Archivi tag: Ely Schlein

L’ex compagno Malaccini

cotone Anna Lombroso per il Simplicissimus

A volte ci si illude che il tempo che passa stenda un velo di polvere pietoso sulle stronzate, invece no. Sembrano sepolte e dimenticate e invece no, a farle riaffiorare dal loro elemento naturale basta una campagna elettorale, un virus che dà modo a qualsiasi bocca in astinenza da intervista di masticare e espellere i suoi pensierini, in questi giorni propiziatori di bei sentimenti patri, purché non sovranisti, compassionevoli, purché non populisti.

Era successo durante il duello impari tra il presidente uscente riformista e la candidata del Gran Buzzurro, e succede ora, con il riaffacciarsi della retorica da sussidiario o da fumetti del Pioniere,  del cosiddetto modello emiliano, quel concentrato di sviluppo e di buon governo, propalata come una utopia realizzabile e realizzata e resuscitata periodicamente grazie a defibrillatori e  bomboloni di propaganda ittica in qualità di format progressista, educato e rispettabile da opporre alla destra sboccata e sguaiata.

E infatti ci ha pensato Bonaccini sfoderando le sue ricette istantanee per rispondere ai bisogni della sua regione e partecipare del grande progetto della ricostruzione post-pandemica, più modestamente definita Ripartenza.

Il suo new deal ruspante come si addice alla tradizione della pingue Emilia-Romagna, concreta e operosa, prevede di allestire con le parti sociali un bel programma concertato per riavviare gradualmente “le filiere a valenza internazionale e i cantieri delle opere pubbliche”, approfittando come è giusto della sua santa in paradiso, la Ministra della sua terra, che sta tenendo in caldo la zuppa di infrastrutture, interventi viari, passanti, bretelle ( 20 miliardi di euro di investimenti in 5 anni) confezionata manco fosse il Farinetti di Eataly, per garantire una bella scorpacciata godereccia che sfami la bulimia costruttiva del Pd e delle cordate amiche (compagne non si usa più) le coop del cemento e non solo un tempo rosso, a braccetto con i più inveterati malaffaristi, corruttori e corrotti che fanno dentro e  fuori da consigli di amministrazione e aule giudiziarie.

Ma come se non bastasse, per l’immediato, il presidente ha pronta la sua prescrizione per fronteggiare l’emergenza dei campi e delle coltivazioni abbandonate da quegli sfaccendati, indolenti e codardi dei lavoratori stranieri stagionali, cui il suo partito ha guardato a intermittenza come a risorsa profittevole incaricata di svolgere mansioni servili antropologicamente appropriate o come a problema da risolvere con doverose limitazioni, numeri chiusi, regolarizzazioni al bisogno, grazie alle disposizioni messe a punto dal mai abbastanza rimpianto ministro Minniti, più composte e educate di quelle forgiate a immagine e somiglianza dal successore.

Cosa ti ha pensato lui, il Bonaccini, confortato da analoga ipotesi messa a punto dalla ministra ex bracciante? È semplice, per raccogliere le ciliegie di Vignola, le Decana e le Kaiser di Reggio, i meloni di Cremona,  si dovrebbe ragionevolmente disporre della forza lavoro “di chi prende il reddito di cittadinanza” in modo  che così restituisca “un po’ quello che prende”.

Vi ricordate una volta, un tempo felice dopo le lotte delle Leghe, le rivolte contadine, le battaglie della mondine, e poi lo Statuto dei Lavoratori, l’articolo 18?

Basta, tutto cancellato, proprio grazie a chi campa ancora, anche se con sempre minore consenso, sulla rivendicazione flebile e pallida di una tradizione, sulla testimonianza sempre più afona e incolore dei bisogni degli sfruttati da sfoderare il Primo Maggio a margine del concertone.

Ha subito una festosa accelerazione il passaggio dal lavoro alle occupazioni alla spina, al volontariato obbligato, al part time coatto, al precariato ricattabile, ai contratti anomali, in modo da arrivare alla leva obbligatoria come per i galeotti sulle navi, o i coscritti a scavare buche e riempirle in una sterile ammuina, in nome, in questo caso, di una doverosa gratitudine da esigere da parassiti e mangiaufo.

Siamo addirittura un bel po’ arretrati rispetto allo slogan “il lavoro rende liberi” se in questo caso la fatica deve essere grata e gratuita per saldare un debito morale, e anche rispetto alle piantagioni di cotone se dalla Tara targata Bologna, il presidente guarda ai suoi zii Tom come al suo terzo mondo interno in sostituzione di quello esterno, da sfruttare sui solchi bagnati di servo sudor, in modo che lavorino per i privati pagati dallo Stato, cioè noi.

Così da far rientrare quelle occupazione nei lavori di pubblica utilità a cui sono tenuti i percettori del reddito di cittadinanza con l’effetto di pagare gli “addetti”  meno della metà del salario previsto dai contratti collettivi di lavoro e di penalizzare  le aziende rispettose delle regole e i piccoli  agricoltori che non hanno dipendenti.

C’è da sospettare che questa ipotesi sia gradita a tutto l’arco costituzionale: si tratta proprio una soluzione che mette d’accordo tutti. Basta prolungare a tempo indeterminato l’emergenza, chiudere frontiere e porti a tutela della salute pubblica, reclutare gli  scrocconi e impegnarli pedagogicamente in lavori di pubblica utilità a beneficio dell’utilità privata, così nessuno potrà lamentarsi delle invasioni bibliche, del caporalato promosso a agenzia interinale, della molesta presenza di stranieri che rubano il salario agli italiani.

Qualcuno ingenuamente dirà, ma allora bastava Salvini. Proprio vero.

Con il suo genuino e schietto candore il Bonaccini che vuole più autonomia nei settori della scuola e dell’università, dell’energia, delle grandi infrastrutture, dei beni ambientali e culturali,  delle casse di risparmio e delle ferrovie locali, e non ultimo, della sanità, viste le performance in corso, si propone come icona rappresentativa, a testimonianza vivente e emblematica  del fatto che destra e riformisti sono ugualmente e entusiasticamente al servizio dell’ideologia liberista.

Non a caso ho scritto “riformisti”, avrei potuto scrivere progressisti, insomma impiegando una di quelle definizioni che hanno perso ancora più senso del termine “sinistra”, ormai obsoleto e inadeguato se lo usano ancora come improperio o minaccia Berlusconi a Nizza, Feltri alla consona toilette, Mentana rimpiangendo l’Esule, i fedeli incrollabili dell’Europa che giurano in nome dell’oblio delle carte costituzionali troppo condizionate dalle lotte di liberazione nazionali. Che ormai concordano nel ritenere che Sanders o quelli di Podemos, Mélenchon o Corbyn  siano pericolosi sovversivi né più né meno dei lontani congressisti di Bad Godesberg.

Così il diplomato, che vanta nel suo scarno curriculum solo esperienze professionali di funzionario senza Frattocchie presto promosso a carriere elettive, va a ricoprire il prestigioso incarico di interprete  (in compagnia della sua “Coraggiosa” vicepresidente sempre audacemente allineata sulla secessione, sulle trivelle) di quello che è stato chiamato il neoliberismo progressista, feroce quanto quello bancario, finanziario, poliziesco, con in più l’amaro sapore del tradimento di ceti già penalizzati nei livelli di reddito, qualità dei servizi sociali, luoghi di vita, mobilità sociale e fisica, istruzione e cultura, che sarebbe diventato lecito disprezzare, opprimere.

Fa capire che sarebbe equo sfruttarli, perché colpevoli di ignoranza, inadeguatezza a standard di arrivismo e ambizione, egoismo. Perché non consoni al trasformismo che ha interessato le stelle polari della sinistra rinnegata: la solidarietà convertita in beneficenza, la fratellanza in competitività, l’internazionalismo in  cosmopolitismo, l’egualitarismo in meritocrazia, lo statalismo in assistenzialismo in favore dei privati e del padronato, il lavoro in servitù.

Con gente così possiamo maturare un’unica certezza, andrà tutto male.


Ely Shining

elAnna Lombroso per il Simplicissimus

Non ho ricevuto un’educazione confessionale e così non ho fatta mia la consuetudine di conservare nel portafogli una immaginetta sacra incaricata di proteggere il fiducioso possessore da ogni sorta di pericoli.

Tra l’altro, negli anni, il target di numi tutelari si è via via esteso ed anche l’esibizione dei loro ritratti in vari formati, materiali e media: poster e foto sul profilo del Che, ma anche di rapper, sindaci disubbidienti, vignettisti, replicati ed esposti in funzione di ispiratori, maestri di pensiero e modelli di vita e comportamento.

E’ quindi naturale che nei periodi di crisi si assista alla ricerca di icone di culto e ultimamente la preferenza è stata  riservata a figurine femminili, portatrici naturalmente di speciali valori attribuiti al codice di genere: sensibilità, indole all’ascolto, alla cura e all’accoglienza, legate indissolubilmente alla funzione materna, dei quali peraltro avrebbero dovuto essere dotate, oltre a Carola o Greta  o Sanna, anche la Fornero, la Lagarde, la Clinton.

È di oggi per esempio la notizia che il segretario del Pd candida alla presidenza del partito la sindaca di Marzabotto, affiancata da due vicepresidenti Anna Ascani e Debora Serracchiani (quella che lo stupro indigeno è meno  deplorevole di quello forestiero), che vanta nel suo curriculum politico e di amministratrice lodevolissime iniziative a sostegno della memoria dell’eccidio e niente più, a conferma che ormai conta  la “facciata” più di esperienza, competenza, programmi considerati controindicazioni a suscitare consenso e approvazione e delegati interamente a addetti ai lavori, tecnici, kapò e caporali.

E infatti la liturgia, in piena eclissi del sacro presso le sinistre tradizionali, propone l’ostensione  di una nuova Giovanna d’Arco, che unisce all’ardimento della guerriera, alla tenacia delle suffragette e all’instancabile perseveranza dei pellegrini, dimostrata, tra l’altro,  mettendosi a capo della campagna slowfoot, una mobilitazione collettiva, fatta a piedi e in mezzo alla gente per far girare l’ideale europeo in una simpatica riedizione del cammino di Compostela o della via Franchigena.

Parlo naturalmente di Ely Schlein, scesa in terra a miracol mostrare, incarnando il meglio della religione del politicamente corretto: impegnata femminista, appassionata ecologista, fervente europeista, orgogliosa omosessuale. E poi creativa (al Dams e negli anni di università si occupa di comunicazione, grafica e organizzazione di eventi)   cosmopolita per nascita, studi, esperienze e per la militanza sul campo, quello di Obama, alla cui elezione contribuisce formando i volontari durante la campagna elettorale. E anche pluridecorata al merito nientepopòdimeno che con il premio Maraini al Liceo di Lugano  per i migliori risultati dell’anno di maturità 2004 e nel 2017 come “miglior deputato europeo” dell’anno (cito dal suo sito).

Non le manca niente insomma per ricoprire un ruolo salvifico: ha dato vita  a Occupy Pd per denunciare le larghe intese che affossano la candidatura di Prodi a Presidente della Repubblica, europarlamentare dal  2015 nelle liste del Pd,  a seguito di fratture insanabili con il vertice, lascia il partito  insieme a Pippo Civati e con lui lancia  Possibile, che diventa ufficialmente partito nell’aprile 2016. Infine con la lista Emilia Romagna Coraggiosa, insider virtuale delle sardine, contribuisce al successo di Bonaccini entrando a far parte della sua squadra di governo regionale.

E infatti Left, che si autodefinisce spericolatamente l’unico giornale della sinistra, ci informa in estasi  che è stata animatrice qualche giorno fa di un costruttivo confronto  tenutosi “nell’ambito delle iniziative che precedono e accompagnano il percorso verso il congresso che terrà Sinistra Italiana”, e nel quale numerosi esponenti politici e personalità della cultura sono intervenuti: “dal messaggio di Cuperlo, alle appassionate analisi di Vendola, Mussi, Fratoianni, tra le più lucide riflessioni sullo stato della sinistra e insieme coniugate a tangibili sentimenti e passioni, mai scaduti in sterile nostalgia”.   

Non stupisce dunque che tutti quei simpatici attrezzi sopravvissuti a ogni tempesta e a ogni corrente,  contagiati dal suo ardore e ardire, abbiano convenuto sull’opportunità di estendere a tutto il Paese e in tutte le tornate elettorali il suo format vincente sul quale la record-woman di preferenze scommette per – sono le sue parole – “spostare a sinistra il Pd …. grazie al giusto equilibrio tra le spinte civiche e le forze politiche che hanno sostenuto il progetto di Coraggiosa: Articolo 1, Sinistra italiana, È Viva e Diem25 di Varoufakis”.

Rivendica il raggiungimento del suo obiettivo ambizioso la nuova vice presidente della giunta, ringraziando Bonaccini per essersi fatto contagiare dalla sua audacia per “coniugare in modo nuovo e incisivo la lotta alle diseguaglianze che segnano la nostra società e la transizione ecologica”,  incaricandola di prestarsi con “un impegno diretto sulle politiche sociali e sul coordinamento del Patto per il clima che abbiamo lanciato durante la campagna elettorale, con una forte vocazione europea e l’obiettivo di allineare le politiche regionali al raggiungimento dei nuovi obiettivi ONU per lo Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030”.

A guardare il suo sito, a leggere le innumerevoli interviste, a prendere atto del suo poliedrico attivismo che sconfina nel simultaneismo marinettiano, dal volontariato alla regia, dalla presenza nel gruppo per la riforma del trattato di Dublino  a quella in ben 5 Commissioni europarlamentari, si può capire che le sia sfuggito qualcosa. Che nel suo fervore che non si sia accorta che la regione nella quale si accinge a coprire un ruolo strategico si propone di sperimentare un non nuovo  e nemmeno originale esperimento di disuguaglianza sociale, economica, morale, culturale, con la richiesta – allineata perfettamente all’avanguardia leghista di Veneto e Lombardia – di una autonomia regionale che spaccherà l’unità del Paese, penalizzerà le regioni meridionali, favorirà l’arrembaggio dei privati in settori già largamente “infiltrati” grazie alle riforme dei governi di centrosinistra, assistenza sanitaria, scuola e università.

Si può capire che probabilmente mentre era a Roma a unire i progressisti intorno alle parole d’ordine dell’ambientalismo non sia stata informata che il suo presidente ha sollecitato un incontro con il governo per contrastare  la  proroga dello stop all’attività estrattiva, che  “non porta con sé alcuna soluzione concreta e strutturale, aggravando le difficoltà e lasciando in una pericolosa incertezza l’intero comparto ravennate”,  replicando così il già visto a Taranto e in altri siti industriali nazionali, nei quali viene imposta come inderogabile l’infame alternativa ricattatoria tra occupazione o ambiente, salute o salario.

Adesso direte che non ci va mai bene niente. Ed è vero perché niente va bene nella resa al capitale e al mercato e alle loro regole ormai assunte a leggi naturali, alla constatazione che dovrebbe suscitare rabbia  e ribellione che al momento destra e sinistra “tradizionale” sono come giano, due facce del liberismo, che il riformismo, che raccoglie consenso negli strati più elevati in termini di reddito e di educazione delle classi medie ha svenduto i suoi valori dimostrando che le sue riforme non erano aggiustamenti per addomesticare la bestia feroce del capitalismo, ma al contrario medicine per tenerlo in vita senza critica, opposizione e reazione delle classi più penalizzate, anestetizzate dal bisogno e criminalizzate anche moralmente in quanto ignoranti, rozze, viscerali, perché se non sappiamo immaginare una salvezza di tutti, allora ci si adopera per il “si salvi chi può”, ognuno a modo suo e per i proprio miserabili interessi. Sicché la supposta contrapposizione destra e sinistra si riduce a quella tra compassione e cinismo, modernità e passatismo.

E niente va bene nella trasformazione del solidarismo comunitario in individualismo e leaderismo, dell’internazionalismo proletario in cosmopolitismo borghese, nell’egualitarismo in meritocrazia, nella interpretazione della sovranità di popolo convertita in trogloditico sovranismo e arcaico populismo. O nella riduzione del riscatto di genere in rivendicazione di parità perché se sfruttamento e repressione, lavoro di cura, rigida divisione di compiti e ruoli non verrebbero superati con la morte del “capitalismo”, meno che mai si aggirano con la sostituzione nei posti chiave di femmine al posto dei maschi, di sopraffazioni femminili su maschi e pure su donne che non possono aspirare all’appartenenza e all’affrancamento appannaggio di un ceto privilegiato.

Niente va bene nello sperare di addolcire la pressione del totalitarismo come si configura oggi, si rabbonirlo entrando al suo interno, di cambiarlo dall’interno come volevano persuaderci di poter fare quelli come Ely che non sappiamo quanto in buona fede promettono un’altra Europa grazie alla loro augusta presenza nelle segrete e nelle intendenze della fortezza, se ormai Sanders, Podemos, soggetti isolati che una volta  sarebbero stati l’incarnazione di un pacifico e inoffensivo riformismo nemmeno “strutturale” oggi paiono antagonisti e insurrezionalisti a fronte di certe piccole, grandi slealtà.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: