Annunci

Archivi tag: Nardelli

Chi fabbrica i coperchi del diavolo?

patto-col-diavolo-520x330Anni fa non mi sarei mai aspettato di dover scendere a difesa di Salvini, ma evidentemente il degrado della vita pubblica (dire vita politica sarebbe troppo impegnativo un po’ per tutti i protagonisti) è giunto a tal punto che anche questo è ormai possibile. Mi riferisco alle accuse rivolte al leader leghista di aver preso soldi da Putin per la campagna della Lega alle europee che legano mirabilmente insieme le ragioni dell’oligarchia europea, quella della Nato e la disinvoltura di quell’informazione di sistema che non si limita alla benevolenza nei confronti del potere, ma si fa anche braccio armato. Come si sa queste accuse di aver preso denaro non dalla parte “giusta”, cosa che costituirebbe un titolo di merito, ma da quella “sbagliata” , almeno secondo il punto di vista dell’euronatismo, furono riportate da L’Espresso nel febbraio scorso quando appunto cominciava la campagna per le europee e sono state riprese nei giorni scorsi da Alberto Nardelli uno di quegli apolidi del giornalismo che sembrano usciti dai romanzi spionistici del dopoguerra piuttosto che dalle scuole di giornalismo.

Dopo aver lavorato per il Guardian, voce ufficiale del blairismo e il cui vicedirettore -tanto per sapere ciò di cui parliamo – è noto per aver collaborato con il comitato della Difesa del Regno Unito (D-Notice), che risponde alle richieste ufficiali del governo britannico di censurare le informazioni ritenute sensibili alla “sicurezza nazionale”, il Nardelli ora scrive su Buzzfeed il sito americano ben conosciuto per aver preso clamorose storte sul Russiagate. In particolare lanciò la notizia – scoop secondo la quale Trump avrebbe in qualche costretto proprio avvocato, Mike Cohen, a mentire nell’inchiesta del Congresso sulle trattative per costruire una Trump Tower a Mosca. La cosa già di per sé odorava di bufala lontano un miglio era cioè una notizia dal puro valore simbolico, ma assolutamente priva di senso, tanto che fu smentita dallo stesso Robert Mueller, il procuratore che indaga sul Russiagate. E come se questo non bastasse  il medesimo Nardelli fu quello che lanciò tre anni fa, ovvero nel 2016, la notizia che i Cinque Stelle partecipavano a una rete di propaganda russa fondata su notizie false e teorie cospiratorie.

Se il Nardelli fosse esaminato da uno psichiatra probabilmente verrebbe trovato affetto da paranoia antirussa che non balza all’occhio semplicemente perché si esplica in un manicomio dove la paranoia anti putiniana è la norma così come la costruzione di coperchi per il diavolo moscovita. Ma di certo è difficile pensare di attaccarsi in maniera così spudorata prima che acritica a notizie di una tale provenienza. Che poi anche se fossero dimostrate a mio giudizio non porterebbero maggior nocumento che la notizia di finanziamenti alla politica provenienti da organismi privati ideologicamente orientati ( magari in senso assolutamente contrario a quella proclamata dai beneficiati) o spinti alla donazione da altri Paesi della costellazione atlantica. Mi piacerebbe sapere quale sarebbe stata la reazione se Salvini fosse stato colto a chiedere soldi all’Arabia Saudita che già rifornisce altri o allo stesso dipartimento di stato americano che a dire il vero è stato determinante nel costruire la politica italiana in questi ultimi 73 anni.

Mi sono deciso a prendere le difese di Salvini che stimo come uno dei più politici più primitivi e al tempo stesso più ambigui, proprio perché ritengo necessario cominciare a fare tabula rasa del fondo pavloviano creato dal pensiero unico e dal manicheismo bene – male che ci attraversa. Perché dovrebbe essere grave se Salvini prende i soldi dalla Russia che ha tutto l’interesse ad allentare la morsa insensata voluta dagli Usa e che peraltro tratta affari miliardari con la Germania e sarebbe invece naturale se li prendesse da Confindustria? Cos’ha la Russia di diabolico? Forse sarebbe bene che cominciassero a spiegarcelo quelli che vivono di questa verità metafisica senza mai argomentarla. Forse la Russia tenta di affamare il popolo venezuelano e quello siriano non vergognandosi di ricorrere persino alla pirateria?  Impone ridicoli presidenti ad interim come Guaidò, vende armi all’Arabia Saudita per la  guerra stragista contro lo Yemen o foraggia movimenti neonazisti in Ucraina?  Ha lavorato duramente in Brasile per per eliminare Lula e fare presidente il gangster  Bolsonaro? Organizza elezioni truffa in america centrale perché la United fruit possa prosperare? Se è così, questi personaggi del milieu informativo lo dicano apertamente e allora si che fra le torri del Cremlino apparirà il diavolo. Per ora invece veste Prada.

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: