Annunci

Archivi categoria: Anna Lombroso

MalaRealiti

mala Anna Lombroso per il Simplicissimus

Che gli Usa abbiano colonizzato anche il nostro immaginario, si sa. E ormai si sa anche che li imitiamo male, tanto che se alla fine dell’età americana copiamo il Truman Show, ci aggiungiamo  un po’ di nostrana cialtroneria gaglioffa, lo chiamiamo Realiti, lo affidiamo a un “bravo presentatore”, ex Jena strappata a Mediaset, in qualità di professionista di provocazioni seriali tramite sberleffo e irriverenza un tanto al chilo, purché non disturbino il manovratore.

L’intento, con un ritardo di vent’anni,  è trasformare i prodotti più miserabili in commercio in fenomeni sociologici, su cui  possano discettare compunti quelli che si chiamano fuori contribuendo invece alla loro visibilità, quelli che denunciano lo scandalismo riproducendolo e alimentandolo.

E infatti ha detto Freccero cui si deve l’audace ideazione,  “Realiti mette in scena l’Italia del selfie   l’Italia di tutti quanti noi che pensiamo che l’unico valore sia il narcisismo”.  Quindi per contrastare questa tendenza inarrestabile, la sfida della trasmissione di Rai2 che va in diretta con Instagram, sottoponendosi al voto del pubblico,  è mettersi in concorrenza con  il talk di Barbara d’Urso in onda il mercoledì.

Se auditel non li aveva premiati, se non era bastato l’autorevole parterre di saggi e giudici tra i quali non poteva mancare Asia Argento, selezionati tra proverbiali narcisisti e leggendari egotici, a dare alla trasmissione i suoi due o tre giorni di celebrità sono serviti due cantanti neomelodici, uno in carne e ossa e uno come evocazione potente. Anche questo secondo  come il primo appartiene a quel firmamento di stelle tante volte rappresentato in film, sceneggiati e docufilm sul Sud, con tutta la paccottiglia di stereotipi che accompagna le sparatorie nelle stese, ma anche le prestazioni creative del boss sì, ma delle cerimonie.

Di lui si è appreso che è un’icona di malavitosi e non solo per via della sua carriera non prettamente musicale, che nel suo pantheon la figura di spicco è uno zio detenuto in regime di 41 bis e che ci sono ragazzine che muoiono per lui, per fortuna non in senso proprio.

L’altro di chiama Zappalà, era in studio, ed è lui che davanti alla gigantografia di Falcone e Borsellino, ha dichiarato tranquillamente “Queste persone che hanno fatto queste scelte di vita le sanno le conseguenze. Come ci piace il dolce ci deve piacere anche l’amaro”, insomma qualcosa che assomiglia da vicino al famigerato “se l’è andata a cercare” di Andreotti a proposito dell’assassinio di Ambrosoli.

Solo che lui non è Andreotti e quindi apriti cielo: il conduttore rivendica la qualità sociale della sua missione di indagine nel reality della vita e si difende ricordando che dopo l’ardita affermazione, con inaudita forza morale ha suggerito al pischello di “studiare”. I vertici Rai si svegliano dall’abituale letargo che li coglie quando nei consigli di amministrazione vengono messi a parte dei progetti ambiziosi  che dovrebbero restituire prestigio al servizio pubblico o quando in saletta di proiezione guardano il materiale pre montaggio.  E l’ad Fabrizio Salini poi non le manda a dire: «Quello che è avvenuto è inaccettabile e non può e non deve accadere …. per la Rai è un obbligo civile, morale e culturale essere rispettosi della legalità…. chiediamo scusa ai parenti di Falcone e Borsellino, ai familiari di tutte le vittime della mafia e ai telespettatori», concludendo: «È in corso un’istruttoria per stabilire le responsabilità».

Allora siamo a posto, che non deve andare troppo lontano:  basta che si guardi allo specchio per risalire all’onere della colpa in qualità di responsabile di grado più elevato.

Il fatto è che la critica alla società dello spettacolo, come quella allo spettacolo della politica non può essere affidata a chi “ci campa sopra”, a chi ci lucra, a chi basa su di essa carriera e prebende, notorietà ormai più importante e ricercata della reputazione.

Il ragazzotto chiamato a testimoniare e incarnare il fenomeno è una figurina che vale poco nello struscio del villaggio globale: niente rispetto ai tagliagole in diretta che (non sorprendentemente)  hanno studiato effetti speciali a Hollywood e tecniche della persuasione a Harward, niente rispetto alla poderosa messinscena equipaggiata con tutti gli strumenti della comunicazione,  studiata e prodotta per convincere le masse della bontà della rinuncia, della severità, dell’austerità, pena comminata per la colpa di aver beneficiato immeritatamente di diritti, conquiste, beni e  partecipazione. Vale poco anche se vien buono per riconfermare il primato del moralismo in sostituzione della morale, del politicamente corretto rispetto alla politica, per i quali la legalità diventa uno slogan da ripetere nelle inserzioni della “pubblicità progresso” pagata con il soldi della finanza criminale, con le imprese che si danno alla fuga per non pagare i debiti, i dipendenti, le bonifiche e pure i conti con la legge, con la corruzione, con le speculazioni, con le alleanze opache di “impresentabili” che restano a galla grazie ai salvagente delle mafie, con la normalizzazione liturgica della trasgressione officiata da “Raiset”,  dove si espone il puttanificio del tycoon culoflaccido più spettacolare e veniale del golpismo e dove amabili e  mielose signore di mezza età si inteneriscono comprensive e solidarizzano con inveterati stupratori e impenitenti assassini.

Del poco meno che ventenne Zappalà promosso a icona negativa – che vedrà piratare con più lena i cd, che verrà invitato con cachet superiori a cantare alle cresime, grazie a Salini, Freccero e gli altri – adesso sappiamo qualcosa. Mentre c’è una congiura per non farci sapere chi sono quelli che si riconoscono in lui, quelli che grazie alla visibilità, alla propagazione dei comportamenti e della esternazioni di qualcuno promosso a feticcio – o a leader, o a ministro,    a autorità parascientifica  o a influencer – si sentono autorizzati a esprimere vergogne tenute dentro, legittimati a esibire brutture per le quali si provava imbarazzo. Per non farci sapere perché sono diventati così, anche se non occorre essere Lukács  e nemmeno  Debord per capire che la conversione della realtà in società delle immagini è stata infine completata quando l’avidità di profitto ha definitivamente trasformato la gente in merce occupando ogni spazio della vita.

Non è un caso che dopo i fasti di Drive In, delle soap Mediaset che avevano illuso i cittadini festosamente promossi a clienti e consumatori, lo show che ci propinano è quello mesto e moraleggiante  del capitale umano retrocesso a “indebitato”, a “precarizzato”, a “miserabile” senza arte né parte in commedia, cui viene concesso solo il diritto a una comparsata e a un monologo avvelenato nel salotto tv dove va in onda lo spot dell’esistenza.

Annunci

El portava i scarp del tennis

Fila Foot Locker Anna Lombroso per il Simplicissimus

Vuoi vedere che rimpiangeremo quell’Arcadia consumistica, con la gente in fila per l’iPhone di ultima generazione o il mocassino del ciabattino mediceo,  in qualità di status symbol irrinunciabile per classi incatenate al desiderio di un’esistenza che non possono permettersi, tanto che certi bisogni che contribuivano all’autorealizzazione prendevano il sopravvento su quelli primari, libertà e dignità comprese?

C’è da temerlo, a guardare una notizia di questi giorni. A Milano, tutti in coda da Footlocker in corso Buenos Aires per le scarpe da tennis a edizione limitata Videp, in fila dalle tre di notte, per aggiudicarsi   le Yezzy boost 350 V2 black in edizione limitata a 220 euro al paio.

Si, 220 euro, per delle scarpe da tennis, ma nel negozio, perché il prezzo si moltiplicava a pochi metri di distanza, dove il dehors di un bar ancora chiuso era diventato un suk o meglio un’asta, e il desiderato prodotto era oggetto di contrattazione e negoziazioni serrate, tra chi si era  sobbarcato la fatica del risveglio antelucano e rilanciava e gli indolenti postulanti pronti a pagare fino a 400 euro.

Chissà che soddisfazione per i genitori dei dinamici giovinetti che già mostrano una precoce imprenditorialità e un così lodevole spirito di iniziativa. E chissà che rassicurate saranno le loro mamme apprensive, che hanno scucito i 220 euro: meglio che stiano svegli a far la fila per le scarpe e per poi rivenderle, invece di picchettare la Tav, occupare le scuole, farsi le canne. Chissà che orgoglio e che sollievo i nonni che potrebbero un domani sottrarsi al doveroso contributo per i loro studi e i loro fondi pensione, se gli imberbi maneggioni esprimono così l’ambizione di dominio e conquista delle fonti della loro soddisfazione, quella volontà di potenza  secondo Nietzsche, invece di stare sul divano con la playstation a aspettare l’accesso al reddito di cittadinanza.

E chissà che ammirazione riservano il sindaco di Gabicce e il suo mai dimenticato segretario a una generazione che mette a frutto le lezioni della Leopolda e le applica sotto forma di ingenua e primitiva speculazione appena un po’ più sofisticata del baratto, certo più ingegnosa della svendita dei libri ancora da usare e degli album di francobolli ereditati al nonno, fino a qualche tempo fa deplorate come cattive abitudini da condannare con severità. Per non dire dell’apprezzamento dei signori in paletot di cammello a corso Vittorio Emanuele, quelli che quando passa un altro genere di corteo anche se in fila ordinata urlano andè a lavura’.

Non si capisce se, come e quando andranno a lavurà’ i pusher di scarpe da tennis: è probabile che col loro istinto manageriale si aggiungano a un’altra fila, quella dei lavori che in America sono stati chiamati alla spina come la birra e la coca light, quelli che fai per un po’, raccatti qualche soldo, poi cambi, nella illusione che così stai esprimendo e tutelando la tua libertà, con l’abbaglio di non avere padroni sopra di te, perché sei tu che decidi di fare 10 o 50 o 100 consegne di pizza a domicilio, proprio come un cottimista. E con la allucinazione indotta di avere fatto progressi passando dalla catena di montaggio o dal passare carte al ministero  alla desiderabile economia dei lavoretti, utilizzati per il solo tempo strettamente necessario a fornire il servizio al di fuori di un qualsiasi rapporto di lavoro stabile. Perlopiù “governati” da piattaforme come Amazon Mechanical Turk (MTurk)  un servizio internet di crowdsourcing,   che permette ai programmatori di coordinare l’uso di intelligenze umane per eseguire compiti che i computer, a oggi, non sono ancora in grado di fare, impiegando  una forza lavoro  ventiquattro ore al giorno e sette giorni su sette. Dando l’impressione, falsa, che non essere inseriti in una relazione stabile, insieme alla possibilità di guadagnare soldi al pc  nel tempo libero e quando si vuole come fosse un gioco, sia un vantaggio e regali autonomia e quattrini facili, per giunta in nero.

E se per qualcuno di tratta di lavori aggiuntivi per arrivare a fine mese, pagarsi le vacanze, per altri si sta trasformando nell’unica fonte di reddito che per far raggiungere un livello remunerativo appena soddisfacente, costringe a delle corvè, crea una concorrenza spietata   perché il Turco vuole sempre nuove idee e sempre maggiore impegno come è naturale in quello che si delinea ormai come un taylorismo digitale, spesso accora più alienante, perché si svolge in casa, in solitudine e senza che si creino relazioni tra sfruttati in competizione, che non si organizzano e non si difendono.

I più fortunati, i più protetti all’origine, che possono contare su famiglie e amicizie utili potranno accedere a quelle occupazioni magistralmente censite in un libro di David Graeber, che in italiano ha conservato il titolo originale forse per un pudore della casa editrice, una di quelle che credono che il fascismo sia solo negli scaffali di qualche concorrente dichiaratamente nero: Bull Shit Jobs, quelle professioni  nelle quali il lavoro anziché finalizzato alla produzione, è fine a sé stesso, che danno da vivere – infelici – a quelli che le svolgono e costituiscono il fondamento del capitalismo globale; consulenti per le risorse umane, coordinatori di azioni di comunicazione, ricercatori del settore delle Pr, strateghi finanziari, legali interni alle aziende, gestori della conformità normativa (sic), perfezionatori di dati.

Non occorreva Nostradamus e nemmeno Keynes per profetizzare che gran parte dei lavori produttivi, sarebbero stati in gran parte sostituiti dall’automazione e che si sarebbero moltiplicate le libere professioni, le mansioni dirigenziali, quelle d’ufficio, di vendita e di servizio, quelle amministrative e di assistenza tecnica e scientifica.

E non è certo un caso che invece di dare l’opportunità di lavorare meno e tutti, dedicandosi a vocazioni, talenti, affetti, progetti creativi e hobby, il capitalismo ci obblighi per la sua sopravvivenza alla fatica, meglio se frustrante, come cavie che si arrampicano sulle scalette delle loro gabbie per contrastare l’allarmante eventualità che abbiamo tempo e sufficiente denaro per essere felici, liberi, appagati, peggio che mai, intenti a concentrarsi sullo studio e sulla conoscenza, senza sentirci moralmente deplorati da fantasmi protestanti, cattolici, giansenisti, puritani, metodisti,  pure socialisti  e comunisti che si sono prodigati per celebrare il lavoro motore di riscatto, anche quando è servile. Perfino adesso che lo status sociale non è più la capacità di “fare le cose”, ma la possibilità di comprarle (IPhone o scarpe da tennis) tanto che se una volta i produttori  di ricchezza erano i lavoratori, oggi si chiamano così gli Elkann.

Così mentre si attribuiva nuovo valore al lavoro, perché non c’è, perché è mobile, perché è insoddisfacente, perché è poco remunerato o troppo immeritatamente superpagato, perché è un terreno di guerra dove vengono fatti muovere eserciti gli uni contro gli altri, sempre meno se ne riservava alla studio, alla conoscenza, alla  scuola,  dove pare si debbano solo “assaggiare i saperi”, muoversi in “un’orizzontalità estesa a competenze, suggestioni provenienti dal mondo concreto della produzione e della preparazione tecnico- pratici”, “valorizzare il concreto farsi delle competenze”, in attesa che la fatica venga sostituita da robot non sempre più obbedienti degli umani, come non fosse evidente che saranno sempre gli stessi pochi a godersi i profitti  dell’automatizzazione, mentre i tanti pagheranno tutti i prezzi compresi quelli della devastazione ambientale.

Una volta ci pareva che per cambiare le cose dovessimo metterci dalla parte del torto, mai come adesso bisognerebbe riprendersi la ragione, altrimenti dove andranno quei ragazzini con le loro scarpe da tennis, come finiremo?


Andare in giro, prendere in giro

mappamondoAnna Lombroso per il Simplicissimus

Avessi scommesso, adesso sarei ricca e potrei con tollerante comprensione associarmi alle esternazioni comparse sui social a proposito del turismo di massa che, perfino secondo alcuni delfini e delfine di dinastie della Grande Sinistra d’antan, rappresenterebbe un riscatto, così come il “viaggiare” una conquista.

Sarà meglio non farlo sapere a quelli della nave Sirio e meno che mai a quelli che varcano il Mediterraneo in gommone, e che non sono direttamente interessati a questa interpretazione del viaggio e del turismo come dovere sociale improrogabile concesso in sostituzione di diritti negati o cancellati: sei un precario in un call center? Goditi la mobilità andando due giorni e due notti brave in un pulciaio a Ibiza. Sei un esodato grazie alla Fornero? Meglio, così hai tempo per recarti a Assisi col parroco e con l’opportunità di comprarti anche la batteria di pignatte.

Oppure grazie a questi nuovi orizzonti del cosmopolitismo aberrante puoi diventare manager dell’accoglienza affittando una stanza in casa di papà e mamma convertita in B%B o la casetta al borgo antico o in incantevole paesaggio agricolo dei nonni, che in ossequio alle direttive del Fondo Monetario hanno preferito togliersi di torno precocemente per non pesare sulla società.

Certo tutto si fa più difficile e sta passando anche la sbornia collettiva promossa da AirBnB e altre imprese acchiappacitrulli hanno fondato un impero su evasione fiscale, elusione delle regole e partecipazione alla cacciata di residenti dalle loro case per far posto all’accoglienza:  i target acchiappati si stanno accorgendo che la saturazione del mercato non genera più concorrenza, che a fronte delle esose percentuali delle organizzazioni e delle agenzie il profitto è irrilevante, che il passaggio di ospiti poco paganti devasta le proprietà, quelle private e pure quelle pubbliche, innalzando il costo dei servizi essenziali, così come i viaggiatori trovano ricovero spesso in scatole multi-giaciglio dove non si cambia la biancheria e nemmeno l’aria.

Quelli che lo indicano come veicolo di affrancamento raggiunto attraverso lotte sociali, trascurano che, come tutto del resto, anche il turismo di massa è un palcoscenico dove si consumano le più vergognose e inique disuguaglianze: che c’è chi sta pigiato davanti a un quadro in mezzo a quella folla che loro per primi aborriscono tanto che preferiscono visite private in musei e gallerie, concesse a imprese e testimonial in veste di mecenati a diecimila euro a convention, c’è chi procede incolonnato in fila per due col berrettino in testa per attraversare Piazza dei Miracoli sotto il sole cocente attaccato alla bottiglietta dell’acqua minerale riposta dello zainetto insieme al panino sotto vuoto e chi invece sfugge dalla insolente e ignorante marmaglia rifugiandosi in resort freschi e appartati in attesa che silenziose limousine o motoscafi li conducano nei luoghi della contemplazione culturale e estetica via dalla pazza folla, risalita già sui torpedoni.

Ah dimenticavo, c’è anche chi prende modesti guadagni dalle rendite parassitarie indotte dal fatto che l’accoglienza e le attività servili sono diventate l’unica economia “produttiva” di molte località (ne ho scritto proprio ieri quihttps://ilsimplicissimus2.com/2019/06/06/turismo-di-cacca/ ) e che ha sostituito imprese e lavori locali e tradizionali, in nome di una presunta vocazione turistica che pesa come una condanna genetica sulle città d’arte, mentre i veri profitti speculativi sono delle multinazionali dei corsari del mare, delle agenzie e delle imprese di travel e alberghiere in combutta con quelle immobiliari che stanno cambiando la faccia e la natura di interi paesi, aiutando il più criminale dei ricambi, abitanti sostituiti da visitatori.

Le differenze si consumano non solo a proposito dell’utenza di luoghi costruiti, del godimento di opere d’arte e monumenti: le montagne un tempo meta di escursionisti spericolati e amanti della solitudine contemplativa sono occupate militarmente da infrastrutture sportive e alberghiere, atolli sono soffocati dai sacchetti di plastica dei visitatori ma anche da quelli importati ( la Malesia si ribella e li vuol rimandare da noi), a Tahiti i selvaggi felici descritti dal signor de Bouganville non ne possono più di mettere in scena la rappresentazione della loro gioiosa innocenza per carovane di wasp imbecilli e sfruttatori, mentre sappiamo che i paradisi fiscali hanno imparato a combinare l’ospitalità di capitali sporchi con quella di evasori in cerca di riposo su spiagge bianche e deserte e in mari incontaminati.

Ma questo pare non si possa dire per non essere tacciati, in fondo né più né meno di Adorno, di disprezzo nei confronti delle masse alienate e ignoranti prese in ostaggio dai miti del consumismo culturale. In questo caso la spirale del silenzio,  che impedisce di ammettere verità che potrebbero essere oggetto di vituperio e deplorazione dal parte della propria cerchia sociale,  serve non solo a placare quel po’ di coscienza suscitata dal revival dell’antifascismo che dobbiamo a Salvini, ma soprattutto a esercitare indulgenza elargita generosamente a quelle classi subalterne anche quelle recentemente riscoperte e valorizzate proprio per sottolineare l’appartenenza di pochi, sempre quelli, a quelle superiori e  libere.

Come se ­­­­­gli americani acculturati, ben descritti da Roland Barthes, che vanno in Giappone  cercando non ciò che è giapponese ma ciò che è giapponesizzato e mediato dalla cultura occidentale Hollywood compresa, fossero migliori delle frotte che si armano di mascherine per partecipare del Carnevale veneziano visto nelle soap.  Con la differenza che i primi si sarebbero meritati grazie ai quattrini, alla lettura di Mishima e ai film di Kurosawa nei cine d’essai il turismo d’élite con i suoi hotel, le visite prenotate per pochi intimi, le esplorazioni in luoghi esclusivi che dischiudono le porte e le meraviglie solo per loro, agli altri è permesso quello di massa, elargito come  magnanima compensazione più che come risarcimento. E che ha anche l’effetto non secondario di alimentare contenziosi  tra poveracci, ospiti e ospitanti, che  confliggono per accedere a servizi sempre più limitati, ambiente sempre più maltrattato, bellezza sempre più incompresa.

Ormai a pensare che le conquiste siano quelle sono le cavie che si sono accomodate nelle gabbiette del sistema, quelle che hanno conservato qualche – labile- privilegio di rendita, di fama, dinastico, quelli che hanno perso la voglia o la capacità di concepire un modo “altro” di vivere fuori dal loro superstite – labile – benessere, più equo, più giusto, più bello e pensano di conservarselo con qualche concessione ai Tartari che premono: una passeggiata a Tragara, una pipì in Canal Grande, le iniziali col pennarello sul colonnato di Piazza San Pietro, un selfie sulle macerie di un paese retrocesso a luna park.


Turismo di cacca

turismo-mondiale-580x400 Anna Lombroso per il Simplicissimus

Lunedì scorso delle giovani turiste che non sappiamo se fossero scese a terra da una delle grandi navi da crociera, hanno contribuito con la loro personale polluzione all’impronta ecologica della ex Serenissima . Entrate in un elegante negozio di abbigliamento di Venezia e scelti dei capi firmati, chiedono di provarli e se li portano in camerino, da dove escono frettolosamente: “grazie non vanno bene”, dicono andandosene. La commessa che va per riporli ha la sorpresa di scoprire che nello stanzino hanno defecato e si sono pulite il sedere con gli abiti.

Una delle destinazioni turistiche più popolari dell’Islanda, isola di 335.000 abitanti contro i due milioni e mezzo di turisti per lo più americani,  è Jokulsarlon. Un gruppo di investitori esteri, che ha acquistato un esteso appezzamento da una banca in asta per farne un mega villaggio, è deciso a combattere contro la prelazione dell’acquisto da parte dello stato islandese, che aveva affidato la gestione della laguna e delle sue coste al parco nazionale di Vatnajokull. E è quasi certo che vincerà la sfida, perché ormai il turismo, che nel 2017 ha generato il 20% del Pil, è diventato la principale fonte di reddito del paese, sostituendo la sua economia a quella delle industrie della pesca e dell’alluminio, cambiando il volto del Paese, quello ambientale e quello sociale. Le infrastruttura stradali non ce la fanno a sopportare la pressione,  gli hotel sono saturi, l’esplosione di Airbnb ha alzato il prezzo degli alloggi nella capitale a scapito degli abitanti delle città, che ora lottano per trovare alloggi a prezzi accessibili, i servizi igienici, quelli ospedalieri così come i parcheggi e la segnaletica sono insufficienti, e i siti  finora incontaminati e tutelati, sono ora presi d’assalto.

Un recente rapporto dell’Ue ha segnalato che in Israele si registra un abnorme  incremento della promozione turistica nei quartieri palestinesi di Gerusalemme Est, grazie a iniziative come il Parco di City of David, i sentieri escursionistici verso il Golan,  perfino una funivia, al fine di espandere gli insediamenti e le infrastrutture, legittimando con finalità culturali oltre che commerciali,  l’occupazione.

Nelle Baleari, 1,1 milione di abitanti, arrivano ormai quasi tre milioni di visitatori a “buon mercato” con una spesa media di 100 euro al giorno, molto più bassa rispetto alla Francia e più ridotta è la permanenza  media, che è scesa a circa 7 giorni. Il settore sta passando sempre di più dalle mani dei tour operator e delle catene alberghiere a quelle dei siti internet come Airbnb, con un inevitabile rincaro di affitti e prezzi, e la “espulsione” dei residenti attribuibile anche  alla ripercussione della pressione turistica sui servizi pubblici (in primo luogo sulla sanità), che non riescono a conciliare le necessità di questa popolazione stagionale con quella degli abitanti.

In Spagna se la produttività aumenta appena di poco meno dell’un per cento all’anno, è perché è legata a comparti  settori a bassa redditività, come il turismo dove abbondano l’occupazione e i lavori scarsamente qualificati, ha ricordato più volte  Ada Colau, sindaco di Barcellona, nota per aver dichiarato di non voler contribuire a far fare alla sua città “la fine di Venezia”. E si segnalano ormai forme di disubbidienza civile che sono state paragonate spericolatamente da Partito Popolare alle azioni di guerriglia urbana degli indipendentisti baschi,  anche se in realtà di sono limitate al lancio di coriandoli e alla serrata di alcuni locali della movida.

Il fatto è che non esiste ormai località al mondo dove non capiti almeno una volta l’anno un viaggiatore per caso. Si definiscono ormai “mete” turistiche le città in cui il numero di visitatori annui supera di gran lunga il numero di abitanti: quindi Venezia, Firenze,  Kyoto, Dubrovnik, Bruges,  ma anche metropoli grandi come Roma o Barcellona, Parigi e Londra  e perfino  New York, se ci si limita all’isola di Manhattan. Con la differenza che per alcune si tratta della sola industria locale come una volta  Detroit e Torino erano le città dell’automobile,  Essen quella dell’acciaio,  Clermont-Ferrand quella della gomma. E quelle si convertono in Luna Park dove i residenti, sempre meno, si prestano attività servili o sono costretti a interpretare una rappresentazione della loro esistenza secondo stereotipi antropologici e sociologici, con tanto di costumi tradizionali: damine del Settecento a imporre concerti di Vivaldi in chiave hiphop, gondolieri che strimpellano ‘O sole mio, stornellatori fiorentini che trasportano le Cascine sopra la sottovia di Nardella.

La fabbrica globale delle “destinazioni” consta di circa 230 milioni di posti di lavoro (dati Ue), 9,4% del Pil europeo (15,5 in Spagna, 10,2 in Italia), dati formidabili che snocciolati così danno l’impressione di una potenza moderna, immateriale e comunque leggera, mentre invece è pesantissima, causa devastazioni e danni fatta com’è di costruzioni, infrastrutture, auto, aerei, navi ( in Europa le crociere inquinano più di 260 milioni di vetture).

Il marchio di patrimoni dell’umanità dell’Unesco condanna gli abitanti all’esodo, secondo un tragico paradosso: non possono più stare dove sono nati e vissuti anche se il loro reddito in parte sempre maggiore dipende dall’invasione, spesso costretti a ritorni giornalieri nella loro città in veste di comparse, affittacamere di proprietà nelle quali non possono più permettersi di vivere, deplorati in quanto parassiti che si approfittano della dabbenaggine del visitatore distratto dal suo ruolo di cliente consumatore di luoghi, bellezza, storia, arte, cucina, vini e souvenir uguali alle loro imitazioni di ogni latitudine, impreparato e impermeabile all’esperienza che sta vivendo tanto che ormai il fotografare sostituisce il vedere e quello che lo circonda è ridotto a location dei suoi selfie.

So già che quello che ho citato fino ad ora verrà rintuzzato da chi ricorda che la possibilità di viaggiare, visitare posti nuovi, godere di ferie pagate non è un lusso ma una conquista ottenuta al prezzo di lotte, che rispecchia una ulteriore disuguaglianza aggiuntiva alle tante della nostra contemporaneità: da una parte il turista acculturato che spende e ha il diritto di pretendere, dall’altra quello frettoloso, disinformato e ignorante che non possiede le prerogative per godere dei doni della cultura, della natura e della creatività.

Mentre nessuno dovrebbe compiacersi che il turista ciabattone  venga deportato in pullman, nave, messo in fila in un corteo di pellegrini a sfiorare pietre secolari e dare uno sguardo di sfuggita a opere immortali, finendo per mangiare panini sottovuoto seduto sui masegni di Piazza San Marco come nell’intervallo tra due consegne di Amazon.

Che poi il sistema è lo stesso collaudato dal signor Ford che regalava qualche fuori busta ai suoi dipendenti perché potessero investirlo comprando una delle sue auto, quello degli 80 euro renziani e del contributo per acquisti “culturali”, nono poi diverso dall’elargizione di uno stadio della Roma o della Fiorentina al posto di servizi per la città, della Tav  per recapitare le merci alla madamine invece delle infrastrutture per i pendolari.

E consiste nell’offerta di consumi di massa per ridurre al letargo la massa, erogando qualche sogno e qualche gita al posto dei diritti e della legittima soddisfazione di aspettative e talenti e qualche selfie/ricordo al posto della memoria della dignità, permettendo la sosta per i picnic e le foto di gruppo nelle piazze dove un tempo ci si trovava tutti insieme tutti nello stesso tempo e nello stesso luogo per far sentire il grido della libertà.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: