Annunci

Archivi tag: Cia

La Saigon di Deir Ezzor

7842964538867182115Non avevo ancora finito di scrivere il post  Siria: “il massacro della Cia”  focalizzato sul fatto che ormai la stampa americana ammette apertamente il ruolo determinante dei servizi Usa  e della Cia in particolare nella creazione, direzione, finaziamento e armamento della falange terrorista destinata ad abbattere Assad e distruggere il Paese che è arrivata la straordinaria e sfacciata conferma: gli elicotteri Usa e quelli dei loro compagni di tragiche merende si affrettano ad evacuare comandanti e personalità di spicco dell’Isis che ormai sta perdendo anche la provincia strategica di Deir Ezzor sotto l’incalzare dell’aviazione russa e dei reparti siriani:  sono decine gli interventi di salvataggio e secondo il sito al-Ahd due elicotteri hanno evacuato  nei pressi del villaggio di Bu Leil, a sudest di Deir Ezzor, anche uno dei personaggi più in vista, il comandante dell’Isis responsabile del campo petrolifero di al-Tayem, di fatto il ras che governava da tre anni la più ricca regione del Paese.

Questo conferma ancora una volta come la guerra all’Isis, proclamata dall’occidente, fosse una farsa e una orrenda presa in giro delle opinioni publiche chiamate a maledire il Califfato per le sue imprese terroristiche in Europa. E svela anche come Daesh non sia frutto di una insanabile frattura in seno ai mercenari  delle formazioni di “ribelli moderati “esercito di liberazione” messo in piedi contro la Siria, ma ne fosse una  faccia parallela con un’osmosi continua di uomini e mezzi, in realtà perfettamente funzionale alla creazione di un nuovo Medio Oriente secondo Washington.  Dunque adesso si portano in salvo quelli che conoscono troppe cose per lasciarli in mano alle truppe di Assad: una cosa è “confessare” in maniera generica il ruolo della Cia e degli altri servizi occidentali nell’organizzazionee della campagna siriana, un’altra cosa è lasciare che vengano fuori particolari inquietanti, su personaggi di spicco d’oltre atlantico o su più oscuri e segreti mediatori che magari stanno in Turchia o in Israele,  sull’organizzazione della guerra, sulla gestione economica della stessa, ma anche di quella vera e propria hollywood nel deserto con tutte le sue strane figure e fiction dagli elemetti bianchi agli ospedali distrutti dieci volte, con il suo cuore nerissimo di inconfessate responsabilità come l’uso dei gas per addossarne la colpa al governo Assad o magari anche piani e contatti che potrebbero riguardare imprese di morte al di fuori dell’area medio orientale. No, davvero fare nomi e cognomi non si può. e per giunta i personaggi recuperati possono per il momento servire altrove, magari nelle Filippine o nel Caucaso o in Afganistan o anche nell’area stessa dove potrebbero instaurare un regime di guerriglia.

Per cui si va via con gli elicotteri con scene che se non fosse per un paesaggio radicalmente diverso ricorderebbero da vicino quelle di Saigon e dell’evacuazione dei collaborazionisti più eminenti della dittatura sud vietnamita di Diem e successori. Qui non ci saranno i boat people che purtroppo già esistono a milioni come vittime dirette o indirette delle rapine occidentali e della stessa guerra siriana, perché in questa vicenda non entra nulla che possa rassomigliare a un popolo, ma solo mercenari e gente illusa di poter combattere l’occidente prendendo parte a undisegno di caos occidentale e in primo luogo americana. No, in questo caso la fuga con gli elicottere del falso nemico è già un’ammissione di colpa.

Annunci

Siria: “il massacro della Cia”

8323bfa16520a61fba1deb23270984e7C’è una notizia che non trova spazio nei tg o nelle pagine dei giornali: il fatto che le truppe siriane, coordinate a reparti russi di terra e all’aviazione di Mosca stiano liberando dall’ assedio dell’Isis, Deir Ezzor, città di centomila abitanti circondata da tre anni dal Califfato che ha sacrificato migliaia di uomini nel tentativo di conquistarla e che ancora oggi fa il tentativo disperato di rimanere aggrappato alla zona. La ragione di tanto accanimento e di tanto silenzio occidentale sta nel fatto che la provincia di Deir Ezzor è ricca di petrolio e di gas ed è dunque strategica per il futuro di una Siria autonoma: quando la battaglia sarà conclusa non si potrà più parlare di Califfato e la frontiera liberata fra Siria e Irak renderà più saldo un asse strategico che va da Teheran a Beirut.

Dunque silenzio. Ma non del tutto: con una faccia tosta senza limiti il Washington Post in una serie di articoli riconosce, come se nulla fosse, che è stata Cia a reclutare, organizzare e armare i cosiddetti ribelli moderati, costituendo una forza di 45 mila uomini per sbarazzarsi di Assad. Il nome in codice dell’operazione era “legno di sicomoro” ma disgraziatamente una parte molto consistente di questa forza ha contribuito a creare il Califfato e ha combattuto per esso fino quando l’intervento russo ha cambiato il rapporto di forze in campo e molti “ribelli moderati” si sono riversati in Al Nusra ( particamente Al Qaeda) dando per finita questa esperienza, ma contando, grazie all’aiuto della Cia, delle forze Usa e del sostegno delle petromarchie, di poter tenere in vita l’operazione contro Assad. Dunque si dice ufficialmente che la tragica vicenda siriana, la cosiddetta guerra civile, lo sviluppo del terrorismo che poi ha fatto arrivare pallottole vaganti in Europa, il dramma dei profughi, i centomila morti ad essere prudenti, sono nient’altro che un’operazione occidentale  accompagnata da una narrazione completamente bugiarda e per certi versi grottesca come quella delle comparse ingaggiate per fare gli elmetti bianchi.

Ma c’è di più:  il maggior esperto di cose siriane in America o almeno accreditato come tale dalla grande stampa, Charles Lister, ha deplorato il fatto che ormai la Cia abbia fatto un passo indietro rispetto a questa guerra la quale, per inciso, ha perso ogni ragione di essere nel momento in cui è stata liberata Aleppo e la popolazione si è mostrata felice di essersi sbarazzata dei tagliagole armati dall’occidente. Perseverare è davvero diabolico e rende perfettamente l’idea di un impero che si ritiene legittimato ad ogni cosa, anche alla menzogna smascherata: dopo la dichiarazione nel 2001 di una guerra infinita al terrorismo, si scopre che per almeno cinque anni il terrorismo ( per giunta quello di Al Qaeda) è stato in gran parte organizzato e armato dagli Usa, dalla Francia, dalla Gran Bretagna in parte attraverso l’Arabia Saudita, ma questo non sembra creare alcun problema di fronte a un’opinione pubblica ipnotizzata dalla paura e incapace di reazione.

In questo contesto orwelliano prima è stata imposta una narrazione nella quale la raccolta di terroristi o disperati dal tutto il Medio oriente e il nord Africa, armati però fino ai denti è stata spacciata come guerra civile e insurrezione di “ribelli moderati”, definizione già di per sè ridicola, poi visto che Assad resisteva grazie anche al consenso della popolazione,  si è tentato in tutti i modi una seconda operazione Saddam cercando far credere che il leader siriano usasse armi di sterminio di massa come i gas con l’intenzione di preparare e giustificare un intervento diretto di forze occidentali  che fosse la base per la futura spartizione del Paese: un tale intrico di narrazioni fasulle e contradditorie imposte alle opinioni pubbliche  si è rivelato a conti fatti un castello di carte molto debole così che quando la Russia è intervenuta a sorpresa contro l’Isis (solo formalmente deprecato, ma non realmente combattuto dagli Usa e i loro alleati) non si è potuto opporre nessun argomento plausibile contro questa discesa in campo non prevista dagli strateghi di Washington. Infine ora che la vicenda sta arrivando al termine si confessa che sì, è vero, siamo stati noi a creare questi disatri umanitari. Per la verità quando sembrava, a metà del 2015, che la partita contro Assad fosse ormai vinta, l’orgoglio per la riuscita dell’operazione  era tale che qualche brandello di verità venne alla luce: il New York Times scrisse che quella siriana era stata “la più estesa delle operazioni segrete della Cia”.  Certo adesso che tutto si è trasformato in disastro i padri della vicenda scompaiono e si ammainano le bandiere. E’ chiassà dopo un numero incalcolabile di morti avremo un ennesimo film contro la guerra.


Tutta colpa di Dante

cia“La strategià è valida oggi come lo era nei tempi antichi e nel Medioevo o nel 1943. La stragrande maggioranza degli scrittori politici e degli oratori usano ancora il metodo di Dante: a seconda del grado di occultamento richiesto (sia dalle circostanze che dalle persone), la scissione tra significato formale e reale è più o meno assoluta”. Chi ha scritto queste parole non è un critico della Divina Commedia o del De Monarchia, ma un uomo della Cia, tale  Brian Crozier che operò nel corso di mezzo secolo in quasi tutti i teatri, dall’ Africa, all’Europa, all’Afganistan per destabilizzare governi e delegittimare politici considerati non abbastanza anticomunisti, svolgendo in privato anche una lucrosa attività di consigliere per i regimi di Franco e di Pinochet. Ma in questo contesto le sue gesta hanno poca importanza, sebbene il suo zampino possa essere ipotizzato anche in alcune oscure vicende italiane, quanto le sue parole e la sua dichiarata ammirazione per James Burnham, autore di The Machiavellians, un personaggio che da leaderdel movimento trozkista americano, finì per essere un “pubblico intellettuale” dei movimenti conservatori e maestro dei neo con, una parabola purtroppo molto comune.

Questo Burnham con la sua distinzione tra discorso politico formale e quello vero, dove il primo tende a nascondere il secondo e alla radice di tutto coacervo di concetti che  ma che attraversano e formano tutta la storia americana del dopoguerra, dal maccartismo per finire al political correct. Che è anche una storia di dissimulazione e di creazione di verità apparenti o formali, che ancora continua, anzi è divenuta ossessiva con il moltiplicarsi delle guerre e delle conseguenti narrazioni che la conquista totale dei media da parte delle oligarchie elitarie ha reso pesante come un sudario. Ma adesso tocca spiegare il brano di Crozier riportato all’inizio e inserirlo in un contesto intellettuale e forse le parole dello storico Christopher Lasch, scrite nel 1969 sono la loro chiosa più chiara: ” lo stato moderno è un motore di propaganda che alternativamente produce crisi per poi dichiararsi l’unico strumento in grado di risolverle. Questa propaganda, per avere successo, richiede la cooperazione di intellettuali, non come propagandisti a contratto o come funzionari statali, ma come ‘liberi’ pensatori capaci di vigilare nel proprio campo e di garantire standard accettabili di responsabilità all’interno delle varie professioni”.

Praticamente questo corrisponde ai una sigla apparentemente misteriosa, PSB D-33/2, che sta per Psychological strategy board (il resto è solo numerazione per il protocollo) nel quale – siamo nel maggio del 1953 – la Cia, dava il via alla sua battaglia anticomunista su un piano molto diverso da quello del semplice spionaggio dell’apparato nemico, ma su quello della creazione di tesi e verità per condizionare le evoluzioni politiche dei Paesi sia amici che nemici:  si tratta di creare “movimenti intellettuali a lungo termine con l’obiettivo di spezzare le linee di pensiero dottrinale mondiali”  e di  “indebolire il fascino intellettuale della neutralità predisponendo  i suoi aderenti allo spirito occidentale”. Naturalmente  in questo contesto il documento della Cia insiste sul fatto che occorra servirsi delle élite dei vari Paesi investiti da questa illuminante scia di pensiero perché questo “aiuterebbe a dissimulare l’origine statunitense del programma, così che possa apparire un’idea locale”.

In poche righe di 60 anni fa ecco il panorama di ciò che vediamo oggi: le narrazioni incredibili e distorte, la creazione di mitologie inesistenti, il tentativo di censurare la libera espressione delle idee, certe sospette dissidenze remunerate, l’arancionismo, la strana distribuzione dei nobel per la pace, la resa progressiva della politica politicante. La cosa era talmente repugnante che all’interno della stessa Cia e dell’amministrazione ci furono delle voci di dissenso, in particolare quella di  Charles Burton Marshal che considerava questa lotta al totalitarismo condotta attraverso la creazione di un “ampio sistema dottrinale in tutti i campi del pensiero umano dall’antropologia all’arte, dalla sociologia alla metodologia scientifica”, il peggiore totalitarismo possibile. Tuttavia a leggere con attenzione il documento (qui per i più curiosi) e anche le produzioni dell’ambiente culturale nel quale nasce, si vede bene come tutto questo poggi sull’enfatizzazione del ruolo delle elites  che non è solo profondamente americano, ma prende spunto dal pensiero prefascita e fascista europeo, da Pareto, Sorel e Mussolini anche sarebbe stato troppo audace, a guerra finita da poco, metterci anche il nazismo. E non si è fermato nemmeno di fronte alla commedia di false internazionali create negli uffici della City di Londra. Nessuna meraviglia se nel 2016 l’amministrazione Obama abbia potuto varare il Disinformation and Propaganza Act, con il relativo “ufficio della verità”

Ci vuol poco a vedere come questo elitarismo di fondo sia anche all’origine della costruzione europea che alla rappresentazione simbolica e rituale di elezioni per un parlamento che conta zero, ha sempre affiancato l’esclusione sostanziale dei popoli dalle decisioni che contano. Ma ci vuole ancor meno a osservare come il neoliberismo, ovvero il capitalismo estremo nella sua fase nascente, abbia trovato già pronti i canali per la sua diffusione a vasto raggio.  E oggi , con i media conquistati, compresi quelli dedicati all’intrattenimento, dire e far credere anche le cose più assurde e incoerenti cose assurde è diventato il correlativo oggettivo del “Manifesto per la libertà”, esempio perfettamente dantesco della scissione assoluta tra realtà e discorso pubblico.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: