Archivi tag: assistenza sanitaria

60 milioni di morti

peste-del-300C’è una strana e tragica coincidenza tra previsioni: all’inizio i modellatori epidemici alla Neil Ferguson prevedevano 60 milioni di morti nel mondo a causa del Covid, adesso la stessa cifra viene prevista da un istituto di ricerca inglese  per i decessi causati dai disastri sanitari ed economici dovuti alla paura del virus. Insomma la previsione apocalittica iniziale sbagliata o dolosamente falsata per soddisfare le brame vaccinali di Big Pharma e filantropi assortiti, ha destato tanto allarme da rischiare di ottenere lo stesso effetto attribuito al virus, ma per altre cause. Adesso i decessi attribuiti al virus, secondo criteri e protocolli a dir poco incerti e gonfiati,  sono circa 300 mila, una cifra 200 volte inferiore a quella che ha fatto andare in tilt il mondo e  la metà di quelle provocate delle normali ondate di influenza stagionale. Ma come in un feroce contrappasso, questa follia avrà un costo umano enorme, che in un certo senso sostituirà il virus.

I morti sono in realtà sono pochi su scala planetaria e pochissimi se si tiene conto che dappertutto, anche per ragioni di lucro, le cifre sono state gonfiate a dismisura grazie anche a test del tutto inaffidabili, come molti medici denunciano o come si comincia a vedere dalle marce indietro  degli organi ufficiali, come ad esempio l’Istituto superiore di sanità che il 5 giugno ci ha fatto sapere di non essere in grado di stabilire la reale causa di morte dei 33 mila e passa spacciati tout court come vittime del Covid, parandosi così il sedere rispetto ad ogni eventualità futura di indagini: già li sento, “Noi non abbiamo mai detto… sono stati i media, è stato il governo…” Come se ciò non bastasse la massima causa di decessi sia in Europa che in Nord America è stato dovuto a terapie sbagliate nella fase iniziale (nonostante dalla Cina fossero arrivate indicazioni precise sul fatto che si che il virus inducesse  trombosi e non provocasse polmonite) , ma soprattutto alla demenziale concentrazione proprio delle persone a rischio negli ospedali o nelle Rsa, queste ultime oltretutto con molto personale precario, dunque con contratti in due o tre strutture diverse che ha contribuito alla diffusione del virus. Tutto questo, assieme alle segregazioni che si sono rivelate non solo inutili ma addirittura controproducenti oltre che assurde e divisive permettendo, anzi obbligando la continuazione di alcune attività e bloccandone altre, ha causato una crisi dei sistemi sanitari nella loro totalità  per cui ogni altra patologia è stata trascurata e messa da parte : i cardiologi sia in Italia, che in Germania denunciano l’aumento esponenziale dei decessi per infarto (+ 30%) mentre è più che raddoppiata la mortalità per le altre patologie cardiovascolari; dal canto loro gli oncologi denunciano l’effetto nefando della sospensione delle cure contro i tumori, mentre si comincia a calcolare in termini statistici  il numero di morti dovuto al rinvio di interventi, di accertamenti diagnostici, di visite di controllo o del semplice intervento del medico di famiglia divenuto praticamente inaccessibile.

Poi c’è la drammatica crisi economica provocata dai blocchi, dalle segregazioni e dai distanziamenti sociali: qui naturalmente gli effetti sono più a lungo termine e a parte  i suicidi di cui si nota un imponente aumento ( secondo una ricerca americana si intensificherà per raggiungere i 75 mila alla fine dell’anno nei soli Stati Uniti), c’è da mettere in conto l’ondata di disoccupazione che specie in alcuni Paesi a sanità completamente privata escluderà dalle cure sanitarie e dall’accesso delle medicine altre decine di milioni di persone. Basti pensare che secondo un sondaggio del Kaiser family foundation uno su quattro  americani ha dovuto saltare i pasti in questi mesi e rivolgersi ai sussidi alimentari: tutta gente che certamente è priva di qualsia tutela assicurativo . sanitaria. Secondo la rivista Lancet nel mondo occidentale almeno 5  milioni di persone muoiono ogni anno a causa della scarsa o assente assistenza sanitaria e altrettante sono vittime degli errori sanitari o di infezioni ospedaliere: in Usa questo numero sfiora i 600 mila l’anno, mentre in Italia sfiora i 50 mila, con una quasi esatta proporzione rispetto alla popolazione. Ora questi numeri  sono destinati ad avere un’enorme impennata che probabilmente sarà tenuta sotto silenzio.

Ma è possibile che vi sia anche un’aumento di morti dovuto all’abuso di vaccini e in mancanza di quello contro il coronavirus ci si sta apprestando a rendere pressoché obbligatoria la vaccinazione antinfluenzale, tanto per non far scendere troppo gli affari: tuttavia i sospetti di una relazione crociata emergono non solo dalle vicende lombarde, ma soprattutto dalla Cina: nessuno si è preso la briga di riferire che il 1° dicembre del 2019, a Wuhan e nella sua provincia era scattato l’obbligo vaccinale per tutta la popolazione. Ora non vorrei apparire come un antivaccinista per partito preso, ma qui le coincidenze sono talmente esplicite  che una scienza non dipendente dal denaro di Big pharma, dovrebbe precipitarsi a studiare la questione.

Naturalmente il baratro economico che si è spalancato all’improvviso avrà una ripercussione ancora più grave nelle aree del terzo mondo dove già i problemi di salute sono accentuati e lo saranno sempre di più perché la tecnica della paura epidemica si è rivelata così efficace che verrà riproposta ad ogni raffreddore come tecnica di governance: ogni autunno sarà buono per rinnovare l’allarme, tanto più che ormai gli spezzoni di rna attribuibili al coronavirus specifico sono così diffusi nella popolazione che non c’è alcuna difficoltà a rinnovare il panico. Non so davvero se il numero di 60 milioni di morti  come conseguenza dell’allarme Covid, abbia una qualche consistenza, ormai i numero sparati mi fanno orrore, ma di certo possiamo dire che entro l’anno i morti causati dalla narrazione epidemica saranno parecchi di più di quelli causati dall’epidemia. Ottimo risultato Bill.


Madre Coraggio in discoteca

Anna Lombroso per il Simplicissimus

In questi tempi di eclissi dell’utopia in favore della realpolitik, dell’eroismo sopraffatto dalla doverosa cautela, comportamenti, atteggiamenti e sentimenti  normali assumono fattezze epiche.

È il caso della condizione di genitori in questi giorni rivendicata dalla corporazione dei procreatori che accampano l’esclusiva della preoccupazione per le generazioni a venire, il monopolio della necessità e della responsabilità di guardare lontano, come se un atto naturale consumato senza nessuna competenza e preparazione e poi lo svolgersi dei giorni potessero fossero capaci di suscitare da dentro lungimiranza, ragionevolezza, buonsenso, spirito di servizio e indole alla solidarietà e al pensare e all’agire in nome dell’interesse generale dei contemporanei e dei cittadini futuri. E dire che in molti si sono via via convinta che i rami secchi invece  liberi da condizionamenti personali, sviluppino una più elevata capacità di misurarsi col  domani di tutti e non solo della progenie.

Subito dopo i fatti di Manchester le televisioni hanno intervistato più di una coraggiosa madre che si vantava con orgoglio di aver sfidato la paura e il rischio, accompagnando  figlie adolescenti ad un concerto a Milano: non si può cedere all’intimidazione, dicevano, non vogliamo  certo che i nostri figli cambino le loro abitudini e  rinuncino alle  libertà, quindi siamo qui ad accompagnarli. C’è da auspicare che si resti solo sul terreno del ridicolo, che una, peraltro non remota e improbabile entrata in guerra nella sua prima fase più tradizionale non ci faccia assistere alla partenza di laureati alla Bocconi, di masterizzate alla Luiss, di manager dell’accoglienza o reduci da viaggi formativi in pizzerie londinesi, che vanno al fronte accompagnati da mamme e papà trepidanti , altro che “torna con lo scudo o sullo scudo”. C’è da augurarsi, ma è altamente improbabile, che tutte le prove di abnegazione e audacia dei genitori contemporanei si limitino ad andare  a prendere a scuola se piove, alla balera se sono le tre di notte, ai concerti della Antonia Grande.

Quelle mamme intrepide che hanno sfidano il pericolo e il timore per accompagnare le figlie in modo che non si privino di un concerto, peccato non averle viste scendere a manifestare perché la loro prole viene privata dell’istruzione pubblica, della assistenza medica, del dentista con l’irrinunciabile apparecchio per i denti, contro il Jobs act che nega loro un lavoro appagante e giustamente remunerato con relative  prospettive di crescite e di carriera, per un ambiente sano e una condizione abitativa dignitosa, per reclamare al tutela di un territorio oggi esposto a saccheggio e trasandato, o, nell’ipotesi, quanto mai realistica, che facciano già parte di riservisti che potrebbero essere chiamati alle armi in una di quelle spedizioni “umanitarie e esportatrici di democrazia, contro le guerre di conquista e razzia cui ci chiamano i detentori del nostro desiderabile stile di vita occidentale. Proprio quello  che hanno esportato colonizzando anche il nostro immaginario e i nostri sogni e le nostre aspettative, mostrandocelo come il migliore dei mondi possibili, mentre dietro all’iconografia di festosi consumi e domestico benessere si   nascondono nuove e vergognose miserie, quell’arrampicarsi funesto e instancabile da cavie in gabbietta per pagare mutui,  fatture e bollette, quel consumarsi di dissapori feroci vissuti in ambienti confinati perché se è difficile l’amore, lo è ancora di più non volersi più bene.

Mette  paura constatare quali strade percorra la paura molto solida e come e dove venga indirizzata verso obiettivi e con motivazioni che non lasciano dubbi sul fatto che se esistono davvero un complotto e  una macchinazione sono quelli organizzati per ottenebrare giudizio e ragione, sicché  la pietas è un esercizio intermittente e discrezionale  che fa piangere per i bambini di Manchester e non per quelli di Baghdad, Aleppo,  né  tantomeno per quelli naufragati, che, nel caso di fossero salvati, avrebbero invaso i nostri Rio Bo rubandoci pane e lavoro,  per aizzare diffidenza e rancore verso paurosi stupratori di differenti etnie, per nutrire il timore nei confronti di un terrorismo barbaro e bestiale, distogliendoci da quello in abiti occidentali, legale e autorizzato, mosso dal totalitarismo economico e finanziario, che comunque, anche quello, bombarda, uccide, affama e fa  suicidare proprio come kamikaze senza il paradiso delle urì.

Viene da pensare con una certa nostalgia ai pericoli e alle paure di generazioni passate: mica solo della guerra fredda, dell’atomica, delle invasioni marziane. Pure quelle continuamente rammentate, fare il bagno dopo pranzo al mare, le vipere in montagna, la bibita gelata che fa venire la congestione, le mosche e il tifo, la crema nel cannolo che fa venire la salmonella, le gran sudate dopo una corsa e la mortale aria di fessura, il sangue dal naso e innumerevoli tremendi contagi e contaminazioni.

È che, allora, madri apprensive a padri assenti intanto conquistavano, dopo la Costituzione che la Boschi voleva smantellare per combattere cancro e terrorismo, lo Statuto dei Lavoratori e l’articolo 18, la scuola dell’obbligo, l’assistenza sanitaria, il divorzio, il più amaro dei diritti, quello che toglieva l’interruzione di gravidanza dai territori del crimine e della clandestinità, il servizio civile, tutti quei beni comuni cui ci stanno facendo rinunciare in ossequio alle menzogne della post verità e  in nome della post libertà.

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: