Annunci

Archivi tag: Gelli

Boschi, fumati un toscano

sig Anna Lombroso per il Simplicissimus

Ancora ferita dalle critiche di stampo esplicitamente sessista dopo la sua apparizione in bikini in risposta alle dichiarazioni a bordo piscina del bagnino di papetee che lei aveva con tutta evidenza considerato meritevoli di un elevato e armonioso contrappunto (ne ho scritto qui: https://ilsimplicissimus2.com/2019/08/19/bikini-e-bagnini/ ),  Maria Elena Boschi si sfoga contro il complotto della piadina che avrebbe condannato all’eclissi la meritevole cricca toscana.

Spero che l’assenza di toscani nel governo non sia una punizione per Renzi, si lamenta la più prestigiosa squinzia che abbia abitato il palazzo. Facendo dunque intendere che il comitato d’affari  impersonato dalla dinamica De Micheli finchè a barca va (e chi non nota una somiglianza con la cantante Orietta Berti) ha oscurato quello della Leopolda  come dimostra la tempestiva accelerazione data a tre opere locali strategiche: Passante di Bologna, bretella dui Campogalliano-Sassuolo e Porto di Ravenna, mettendo in secondo piano altre iniziative fino a ieri prioritarie come l’ampliamento dell’aeroporto di Firenze.

La  strategia costruttivista del nuovo Pd all’ombra delle torri si avvale della temporanea alleanza di impresa di altri campanili in attesa di riconoscimenti sigillati dal cemento, prime tra tutte le regioni che aspirano all’autonomia e che sia pure in assenza del loro officiante vanno sul sicuro certe di conquistare la loro secessione  legale grazie alla “appropriazione”  del  cosiddetto residuo fiscale, ovvero la differenza fra quanto i cittadini versano allo Stato centrale per il pagamento delle tasse e quanto ricevono come trasferimenti dallo stesso Stato centrale, eccettuate invece quelle del Sud e quelle del Centro Italia che le tasse le pagano eccome, compresi i soggetti vittime del sisma.

Così la vestale del Giglio Magico dà voce alle preoccupazioni del sindaco di Firenze  Nardella, del presidente della Regione Rossi, cui si deve una legge urbanistica che di fatto cancella la partecipazione dei cittadini ai processi decisionali che riguardano il territorio, in previsione dell’opposizione popolare proprio all’aeroporto e ad altre nefandezze in fieri nella un tempo ridente Toscana. Ma è sicuro si faccia interprete anche per via dinastica delle inquietudini di un ceto affaristico finanziario che ha trovato nutrimento in banche criminali e supporto in imprese speculatrici i cui interessi spaziano dallo sport al turismo, dal settore immobiliare attivo nella cacciata dei residenti  e degli artigiani delle città d’arte per far posto al terziario dell’accoglienza e del lusso, a quello non marginale del mercato della bellezza, “operatori” in forma di multinazionali che organizzano eventi, fanno import-export di opere  foraggiando tutto l’indotto di assicurazioni, trasporto, editoria di settore, e poi quell’esercito precario di guardianie, inservienti, osti, affittacamere che si illudono davvero che la cultura sia come il salame da infilare tra due fette di salame come sosteneva Tremonti e i nostri musei dei juke box come voleva appunto Renzi.

E capirai, mica può arrendersi quell’irriducibile parterre della Leopolda, fatto di rampanti della Firenze da bere che fanno rimpiangere i delfini di Craxi, ma somigliano di più alle comparse dei film di Pieraccioni e degli spot con Panariello, finanzieri che fanno la spola tra Cigoli e le Cayman, aspiranti spioni che vogliono mettere a frutto le lezioni dell’aretino Gelli, bancari che hanno visto troppe volte al cine le performance di Gekko, boy scout che vogliono arrivare in alto senza fatica, senza lavoro nemmeno quello di erigere una canadese e che non si rassegnano alle inevitabili e meritate cadute, spiriti distruttivi che auspicano di rigenerarsi dalle rovine che hanno prodotto.

Sono capibastone che finalmente sono stati bastonati, non facciamogli rialzare la testa.

 

 

Annunci

Lottizza, lottizza… e Lotti restò solo

RAnna Lombroso per il Simplicissimus

Ci sono stati tempi nei quali quasi nessuno sapeva chi fosse Luca Lotti, salvo gli addetti ai lavori che di lui avevano appreso che era l’amico del cuore dell’allora presidente del consiglio fin dagli esordi politici del ragazzone di Rignano, proveniente come lui dagli ambienti democristiani di partito, canonica e patronato.

Si raccontava che quel suo stare nell’ombra era generato da un’indole riservata e schiva così lontana dagli usi dei conterranei al governo. E infatti circolavano poche interviste strappate e scarne dichiarazioni, almeno fino a oggi, quando è salito, come si diceva una volta, agli onori della cronaca e ha  rivelato una inedita vena colloquiale e narrativa.

Ma qualcuno che volesse conoscere meglio  il personaggio che nella sua tenebra  ha mestato e maneggiato per orientare  le nomine del Consiglio superiore della magistratura, per collocare ai vertici della Procura di Roma e di Firenze, Torino, Brescia, Salerno, persone “fidate”, così da poter pilotare indagini scomode, in testa quella sulla Consip, la centrale acquisti della Pa, nella quale è coinvolto lui con l’accusa di favoreggiamento, insieme all’imprenditore Romeo e ai capostipiti della dinastia Renzi,  potrebbe trarre qualche gustoso spunto ascoltando, per esempio,  un dialogo con il direttore della Nazione del novembre scorso, nel quale il giornalista con quel piglio indagatore che contraddistingue la nostra informazione ufficiale lo mette alle strette interrogandolo sui destini del Pd intrecciati con quelli della Toscana, del Paese e dell’Europa.  E  lui, con quel bel vernacolo e il volto immoto che lo fa parere un figurante minore in uno spot telefonico di Panariello nel ruolo dell’ebetino che non sa scegliere l’abbonamento migliore, fa sapere che bisogna tornare all’Europa dello Spinelli, del quale fa capire di essere appassionato agiografo,  che la vita di un partito è così, si va e si viene e dunque   al governo del finto cambiamento succederà quello del desiderato riformismo moderato del sua partito. E che il problema di Firenze ben governata da Nardella gli è il trafficohh, proprio come nella Palermo di Lima, problema che però è in via di soluzione grazie ai buchi della sotterranea, così la città del Giglio sarà pronta agli alti destini che le riserva la realizzazione del nuovo aeroporto.

Vale la pena di sopportare quei 10 minuti di giornalismo minore o forse di antropologia in pillole, perché risulta ancora più sconcertante la figura del personaggio che, come nella tradizione toscana inaugurata da Gelli  e senza tirare in ballo il mostro di Firenze – lui è di Empoli – ha compiuto i suoi crimini nell’occulto poco appariscente delle siluette sullo sfondo dell’esibizionismo narcisistico di quella cerchia. E non si capisce se fosse per calcolo, in modo che l’accreditato non sembrasse minaccioso per interessi altri in competizione, o invece per pudore di mostrare a chi erano state affidate mansioni così delicate. Perché se proprio  in seno alla Leopolda c’era bisogno di forgiare un faccendiere intrigante e poliedrico, un trafficone così multitasking: sport, banche, infrastrutture, servizi segreti, allora almeno per accontentare la stampa e il nostro immaginario piuttosto che il Lotti detto “il lampadina” per via dei capelli più che dell’intelligenza luminosa, torpido e scialbo come un impiegato del catasto, eravamo autorizzati a aspettarci un eroe negativo più torvo e mefistofelico.

Oggi che si esprime e parla, parla, parla, si espone e si dimette trincerandosi dietro prestigiosi correi, è ancora più inspiegabile la sua carriera, basata su una personalità accreditata come eclettica e versatile dietro l’apparenza rassicurante di un uomo macchina, come lo definiva il suo più influente datore di lavoro e di fiducia già al suo primo incarico in Provincia di Firenze, disposto a agire senza comparire e mettere in ombra il suo protettore, spregiudicato con l’aggravante sempre rivendicata da quella cerchia: solo chi fa sbaglia, come ha sempre proclamato la divinità più citata del loro pantheon, Blair cui si deve l’emblematico aforisma:  «Il potere senza principi è sterile, ma i principi senza poteri sono inutili».

Grazie al suo atteggiamento di servizievole “numero 2” o 3 o 4 al bisogno, in ossequio al mito del giovanotto che si fa da sé, venuto su dal nulla e ricompensato per la sua generosa fidelizzazione, è stato collocato dove serviva:   sottosegretario di stato alla presidenza del consiglio dei ministri con delega all’editoria nel Governo Renzi, quando serviva un po’ di potere di persuasione e ricatto, di blandizia e intimidazione nei confronti della stampa per far accettare il piccolo napoleone, influente segretario del comitato interministeriale per la programmazione economica, quando occorreva qualcuno che facesse il cagnetto da guardia nel settore delle opere e degli appalti, e della spesa pubblica quando era bene ridurre quella sociale, ministro dello Sport  nel governo Gentiloni, quando la partita i gioco era quella degli stadi da realizzare ( vecchi : Juve (155 milioni), Sassuolo (3,75 milioni) e Udinese (500 mila euro all’anno),e nuovi: Roma   e Fiorentina)non per appagare la voglie di circenses in cambio di pane dei tifosi, ma l’avidità di costruttori e immobiliaristi premiata grazie all’urbanistica contrattata che concede loro aree a prezzi stracciati, deroghe illegittime, cubature per terziario e lottizzazioni spericolate  e riserva alle amministrazioni e a noi l’onere delle infrastrutture necessarie.

Per non dire della sua candidatura continuamente ripresentata alla delega ai  Servizi Segreti, incarico che, lo comprendiamo meglio oggi, era strategico al suo ruolo di mestatore istituzionale e gli avrebbe permesso di comandare in prima persona nella guerra delle intercettazioni e di proteggere dalla poltrona più prestigiosa la figura e l’onorabilità del suo boss, oggetto, Renzi lo scrive in una sua immortale opera letteraria, di un complotto ordito da magistratura sleale e Arma infedele, capitano Ultimo compreso.

Per non dire anche della veste assunta di patron dell’aeroporto di Firenze, quello che, sono parole dell’ex sindaco e oggi di quello in corso, accrediterà la città del Giglio come destinazione turistica, in barba alle preoccupazioni dei residenti e pure dell’Unesco, e simbolo rivendicato del partito del Si, che vuole contrastare quello dei No, compresi ben 20 sindaci dell’area interessata che da un anno si battono contro l’imprudente iniziativa e l’esclusione dal processo decisionale. Ci teneva talmente a quel progetto da farsene pubblicamente testimonial alla faccia delle denunce per la dimostrata incompatibilità ambientale: altera in modo irreversibile l’equilibrio dell’ecosistema della Piana e minaccia la salute di tutte le popolazioni da Firenze a Prato a Pistoia, è inconciliabile con il Parco Agricolo della Piana, con le attività del Polo Scientifico di Sesto Fiorentino e della Scuola Marescialli; gli auspicati 5 milioni di passeggeri/anno si combinano con emissioni, rumori, polveri, rischio idrogeologico e consumo di altri 380 ettari di suolo in un territorio già saturo di funzioni urbanistiche e di fonti inquinanti.

E ci credo che il Pci, il Pds, il Pd non hanno mai voluto cavalcare il destriero vincente della condanna del conflitto di interesse: la loro visione geopolitica della globalizzazione è sempre servita per incastrarci dentro il disbrigo delle loro faccenduole sporche e dei loro affari di famiglia. E, viene da dire, il povero Lotti si occupava, di nome e di fatto, delle lottizzazione, come un collettino bianco  proteiforme e come un manovale premuroso.

A loro piace la fidelizzazione non la fedeltà e  lo doveva sapere che l’avrebbero lasciato colare a picco e da solo, facendolo passare per un genio del male, mentre era solo l’incarnazione di un clan di piccoli marioli alle prese con un golpe più grande di loro.

 

 

 

 


Gellificazioni

10454733443_b7326178b5_bL’erba cattiva non muore mai. Il detto popolare ha un senso perché non basta estirpare qualche filo, l’opera di disinfestazione deve essere attenta e continua per ottenere successo. E così non è stato sufficiente isolare in qualche modo il venerabile stelo aretino di nome Licio Gelli pensando o facendo finta di pensare che così si fosse superato il problema P2. Adesso che il venerabile Gelli è definitivamente morto in veneranda età ci si accorge che molto di quanto aveva tramato e pensato si è realizzato. Lo disse lui stesso in piena epoca berlusconiana: “Ho una vecchiaia serena. Tutte le mattine parlo con le voci della mia coscienza, ed è un dialogo che mi quieta. Guardo il Paese, leggo i giornali e penso: ecco qua che tutto si realizza poco a poco, pezzo a pezzo. Forse sì, dovrei avere i diritti d’autore. La giustizia, la tv, l’ordine pubblico. Ho scritto tutto trent’anni fa”.

Una tracotante confessione piuttosto nota di fronte alla quale il Paese non ha saputo avere un guizzo di dignità, di verità o di ribellione, come del resto applaude agli ultimi sviluppi del piduismo portati avanti da personaggi nati e cresciuti in quella stessa vorace e ignorante temperie culturale e geografica. L’erba cattiva è cresciuta e anzi ora diffama quella buona dicendo che essa è il vero complotto. Quindi meglio di tante considerazioni riporto la prefazione di “Gelli e la P2” una pregevole (si fa per dire) opera dello storico ufficiale della massoneria italiana Aldo Mola, monarchico prima noto soprattutto per le fantasiose interpretazioni della marcia su Roma, secondo le quali Mussolini sarebbe stato una comparsa e il vero fascista il Re al quale in definitica si dovrebbe attribuire tutto il merito della dittatura. Già questo ci introduce all’atmosfera mentale della prefazione nella quale si sostiene che il “complotto piduista” sarebbe stata l’invenzione vincente per abbattere il centro moderato e risucchiare così la sinistra democristiana nel calderone della Sinistra di matrice comunista. Traveggole senza senso e tra l’altro in diretto contrasto col pensiero del venerabile oltre che con la realtà, ma che testimoniano della impressionante ricrescita libera delle erbe infestanti e delle maligne mutazioni del pensiero elementare. Così si sbeffeggia la commissione P2 e Tina Anselmi con la doppia impunità dell’ambiente ormai favorevole ad ogni inquinata fantasia autoritaria e al fatto che il documento che segue è l’introduzione all’edizione romena.  Comunque buona lettura, nella speranza che la difesa della mala erba possa servire più dell’ accusa a conoscere il piccolo mondo dei miserabili conformismi reazionari, il loro metodo e il loro spirito.

“La verità prima o poi si fa strada.
Sono trascorsi trent’anni da quando, il 17 marzo 1981, alcuni magistrati della Procura della repubblica di Milano ordinarono la perquisizione dell’abitazione e degli uffici di Licio Gelli. In questi giorni uno di essi, Gherardo Colombo, ha ripetuto ai giornali quanto già scrisse in Il vizio della memoria: andavano in cerca di documenti sui rapporti tra Gelli e Michele Sindona. Nella sede
della Gio.le, a Castiglion Fibocchi, i militi si trovarono tra le mani varie carte e un brogliaccio con i nomi degli iscritti alla loggia “Propaganda Massonica” n.2, del tutto estranea all’inchiesta. Dopo un frenetico consulto telefonico con Milano sequestrarono tutto. Le carte furono protocollate e
fotocopiate. Secondo Colombo costituivano la prova che la Repubblica era minacciata. Da parte di chi? Secondo Colombo ad assediarla erano proprio gli stessi che ne garantivano stabilità e sicurezza: alti gradi delle Forze Armate,vertici dello Stato, parlamentari dei partiti di governo,
giornalisti, professionisti, un migliaio di persone tranquille e dabbene. Un assurdità. Però…
Però all’opinione pubblica gli estremisti di opposte fazioni e giornalisti in cerca di facile successo narrarono una verità del tutto diversa: misero sotto accusa Gelli e la massoneria e alimentarono la ricorrente psicosi del colpo di Stato.

Raggiunsero l’obiettivo. Il presidente del Consiglio dei ministri, Arnaldo Forlani, si dimise. Fu sostituito da Giovanni Spadolini, esponente di un partito piccolissimo, con molti militanti massoni e qualche iscritto alla P2. Spadolini cavalcò l’onda: annunciò che bisognava affrontare quattro emergenze. Secondo lui la più grave era la P2.

Dal quel corto circuito politico-mediatico nacquero prima la commissione dei “saggi” (istituita da Forlani) che a maggioranza concluse che bisognava indagare più a fondo, poi lo scioglimento della P2 da parte del Parlamento (senza alcun fondamento culturale, giuridico, storiografico: una
decisione politica che mise a nudo lo sbandamento emotivo delle Camere), infine la Commissione parlamentare d’inchiesta che dopo un paio d’anni si chiuse con sei diverse relazioni: altrettante ‘verità’,o meglio altrettante opinioni. Negli anni seguenti furono pubblicati gli Atti dei suoi lavori:
quasi centomila pagine,oggi dimenticate.

Che cosa rimane di quella tempesta?
Sarebbe falso dire che tutto finì in nulla. Tante vite e tante oneste carriere furono stroncate. La massoneria finì e rimane sotto scacco. La libertà d’associazione risultò incerta. Ma soprattutto entrò in crisi irreversibile il ventaglio dei partiti dalla destra moderata al partito socialista,passando
attraverso socialdemocratici, repubblicani, liberali e democristiani:quel “grande centro” che dieci anni dopo fu liquidato definitivamente da “Mani pulite”, sotto la cui pressione la sinistra democristiana si consegnò mani e piedi legati all’ex Partito comunista che completò il disegno avviato nel marzo 1981 e fu il vincitore di quella partita (in premio oggi ha un consiglio nazionale
presieduto da Rosy Bindi).

Sarebbe falso dire che non accadde nulla. In realtà l’ “affare P2” fu una manovra politica studiata a tavolino: avviata sin dalla denuncia anonima (!) contro Licio Celli (sic!) risalente al 1975, e alla richiesta di chiarimenti sulla P2 e la massoneria da parte del capogruppo del PCI alla Camera, Alessandro Natta, nel 1978. E continuò con la richiesta di incriminazione per attentato alla
Costituzione a carico del Presidente della Repubblica Francesco Cossiga avanzata dai parlamentari del PCI.

La vera strategia, il vero colpo di stato avviato in quegli anni e attuato con metodica tenacia emerge ora dalla pubblicazione degli appunti vergati da Tina Anselmi fra il 30 ottobre 1981 e il 17 maggio 1984.  Apparentemente essi non aggiungono nulla di importante a quanto si sapeva sui lavori della Commissione parlamentare d’Inchiesta sulla loggia Propaganda massonica n. 2 e sulla sua presidente. Tuttavia questi “diari segreti” e i “foglietti” anselmiani vengono enfaticamente intitolati, sono interessanti perché mettono definitivamente a nudo la mentalità e il modus operandi dei protagonisti dell’ “affare”.

Tina Anselmi narra che, quando venne invitata da Nilde Iotti, deputata del partito comunista italiano e presidente della Camera, ad assumere la presidenza della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla P2, le bastarono appena quindici minuti per accettare: un quarto d’ora durante il
quale telefonò al democristiano Leopoldo Elia, presidente della corte costituzionale, che la incoraggiò ad assumere l’incarico propostole da Iotti sia perché entrambe erano state partigiane, sia nel timore che il presidente del senato, Amintore Fanfani, avanzasse un proprio candidato, come era
naturale per la priorità della Camera Alta rispetto a quella dei deputati.
Anselmi aggiunge che due mesi dopo l’insediamento, il 5 dicembre 1981, lo stesso Elia le dettò la linea da seguire e i nomi degli “esperti” ai quali rivolgersi. Carlo Moro, Fulvio Mastropaolo, Pierpaolo Casadei Monti, Eugenio Selvaggi, Tommaso Morlino: nessuno dei quali (che si sapesse o
si sappia) aveva pubblicato un solo rigo sulla massoneria. Ma la commissione non aveva scopi culturali o storiografici, bensì politici:l’annientamento delle componenti razionali e “occidentali”del Centro a vantaggio dei cattocomunisti.

Leopoldo Elia fece di più. Indicò ad Anselmi l’itinerario da seguire: scavare sulla presidenza Saragat, indagare sull’influenza della massoneria contro la candidatura di Aldo Moro alla presidenza della repubblica sin dalla presidenza Saragat e sull’ultimo viaggio del leader democristiano negli Stati Uniti d’America; e infine le dettò il “compito storico: con la giustizia
determinare il cambiamento di una parte della classe dirigente del paese, compresa quella della Democrazia cristiana”

E’esattamente quanto si è poi verificato ed è tuttora in corso: tentare di rovesciare la classe dirigente “con la giustizia” cioè utilizzando inchieste giudiziarie e processi non solo mediatici. La Commissione sulla P2 precorse quanto poi venne perfezionato da Tangentopoli: l’azzeramento di
Psi, Dc. Psdi, Pli e Pri, i cui esponenti di spicco furono emarginati, mentre talune loro frange s’intrupparono nell’ex Partito comunista italiano il cui vertice rimase compatto e indenne.

Dagli appunti si constata che Tina Anselmi (come del resto la maggior parte dei componenti della commissione) brancolò nel buio tra rivelazioni, sussurri e grida che accompagnarono i lavori. Sotto la data 17 dicembre 1981 Anselmi annota per esempio che, tramite la sorella Susanna, Gianni Agnelli le rivelò che “il vero capo della P2 era Lelio Lagorio”, deputato socialista, ministro della
Difesa, per breve momento presidente del consiglio in pectore e a mio non sommesso avviso uomo di specchiatissima dirittura. L’asserzione è talmente enorme da far dubitare dell’attendibilità degli appunti, non nel senso che essi non siano di mano di Tina Anselmi ma perché inducono a domandarsi se la deputata democristiana abbia sempre capito quanto le veniva detto o riferito di seconda o terza mano e se abbia saputo sceverare le dicerie dai fatti.
Questi appunti, insomma, vanno confrontati con gli Atti della Commissione parlamentare. Così, per esempio, l’asserzione da lei attribuita all’ “Avvocato” andrà confrontata con la dichiarazione resa da Gianni Agnelli ai commissari, senza previo giuramento a differenza della miriade di altri testi: una testimonianza nella quale Agnelli dichiarò che la Fiat aveva finanziato il grande Oriente d’Italia in misura generosa ma non quantificata con certezza, né per scopi precisi: “a fondo perduto”.

Anselmi fece da ricetrasmittente delle dicerie che dall’orecchio passano sulla carta: “I due De Benedetti (Carlo e Franco) hanno fatto domanda d’iscrizione alla P2 a Torino”. Novella Giovanna d’Arco, “sente le voci”: ma a differenza della Pulzella non le arrivano dal cielo bensì dal ministro dell’Interno, da magistrati, da giornalisti, da sicofanti… E lei scrive, annota, disegna. Soffre e
s’indigna. Ossessionata dalla massoneria, dalla P2, dai piduisti, dal Male.
A rischiararle la via arrivarono anche alcuni sedicenti “massoni democratici”, cioè alcuni signori radiati dal Grande Oriente d’Italia che da anni riempivano le cassette delle lettere di parlamentari, redazioni di quotidiani di sinistra e settimanali scandalistici con chili e chili di “rivelazioni”.

Usavano i media per vendicarsi e offrivano ai massonofobi la “prova” di quanto fosse perversa la Libera Muratoria: golpista, stragista, corruttrice. Tra i tanti massoni democratici, uno assicurò che “Andreotti è nei fascicoli di Gelli non trovati. Gelli entrava a Palazzo Ghigi senza riscontri”.

Naturalmente la staffetta partigiana scriveva, ghiotta e aggiungeva: “L’avvocato Agnelli dava i soldi senza essere massone?!”. Benefattore senza secondi scopi?
Il 6 aprile 1982 Anselmi sintetizzò i pareri dei tre saggi ai quali Forlani aveva affidato il parere sulla segretezza della P2. Secondo Crisafulli “non è solo la P2 segreta, ma tutta la massoneria”. A giudizio di Lionello levi Sandri la P2 era politicamente pericolosa. Aldo Sandulli invece affermò che “la loggia non aveva finalità politiche”. La maggior parte dei testi ribadì infatti che sia Gelli sia i piduisti non avevano affatto l’intento di sovvertire un quadro istituzionale e politico nel quale si riconoscevano; semmai volevano consolidarlo.

Contro Gelli e la P2 scesero in campo altri massoni, a cominciare da Armandino Corona “venuto appositamente dalla Sardegna (a Roma), con l’aereo privato” (che Corona non possedeva affatto). Il
futuro gran maestro del Grande Oriente dichiarò che “nel governo della massoneria ci sono tutti i partiti, compreso Pci e DC (figurano come indipendenti)”. L’8 giugno Anselmi annotò la soffiata avuta da Corona: allo Sporting Club di Losanna Gelli riceveva a fine settimana quattro cinque
persone ogni volta. Vero? Non vero? Corona è morto e non può né confermare né smentire.
Interessanti sono gli appunti di Anselmi sulle deposizioni di ministri e politici, come Gian Aldo Arnaud (“Entrai nella massoneria per avere protezione, sicurezza…”), Massimo De Carolis, Francesco Cosentino, Egidio Carenini, Emo Danesi, Enrico Manca, Publio Fiori (“bugiardo” annota Anselmi, forse un po’ prevenuta), Franco Foschi,..
Altrettanto quelle di Giorgio Pisanu, a contatto con Flavio Carboni e Ciriaco De Mita, Mario Pedini, Pietro Longo, Pierluigi Romita… La presidente annota puntigliosamente quanto può servire alla guerriglia interna tra correnti e capibastone del suo partito e tra le varie componenti dell’arco centrista (DC, Psdi, Pri, Pli), mentre sin dall’inizio dell’inchiesta dà per scontato che i socialisti fossero impegolati nella massoneria sino al collo, in strana combutta con gruppi della destra conservatrice, monarchica, incline alla restaurazione dei valori dello Stato. Non la sfiora il sospetto che qualche comunista potesse essere interessato alla Libera Muratoria. Al riguardo si appaga delle
sdegnate proteste di quanti smentiscono fermamente che qualche compagno potesse essere stato tentato dagli ideali di libertà, uguaglianza, fratellanza…

Tra le molte “testimonianze” spicca per superiorità quella del democristiano Adolfo Sarti, ministro di Grazia e Giustizia che conobbe Gelli tramite Roberto Gervaso: “Il discorso sulla massoneria era finalizzato a offrire un’area di incontro e confronto fra le aree culturale e politica della mia parte (la Democrazia cristiana ndA) e quella di parte laica. Sembravano anche essere
venute meno le pregiudiziali religiose sulla massoneria. Decisi di siglare l’adesione alla massoneria, spinto prevalentemente da curiosità culturale. Feci la revoca per telefono, parlando con Gelli (…)
Non ho mai fatto rinuncia scritta, nell’anno successivo in cui Gelli mi scrisse annunciandomi l’accettazione”.
La scarna deposizione di Sarti è la sintesi dell’intera vicenda.

A differenza di quanto venne detto ed è ancora ripetuto, la Loggia Propaganda massonica n. 2 non fu affatto la metastasi della massoneria, né stava alla Libera Muratoria come le brigate Rosse al Partito comunista. Il punto è che l’Italia era un Paese in cronico ritardo sull’Occidente. Chiuso nella
tenaglia di clericali e stalinisti, con una pesante eredità di fatuo nazionalismo, che è altra cosa dall’identità nazionale, era dominata da una sottocultura minoritaria nella qualità delle idee ma maggioritaria nel controllo del potere (come del resto accade ancor oggi). I suoi idoli erano gli “anti”: Alfredo Oriani e Antonio Gramsci, Piero Gobetti…a tacere di don Milani.

In quel serraglio ideologico era davvero ardua l’opzione massonica, tanto più in un quadro internazionale che vedeva la gara fra Terza e Quarta internazionale, tra URSS e Cina, tra i movimenti di liberazione armati dall’Africa all’America centro-meridionale tramite Cuba e il caos nel Vicino e Medio Oriente. In quel groviglio il direttore del Cesis affermò che “molti dirigenti dei servizio segreti aderirono alla P2 per controllare Gelli”, che però secondo altri controllava i servizi segreti italiani per conto della Cia o del KGB o di vari altri Paesi o magari di schegge del terzo
Reich… Giro-girotondo, come è bello il mondo.

In tale scenario Tina Anselmi appuntava che il banchiere Roberto Calvi “era di un ermetismo non comune. Non diceva nemmeno a se stesso le cose”. Chi non parlava, chi non vedeva. Era il caso della Banca d’Italia che, a giudizio di Orazio Bagnasco, “banchiere, socialista” secondo Anselmi, “non presupponeva il crac (di Michele Sindona ) e così nessun altro uomo di finanza”. Non
sorprende, del resto. La Banca d’Italia non ha “presupposto” la crisi finanziaria che da anni ha sconvolto la vita economica del Pianeta e non ha fornito alcuna ricetta per uscirne se non i consigli dell’ovvio buon senso. Perciò venne decisa l’affossamento del banco Ambrosiano, come lucidamente previsto da Michele Sindona e annotato da Anselmi: “Nonostante il Banco ambrosiano sia solido, per ragioni ideologiche si liquiderà il Banco, perché non si vuole una presenza privata”.

Ora è definitivamente chiara l’ enormità delle prevaricazioni compiute dalla presidente della commissione parlamentare d’inchiesta che operava con i poteri di magistrato ma con coperture politiche e quindi al di fuori di ogni norma. Così Anselmi decise perquisizioni e sequestro di documenti e sempre molto tardivamente si accorse della fuga di notizie, del fiume di carte che dalla
commissione ( che pur era tenuta a operare con il rispetto delle norme procedurali) passava ai giornali, tanto che la sua stessa relazione conclusiva venne pubblicata con largo anticipo da un supplemento come supplemento.
Tina Anselmi Tina ha ripetuto per decenni che la P2 è viva e lotta contro la democrazia. E una miriade di altri continuano a dirlo come giaculatoria: a conferma dell’arretratezza culturale di una parte importante della carta stampata e della necessità dimettere fine una volta per tutte all’uso
strumentale dei temi di P2 e piduista quali capi d’accusa, tanto più che dal 1994 la Corte di Cassazione ha chiuso la partita assolvendo in via definitiva i cosiddetti piduisti dall’accusa di cospirazione politica.

Sin dal 2008 questo libro lo ha spiegato, documenti alla mano. Esso ha avuto due edizioni e dè stato presentato due volte in Italia: il 9 dicembre 2008 a San Remo e il 12 marzo 2009 a Pietrasanta, la città del poeta e scrittore massone Giosuè Carducci. In entrambe le occasioni estremisti di sinistra hanno tentato di impedire con la violenza una pacifica presentazione organizzata da Enti pubblici.
L’opera adesso è tradotta in romeno: a conferma della fratellanza latina e del cammino verso la verità,che prima o poi trionferà”.


I figli della bomba

orologio-di-bolognaLa mattina del 2 agosto di 35  anni fa ero alla stazione di Bologna tra i calcinacci e l’orrore, inseguito dalle “Autorità” che sostenevano si fosse trattato dell’esplosione di una caldaia. Un voler prendere tempo che mi  è sempre parso assurdo e per questo sospetto dando tempo agli attentatori di sparire e coprire le proprie tacce. Ma almeno avevo una certezza: chiunque avesse messo la bomba non avrebbe prevalso, mandanti, grossisti di morte ed esecutori  alla fine non avrebbero ottenuto il proprio scopo.

Purtroppo avevo torto perché quella strage, frutto di un tentativo di condizionare in senso autoritario la democrazia italiana, pensato, organizzato, realizzato nell’amplesso fra banchieri di dio, P2, servizi segreti deviati ed estremisti di destra, coperture politiche indirette fornite dai cavalli di razza   della Dc della scuderia amerikana, ha pienamente ottenuto lo scopo che si prefiggeva. E’ forse per questo che l’epigono di questo disegno, ovvero Matteo Renzi ” si è comportato molto male” secondo l’associazione familiari delle vittime e ha  eluso tutte le assicurazioni date l’anno scorso:   “Nessun governo, in 35 anni, s’era mai permesso di far promesse senza mantenerle. Sono venuti dicendoci che ci sarebbero stati una corsia preferenziale per l’introduzione del reato di depistaggio e risarcimenti per i familiari. Non sono stati fatti e la direttiva del premier sulla declassificazione degli atti sulle stragi viene applicata in maniera lacunosa”.

Nonostante questo il Pd vorrebbe attribuirsi in qualche modo il monopolio della memoria e ha cercato goffamente di impedire che alla manifestazione di oggi partecipasse un parlamentare dei 5 stelle, per “evitare strumetalizzazioni”. Mentecattismo molesto nel migliore dei casi perché non si può non rilevare la pochezza dell’argomento che del resto lascia trasparire code di paglia lunghe come anaconde. Comunque sia, è chiaro che Renzi sta realizzando punto per punto il Piano di rinascita democratica del venerabile maestro che è la cruna dell’ago di quell’orrore: distruzione dei diritti del lavoro, cambiamento della Costituzione, legge elettorale diretta contro qualsiasi cambiamento di regime, demonizzazione dei sindacati, governo per decreti e per ricatto, emarginazione del Parlamento, concentrazione dell’informazione per via privata.

Sebbene la strage in sé non abbia portato agli eventi di oggi, realizzatisi grazie a logiche diverse e globali,  inferse una ferita, spezzò speranze, creò incertezze e paure  che hanno reso più facile giungere al drammatico oggi. Quindi non c’è nessuna voglia di rendere giustizia ai morti da parte di chi incarna in sostanza buona parte degli “ideali” autoritari e retrivi che furono il carburante vero dell’attentato. Quindi possiamo dire che Renzi è in qualche modo il figlio di quella strage? No, anche se a scuola aveva come nomignolo “il bomba” semplicemente perché non è nemmeno all’altezza di quel momento. Però è figlio  del clima di disarmo politico, di rassegnazione al solo mondo possibile e di rifugio nel “proprio particulare” che deflagrò assieme al tritolo, rendendo psicologicamente accettabile l’incipiente pensiero unico. Che poi quello specifico particulare renziano fosse anche l’ habitat della massoneria reazionaria toscana che ha espresso Gelli, è un puro caso. Così come è un caso che  Wolfgang Schäuble sia maestro venerabile della Loggia Der Ring: questi personaggi sono pensati dalle logiche generali e vi adattano secondo il loro tornaconto, non sono in grado di immaginare e progettare in termini di cambiamento e di futuro anche se per contrappasso freudiano hanno sempre questa parola sulla bocca. Sono appunto solo contemporanei, uomini a una dimensione e proprio per questo più pericolosi degli esplosivi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: