto negli Stati Uniti se non avessi potuto mostrare questi farmaci nella loro confezione originale.  In effetti, avrei dubitato di me stesso se qualcuno mi avesse detto questo senza darmi una prova concreta, data l’intensità della menzogna.

Quando ho menzionato tutto questo in un dibattito all’Università del Vermont, uno studente mi ha detto che aveva avuto la stessa sensazione quando partecipava al campionato di calcio Panamericano. Si chiedeva se i giocatori venezuelani sarebbero stati in grado di giocare  indeboliti dalla mancanza di cibo. Però, ha detto, la squadra venezuelana ha giocato in modo superbo e ha raggiunto livelli di competizione più alti del previsto, anche contro squadre titolate come Brasile e Colombia.”

man Maduro

Enorme manifestazione in appoggio a Maduro praticamente ignorata dalla stampa occidentale

In effetti tutte queste notizie hanno un solo scopo che va oltre lo stesso Maduro e che si  è incarnato in reportage della Cnn del 2 gennaio scorso in cui esplicitamente  veniva evocata “l’utopia socialista che oggi svuota praticamente tutti gli stomaci”. E’ una tesi  che ricalca pedissequamente la propaganda della guerra fredda, segno che il capitalismo non ha altro da offrire che pance piene di cibo spazzatura, per poi svuotarle una volta che i fumi e i veleni della digestione abbiano intorpidito le persone (il people come dicono i piddini) come vediamo bene nel nostro stesso declino. Così non ci si può nemmeno stupire della differenza tra le manifestazioni del bolivarismo che raccolgono centinaia di migliaia di persone, anche un milione, e quelle dell’opposizione che fanno numeri 15 volte inferiori, nonostante le generose dazioni, anche se poi le foto vengono opportunamente scambiate o “adeguate” già in ripresa nella narrazione occidentale. Ma del resto non potrebbe che essere così, anche se per caso i report dal Venezuela fossero veri: viene infatti nascosto che la maggior parte dell’opposizione non sta con Guaidò come ha pubblicamente detto, Henrique Capriles Radonski, governatore dello stato di Miranda, legato a doppio filo con Israele e uno dei competitori più in vista di Maduro tanto da essere stato il suo principale avversario nelle elezioni del 2012.

La cosa è meno leggera di quanto non si pensi: una grande manifestazione antigovernativa avrebbe potuto rendere possibile un colpo di stato, una manovra che gli Usa hanno utilizzato spesso – in Iran nel 1953, in Guatemala nel 1954, in Brasile nel 1964 e in molti altri casi fino a l’Honduras nel 2009 e l’Ucraina nel 2013. Ma l’affluenza alla “grande mobilitazione” annunciata dall’amministrazione Trump è stata deludente e il colpo di stato non è riuscito, Guaidò è ormai un morto che cammina ( vedi qui)  . Il risultato è che Trump ha improvvisamente espresso un vivo interesse nel consegnare medicine e cibo ai venezuelani, lo stesso uomo che ha nascosto la morte di 2500 persone a Porto Rico per mancanza di aiuti dopo un uragano e mette in gabbia i bambini  al confine con il Messico, da un’ora all’altra si è trasformato in un campione di aiuti umanitari: davvero irreale, grottesco, ma i media fingono di prenderlo sul serio. Anzi la maggior parte ​​ha oscurato informazioni provenienti dalla Croce Rossa e dall’ONU – che stanno già fornendo aiuti umanitari al Venezuela con l’approvazione del suo governo – rifiutando di amministrare aiuti statunitensi ritenuti uno stratagemma politico – militare come dimostrato anche dalla cattura di un aereo americano  pieno zeppo di armi invece che di aiuti.

Ignobili, ma divertenti anche le fole sugli ospedali che tendono a criminalizzare l’unico governo che abbia tentato di estendere la sanità anche ai ceti più poveri. Quando il New York Times ha prodotto alcuni articoli  sostenendo che le condizioni negli ospedali venezuelani erano orribili ha suscitato la rabbia dei colombiani a New York, i quali hanno notato che un paziente può morire alla porta di un ospedale pubblico in Colombia se non si  ha una onerosa assicurazione privata, raggiungibile solo da pochi, mentre in Venezuela, i pazienti sono trattati gratuitamente. Tali condizioni in Colombia come in altri regimi neo-liberali, non sono ovviamente menzionati dai media statunitensi pappa e ciccia con il regime colombiano di destra che direttamente o attraverso 800 aziende legate agli Usa ha governato con gli squadroni della morte. E del resto basterebbe solo riferirsi al fatto che i governi bolivariani del Venezuela hanno creato 12 nuovi grandi ospedali e ne hanno ristrutturati e ammodernati oltre cento: tutte cose che vengono in un certo senso censurate per cui poi non si capisce come mai la maggioranza dei venezuelani stia con Maduro, nonostante una informazione interna all’80 per cento in mano ai magnati dell’opposizione.

Ma sono considerazioni assurde perché tutto questo è solo un reality da grande fratello, la sordida finzione di un sordido potere.

Annunci

Salute liberista: il dramma della sanità in Grecia

092745267-727721e5-9793-44e6-aae1-b335eedc5889Due mesi fa è uscito Le confessioni, un buon film di Roberto Andò con Toni Servillo e Daniel Auteil che narra la storia di un frate invitato per vie a traverse a una riunione del G8 in Germania e che riesce a sventare un piano dei potenti per affossare i Paesi deboli nella convinzione che l’economia capitalistica abbia bisogno della distruzione per reggersi. Non so se il botteghino abbia sprriso, ma ne dubito non essendo inzeppato da supereroi, agenti della Cia che salvano il mondo, baldi soldati che, attualizzando ciò che disse uno spartano a un ateniese, esistono solo nei film, effetti speciali per gli specialissimi cretini contemporanei. Però quel film, per quanto angoscioso anche se  un po’ corrivo nell’affidare la chiave di volta della storia a un prete, è arrivato tardi, è già stato superato dalla realtà: il piano che ipotizza  sta già avendo attuazione. Nulla è stato sventato.

Un report della banca di Grecia  su Riforme della salute, crisi economica e impatto sulla salute della popolazione, dipana un panorama davvero desolante se non tragico: pur in un quadro di calo progressivo delle nascite la mortalità infantile è aumentata del 50% con un aumento del 19%  dei neonati sottopeso; le malattie croniche sono aumentate del 24%, mentre è aumentato del 15% il numero delle persone abbandonate dalla sanità che pubblica che non possono più lavorare a causa di patologie di vario tipo. Del resto il 79% dei cittadini Greci non ha assicurazione sanitaria  dice la Banca come se si trattasse di una colpa è dunque rimane senza medicine e senza assistenza, nello sfascio dell’assistenza pubblica, mentre i liberi professionisti non hanno soldi per pagare i contributi. Tutto un insieme di cose che non tarderà a far crollare le aspettative di vita, immagino con grande soddisfazione della Lagarde.

La cosa più odi0sa , incomprensibile, incivile è che la Banca di Grecia, cruna dell’ago di tutto ciò che è accaduto negli ultimi otto anni, fa sfoggio non solo di noncuranza umana, ma anche di quella ottusa ipocrisia contraddittoria che è la punta di diamante della scienza liberista. Nel report sostiene che  “i forti tagli nella spesa pubblica non sono stati accompagnati da cambi o miglioramenti nel sistema sanitario per limitare le conseguenze per i cittadini più deboli e gli strati più deboli della società.” Con quali soldi si doveva migliorare visto che uno dei diktat imposti per salvare il Paese dalla bancarotta  eurista , imponeva la drastica riduzione delle spese sanitarie? C’è  dunque la tragedia e c’è la beffa dei colpevoli che si permettono di salire in cattedra  cercando di addossare ad altri le loro specifiche e ben conosciute responsabilità.

Del resto questo è il gioco delle tre carte che la finanza produce a livello politico: da una parte impone misure di impoverimento, di distruzione dei diritti e del welfare, con la precisa consapevolezza delle conseguenze a cui tutto questo porta, anzi cercando proprio quelle conseguenze. Dall’altro però finge disappunto o sorpresa di fronte ad esse e addossa la colpa ora all’ignaro populismo dei cittadini che dovrebbero essere tenuti ben distanti dalle decisioni, ora alle Costituzioni troppo democratiche, ora a quella politica che hanno comprato in blocco e che si presta a fare da palo al nuovo medioevo. Il fatto è che questa elite di barbari in doppio petto sa bene che le superstizioni economiche che spaccia per scienza non hanno senso, che hanno fallito qualsiasi previsione, ma agiscono “come se” fossero vere per renderle reali. Cioè pur avendone saggiato la vacuità (vedi, tanto per fare un esempio minimo, le teorie austeritarie ribadite  anche di fronte al loro palese fallimento)  se ne servono per instaurare un sistema politico dove l’invocata disuguaglianza, l’assolutizzazione del profitto, la favola del mercato regolatore abbiano incarnazione. L’economia liberista non è una scienza è un programma politico che prova ad auto avverarsi e del resto le sue pretese sono talmente arcaiche nel tempo del pensiero complesso e della non linearità da apparire come la teoria tolemaica di fronte alle esplorazioni satellitari.

Così l’ultima cosa che può sorprendere è l’ipocrisia della Banca di Grecia che illustra la realtà nascondendo il fatto che essa è il prodotto di quell’universo mentale teorico nel quale agisce e si ritrova. Rifiutando le responsabilità e quasi trasformandole in merito. Un po’ per non far torto ai dogmi e continuare a credere in essi, un po’ per cercare di sedare il nuovo spauracchio delle elites: i segnali sempre più chiari di una frattura con i ceti popolari e con i possibili sbocchi politici a cui può portare una volta che si sia consumata l’illusionismo delle sinistre di governo, delle socialdemocrazie a cottimo o acquisite in blocco per corrispondenza come in Grecia. Non si può nemmeno escludere che il rapporto sia stato tirato fuori per segnalare a chi di dovere le difficoltà in cui versa la stessa sanità privata con il calo di pazienti e contributi: i greci ricchi e banchieri insieme ai loro sottocoda ci tengono alla salute, a essere fit e forse pretendono un aiutino.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: