Archivi tag: Cia

Russofobia alla puttanesca

nato-basi-russia“Probabilmente russi”… la grande stampa, quella che verifica le notizie, quella che è scesa in battaglia contro la post verità del web, ci fornisce questo delizioso quadretto degli instancabili novellieri di Repubblica che cercano  di vendere fumo sulla misteriosa intrusione nei server dell’Aeronautica militare avvenuta più di sei mesi fa per carpire i segreti dell’F35 . Probabilmente gli stessi che si sono introdotti nei computer del nostrano ministero della difesa, due anni fa, che hanno sbugiardato la Clinton in favore di Trump, che hanno reso noti i nomi degli atleti occidentali dopati alle Olimpiadi di Rio. Non c’è dubbio che non possano essere che un gruppo di cattivissimi hacker russi decisi a rendere la vita difficile all’occidente.

Naturalmente si tratta solo di un teorema, anzi di un delirio senza alcuna pezza d’appoggio tanto che lo stesso giornale è costretto a rivelare la nullità delle proprie supposizioni scrivendo che da mesi i massimi esperti stanno cercando di capire cosa sia davvero successo, anche se lo fa dopo aver lanciato la tesi russa, ben sapendo che la maggior parte dei lettori si ferma al primo capoverso. Per giunta il teorema oltre ad essere banalmente steso a tappetino sul conformismo americano della fazione obamiana, è tutto innestato nei vaneggiamenti collettivi del renzismo e non può nascondere il non senso e la cialtroneria di fondo per tre semplici motivi: Putin non è certo così stupido da affidare al medesimo gruppo azioni così diverse, l’aeronautica militare non dispone affatto dei segreti sensibili dell’ F 35, nemmeno di quello più importante cioè che  non si tratta affatto dell’areo più avanzato al mondo, ma di una ciofeca dai costi stratosferici su cui gli stessi comandi Usa hanno fortissimi dubbi e i cui compratori si stanno via via ritirando. Quindi è del tutto inutile andare a cercare cose dove non ci sono, tanto che proprio questa esclusione dell’Italia dalle tecnologie di punta (benché abbia speso 3 miliardi per partecipare al disgraziato progetto) è stato uno degli argomenti di chi si opponeva all’acquisto insensato di questi caccia.

Però oltre ai suggerimenti che arrivano da Washington, o meglio da una parte dei suoi servizi, c’è da chiedersi come mai questa storia di presunto spionaggio, peraltro inverificabile e attribuita tout court ai russi, salti fuori soltanto adesso, tanto più che l’attacco informatico sarebbe stato respinto e ci sarebbe tutto l’interesse a non scoprire le carte per meglio difendere gli ineffabili segreti. Ma si  tratta di una domanda retorica, la risposta è evidente: bisognava in qualche modo creare un contraltare e un elemento di distrazione dopo il caso Occhionero, quello dei fratelli masso americani, che hanno spiato per anni 19 mila, tra politici, imprenditori, ricercatori, alti funzionari italiani e i cui referenti  informatici sono tutti nel cuore degli Usa, rendendo impossibile una pista alternativa anche se chiamarli Oci ciornie sarebbe una tentazione per Repubblica. Non c’è bisogno di Wikileaks che ieri lo ha detto apertamente per capire che si tratta “probabilmente della Cia” e/o di altri servizi tanto più che il modus operandi, ovvero lo spionaggio a tappeto, è proprio quello dell’intelligence americana che nelle sue colonie agisce su più fronti, dallo spionaggio industriale al condizionamento della politica e degli affari.

E’ difficile trovarsi di fronte a un caso così tipico di narrazione sospetta prodotta dalla “corporazione della verità” per compensare realtà evidenti. Un parte dell’oligarchia liberista crede ormai che solo la guerra o uno stato di continua belligeranza può allontanare o ammansire la reazione delle masse impoverite e sempre più private di di diritti e per questo deve procedere alla costruzione di un nemico, meglio ancora se esso è quello tradizionale, entra meglio nelle teste. Per questo nell’italietta ridotta a sotto colonia, lo zoccolo di potere è portato ad imitare ciò che sta avvenendo in Usa: oh si anche noi abbiamo gli spioni “probabilmente russi” . Purtroppo abbiamo anche improbabili giornali.

Advertisements

Imperial cialtroni

spieUna volta i buoni borghesi in via di aumentare drammaticamente il loro giro vita, del tutto ignari che nel loro futuro ci sarebbe stato il fitness, dicevano che bisognava mandare i comunisti nostrani in Unione sovietica per convertirli al capitalismo. Ma il ragionamento vale anche se non soprattutto all’inverso perché basta andare negli Usa senza fare i turisti mordi e fuggi, vivendo qualche situazione concreta, girando oltre i luoghi deputati per accorgersi che l’America è solo un’idea, per abbandonare definitivamente la mistica liberista. E per accorgersi che l’onnipotente modello fa acqua da molte parti, che cialtroneria, dilettantismo, uniti al cinismo e all’autismo geopolitico oltre che culturale abbondano.

Lo si  capisce molto bene nell’affaire Clinton e al tentativo di una parte dell’intelligence collegata ai poteri grigi di mettere una pezza sui disastri di Hillary hanno cercato in tutti i modi di colpire Trump, inventandosi il presunto complotto russo e non solo, anche torbide avventure sessuali del tycoon a Mosca tanto per rendere più piccante il tutto e gettare nella campagna elettorale anche un pezzi di carne al moralismo settario dell’america profonda: il tuttto a quanto sembra con la regia del senatore repubblicani McCain, ex competitor di Obama, ma assai più tristemente noto come organizzatore del golpe ucraino e della “guerra civile” siriana . Ormai queste vicende sono note e dibattute anche sulla stampa americana, ma come si dice il diavolo si nasconde nei particolari ed è interessante leggere sul New York Times, oltre che nei siti più noti, come sia stata impostata la campagna anti Trump: niente potenti mezzi, niente tecnologia di punta, niente sciamare di agenti imbottiti di strumenti elettronici. La Cia e dietro di lei il complesso di potere legato all’asse Clinton – Obama, di cui uno degli esponenti di spicco è Soros, si è semplicemente rivolta a Christopher Steele un ex agente inglese, oggi boss di un’organizzazione privata di intelligence, la  Orbis  Business Intelligence che evidentemente si occupa di spionaggio industriale. Steele aveva lavorato a Mosca per i servizi britannici e grazie a questi trascorsi vantava di avere fonti interne “russofone” per poter trovare qualcosa a carico di Trump. Le notizie raccolte o ancor meglio inventate visto che nessuno poteva verificarle, venivano poi passate a un ex giornalista del Wall Street Journal, capo di un’agenzia di informazione compromettenti.

Da quanto si evince da quel “russofono”, si capisce che i potenti servizi segreti dell’impero sono gravemente carenti di persone in grado di capire bene la lingua del Paese in cui operano, agiscono quindi solo di seconda mano, vanno a tentoni, sono letteralmente prigionieri della loro tracotante anglofonia che peraltro viene pienamente sfruttata a loro danno. Perciò in questa occasione hanno finito per fare la figura dei cioccolatai, così come in altre si sono dimostrati dei dilettanti cialtroni, non riuscendo né a comprendere la realtà nella quale agivano, né le conseguenze delle azioni basate sulle loro informazioni e sui loro consigli. Sfuggendogli la realtà concreta non hanno capito cosa sarebbe successo in Ucraina dopo il golpe nazi arancione, o hanno completamente equivocato la situazione in Siria, pensando che Assad sarebbe caduto come un fico maturo. E’ un po’ quello che succede in Italia o in Europa per il problema della migrazione o ancor più con la spola dei vari terroristi ambiguamente situati nel magmatico e fluido incrocio tra Isis, terrorismo mercenario, tagliagole e cosiddetti combattenti per la libertà: praticamente nessuno tra i vari servizi deputati a controllare la situazione è in grado di comprendere una parola di arabo, ci si deve fidare solo degli interpreti, rendendo così completamente cieca qualsiasi intelligence degna di questo nome.

Ora si può capire che mezzo secolo fa gli occidentali, ancora drogati di colonialismo ritenessero che fossero gli altri a dover comprendere la loro lingua, anche se poi si rendevano conto della necessità di dover agire sul campo e di comprendere il contesto, ma oggi la cosa suona assurdo e di fatto sta isolando i sempre più ex padroni dalla comprensione del mondo che sta attorno. Ovvio che l’apice di tutto questo lo si raggiunge proprio negli Usa nell’illusione che satelliti, droni, echelon vari siano più che sufficienti a tenere tutto sotto controllo visto che gli altri si ostinano a non parlare la loro lingua, cosa che ha ridotto le  agenzie di spioni a burocrazie parassitarie dedite a fare i loro giochi di potere sulla testa dei cittadini, insieme alle governance grigie di finanzieri, multinazionali, industrie belliche. Queste forze hanno deciso di creare uno scandalo Trump – Putin   che avrebbe dovuto concedere la vittoria alla Clinton. Fallito il piano continuano sulla stessa strada delle rivelazioni inconsistenti e senza pezze d’appoggio per costringere il neo presidente a tenere una linea dura con Mosca, senza le aperture sperate. E per fortuna che non lo dico io, che non posso essere accusato della post verità del web, perché lo sostiene l’informazione ufficiale della Reuters ( qui ).


La più bella dell’anno: la Cia lamenta ingerenze esterne

12Non sono passati nemmeno 10 giorni dall’inizio del 2017 che abbiamo già la più bella battuta dell’anno: la Cia che si lamenta delle ingerenze esterne. Dopo 70 anni di intromissioni, interferenze, intrusioni, pressioni, stragi e colpi di stato in tutto il pianeta i poveri spioni americani piangono calde lacrime di coccodrillo, anzi di tirannosauro. Ma come si conviene a un’agenzia di spionaggio piange per qualcosa che non esiste, per una tesi priva di qualsiasi prova messa in piedi per volontà dell’asse Obama – Clinton e poteri grigi nel tentativo in extremis di sbarrare la strada a Trump. Si tratta della famosa accusa a Putin di aver determinato il disastro di Hillary piratando le sue lettere, praticamente in combutta con Trump.

Il piano era di lanciare questa tesi inquietante e stravagante assieme perché essa convincesse gli elettori a non votare il tycoon, ma una volta fallito questo obiettivo si è passati al piano B: insistere su questa tesi delirante per convincere i grandi elettori a tradire il voto ed eleggere comunque la Clinton. Andato in acido anche questo piano, si è passati alla fase C: non demordere dalle posizioni nella speranza che le accuse di ingerenza nelle elezioni a favore di Trump accompagnata da opportune provocazioni come le grandi manovre militari ai confini russi o l’espulsione di 35 diplomatici di Mosca dagli Usa, avrebbero fatto saltare i nervi a Putin dando così  inizio a uno scontro frontale e dunque anche a un impeachment intrinseco di Trump come agente del nemico. Questi vedono troppi telefilm e serie tv, si sono bevuti il cervello, sono diventati dei feroci dilettanti: chiunque si sarebbe accorto del trappolone  e infatti il leader russo ha mantenuto una calma olimpica e invece di espellere a sua volta di diplomatici americani, li ha invitati alla festa di Capodanno nella Piazza rossa.

Intanto però la Cia si era sputtanata e non poteva lasciar cadere la cosa come se niente fosse anche perché questa volta avrebbe dato l’impressione di essersi ingerita in questioni interne cercando di favorire l’elezione della Clinton: così tre giorni fa e dopo due mesi e mezzo di inconsistenti rivelazioni e di imbarazzi ha presentato insieme a Nsa e Fbi un rapporto ufficiale e publico che è un vero scandalo visto che le accuse sul presunto hackeraggio di Putin vengono ribadite, ma ancora senza nemmeno uno straccio di prova mentre si appellano grottescamente solo al fatto che il capo del partito liberal democratico russo, Vladimir Žirinovskij , acerrimo nemico di Putin e uomo “americano” a tutto tondo, abbia detto che in Russia si sarebbe brindato per l’elezione di Trump o sottolinenado le critiche alla politica americana presenti sulla rete informativa russa Rt, tratte tuttavia da quelle pubblicate sugli stessi giornali Usa.

Siamo al delirio e di fronte a una tracotanza senza limiti che denuncia lo stato comatoso della democrazia americana: non si può rendere pubblico un rapporto, peraltro non firmato da nessuno in cui si dice in sostanza che è così, ma che le prove non possono essere fornite per questioni di sicurezza. Ed è per questo che il rapporto non ha convinto nessuno, nemmeno tra i partigiani più accesi della Clinton. Un supporter di Hillary e amico di John Podesta oltre che notissimo editorialista del New York Times e della CNBC, John Harwood ha lanciato un sondaggio fra i suoi centomila followers  e su più di 65 mila risposte ha constato che solo il 17% crede in ciò che dicono i servizi contro l’83% che crede in Wikileaks. D’accordo non è un sondaggio rappresentativo, però si tratta di un risultato clamoroso visto l’ambiente in cui ha pescato.

Ma in realtà anche le reazioni dell’informazione mainstream sono state generalmente negative: il Daily Beast, tra i più grandi siti di informazione online degli Usa, tanto da aver inglobato anche Newsweek, dice che la Cia parla senza avere alcuna pezza di appoggio. E per evitare che si parli di post verità della rete dirò che l’editore di questo giornale online è stato in precedenza quello del Wall Street Journal. La NBCNews dal canto suo sostiene che “ci sono molti giudizi di valori, ma pochi fatti e nessuna prova tangibile nel rapporto sul presunto pirataggio russo”. E le stesse cose dicono il the Atlantic (forse la più antica e prestigiosa rivista americana essendo stata fondata nel 1857, da Emerson, Longfellow (traduttore della Divina Commedia in lingua inglese) e Lowell (fondatore a Boston del Circolo Dante), il  Weekly Standard e molti altri. In realtà dentro questa vicenda, come dimostra anche l’assenza delle firme c’è molto di più: il complotto se così vogliamo dire di una parte di servizi che teme la decimazione con l’arrivo di Trump e che evidentemente ha collegamenti molto ampi con la zona grigia del potere tanto da tentare una sorta di golpe bianco. Del resto quando un presidente come Obama chiama alla direzione della maggiore centrale di intelligence di un tipo come John Brennan ideatore del trasferimento di terroristi o presunti tali, diciamo pure oppositori degli Usa, in Paesi dove avrebbero potuto essere torturati senza che sorgessero problemi, vuol dire che il marcio è già dilagato.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: