Archivi tag: bistecca alla fiorentina

Il sindaco bisteccone

nardAnna Lombroso per il Simplicissimus

Ne ha registrati di successi il sindaco Nardella, impegnato nella perenne e tenace rivendicazione di essere il fedele prosecutore dei valori che ispirarono l’amministrazione Renzi e al tempo stesso determinato a dimostrare di poter addirittura far di meglio.

Non si può dimenticare come abbia saputo chiudere con esito favorevole il contenzioso con l’Unesco, che minacciava di dequalificare il centro storico di Firenze classificato tra i suoi patrimoni, a causa della esorbitante pressione turistica e dall’egemonia di immobiliaristi e  speculatori che hanno contribuito all’espulsione dei residenti, degli artigiani e dei piccoli commercianti  sostituiti distruggendo il tessuto sociale, le abitazioni e le attività tradizionali e con esse identità e memoria (tra l’altro ne ho scritto qui: https://ilsimplicissimus2.com/2019/05/28/firenze-presa-a-nardellate/ ).

E lui invece con lungimirante e spavalda risolutezza ha fatto recedere la prestigiosa organizzazione dall’incauto proposito, imponendo la chiusura delle somministrazioni di kebab etnicamente e olfattivamente estranee alla cultura del luogo, con la stessa precisione chirurgica con la quale si è da sempre accanito contro vu’ cumprà e ambulanti, molesti quanto invece sono gradite grandi firme cui offrire locazioni favorevoli e spazi d’arte per eventi e convention.

Ma non basta: a coronare il suo trionfo, appena segnato dall’incidente di carattere “naturale” dello smottamento di un lungarno, vagamente compromesso dalle sterili polemiche dei disfattisti che non vogliono il tunnel dell’alta velocità sotto le pietre millenarie della città, lontanamente offuscato dalla vertenza che oppone progressisti e molesti misoneisti in merito al cosiddetto potenziamento dell’aeroporto cittadino,  il primo cittadino ha conquistato un riconoscimento che da solo dovrebbe bastare a chiudere la bocca ai gufi nichilisti che lamentano l’invasione di oltre 8 milioni di turisti, la cacciata degli abitanti, le strade regalate a una movida irrispettosa, le svendite e trasformazioni del patrimonio immobiliare pubblico, le concessioni di monumenti e siti di pregio culturale, compreso Ponte Vecchio,  ai festini aziendali dei finanziatori di una parte politica, la non ipotetica possibilità che venga chiusa la Biblioteca Nazionale per mancanza di fondi.

E infatti con lodevole intraprendenza  nel corso di una toccante cerimonia ha candidato (cito dal quotidiano la Nazione) “una regina delle nostre tavole, un emblema della gastronomia da export, la ‘fiorentina’ simbolo di un territorio, di un popolo, di una tradizione di beccai e di una filiera che aspira a contesti globali” all’ambito riconoscimento in qualità di patrimonio Unesco dell’umanità alla pari con la pizza, i pistacchi di Bronte, i fagioli di Lamon. E come non bastasse ha lanciato la porposta condivisa ampiamente con l’altra garrula esponente della succursale emiliana del giglio magico delle Olimpiadi Bologna-Firenze (ne ho scritto qui: https://ilsimplicissimus2.com/2019/10/25/milano-roma-citta-allultimo-stadio/).

Ma è la sua ultima performance che aggiunge un tocco epico alla sua carriera di primo cittadino: immortalato dai fotografi con tanto di elmetto in testa, incurante del rischio e con la stessa spericolata fermezza di altri condottieri prima di lui, immortalati a falciare, vangare, attraversare a nuoto tratti di mare o arrampicarsi su sentieri impervi, è stato ripreso mentre è intento all’installazione della millesima telecamera  di sicurezza a Firenze che così diventa “la città più videosorvegliata d’Italia” pronta a spezzare le reni alla criminalità, a combattere il terrorismo e a disincentivare i costumi dissipati dei forosette smaniose arrivate dagli States che con le loro abitudini dissolute “se la vanno a cercare”.

I dispositivi   tutti collegati tra loro con una rete in fibra ottica sono gestiti da un sistema centrale di supervisione quello della “Piattaforma Inquiris”, Unified Security Platform,  un software che permette di gestire e monitorare i diversi sistemi di sicurezza: videosorveglianza, antintrusione, antincendio, controllo accesso, stazioni meteo per rispondere a una sempre maggiore esigenza di sicurezza  e per facilitare le ricerche delle forze dell’ordine che hanno bisogno di visionare immagini delle telecamere e anche capire, in maniera più precisa, il tipo di movimenti di cittadini o oggetti.

Ha un sogno il sindaco Nardella, quello di fare della città che amministra il laboratorio del neoliberismo in salsa renziana, un capitalismo finanziario e speculativo sbruffone, ignorante, sgraziato, con tanto bastone per i poveracci e qualche carota per chi si illude di essere ancora classe agiata. E per carota si intende, alla stregua di un Salvini qualunque, una sicurezza che non comprenda equità, giustizia, rispetto dei diritti, ma repressione, controllo sociale, in modo che anche attraverso l’applicazione di sistemi e tecnologie si affermino le leggi, non quelle dello stato di diritto, ma del mercato, estendendo all’intera società le regole incivili applicate dal Jobs Act ai luoghi di lavoro, braccialetti elettronici, vigilanza sulle pause per la pipì o la mensa, applicando  indiscriminatamente quelle modalità e procedure dell’ordine pubblico urbano  pensate a dottate da molto prima del gorilla all’Interno, con la delega ai sindaci sceriffi di tutte le appartenenze a discriminare e reprimere i poveracci di qualsiasi etnia, in modo da criminalizzare gli ultimi per rassicurare i penultimi.

Così in un Paese che ha distrutto nel tempo la scuola pubblica non stupisce che si chiuda una Biblioteca per mancanza di risorse per investire di telecamere, proprio come si reperiscono i quattrini per salvare banche criminali o comprare aerei taroccati, mentre si tagliano i viveri alla tutela del territorio, alla ricostruzione nelle aree del terremoto, al welfare.

Così in un Paese che si lava la coscienza con un camouflage antifascista e antirazzista, non stupisce che un sindaco si trastulli sulla gru coi suoi giocattoli in sostituzione moderna e tecnologica dell’Ovra e dello spione di condominio, quando, senza scomodare Betham o Foucault c’è bisogno di sorvegliare per poter punire chi non si arrende ad essere docile e servile.

E’ l’ennesima dimostrazione di come l’esprimersi violento e rozzo di una estrema destra potenzialmente eversiva serva a  legittimare e garantire il mantenimento al potere dell’altra destra fintamente moderata rappresentato dalla vasta cerchia dei riformisti. Per quello non passa giorno senza che qualcuno non alzi l’utile spaventapasseri,  il simulacro che deve incutere paura dell’unico contagio che incute timore al potere, la ribellione.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: