Archivi tag: destra

Le “grida” del caos

E’ praticamente dalla caduta del muro di Berlino che si è cominciato a sentire l’insistente ritornello secondo cui  non esistono più destra e sinistra, all’inizio come un rivolo sgorgante dalla vacua destra bottegaia berlusconiana, poi come fiume in piena che coinvolgeva tutti i protagonisti e infine come verità assodata e universalmente sostenuta: in realtà ciò che è scomparso non è certo l’esistenza di due modi radicalmente diversi di concepire la storia e l’evoluzione sociale, ma è la cultura e la capacità politica di distinguerle, totalmente dissolte  dentro l’immondo pastone ideologico del neo liberismo. Posizioni che quarant’anni fa sarebbero state considerate di destra estrema sono oggi patrimonio di quella che senza vergogna si fa chiamare sinistra e viceversa istanze di sinistra si ritrovano della destra, come se un terremoto avesse cambiato le mappe, disarticolato il territorio. E oggi più che mai questa confusione è chiara, per dirla con un gioco di parole: vediamo una sinistra tetragona nell’asserzione della narrazione pandemica messa assieme se non interamente creata da ambienti e poteri nemici  della democrazia e della rappresentanza, il cui scopo è mettere in crisi le libertà costituzionali, ultimo ostacolo verso un dominio assoluto, con il pretesto in gran parte inventato e la copertura morale di salvare vite; d’altro canto vediamo destre che si aggrappano invece alla resistenza in nome della libertà conquistate e contrarie al fascismo sanitario.

E tuttavia il disorientamento è talmente grande che queste destre pur consapevoli dello zampino che i poteri globalisti hanno nella elefantiasi della questione virale, finiscono per accusare della situazione sinistre non più esistenti da tempo se non per sedicenza e persino fantomatici comunisti ripescati da chissà quale memoria. Non possono nemmeno lontanamente ammettere che proprio la riduzione dello stato, l’odio innato verso la redistribuzione dei redditi, la visione integralista del privato come soluzione ad ogni problema,  abbia portato marxianamente all’accentramento del capitale in sempre meno mani, in poche mega imprese mangiatutto che consentono a queste ultime di pianificare e gestire l’accumulazione di capitale dell’intero sistema economico e dunque anche il potere politico. Una vita a parlar male di Marx per dovergli dare ragione: è davvero troppo, ci si rende conto che è la mega impresa, la multinazionale che ormai minaccia da vicino il piccolo, vuole eliminarlo e tuttavia si continua ad abbaiare nella direzione sbagliata non riuscendo com’è ovvio a coagulare una risposta politica coerente all’attacco. Non parliamo della sinistra ormai completamente aliena dal concetto di stato sociale e di libertà sociali, a tal punto preda della narrazione globalista che ormai riconosce solo diritti individuali e risponde solo ai sintomi del male senza mai chiedersi da dove nasca, così che – tanto per fare un esempio – ha come tema cardine del proprio discorso politico l’accoglienza, peraltro predicata e praticata con ampiezza di finanziamenti proprio da quei centri che poi sono all’origine della migrazioni, sia perché hanno imposto assurde privatizzazioni attraverso la Banca mondiale e il Fondo monetario internazionale decretando l’esclusione di milioni di persone dai servizi essenziali e persino dall’acqua; sia perché sostengono regimi corrotti fino all’osso per poter meglio sfruttare le risorse, sia perché suscitano guerre di carattere economico e/o geopolitico che distruggono interi Paesi. L’ accoglienza acquisisce perciò gli stessi caratteri morali dell’elemosina che è solo un mettersi a posto la coscienza, è al massimo empatia senza un reale valore politico.

Tutto questo caos, tutto questo disorientamento fa sì che il nuovo autoritarismo non trovi alcuna opposizione in un Parlamento in stato confusionale che si lascia benevolmente esautorare purché corrano gli stipendi e gli affari, nei corpi intermedi dello stato aggrappati unicamente ai residui privilegi e a una popolazione che è facile spaventare con i media., mentre “gride” manzoniane del tutto assurde assoggettano le persone “al volere arbitrario d’esecutori d’ogni genere”, come viene detto magistralmente nei Promessi sposi. Purtroppo Manzoni non conosceva il canagliume idiota dei governatori regionali e quindi non poteva immaginare fino a che punto si possa arrivare su questa strada. La resistenza alla manipolazione mediatico sanitaria con la quale si intende farla finita con ciò che rimane della democrazia reale è affidata a ristrette pattuglie peraltro escluse dal mainstream della comunicazione che cercano di sottrarsi alla servitù volontaria e alla fase terminale dell’ occidente, ma senza una reale efficacia, rimanendo sempre un progetto che non si traduce in realtà, una promessa non mantenuta  mentre si sta letteralmente demolendo la scuola pubblica e la stessa sanità sulla quale si è costruita la narrazione distruttiva.


La museruola

musAnna Lombroso per il Simplicissimus

Cosa dovrebbero dire gli armeni, i rom e sinti, gli ebrei, i nativi americani. ( a proposito, non a caso,  la recente furia iconoclasta ha preferito non mettere al bando Ombre Rosse, che tanto ha contribuito alla leggenda della furia feroce dei pellerossa colonizzati da assassini e criminali, altrettanto crudeli sfuggiti alla giustizia di società civilizzate)?

Se ormai la loro lotta contro la menzogna che ha messo in dubbio persecuzioni, genocidi e annientamenti – oggetto tra l’altro di gerarchie e graduatorie mentre ognuna avrebbe diritto a essere considerata speciale e non ripetibile – adesso, che nelle schiere di Irving, Faurisson, Dodik, Bernard Lewis -e altri 68 storici americani impegnati a disinfettare la storia turca dalla macchia dello sterminio degli armeni-  vengono  arruolati con Trump e Orban, Salvini,   la Meloni, un cantante simil-lirico ospite fisso di Sanremo, cui finora era stata concessa pietosa considerazione per via di una grave handicap, anche  tutti quelli che sollevano obiezioni e esprimono perplessità nei confronti della declinazione  del neoliberismo in controllo etico- sanitario, grazie al credo imperante che paralizza ogni istinto, salvo quello di conservazione e ogni razionale esigenza di certezze.

Quest’ultima,  paradossalmente, contrastata proprio dagli scienziati, per i quali fondamento irrinunciabile dell’azione dovrebbe essere il dubbio, e dunque la ricerca continua per dissiparlo, che ci obbligano invece all’atto di fede cieco nella loro persona più che nella loro disciplina.

Succede  da quando i cittadini  vengono divisi  tra chi, i responsabili e rispettosi degli altri, è disposto a rinunciare a condizioni normali di vita, rapporti affettivi e sociali, lavoro, godimento di cultura e bellezza nei luoghi deputati, espressione di convinzioni politiche  religiose, sacrificandoli in nome del rischio di ammalarsi, e quelli, inconfessati frequentatore di crapule e ammucchiate perfino in siti istituzionali,  che ostentatamente non indossano la mascherina e probabilmente non si lavano le mani dopo la pipì in segno di aperta ribellione.

La  divisione a monte, sia pure poco dichiarata e ammessa, era già stata effettuata tra quelli che, secondo una inammissibile lotteria, venivano estratto per restare a casa, protetti dal rischio in virtù di una estrema applicazione del principio di precauzione, salvi, anche se minacciato da altri pericoli su cui veniva consigliato di soprassedere, perdita del lavoro postuma, svalutazione delle mansioni, riduzione delle remunerazioni, effettiva cancellazione del diritto all’istruzione.

Loro, i primi, esentati e ammessi solo virtualmente alla realtà che continuava a svolgersi fuori, animata dagli “altri”,  i sommersi, milioni di lavoratori addetti a attività essenziali, costretti quindi a affrontare l’azzardo del contagio su bus/ metro /uffici /officine/ grandi magazzini/ fabbriche, inizialmente apprezzati alla stregua degli angeli in camice, poi subito rimossi: pony inefficienti, operai manifestanti in assembramenti scriteriati, facchini in ritardo sulle consegne, pastai renitenti a produrre penne rigate, dei quali non conosciamo il destino perché stranamente esclusi dalle torve statistiche dei malati e dei decessi, compresi quelli abitualmente liquidati come  morti bianche, che ce ne sono state eccome.

Io personalmente la mascherina la indosso, perché non mi va di avviare contestazioni con custodi dell’ordine pubblico ormai incaricati della repressione dei popoli dell’apericena, della movida, dell’invasione del centro sgradita a Galli Della Loggia in quanto offensiva di profilassi e decoro, dei costruttori di castelli di sabbia e degli atleti del racchettone, ma anche per la stessa forma di rispetto che da laica, atea e agnostica riservo al credo degli altri, perfino quando assume la forma della superstizione.

Sono convinta che non svolga alcun servizio, così come la retorica dei vaccini mi pare che abbia assunto le forme della credulità apotropaica se dobbiamo dar retta al “revisionismo” della Fda americana che sta ripiegando sull’ipotesi di un prodotto che prevenga le malattie, non le infezioni, o alle preoccupazioni di quegli appartenenti alla comunità scientifica non completamente assorbiti dal pensiero unico riconducibile a Gates, che ricordano che  servirebbero agenti in grado di  proteggere dalle malattie, non necessariamente dalle infezioni, e che tra l’altro, in alcuni casi, morbillo o pertosse ad esempio, producono l’effetto di far sviluppare forme lievi del morbo da cui dovrebbero proteggere, diffondendolo a altri.

Eppure,  automaticamente, sono e sono stata arruolata nelle schiere di negazionisti e complottisti: è proprio questo il grande successo registrato dallo “stato di emergenza” del quale nessuno pare osi mettere in dubbio la necessità:  integrare a forza critica e obiezioni nel concerto di borborigmi, versacci, sberleffi , del berciare della destra che occupa giornali e rete incarnazioni del  pericolo n.1, annoverando ogni dubbio e perplessità negli infamanti copioni dei rovinologi irresponsabili e maleducati.

Per mesi in vigenza del lutto, si è stati fermamente e unanimemente richiamati all’obbligo della compostezza, del rinvio doveroso del giudizio, perfino nei confronti degli amministratori imbelli e corrotti, perché sarebbe stato contrario al bon ton del dolore condiviso sollevare sospetti e accuse,   catalogabili perfino come razzismo alla rovescia, Sud contro Nord.

Per mesi l’invito era quello di non disturbare il miglior manovratore che ci potesse capitare, sostenuto perfino da inusuali appelli di intellettuali, procrastinando il più elementare processo democratico, quello della critica per non parlare della partecipazione, al “dopo”, applicando il metro delle sardine, che  fa preferire il condizionamento  educato, la dolce pressione e la  repressione garbata, l’asservimento sorridente e bendisposto al padronato, perfino le firme in calce ai trattati con tiranni  sanguinari, se la penna correa appartiene all’esecutivo di successo, alle inopportune e irrazionale veemenza della “destra”.

Se avevate creduto che la fine della fase più dura e energica, con l’avvio del rilancio, della ricostruzione post bellica, sarebbe stato reintrodotto l’esercizio libero della critica, per non dire della possibilità di intervenire nelle scelte che ci riguardano, vi sbagliavate.

Ed è questo che fa capire che se complotto non c’è stato, la gestione del covid ha davvero prodotto una sospensione della democrazia e dei diritti costituzionali, da quello allo studio, a quello all’assistenza e cura, oggi interrotto nelle strutture pubbliche, da quello alla mobilità a quelli del lavoro.

Può darsi che abbiano ragione, tra i costituzionalisti che di volta in volta, come tira il vento, assumono o perdono prestigio, magari sostituiti dalla Boschi in barchetta,   che garantiva con lo smantellamento della Carta la vittoria sul cancro, quelli che dicono che non c’è stato oltraggio alla Costituzione, laddove prevede poteri e misure eccezionali in particolari condizioni di pericolo per la società.

Ma che condizione particolare può concedere a un governo di non dare assicurazioni sul ristabilimento delle prerogative che garantiscono per tutti l’accesso all’istruzione? Che condizione anomala può permettere la normalizzazione della demolizione delle conquiste del lavoro frutto di anni di lotte, per rispondere alle pretese padronali?

Che situazione di crisi, non certo inattesa, può imporci di essere grati e consentire  a un potere sovranazionale dominato da una élite esterna e ostile di mettere a disposizione in forma condizionata e controllata i nostri soldi, intervenendo sulle modalità di spesa e sulle scelte degli investimenti, fino a prevedere che la disobbedienza a criteri e requisiti obbligati possano determinare l’intervento commissariale sulla natura e composizione dei governi nazionali?

Che accadimento speciale può realizzare l’egemonia della rinuncia e del sacrificio, l’opportunità della resa ai comandi in cambio di una imitazione della sicurezza e della sopravvivenza, quando sovranità e competenza sulla spesa e sulle scelte che riguardano le nostre vite sono state cedute a fronte dell’appartenenza in veste di partner poco graditi e per niente affidabili a un contesto che ci  depreda e ci disprezza?

Non sarà che la mascherina ha davvero una indiscutibile efficacia e finalità, anzi due? bavaglio e museruola?


Disastrati Generali

Couder_Stati_generaliAnna Lombroso per il Simplicissimus

Nei giorni scorsi mi è capitato un fenomeno molto inquietante.

Cercavo qualche commento a margine degli Stati Generali convocati da Conte,  quando finalmente nel compiacimento generale per il palco reale europeo, per il parterre degli invitati, degli osservatori e  testimonial e perfino degli uomini qualunque selezionati tra la società civile, quando finalmente mi sono imbattuta in una frase che sostanzialmente rispecchiava il mio pensare: lo stato di eccezione proclamato come necessario in presenza della epocale pandemia aveva sortito l’effetto temuto di esonerare la rappresentanza del popolo, il Parlamento eletto, in favore di task force, autorità tecnocratiche, consulenti promossi a decisori o gran suggeritori.

Vado  a guardare e scopro con raccapriccio che l’unica voce a sollevare questa obiezione nella gran marmellata dell’entusiasmo pro-governo è di Giorgia Meloni. Per carità ho da sempre imparato a non fermarmi a una dichiarazione ma a risalire alla fonte per misurarne la credibilità, perché anche gli orologi guasti segnano l’ora giusta perfino due volte al giorno. Per carità, sono abbastanza attrezzata per non temere il Berlusconi in me che si riaffaccia anche in soggetti insospettabili, figuriamoci se temo di essere posseduta da un poltergeist fascista.

Deve essere per questo che non mi ha poi stupito e impressionato più di tanto questa estemporanea coincidenza. E’ che chi non si ferma alle tesi della Leopolda, alle esternazioni delle sardine, ai documenti dei tkink tank progressisti sa bene che non è vero che con la fine delle ideologie novecentesche siano state cancellate destra e sinistra: semplicemente la destra ha saputo declinarsi nelle varie forme a sostegno del totalitarismo contemporaneo, mentre la sinistra “strutturata”, anche prima delle dichiarazioni di voto neoliberiste,  si è persa, ha smesso di guardare a quelle stelle polari, uguaglianza, solidarietà, giustizia, immaginando e illudendo di addomesticare il sistema feroce e avido dello sfruttamento con le “riforme”, con il benessere che sarebbe caduto dal cielo su tutti, chi un po’ di più chi un po’ di meno, come una polverina d’oro elargita da provvidenziali manine misericordiose.

Parlo ovviamente dei salvati che hanno firmato col sangue dei sommersi l’abiura, cui solo apparenti competitori affibbiano ancora la nomea di sinistra, avendola invece rinnegata come un attrezzo arcaico e controproducente per affermazioni personali e interessi di casta, e  che non solo hanno accantonato il riferimento un tempo irrinunciabile alla lotta di classe, ma hanno addirittura rinunciato ai principi elementari e ai valori primari della democrazia come si era inteso rappresentare nelle Carte uscite della resistenze.

Quelle Costituzioni cioè che l’Europa – che doveva introdurci alla condizione perfetta della partecipazione solidale di popoli e nazioni alle scelte in nome dle ben comune e che invece ha dato spazio a una oligarchia cosciente dei suoi privilegi promossi a diritti e perciò determinata a imporre le proprie tesi e regole a una maggioranza recalcitrante – ci chiede pressantemente di rivedere e aggiornare in quanto colpevoli di riecheggiare toni e motivi  socialisteggianti.

Mi riferisco a quelle formazioni che possiamo annoverare nella cerchia del progressismo liberista, da tempo possedute dai demoni della governabilità e del consenso, convinte che le elezioni si vincono al centro dove è obbligatorio far convergere elettori esitanti che devono essere rassicurati grazie a programmi uguali e assonanze su temi generali, sicurezza, immigrazione, grandi opere, meritocrazia, mobilità.

Come hanno fatto in tutta Europa partiti che già prima si richiamavano alla sinistra facendo politiche di destra, e che ora rivelano il loro assoggettamento al sistema capitalistico, ormai promosso a legge di natura, all’inseguimento di un elettorato indistinto, non avendo capito che non esiste più un ceto medio, degradato a classe disagiata ma che non si convince della sua retrocessione.

Il caso di movimentini e fermenti vezzeggiati dall’establishment è rivelatore della volontà pervicace di instaurare un  consenso “artificiale”,  assimilabile a quella spirale del silenzio che penalizza chi si sottrae al pensiero comune e al conformismo, che colpisce chi non intende arruolarsi nelle fazioni in campo, e che mira a far sparire il dibattito e dunque la democrazia che implica la pluralità delle opinioni e anche il conflitto, considerato  illegittimo e disfattista, violento e incivile, rozzo e ignorante.

In risultato è che alla fine il quadro istituzionale e della rappresentanza diventano un guscio vuoto, da riempire con rivendicazioni e dimostrazioni di autorità, e  il dibattito parlamentare si mostra come una messa in scena che allontana gli elettori, rivelando come il prezzo dell’approvazione e della governabilità sia la diserzione, l’astensione, la disaffezione.

La società pacificata che piace tanto a quelli che limitano l’antifascismo alla riprovazione di quella scrematura di popolaccio volgare e brutale, preferendo il bon ton alla collera anti-sistema, diventa così il laboratorio dove si sperimentano altre belligeranze, dove si materializzano altre modalità di affermazione identitaria, conseguenza logica del fatto che non ci si può più esprimere e affermare come cittadini, cui si riservano disapprovazione e disprezzo, catalogandole sommariamente come manifestazioni deplorevoli di populismo vandalico agitato contro convinzioni e istituzioni intoccabili.

Qualcuno ha definito questo pantheon di figure di riferimento e di convinzioni come lo slittamento “delle priorità delle èlite dal sociale al culturale”, convertito ormai al sistema del denaro, convinto dal “pertuttismo” alla lotta paritaria contro “tutte” le discriminazioni, affondando in essa il conflitto di classe, surclassato dall’omogenitorialità, dal riscatto  dagli stereotipi di genere, come se i diritti fondamentali fossero ormai conquistati e inalienabili e ora ci fosse modo di occuparsi degli optional, come se fosse naturale scomporli in gerarchie e graduatorie e la rinuncia a alcuni promuovesse l’ottenimento di altri.

Li abbiamo visti in azione, nell’alto comando della pandemia, col sostegno del Giornale Unico della Nazione, con gli appelli pro governo pubblicati sul nuovo house organ del riformismo liberista, i fedifraghi delle promesse messianiche ormai insediati nell’apparato a perorare la causa della indispensabile sorveglianza, le cheerleader del mercato, i cantori dello stormworking e della didattica a distanza promotori di licenziamenti e precarietà, impegnati nei duelli da opera dei pupi, a dar giù botte e stoccate finte a Confindustria, che detta i suoi desiderata a Colao,  dopo aver concordato chiusure e aperture a suo gusto, dividendo il paese in due, chi si protegge a casa e chi deve esporsi per l’interesse generale,  calendarizzando promettenti opportunità di rilancio a base di cemento, cantieri, ponti, export di armamenti e import di compratori dei beni comuni.

Si vede che serviva anche la convention a Villa Pamphili, come per gli addetti alle vendite piramidali e infatti non si capisce perché siano stati chiamati Stati e non Mercato Generali, con i maestri dell’austerità a distanza che ci somministrano la pedagogia del festoso indebitamento e della rinuncia ai poteri e alla competenze nazionali, e dunque alla democrazia, in favore di una autorità più alta in grado e dunque più compiutamente sovrana.

Così vien buona la vecchia massima secondo la quale a ogni vittoria di chi chiede voti per la sinistra corrisponde una sconfitta del socialismo..

 

 

 

 

 


L’ex compagno Malaccini

cotone Anna Lombroso per il Simplicissimus

A volte ci si illude che il tempo che passa stenda un velo di polvere pietoso sulle stronzate, invece no. Sembrano sepolte e dimenticate e invece no, a farle riaffiorare dal loro elemento naturale basta una campagna elettorale, un virus che dà modo a qualsiasi bocca in astinenza da intervista di masticare e espellere i suoi pensierini, in questi giorni propiziatori di bei sentimenti patri, purché non sovranisti, compassionevoli, purché non populisti.

Era successo durante il duello impari tra il presidente uscente riformista e la candidata del Gran Buzzurro, e succede ora, con il riaffacciarsi della retorica da sussidiario o da fumetti del Pioniere,  del cosiddetto modello emiliano, quel concentrato di sviluppo e di buon governo, propalata come una utopia realizzabile e realizzata e resuscitata periodicamente grazie a defibrillatori e  bomboloni di propaganda ittica in qualità di format progressista, educato e rispettabile da opporre alla destra sboccata e sguaiata.

E infatti ci ha pensato Bonaccini sfoderando le sue ricette istantanee per rispondere ai bisogni della sua regione e partecipare del grande progetto della ricostruzione post-pandemica, più modestamente definita Ripartenza.

Il suo new deal ruspante come si addice alla tradizione della pingue Emilia-Romagna, concreta e operosa, prevede di allestire con le parti sociali un bel programma concertato per riavviare gradualmente “le filiere a valenza internazionale e i cantieri delle opere pubbliche”, approfittando come è giusto della sua santa in paradiso, la Ministra della sua terra, che sta tenendo in caldo la zuppa di infrastrutture, interventi viari, passanti, bretelle ( 20 miliardi di euro di investimenti in 5 anni) confezionata manco fosse il Farinetti di Eataly, per garantire una bella scorpacciata godereccia che sfami la bulimia costruttiva del Pd e delle cordate amiche (compagne non si usa più) le coop del cemento e non solo un tempo rosso, a braccetto con i più inveterati malaffaristi, corruttori e corrotti che fanno dentro e  fuori da consigli di amministrazione e aule giudiziarie.

Ma come se non bastasse, per l’immediato, il presidente ha pronta la sua prescrizione per fronteggiare l’emergenza dei campi e delle coltivazioni abbandonate da quegli sfaccendati, indolenti e codardi dei lavoratori stranieri stagionali, cui il suo partito ha guardato a intermittenza come a risorsa profittevole incaricata di svolgere mansioni servili antropologicamente appropriate o come a problema da risolvere con doverose limitazioni, numeri chiusi, regolarizzazioni al bisogno, grazie alle disposizioni messe a punto dal mai abbastanza rimpianto ministro Minniti, più composte e educate di quelle forgiate a immagine e somiglianza dal successore.

Cosa ti ha pensato lui, il Bonaccini, confortato da analoga ipotesi messa a punto dalla ministra ex bracciante? È semplice, per raccogliere le ciliegie di Vignola, le Decana e le Kaiser di Reggio, i meloni di Cremona,  si dovrebbe ragionevolmente disporre della forza lavoro “di chi prende il reddito di cittadinanza” in modo  che così restituisca “un po’ quello che prende”.

Vi ricordate una volta, un tempo felice dopo le lotte delle Leghe, le rivolte contadine, le battaglie della mondine, e poi lo Statuto dei Lavoratori, l’articolo 18?

Basta, tutto cancellato, proprio grazie a chi campa ancora, anche se con sempre minore consenso, sulla rivendicazione flebile e pallida di una tradizione, sulla testimonianza sempre più afona e incolore dei bisogni degli sfruttati da sfoderare il Primo Maggio a margine del concertone.

Ha subito una festosa accelerazione il passaggio dal lavoro alle occupazioni alla spina, al volontariato obbligato, al part time coatto, al precariato ricattabile, ai contratti anomali, in modo da arrivare alla leva obbligatoria come per i galeotti sulle navi, o i coscritti a scavare buche e riempirle in una sterile ammuina, in nome, in questo caso, di una doverosa gratitudine da esigere da parassiti e mangiaufo.

Siamo addirittura un bel po’ arretrati rispetto allo slogan “il lavoro rende liberi” se in questo caso la fatica deve essere grata e gratuita per saldare un debito morale, e anche rispetto alle piantagioni di cotone se dalla Tara targata Bologna, il presidente guarda ai suoi zii Tom come al suo terzo mondo interno in sostituzione di quello esterno, da sfruttare sui solchi bagnati di servo sudor, in modo che lavorino per i privati pagati dallo Stato, cioè noi.

Così da far rientrare quelle occupazione nei lavori di pubblica utilità a cui sono tenuti i percettori del reddito di cittadinanza con l’effetto di pagare gli “addetti”  meno della metà del salario previsto dai contratti collettivi di lavoro e di penalizzare  le aziende rispettose delle regole e i piccoli  agricoltori che non hanno dipendenti.

C’è da sospettare che questa ipotesi sia gradita a tutto l’arco costituzionale: si tratta proprio una soluzione che mette d’accordo tutti. Basta prolungare a tempo indeterminato l’emergenza, chiudere frontiere e porti a tutela della salute pubblica, reclutare gli  scrocconi e impegnarli pedagogicamente in lavori di pubblica utilità a beneficio dell’utilità privata, così nessuno potrà lamentarsi delle invasioni bibliche, del caporalato promosso a agenzia interinale, della molesta presenza di stranieri che rubano il salario agli italiani.

Qualcuno ingenuamente dirà, ma allora bastava Salvini. Proprio vero.

Con il suo genuino e schietto candore il Bonaccini che vuole più autonomia nei settori della scuola e dell’università, dell’energia, delle grandi infrastrutture, dei beni ambientali e culturali,  delle casse di risparmio e delle ferrovie locali, e non ultimo, della sanità, viste le performance in corso, si propone come icona rappresentativa, a testimonianza vivente e emblematica  del fatto che destra e riformisti sono ugualmente e entusiasticamente al servizio dell’ideologia liberista.

Non a caso ho scritto “riformisti”, avrei potuto scrivere progressisti, insomma impiegando una di quelle definizioni che hanno perso ancora più senso del termine “sinistra”, ormai obsoleto e inadeguato se lo usano ancora come improperio o minaccia Berlusconi a Nizza, Feltri alla consona toilette, Mentana rimpiangendo l’Esule, i fedeli incrollabili dell’Europa che giurano in nome dell’oblio delle carte costituzionali troppo condizionate dalle lotte di liberazione nazionali. Che ormai concordano nel ritenere che Sanders o quelli di Podemos, Mélenchon o Corbyn  siano pericolosi sovversivi né più né meno dei lontani congressisti di Bad Godesberg.

Così il diplomato, che vanta nel suo scarno curriculum solo esperienze professionali di funzionario senza Frattocchie presto promosso a carriere elettive, va a ricoprire il prestigioso incarico di interprete  (in compagnia della sua “Coraggiosa” vicepresidente sempre audacemente allineata sulla secessione, sulle trivelle) di quello che è stato chiamato il neoliberismo progressista, feroce quanto quello bancario, finanziario, poliziesco, con in più l’amaro sapore del tradimento di ceti già penalizzati nei livelli di reddito, qualità dei servizi sociali, luoghi di vita, mobilità sociale e fisica, istruzione e cultura, che sarebbe diventato lecito disprezzare, opprimere.

Fa capire che sarebbe equo sfruttarli, perché colpevoli di ignoranza, inadeguatezza a standard di arrivismo e ambizione, egoismo. Perché non consoni al trasformismo che ha interessato le stelle polari della sinistra rinnegata: la solidarietà convertita in beneficenza, la fratellanza in competitività, l’internazionalismo in  cosmopolitismo, l’egualitarismo in meritocrazia, lo statalismo in assistenzialismo in favore dei privati e del padronato, il lavoro in servitù.

Con gente così possiamo maturare un’unica certezza, andrà tutto male.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: