Annunci

Archivi tag: civilizzazione

La governante del Friuli

immAnna Lombroso per il Simplicissimus

Nel suo godibilissmo testo “La civiltà delle buone maniere”, Norbert Elias conclude rammentando che la civilizzazione è un processo in itinere  e che va di pari passo con progresso economico, scientifico, umano e sociale.

Deve essere per quello che la civilizzazione sembra andare a ritroso come i gamberi e solo una buona dose di ipocrisia interviene ad addomesticare comportamenti e azioni ispirate da violenza, sopraffazione, arroganza e sfruttamento se non sventriamo più la cacciagione a tavola, ma incarichiamo  gente in divisa di praticare le stesse macellerie in corpore vili di nostri simili, se non sputiamo, non esprimiamo piacere per le performance dei masterchef  con festosi rutti.

E  se, insomma, sembriamo censurare  istinti e atti  “indecenti” e poco consono con l’ortodossia della correttezza politica e di Facebook – così mai ci abbandoneremmo al rito del rogo dei gattini in uso a Parigi per festeggiare Sal Giovanni –   ma al tempo stesso non esercitiamo lo stesso controllo su certe inclinazioni e sollecitazione che in tempi andati avremmo seppellito vergognosamente nel nostro profondo,  temendo riprovazione e condanna in passato riservati a razzismo, xenofobia, nausea e ostilità nei confronti di chi ha attitudini  e usi diversi dai nostri.

Mirabile rappresentante dell’egemonia dell’ipocrisia, così imperante da far mutare perfino fonai d’opera e corso della storia, è oggi la governatrice del Friuli che si è presa la briga di promuovere coi quattrini pubblici una sconcertante iniziativa: la pubblicazione di un agile volumetto indirizzato ai “suoi” amministratori, i sindaci della regione,  denso di raccomandazioni e consigli utili, a detta della Serracchiani, per evitare gaffe e incomprensioni che potrebbero incrinare le relazioni istituzionali, quali prima di tutto l’esonero volontario da deodorante, acqua e sapone, ma pure l’ostentazione delle cosce da parte di prime cittadine, barbe irsute e incolte   di gorilloni assisi nello scanno più alto del municipio, inappropriato  e forse criminoso impiego del cucchiaio nel consumo di risotti.

A questi semplici moniti di un contemporaneo galateo in 21 capitoli, uno per lettera dell’alfabeto e 75 pagine, la pubblicazione della odierna Mon- sciuretta  della Casa, accompagna suggerimento e buone regole per l’accoglienza, quella degli ospiti illustri, l’esposizione delle bandiere,  la disposizione dei posti a tavola in occasione di celebrati magna magna, e la collocazione delle cariche pubbliche durante le cerimonie.

Nel difendersi da ingiustificate critiche  la ruspante presidenta ha voluto ricordare come la sua trovata altro non sia che l’adozione a livello locale di un manuale ispirato – ma vedi un po’ – a quello predisposto nella patria della buona educazione, nella nazione che ha fatto del chewing gum biascicato un brand, della volgarità una merce da esportazione, insomma negli Usa, e redatto qui da noi da nientepopodimeno che dall’associazione dei guru dei cerimonialismi tra i quali spicca un triestino a lei caro e che riunisce gli esperti nei protocolli  e nelle cerimonie dello Stato che lavorano nei palazzi romani, nelle Regioni e nei grandi Comuni. Una declinazione territoriale insomma del prodotto di quella disciplina che aiuta a dare una parvenza di eleganza e comune accettabilità a incursioni belliche  e bombardamenti, saccheggi e ruberie, e a  creare nemici per legittimare le guerre, il tutto però con tanto di feluche, marsine, pennacchi e medaglie di ordini cavallereschi da operetta.

Ma d’altra parte cosa ci potevamo aspettare da una di quelle meteorine che hanno attraversato il cielo   del Pd in omaggio alle doverose quote rosa spacciando per domestico buonsenso e muliebre pragmatismo la ferocia della realpolitik. Da una che ha invocato pene aggravate per gli immigrati che fanno concorrenza agli uxoricidi, femminicidi e violentatori nostrani, compresi di carabinieri, pagando il doppio nella loor vste di ospiti molesti?   Da chi, sdegnata dalla prospettiva di quote di accoglienza di profughi attribuite alla sua regione, ha risposto perfino al suo ministro; si scordino che prendiamo noi gli avanzi non voluti dagli altri?  E che, a proposito della evidente leggerezza con la quale tratta i fondi pubblici, e in qualità di leader della corsa al ripristino dei vitalizi, ricorda se stessa in veste di gioiosa sciacquetta in Europa, quando proprio non  sapeva a quanto ammontasse il suo emolumento né come venisse spesso.

Cosa vi aspettavate? Che pubblicasse un vademecum di buoni consigli sulla lotta alla corruzione e all’appropriazione indebita? Di regole per ridurre l’obiezione di coscienza begli ospedali della sua regione? Di misure per garantire umana e efficiente accoglienza ai profughi indesiderati? Di contrasto alla lottizzazione e agli abusi? Di indicazioni per appalti trasparenti?

Cosa vi aspettavate di diverso da un quadro dirigente del partito che ha a cuore il decoro e lo persegue emarginando e sanzionando i poveracci che ha contribuito a creare? Che sbandiera lo ius soli mentre elegge e protegge i sindaci dei murim delle panchine riservate e dei respingimenti, purchè in giacca e cravatta? che dispensa testamenti biologici, il minimo sindacale in tema di dignità, mentre abbrevia la nostra vita con i tagli all’assistenza, la fine del lavoro, l’esproprio dei nostri risparmi? E che colloca su un trono una donna e al tempo stesso esautora di diritti e conquiste tutte le altre?

Annunci

Nessuno tocchi Matteino

Anna Lombroso per il Simplicissimus

C’è chi ha pensato che la buona educazione non fosse una invenzione in favore dei ceti alti per conservarne inaccessibilità e remota distanza dalla volgarità della plebe sboccata e grossolana. Ma che invece segnasse le tappe del processo di civilizzazione con piccole ma significative conquiste: dal relegare lo scannamento di bestie nelle cucine all’uso delle posate, dal non indulgere nello spulciarsi in pubblico come bertucce al ritegno necessario a svolgere alcune funzioni nell’intimità fino all’esercizio di alcune censure anche nel licenzioso sfogo di piaceri dissoluti e perversi che portarono alla proibizione di sanguinosi tornei  o di rituali cruenti come il tradizionale rogo dei gatti in occasione della festa di S.Giovanni. E via via  si è ritenuto che lo stesso riserbo composto dovesse essere riservato all’espressione di emozioni, al contenimento di sentimenti,   per dissimulare inclinazioni, ma anche passioni forti, indole violenta, reazioni incontrollabili.

Ne sono stata convinta anche io: per anni non ho avuto indulgenza nei confronti di chi  volgeva la vis polemica in derisione di stature ridotte, parrucchini, tinture improbabili su riporti estemporanei, bocche siliconate e irrefrenabili. Per anni mi sono trattenuta dal ricorso a oscenità, sconcezze e trivialità, sentendomi illuminata per questo dalla luce della ragione, considerando i valori del rispetto e della considerazione degli altri e delle loro opinioni un’irrinunciabile conquista di civiltà, confronto e democrazia.

Man mano, via via che diventava, la democrazia intendo, una presenza molesta, un vecchiume posto a arginare dinamismo, libera iniziativa, ambizioni personali, legittimi profitti, sembravano sempre più arcaiche, ridicole e disdicevoli le virtù animate dalla ragione, ispirate dall’evoluta ed educata aspirazione al confronto.

L’irruzione del contesto politico e sociale di generazioni di gran burini affrancati da una doviziosa produzione cinematografica, l’affermazione di cerchie di gran zoticoni, l’autorità attribuita a clan di gran insolenti, insomma il primato dell’arroganza, della prepotenza, della sfrontatezza combinate con ignoranza, pressapochismo, letture orecchiate e culto della visibilità al posto di studi e reputazione hanno persuaso anche i più resistenti dalla vanità di certi pregi e di molte attitudini, derisi da chi si fa vanto di vizi, da chi esibisce ricchezze opache quanto pacchiane, carriere sconcertanti quanto immeritate a dimostrazione di talenti e vocazioni un tempo oggetto di vergogna  e ludibrio, da chi loda ­­per la sua inarrestabile vena sarcastica qualche impresentabile diventato indispensabile per la sua vocazione al voto di scambio, da chi fa della menzogna la sua cifra a conferma di una oscena superiorità conquistata a suon di ubbidienza, accondiscendenza ai potenti,  conformismo, ipocrisia e mediocrità.

Ecco spiegato il successo di una categoria cui attribuisco la responsabilità di avermi fatto convertire a un sano e sfacciato turpiloquio, necessario come una terapia a sfogare collera e indignazione, a uno spericolato gusto dell’invettiva bellicosa, indispensabile come un cerotto messo a riparare le ferite alla comune  e generale dignità.

Mi fanno ribrezzo, mi nauseano come il contenuto del bidone dell’umido il due gennaio dove si mescolano lische di branzino, la gelatina dello zampone, le lenticchie inacidite e lo zabaione che naviga su rottami di pandoro, in memoria di appetiti inconfessabili, scorpacciate turpi e sprechi ignominiosi.

Ma peggio ancora mi suscitano quelli cui quegli avanzi maleodoranti e disgustosi sembrano proprio piacere come fossero un piattino di Masterchef, che in questi due giorni post referendari affollano non solo la discarica televisiva ma pure i social network, inclini a riempirli di “Je suis Matteò”.

I peggio, devo ammetterli, quelli che mi suscitano un fastidio che sfocia nella vergogna per loro, sono i fan di una forma aberrante di correttezza  sociale e mondana. Sono loro a fare professione e ammissione di laica e giudiziosa obiettività,  di elegante e garbata equità, tanto che ne ho sentito qualcuno che diceva di aver militato nelle file del No, confessare di provare una sincera e emozionata pietas – magari si erano commossi anche per le lacrime di Fornero – per il cialtrone detronizzato divinamente imbronciato per la slealtà dei beneficati, immediatamente entrato a far parte, grazie alla meritata sconfitta, della schiera dei diseredati, che ha contribuito a condannare irreversibilmente, all’esercito dei disoccupati, che ha collaborato a popolare, della legione dei tanti che hanno subito una perdita di beni, sicurezze, garanzie e diritti grazie a lui.

Sono sempre loro a riconoscergli doti virili di dignitosa sopportazione dello schiaffone sonoro che gli abbiamo ammollato, lodando la decisione anticipata da un anno di tira e molla, da un anno di battage pubblicitario sulla sua granitica determinazione a rispettare la volontà popolare, di assumersi le sue responsabilità lasciando almeno uno dei due influenti incarichi. Sono così male abituati che il fisiologico epilogo di una carriera usurpata, di una immeritata affermazione sembra loro la manifestazione irreprensibile quanto rara di una personalità che mostra di avere a cuore  l’interesse della sua impresa e perfino quello generale. Che fa autocritica, che dopo averci messo la faccia la solleva dalla poltrona, che come è tradizione di scout lascia meglio di come l’ha trovata, più potente e rafforzata, più autoritaria e tirannica, più arbitraria e discrezionale. Che a poche ore dal toccante addio mostra di avere le protezioni giuste per rialzare la testa.

Capaci che ancora una volta gli abbiano dato credito. In fondo l’hanno data anche alla democrazia delle primarie, anche ai fondi di Banca Etruria, anche al premio Nobel per la pace, che ha rivolto un estremo e commosso saluto insieme alla moglie addobbata in abito Gucci  per rendere omaggio all’Italia orbata di tanto spiro. Capaci che lo pensano riluttante  a restare là a fare lo sbrigafaccende su sollecitazione dei due presidenti, uno davanti come un uomo sandwich a eseguire i comandi di quello dietro, capaci che davvero sono persuasi che la cocente disfatta gli abbia suscitato la voglia di starsene a guardare i quiz in Tv come una madeleine proustiana vicino alla paziente Agnese. Capaci che non si fanno carico della preoccupazione di Nardella all’idea che l’inverecondo gradasso torni alle origini, sperando di reiterare la sua ascesa.

Più di uno nel rendergli onore – e non parlo solo della sue cheerleaders, non mi riferisco solo ai suoi scherani o ai reduci della sua curva Sud, quelli che hanno scommesso sul cavallo pazzo e ora gli sono grati di averli assolti, probabilmente per scaricarli, e dei quali possiamo immaginare prossime defezioni in vista di elezioni punitive – ha addirittura osservato con ammirazione entusiasta che ha reagito alla débâcle con lo spirito e l’attitudine di uno statista.

Non sarò educata, non sarò compita. Non mi basterebbe un buen retiro nel rignanese come Cincinnato, non mi accontenterò di una improbabile conversione alla professione di conferenziere e presenzialista a eventi padronali, non mi appagherà un benefico cono d’ombra. Per lui voglio Place de la Concorde, voglio gogna e pure ghigliottina. Peccato che se così fosse, finirei  a sferruzzare in compagnia dei suoi fan rapidamente trasformati come è uso di mondo in feroci detrattori e carnefici, togliendomi il gusto di essere in minoranza.

Un gusto che due giorni fa, con soddisfazione ho dimenticato, per la soddisfazione felice e sorprendente che avesse, per una volta, vinto la parte giusta.

 

 

 


Triviale e champagne

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Qualche giorno fa un senatore ha risposto alla contestazione di una collega parlamentare mimando un rapporto orale. Si è poi giustificato sostenendo di essere stato provocato dal tono usato per denunciare quella che il movimento cui la senatrice appartiene riteneva fosse una disparità di trattamento.

Al partito unico – quel tal Barani è un “verdiniano”, ammesso che questa definizione significhi una qualche appartenenza stabile e duratura –  si sa, le obiezioni, le critiche, le opinioni diverse piacciono poco.

E infatti quasi in contemporanea un altro  senatore nonché neo assessore della Capitale se ne usciva con una bestemmia, motivata dal suo disappunto per un’offesa pronunciata con aria di sfida da un esponente dell’estrema destra. Non si dichiara pentito, anzi in una intervista rivendica di avere reagito con self control britannico: meglio rispondere a parole che con i pugni. Anzi la sua esternazione andrebbe interpretata “se non ci fosse in giro tanti moralismo”, come la sua personale militanza antifascista di resistente dei giorni nostri, un po’ sboccata magari ma comprensibile e giustificabile visto che a parlare è una testa calda, è un temperamento sanguigno. Come ci ha fatto sapere in una sua gustosa presenza alla Zanzara dove ha ricordato con beata innocenza e con deliziata nostalgia i bei tempi nei quali intonava Roma Merda e partecipava a risse da hooligan allo stadio.

D’accordo ci sono senz’altro fatti e comportamenti più gravi, a cominciare da quelli che si svolgono in Parlamento dove in un colpo solo si cancella la partecipazione, si straccia la Costituzione, si abbatte la democrazia. Il valzer osceno danzato da Renzi e  Verdini è più pornografico e depravato del gesto triviale di Barani. La bestemmia di Esposito è oltraggiosa per i credenti ma anche per i laici che professano la religione del rispetto e della tolleranza, ma è certamente più offensivo lasciare in stato di abbandono le metropolitane, annunciare depurazioni ai vertici di aziende malate di clientelismo ma esercitare nei fatti la repressione contro i lavoratori e infischiarsene dei cittadini privati di trenta linee urbane, costretti a percorsi da Parigi Dakar, in modo che con un giubileo che per i romani sarà un inferno, rechi indulgenza plenaria per sindaci pasticcioni e assessori blasfemi.

Ma la verità è che l’unico tratto di rinnovamento della nostra classe politica, che dovrebbe consistere nella giovinezza, è invece rappresentato da infantili intemperanze, da una livello di analfabetismo che getta il discredito sulla nostra istruzione ancor prima della Buona Scuola, da una inclinazione manifesta al bullismo.

Si tratta delle nuove leve di generazioni i cui genitori chiamati dagli insegnanti che si lamentano dello scarso rendimento, reagiscono menando i professori, denunciando la commissione d’esame che ha bocciato il ciuco di casa, difendendo fino all’autolesionismo teppistelli, ladruncoli, bugiardi, gradassi, insomma pargoli già così viziati nell’infanzia da potersi candidare a veder soddisfatto il capriccio supremo, diventare ministri, premier, parlamentari.

Se  il vero pilastro della pedagogia dovrebbe essere l’esempio, se le aule, della scuola come del Parlamento o dei municipi dovrebbero essere palestre del ragionare insieme e del dialogo, dovrebbero favorire l’amore per la conoscenza e dello spendersi per il bene comune e l’interesse generale allora, bisogna ammetterlo, questi esponenti politici sono davvero coerenti con un regime che ha in animo di distruggere l’istruzione pubblica, cementificare il territorio, sostituire il voto con atti notarili a sigillo di scelte imposte dall’alto, rendere l’assistenza e le cure un privilegio elargito a poco su base discrezionale, fare del ricatto e dell’intimidazione un sistema di governo, convertire il lavoro in servitù, che tanto loro non lavorano e considerano la sottomissione e la cortigianeria virtù necessarie  per coronare carriere immeritate.

Ma si sa loro badano al fare, alla sostanza. Come d’altra parte si addice a questi tempi che segnano un ritorno alla barbarie, alle bestie scannate e divorate a morsi sulle tavole principesche, ai rutti e ai peti per dimostrare soddisfazione, alle villanelle prese e “adoperate” per esibire generoso impeto virile, all’esibizionistica ostentazione di cattive maniere, di tracotanza e aggressività, di arroganza e violenza come sfoggio di superiorità indiscussa.

Non nutro una incondizionata ammirazione per la civiltà occidentale soprattutto quando esprime la sua egemonia con guerre, anche quelle condotte in nome di una pretesa qualità preminente, o con l’imperialismo delle armi o finanziario. Ma avrei conservato insieme a Bach e Mozart, a Bellini e Bacon, a Petrarca e Kant anche i risultati di quel processo di civilizzazione che ha portato al controllo e alla censura di istinti ferini, di indoli bestiali, di inclinazioni criminali.

Invece. Invece Mozart è diventato il jingle degli spot di una banca, Bacon va insieme alle uova, il Bellini se lo bevono e a regnare nella foresta sono iene e sciacalli.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: